Grizzly Man

Grizzly Man

di

La storia dell’iconoclasta Timothy Treadwell, il guerriero gentile dell’ecologia, è la storia di tutti gli eroi sconfitti di Herzog, ma è anche un po’ la storia dello stesso Herzog alle prese con un personaggio reale davvero vicino alla sua concezione di cinema/vita. Tra gli extra del dvd di Grizzly Man, edito dalla Fandango, segnaliamo il making of della colonna sonora, In the Edges: The Grizzly Man Session, e l’intervento di enrico ghezzi (Fuori Orario).

Nel 2005, Werner Herzog ha deciso di realizzare un documentario sull’uomo dei grizzly Timothy Treadwell, un naturalista con un inusuale, ingenuo, sconsiderato entusiasmo per gli orsi e la vita nella wilderness… [sinossi]

Un film del genere si dovrebbe esser disposti a guardarlo anche sovrapponendo i fotogrammi uno a uno manualmente, 24 o 25 al secondo come velocità, talmente elevato è il valore dell’opera. Se poi la tecnologia DVD e l’accurato confezionamento del supporto finiscono con l’arricchire un prodotto di per sé già ottimo, allora siamo proprio al non plus ultra. È sicuramente questo il caso di Grizzly Man, il capolavoro firmato Werner Herzog, che in questa uscita per l’home-video curata da Fandango (che ormai di Herzog distribuisce abbastanza regolarmente anche i film in sala) trova senza dubbio una sua più che meritoria confezione (e fortuna vuole che la Fandango non abbia doppiato il film, perché la voce di Herzog, e quel suo dolce accento tedesco con cui parla in inglese, vale da sola il prezzo che si paga per acquistarlo).

La storia dell’iconoclasta Timothy Treadwell, il guerriero gentile dell’ecologia, è la storia di tutti gli eroi sconfitti di Herzog, ma è anche un po’ la storia dello stesso Herzog alle prese con un personaggio reale davvero vicino alla sua concezione di cinema/vita. La trasfigurazione di Treadwell da uomo a orso, nel senso che essendo stato divorato da un orso s’è fatto egli stesso orso, è quanto di più radicale e perverso il cinema abbia mai prodotto. Non sprecheremo, dunque, tanti elogi sul film e su questo DVD che, a buon intenditor poche parole, non può certo mancare nella casa di uno che si dice appassionato di cinema.

Dicevamo della confezione, del paratesto di questo Grizzly Man: senza dubbio, l’extra più interessante presente nel DVD è il making of della colonna sonora. In the Edges: The Grizzly Man Session, questo il nome del filmato, è un’interessantissima escursione nell’universo musicale del film, uno degli aspetti (extra)cinematografici su cui Herzog da sempre pone maggiormente la propria attenzione. Sullo schermo scorre l’improvvisazione collettiva di un gruppo di musicisti che non avevano mai suonato prima e che non avevano, per scelta dello stesso regista tedesco, ancora visto il film: un’occasione unica per addentrarsi nei meandri del fare cinema herzoghiano, coadiuvato per la colonna sonora da quell’eccellente musicista quale è Richard Thompson, e nel suo interagire con quel mondo musicale a cui tanto tiene. Altra interessante parentesi extrafilmica è quella costituita dall’intervista e dal commento alle scene a/di enrico ghezzi: gli stravaganti accostamenti e le escursioni metempsicotiche del critico di Fuori Orario mai come in questo caso sono funzionali all’operazione e illuminanti per i rimandi e i ponti che riesce a instaurare nel cinema e dal cinema di Werner Herzog. Come si è certo capito all’edizione 2006 del Festival di Procida, Il Vento del Cinema, dove l’ospite d’onore era appunto il regista tedesco, Ghezzi ha senza dubbio una lucidità tutta particolare nell’analizzarlo e nel rapportarsi con l’autore di Fitzcarraldo e Aguirre: e se lì a Procida Ghezzi provava a interfacciarsi col cinema confessionale di Werner Herzog, qui nel DVD, mancando il confronto, il critico prova a dialogare con le sue immagini. Nascono così alcune illuminanti riflessioni sul film, «che ha uno degli inizi più fantastici della storia del cinema recente», su Timothy Treadwell, «è un personaggio tipico del cinema di Herzog», e su Herzog stesso, «in questo film Herzog mette in scena se stesso, si denuda molto». Completa il DVD – oltre alla consueta bio-filmografia del regista, al trailer italiano e a una singolare scheda sull’orso grizzly – anche una introduzione di Fabrizio Grosoli, responsabile dell’area non-fiction di Fandango nonché autore della monografia edita da Il Castoro su Herzog.

Info
Il trailer di Grizzly Man.
Il sito ufficiale di Grizzly Man.
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-01.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-02.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-03.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-04.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-05.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-06.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-07.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-08.jpg
  • grizzly-man-2005-werner-herzog-09.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2016

    Into the Inferno

    di Al cospetto dei vulcani più turbolenti del mondo, Werner Herzog con il vulcanologo Clive Oppenheimer enuclea in Into the Inferno una serie di argute riflessioni sull'uomo, la natura e il sentimento che li unisce: la paura. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    Lo and Behold - Internet: il futuro è oggi RecensioneLo and Behold – Internet: il futuro è oggi

    di Invisibile, inodore, pervasivo, è il Web secondo Werner Herzog, in un'inchiesta in prima persona destinata ai posteri, che non avranno più alcun "reperto" a disposizione per interpretare la nostra epoca. Al Biografilm Festival 2016 e ora in sala.
  • Berlino 2015

    Queen of the Desert

    di Tanto deserto ma poco Herzog: per una volta non è una contraddizione in termini, perché Queen of the Desert - in concorso alla 65esima edizione della Berlinale - è un film quasi-addomesticato.
  • Documentari

    Into the Abyss

    di Qual è il segreto che si nasconde dietro la capacità di Werner Herzog di affrontare l'arte documentaria? Un interrogativo a cui forse può rispondere la visione di Into the Abyss...
  • AltreVisioni

    Cave of Forgotten Dreams

    di Con una apparente veste da documentario divulgativo, Cave of Forgotten Dreams è in realtà l'ennesimo esempio di come Herzog sia capace di reinventare continuamente il cinema e il suo cinema, affidandosi anche a strumenti atti al mero imbonimento spettacolare come il 3D.
  • Archivio

    My Son, My Son, What Have Ye Done RecensioneMy Son, My Son, What Have Ye Done

    di Con il suo nuovo film, My Son, My Son, What Have Ye Done, Werner Herzog firma uno sposalizio cinematografico, sorprendente quanto riuscitissimo, con David Lynch.
  • Archivio

    Grizzly Man

    di Nel raccontarci la vita dell'"uomo dei grizzly" Timothy Treadwell, Werner Herzog ci dice la sua sulla visione rassicurante della natura che caratterizza la cultura statunitense.
  • Archivio

    L’ignoto spazio profondo

    di Presentato a Venezia 2005 nella sezione Orizzonti, L'ignoto spazio profondo di Werner Herzog penetra l'apparato visivo-sensoriale dello spettatore e punta dritto ai centri nervosi più complessi e raffinati.
  • Archivio

    Il diamante bianco

    di Werner Herzog con Il diamante bianco ci dice, ancora una volta, che la conoscenza delle cose non è mai completamente oggettiva, e che uno sguardo personale e sentito sulla realtà non è affatto un suo tradimento, ma un atto di coerenza e fede in se stessi.
  • Classici

    nosferatu, il principe della notte recensioneNosferatu, il principe della notte

    di Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull'ontologica natura predominante del Male, e sull'impossibilità di una sua distruzione da parte dell'uomo.
  • Trieste 2019

    Meeting Gorbachev RecensioneMeeting Gorbachev

    di , Presentato in apertura del Trieste Film Festival 2019, Meeting Gorbachev è una lunga intervista di Werner Herzog, curata con il suo collaboratore André Singer, all'uomo che cambiò il corso della Storia, l'ex leader sovietico Gorbaciov.
  • Cannes 2019

    Family Romance, LLC. RecensioneFamily Romance, LLC.

    di Film di finzione e, soprattutto, sulla finzione girato da Werner Herzog in Giappone, Family Romance, LLC. è una brillante riflessione sulla messinscena, magari priva di appagamento estetico, ma di certo intrisa di un corroborante humour nerissimo. Fuori concorso a Cannes 2019.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento