Pesaro 2008 – Bilancio

Pesaro 2008 – Bilancio

Cala dunque il sipario anche su Pesaro 2008, quarantaquattresima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, tra più luci che ombre. Le prime riguardano l’impianto dato al festival; non che ci siano stati stravolgimenti rispetto agli anni passati, sia ben chiaro, ma l’impressione è stata quella di trovarsi di fronte a un panorama più composito del solito.

Laddove ultimamente Pesaro correva il rischio, a nostro modo di vedere, di perdere il proprio ruolo dominante nel contesto cinematografico italiano per quel che concerne il cinema nuovo (termine questo a dir poco ambiguo), Pesaro 2008 ci restituisce una kermesse in grado di guardare al futuro senza porre paletti ideologici durante il percorso. Dimostrazione palese di questo è stato possibile rintracciarla in tutto quell’universo visivo che fa da cornice al concorso principale (dove ha fatto splendida mostra di sé il giustamente osannato, anche dalla giuria, Flower in the Pocket del regista malese Liew Seng Tat, già trionfatore al Festival di Rotterdam e a quello di Pusan), a partire proprio dall’Evento Speciale dedicato a Dario Argento. Scelta a dir poco coraggiosa che ci sentiamo in dovere di applaudire; non tanto (o per meglio dire, non solo) per la qualità del tracciato autoriale sul quale si muove il cinema di questo caposaldo del thriller mondiale, ma per la capacità di far virare il festival verso territori solitamente poco battuti quali il thriller, l’horror, il fantastico.

Nella completezza della proposta – unico assente, giustificato, Quattro mosche di velluto grigio, per i ben noti problemi legali che ne rendono complessa la visione – si è avuto modo di spaziare dai capolavori universalmente riconosciuti (la cosiddetta trilogia degli animali, e poi Profondo rosso, Suspiria, Inferno) fino alle ultime controverse creature (l’indifendibile Il cartaio, l’imperfetto ma ammaliante La sindrome di Stendhal, il mediocre Nonhosonno) passando per un caleidoscopio di interviste, interventi televisivi, cortometraggi, grazie al certosino lavoro di Pierpaolo De Sanctis che ha selezionato le perle nascoste di un personaggio che fu capace, durante gli anni ’80, di trasformare il ruolo di regista in quello di vera e propria rockstar per le masse. A conti fatti, ammettiamo di aver (ri)scoperto un film come Opera e di esserci ricreduti – in negativo – su Tenebre; ma questi sono giochetti che probabilmente lasciano il tempo che trovano.

Non lascia il tempo che trova, altresì, lo scandaglio del cinema tedesco contemporaneo portato avanti da Giovanni Spagnoletti e dal suo entourage: un modo per aprire gli occhi su una realtà produttiva a noi sconosciuta per quanto geograficamente vicina. Eppure autori come Philip Gröning, Romuald Karmakar, Hans-Christian Schmid sono oramai delle certezze del cinema europeo. Anche gli altri omaggi, quello al regista malese Amir Muhammad (la cui opera fu possibile vederla già l’anno scorso durante le giornate dell’Asian Film Festival; a Pesaro è stato presentato in anteprima mondiale il suo ultimo lavoro Susuk, horror a carattere metacinematografico non privo di ironia), e il ripescaggio dagli anfratti della memoria del monumentale La hora de los hornos di Fernando Solanas – passato a Pesaro quarant’anni fa -, dimostra la volontà ferrea del festival di focalizzare il proprio sguardo a livello mondiale. Volontà confermata dal fluttuare, tra i film proiettati in piazza, di Kira Muratova, della consolidata coppia Rezza/Mastrella, dell’ultimo capolavoro di Arnaud Desplechin Un conte de Noël, già visto a Cannes, di Svetlana Proskurina e via discorrendo.

Se l’edizione di Pesaro 2008 poteva essere interpretata come un punto di non ritorno (ombre minacciose, come dicevamo in principio, si affollavano all’orizzonte dopo gli ultimi altalenanti anni), possiamo definirci senza dubbio soddisfatti. Resta il rammarico, endemico, per la mancanza di pubblico alle proiezioni. Certo, Profondo rosso ha fatto il tutto esaurito (e questo è un dato senz’altro significativo, su cui il festival dovrebbe ragionare), ma basta?

Info
Il sito del Festival di Pesaro 2008.

  • suspiria-1977-dario-argento-01.jpg
  • lora-dei-forni-1968-la-hora-de-los-hornos-fernando-solanas-01.jpg
  • racconto-di-natale-2008-un-conte-de-no--l-arnaud-desplechin-01.jpg
  • profondo-rosso-1975-dario-argento-01.jpg
  • profondo-rosso-1975-dario-argento-03.jpg
  • profondo-rosso-1975-dario-argento-04.jpg
  • tenebre-1982-dario-argento-01.jpg
  • tenebre-1982-dario-argento-02.jpg

Articoli correlati

  • #tuttiacasa

    L'uccello dalle piume di cristallo RecensioneL’uccello dalle piume di cristallo

    di Primo film da regista per Dario Argento, L'uccello dalle piume di cristallo rappresenta il canovaccio per buona parte dei dispositivi che il maestro del thriller perfezionerà nel corso della sua carriera a venire.
  • Libri

    Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli

    Pubblicato da Artdigiland, Suspiria e dintorni è un prezioso libro-intervista a un grande autore della fotografia, capace di passare da Argento ad Antonioni, a Pialat, Moretti, Brusati e molti altri.
  • Cult

    Tenebre RecensioneTenebre

    di Autoriflessivo, metanarrativo, catartico, Tenebre di Dario Argento rappresenta probabilmente il più teorico tra i film del maestro del giallo nostrano.
  • Cannes 2018

    L'ora dei forni RecensioneL’ora dei forni

    di Al Festival di Cannes è stata presentata solo la prima parte de L'ora dei forni ("Neocolonialismo e violenza"), lasciando fuori per evidenti ragioni di spazio "Atto a favore della liberazione" e "Violenza e liberazione". A cinquant'anni dalla sua presentazione a Pesaro, uno dei film militanti più rilevanti di sempre.
  • Trieste S+F 2016

    Il gatto a nove code RecensioneIl gatto a nove code

    di Della tetralogia animale Il gatto a nove code è forse il titolo più rimosso, eppure dimostra al di là di ogni fraintendimento l'acume cinefilo e teorico di Dario Argento. Il Trieste Science+Fiction l'ha proiettato in 35mm.
  • Cult

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Uno dei capolavori di Dario Argento, Suspiria, festeggerà tra pochi mesi i quaranta anni; un'occasione ideale per tornare a ragionare su uno dei capisaldi del fantastico, italiano e mondiale.
  • Torino 2014

    Profondo rosso RecensioneProfondo rosso

    di Al Torino Film Festival è stata presentata la versione restaurata in digitale del capolavoro di Dario Argento. L'occasione per aprire nuovamente gli occhi su uno dei titoli fondamentali del cinema thriller e horror degli ultimi quarant'anni.
  • Torino 2014

    Intervista a Dario Argento

    Profondo rosso, il montaggio subliminale, la brutalità, l'uso dei flashback, la colonna sonora, la creazione di un immaginario. Ne abbiamo parlato con Dario Argento durante il Torino Film Festival.
  • DVD

    4 mosche di velluto grigio

    di Dario Argento dirige l'ultimo capitolo della trilogia animale, raggiungendo picchi visionari difficili da eguagliare.
  • Cannes 2012

    Dracula 3D RecensioneDracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • Archivio

    Giallo/Argento

    di Il cinema di Dario Argento tocca, con ogni probabilità, il suo nadir. Un'opera senza capo né coda, diretta con la mano sinistra e abbandonata ben presto al suo destino.
  • Libri

    I film di Dario ArgentoI film di Dario Argento

    Lasagna e Molinaro ripercorrono la carriera di Argento in un volume agile ma denso, optando per una struttura critica e di analisi classica: lo studio delle opere cinematografiche in ordine cronologico.
  • Archivio

    Racconto di Natale

    di Racconto di Natale di Arnaud Desplechin, ovvero un gruppo di famiglia in un interno che apre squarci sulla memoria, le speranze disilluse, le invidie, i rancori mai sopiti. Un gioiello purissimo, in concorso a Cannes nel 2008.
  • Festival

    Pesaro 2008Pesaro 2008

    Cala il sipario su Pesaro 2008, quarantaquattresima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, tra più luci che ombre. Le prime riguardano l'impianto dato al festival, più composito del solito.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento