Forever The Moment

Forever The Moment

di

Forever The Moment ha quantomeno il merito di raccontare, con tono realistico, le imprese della nazionale femminile coreana di pallamano alle Olimpiadi di Atene del 2004.

Guarda guarda in campo c’è una nuova giocatrice…

Mi-sook è una validissima giocatrice di pallamano, ma la sua carriera sembra oramai destinata a finire. Ma quando si presenta la possibilità di partecipare alle Olimpiadi, nonostante tutte le difficoltà, Mi-sook raggiunge le sue vecchie compagne… [sinossi]

La trasposizione cinematografica delle imprese sportive, sia reali che immaginarie, non è un’operazione facile e l’eventuale riuscita dipende, almeno in buona parte, dalla disciplina che si vuole mettere in scena: detto in parole povere, è decisamente meno complicato portare sul grande schermo boxe o baseball piuttosto che pallavolo o tennis. Alcuni sport, infatti, oltre a possedere una spiccata componente spettacolare, si offrono senza troppi intoppi tecnici alla riproduzione cinematografica. Simulare un credibile incontro di boxe appartiene da decenni alla tradizione della settima arte, ricreare una partita di pallavolo che si avvicini almeno un po’ alla realtà è pressoché impossibile, sempre che gli attori non siano Lorenzo Bernardi o Steve Timmons – e non funziona, anzi risulta inevitabilmente ridicolo, il tentativo di far coesistere giocatori professionisti e attori: valga, come terribile esempio, I re della spiaggia (Side Out, 1990) di Peter Israelson, in cui malcapitati campioni, come il suddetto Timmons e Randy Stoklos, erano costretti a fare da spalla al pesce fuor d’acqua C. Thomas Howell.

Forever The Moment (Uri saengae choego-ui sungan, 2008) di Lim Soon-rye, lungometraggio non privo di evidenti difetti, ha quantomeno il merito di percorrere un sentiero poco battuto: l’idea di raccontare, con tono realistico, le imprese della nazionale femminile coreana di pallamano alle Olimpiadi di Atene del 2004 è curiosa e stimolante. Lim Soon-rye (If You Were Me/Yeoseot gae ui siseon, 2003) e il co-sceneggiatore Na Hyeon cercano di mettere a fuoco, prima degli exploit sportivi, il lato umano delle principali componenti della squadra, con i loro problemi di donne divise tra passione per lo sport e la vita di tutti giorni.  Forever The Moment rinuncia in partenza a inseguire il realismo nelle sequenze prettamente sportive, vista la scelta delle attrici volenterose ma poco credibili dal punto di vista atletico, e si sbilancia forzatamente verso il melodramma familiare: centrale, infatti, il travagliato e triste rapporto coniugale tra la protagonista Mi-sook (una Moon So-ri di cui ricordiamo facilmente pellicole migliori: La moglie dell’avvocato/Baramnan gajok, 2003, di Im Sang-soo, Oasis, 2002, di Lee  Chang-dong) e lo scapestrato marito e, più in generale, tra le giocatrici e i due allenatori, in quella “grande famiglia” che, per forza di cosa, deve essere (o diventare) una squadra vincente. Considerando la prima sequenza (durante una partita il figlio piccolo di Mi-sook entra in campo, creando non pochi problemi: vita privata in primo piano, evidente dichiarazione d’intenti della regista), Forever The Moment mantiene, in un certo senso, le promesse e regala un finale in crescendo: a conti fatti, però, pur perdonando l’insufficiente lato sportivo (ma almeno per gli allenamenti si poteva fare qualcosa di un po’ più credibile), non convince il cotè minimalista, troppo prevedibile e, a tratti, un po’ superficiale (i rapporti interpersonali di secondo piano sono risolti in maniera assai sbrigativa).

Dopo la visione di Forever The Moment ci rimangono due certezze: daremo almeno un’occhiata ai risultati della nazionale coreana agli imminenti Giochi Olimpici di Pechino e aspetteremo con estrema curiosità Machan di Uberto Pasolini, opera prima su una fantomatica nazionale di pallamano dello Sri Lanka. Per ingannare l’attesa, non ci rimane che canticchiare “tute colorate, noccioline, gelati, gomma americana, bandierine e noi qui, squadra nazionale coi colori del cuore…”.

Info
Il sito ufficiale di Forever the Moment.
Il trailer originale di Forever the Moment.
Forever the Moment sul sito del Kofic.
  • forever-the-moment-2008-02.jpg
  • forever-the-moment-2008-04.jpg
  • forever-the-moment-2008-05.jpg
  • forever-the-moment-2008-06.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2008

    machanMachan – La vera storia di una falsa squadra

    di Curiosa coproduzione che ha coinvolto Italia, Germania e Sri Lanka, Machan - La vera storia di una falsa squadra percorre la strada della comicità, seppur infarcita di buoni sentimenti e di quel classico spirito di rivalsa sociale che contraddistingue buona parte del cinema sportivo.
  • Archivio

    La mossa del pinguino RecensioneLa mossa del pinguino

    di In Europop al Festival di Torino, l'esordio alla regia di Claudio Amendola è una commedia esile e pasticciata, ma dalla naiveté quasi commovente.
  • Far East 2017

    Run-Off

    di Presentato al Far East, Run-Off è il classico film sportivo che ripercorre le gesta di una vera squadra, in questo caso la nazionale femminile di hockey. Retorica, melodramma, ma anche un buon numero di gag e un ritmo sostenuto.
  • Pesaro 2018

    L'empire de la perfection RecensioneJohn McEnroe – L’impero della perfezione

    di Vincitore a Pesaro 2018, John McEnroe - L'impero della perfezione è uno straordinario, ipnotico e stratificato film/saggio sul cinema e sul tennis. Sul cinema sportivo; sul gesto tecnico e atletico; su un microcosmo fatto di terra rossa. E su un campione probabilmente irripetibile: John McEnroe.
  • Far East 2018

    The Running Actress RecensioneThe Running Actress

    di La diva coreana Moon So-ri si autoanalizza con acume e profonda ironia, cucendo nel suo primo lungo la trilogia di cortometraggi da lei e su di lei scritti, realizzati e interpretati fra il 2014 e il 2015. Il risultato, presentato al Far East di Udine, è una commedia amara, intima, grottesca, profondamente intelligente.
  • Archivio

    100 metri dal Paradiso Recensione100 metri dal Paradiso

    di Alla sua opera seconda dopo Animanera, Raffaele Verzillo fa quello che può, appoggiandosi al mestiere di alcuni dei suoi interpreti (Jordi Mollà e Giorgio Colangeli su tutti), ma 100 metri dal Paradiso non va oltre i canoni stilistici del piccolo schermo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento