Righteous Ties

Righteous Ties

di

Rispetto a Guns & Talks, gangster movie dal tono più scanzonato, Righteous Ties calca la mano sul ribaltamento dei generi, dei toni e delle situazioni, piuttosto che su una coesistenza armoniosa di comico e drammatico. La sequenza iniziale, soprattutto letta in una successiva analisi, svela le intenzioni del regista…

Le regole di Chi-sung

Eravamo preoccupati, e non poco, dopo l’ultima opaca prova del cineasta coreano Jang Jin, quel Murder, Take One (2005) che era passato al Far East 2006: dove era finita la capacità di scrittura, unita alle competenze registiche, che aveva partorito i gioielli Guns & Talks (2001) e Someone Special (2004)? Jang, che si era contraddistinto per la non comune abilità di far coesistere toni comici e drammatici, aveva clamorosamente fallito col suddetto poliziesco, suo terreno prediletto, apparso eccessivamente macchinoso e inconcludente. Righteous Ties, lungi dall’essere una prova d’appello, rappresentava un passaggio importante, un ulteriore tassello che avrebbe permesso una più completa valutazione dell’opera del prolifico regista, nonché sceneggiatore e produttore. Una maligna pulce nell’orecchio, infatti, ci tormentava anche alla luce del blockbuster Welcome to Dongmakgol dell’esordiente Kwang-Hyun Park (2005), scritto e prodotto da Jang: una resa, pur di non disprezzabile qualità, a un cinema commerciale senza sorprese e reali spunti di interesse?

Righteous Ties, in verità, non risponde in maniera definitiva a tutti i nostri quesiti, ma riporta il cinema di Jang su binari più consoni: nonostante delle perplessità sul reale valore della pellicola, è confortante constatare il funzionamento del meccanismo narrativo, unito a delle invenzioni comiche di sicuro effetto. Rispetto a Guns & Talks, gangster movie dal tono più scanzonato, Righteous Ties calca la mano sul ribaltamento dei generi, dei toni e delle situazioni, piuttosto che su una coesistenza armoniosa di comico e drammatico. La sequenza iniziale, soprattutto letta in una successiva analisi, svela le intenzioni del regista: il confronto tra il killer e la vittima, faccia a faccia intorno a un tavolo, è il terreno ideale per mettere in scena una serie di capovolgimenti, di mutamenti di equilibrio che spiazzano volutamente lo spettatore. Un doppio capovolgimento che mescola le carte in tavola: il killer diventa vittima e poi si riappropria del ruolo di carnefice, mentre il gangster movie diviene commedia, per tornare sui suoi passi. La struttura dell’incipit ricalca, nel suo piccolo, le dinamiche narrative dell’intero lungometraggio, compresa l’immancabile trovata comica (in questo caso, il coltello reso meno letale dal nastro isolante: il killer, seguendo la linea della sua banda, non vuole uccidere ma “solo” ferire, per ben sette volte, la gamba del malcapitato).

Righteous Ties, come molte altre pellicole coreane, propone una visione romantica dei gangster, trasformando il malvivente di turno in un novello eroe, spesso dotato di un cuore e un’integrità invidiabili: il personaggio di Chi-sung (il bravissimo Jung Jae-young, fedelissimo di Jang Jin) è, in questo senso, emblematico e le sue esplosioni di violenza finiscono per trovare una giustificazione morale assolutamente condivisibile. Considerando anche l’evidente rimpianto per un codice “cavalleresco” che sta scomparendo, Righteous Ties assume i toni di un inno, triste e nostalgico, a una generazione di fuorilegge in via di estinzione. La malavita viene dipinta come un mondo a parte, con le sue leggi non scritte e i suoi regolamenti di conti interni: l’ingiustizia, semmai, è il coinvolgimento di innocenti, fossero anche stretti parenti dei criminali (non a caso il protagonista esclama, in una battuta chiave del film, con sgomento e incredulità: “Pugnalati? Ma i miei genitori non sono gangster!”), o il vile tradimento di un compagno o del proprio capo. Efficace, ben realizzata e commovente una sequenza che sottolinea il rigore etico del protagonista: Chi-sung, pugnalato nella schiena dal suo protetto, spegne la luce e sussurra al ragazzo “Non ti vedo. Tiralo fuori e vattene”.

Come detto, Righteous Ties alterna dramma e commedia, con toni anche vagamente demenziali: merita una citazione la trascinante gag del muro della prigione abbattuto a spallate! Il numeroso gruppo di carcerati, uniti e decisi, che si scaglia ripetutamente contro la parete di cemento è un vero spasso: ancor più incredibile, e divertente, in realtà, è la capacità di Jang di trovare più di un appiglio narrativo per prolungare, e rendere logica e credibile, questa strampalata intuizione comica.
La coesistenza–alternanza–ribaltamento dei toni comico-drammatici lascia il posto, come era ampiamente prevedibile, a un finale teso, a una sanguinosa resa dei conti: segnaliamo, del lungo epilogo, la sequenza che mette di fronte il protagonista e l’amico d’infanzia Joo-jong (Jung Jun-ho). Coltello contro pistola. La tradizione e l’onore, se così vogliamo chiamarlo, di fronte alla nuova criminalità che avanza. Il passato, intriso di amicizia, contro un presente e un futuro che sembrano non conoscere nessuna etica. Nonostante il fiume di retorica, un bel finale, da vedere.

Info
Righteous Ties sul sito del Kofic.
Il trailer di Righteous Ties.
Righteous Ties sul sito del Far East.
  • righteous-ties-2006-jang-jin-01.jpg

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • AltreVisioni

    National Security

    di Tratto da una storia vera, National Security è il resoconto del rapimento e delle torture subite dall'attivista democratico Kim Geun-tae nei suoi ventidue giorni di prigionia durante il regime di Chun Doo-wan...
  • AltreVisioni

    The Front Line

    di Gang Eun-pyo è un tenente mandato alla collina Aero-K per investigare su alcune losche attività fra i soldati sudcoreani. Pare che il precedente capitano della compagnia sia stato ucciso dalle sue stesse truppe...
  • AltreVisioni

    The Yellow Sea

    di The Yellow Sea assume ben presto le fattezze di un classico action hitchcockiano, con il protagonista costretto a confrontarsi con un piano criminoso più grande di lui...
  • AltreVisioni

    Castaway on the Moon RecensioneCastaway on the Moon

    di Un uomo, perse tutte le speranze, si butta nel fiume Han: trascinato dalla corrente su un isolotto, diventerà una sorta di novello Robinson Crusoe, nel centro di Seoul...
  • AltreVisioni

    romantic-heavenRomantic Heaven

    di Jang sembra aver (definitivamente?) smarrito la creatività che aveva caratterizzato le prime opere, quella capacità di coniugare comico e drammatico che riusciva a spiazzare anche lo spettatore più smaliziato. Presentato al Feff 2011.
  • Festival

    Rotterdam 2015Rotterdam 2015

    La quarantaquattresima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell'anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • Archivio

    cella-211Cella 211

    di Diretto da Daniel Monzón, astro nascente del thriller spagnolo, Cella 211 è un prison movie tostissimo, giocato su alti livelli di tensione, ma rivolto anche a esplorare le potenzialità di personaggi la cui umanità giace sotto una dura scorza.
  • Far East 2017

    Jailbreak

    di Presentato al Far East di Udine, l'action cambogiano Jailbreak prova a seguire il sentiero tracciato da Gareth Evans e Iko Uwais, ma la volenterosa messa in scena e le poderose acrobazie degli artisti marziali non sono sorrette da una scrittura all'altezza.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento