La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone

La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone

di

Blockbuster in bilico tra azione e ironia, effetti speciali e target familiare, La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone è cinema di facile consumo, praticamente usa e getta, senza effetti collaterali, senza infamia e senza lode. Lo spostamento dello scenario dal classico deserto egiziano alla più modaiola Cina non cambia, in buona sostanza, praticamente nulla.

Eroi, mummie e pop corn

L’avventura ha inizio con il risveglio della mummia dell’imperatore ad opera del giovane esploratore Alex O’Connell, ormai ventunenne, vittima di un inganno. Il più grande guerriero che la Cina ha mai conosciuto non è stato in grado di realizzare il suo sogno di dominare il mondo intero a causa della fattura che la strega Zi Yuan gli ha fatto mille anni fa. Risvegliatosi da poco, sa che c’è un mondo che deve essere ancora conquistato. Per poterlo fare, deve acquisire la vita eterna raggiungendo la leggendaria città di Shangri-la. Se lì riuscirà a bere dalla fonte della vita eterna, gli sarà possibile far risorgere un esercito che è rimasto sepolto per migliaia di anni. A meno che Rick, Evy ed Alex O’Connell non riescano a fermarlo prima… [sinossi]

Le avventure del bellimbusto Richard “Rick” O’Connell (Brendan Fraser), a cui possiamo aggiungere l’evitabile prequel Il Re Scorpione (2002), giungono al terzo, forse conclusivo, episodio, La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone, blockbuster in bilico tra azione e ironia, effetti speciali e target familiare. Indubbiamente i produttori hanno spremuto tutto il possibile, pur mantenendo, ad eccezione del fiacco prequel, una qualità media accettabile: questa serie avventurosa, parente minore di Indiana Jones, può tranquillamente essere ascritta al cinema di puro consumo, al prodotto per quattro (papà, mamma e due fanciulli), pop corn e coca cola compresi. Smarrita per strada la freschezza del primo capitolo, La Mummia (1999), e il regista Stephen Sommers (qui sceneggiatore non accreditato), resiste lo spirito originale fatto di acrobatiche sequenze, spacconerie dei protagonisti, apprezzabile autoironia, moderato sentimentalismo e ottimi effetti speciali. Cinema di facile consumo, praticamente usa e getta, senza effetti collaterali, senza infamia e senza lode.

Lo spostamento dello scenario dal classico deserto egiziano alla più modaiola Cina (il nuovo pericolo!) non cambia, in buona sostanza, praticamente nulla: interessante semmai l’utilizzo di alcuni tra i nomi più noti del cinema asiatico (ma avrebbe meritato sorte migliore Anthony Wong, volto prediletto della cinematografia hongkonghese). E se Jet Li (Hero, Danny the Dog) e Michelle Yeoh (La tigre e il dragone, Memorie di una geisha) sono oramai facilmente riconoscibili anche per un pubblico totalmente a digiuno di film asiatici, la bella Isabella Leong (Spider Lilies, Isabella) rappresenta un’interessante novità e, potenzialmente, una futura stellina di importazione, sulla scia dell’altra meravigliosa creatura Zhang Ziyi che prossimamente rivedremo in The Horsemen di Jonas Åkerlund, Mei Lanfang di Chen Kaige e Lost for Words di Susanne Bier.

Dopo aver frettolosamente archiviato la regia di Rob Cohen nella categoria buon artigianato, preferiamo aprire una parentesi sui ruoli di Brendan Fraser, John Hannah (al minimo sindacale) e Maria Bello (al posto di Rachel Weisz, in altre faccende affaccendata), avventurieri passati dietro la scrivania tra mille rimpianti e ben felici di tornare a rischiare l’osso del collo tra mostri, mummie e spericolati atterraggi: l’insofferenza per la  vita sedentaria, il richiamo dell’avventura, l’amore per il rischio, l’inevitabile incedere dell’età e l’eredità dei figli sono temi affrontati con leggiadria e ironia, con risultati non tanto distanti dal fratello nobile Indiana Jones, giunto a un quarto episodio non proprio indispensabile…
Finita la proiezione, godute le sequenze dell’atterraggio sulla neve, lo scontro in salsa wuxia e gli yeti-combattenti (un po’ troppo spacconi), resta la sensazione di aver passato 112 minuti quieti quieti. Non è molto, non è poco, è il cinema pop corn.

Info
La pagina facebook de La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone.
La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone sul sito della Universal.
La Mummia – La tomba dell’imperatore dragone sul canale youtube della Universal.
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-01.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-02.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-03.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-04.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-05.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-06.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-07.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-08.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-09.jpg
  • La-Mummia-La-tomba-dellimperatore-dragone-2008-10.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Il ragazzo della porta accanto

    di In questo saldo di fine stagione, Jennifer Lopez interpreta una donna di mezza età sedotta dalla prestanza di un bel giovane: Il ragazzo della porta accanto è un thriller con tiepide ambizioni sexy che riesce a costruire un po' di tensione solo nella prima parte.
  • Archivio

    G.I. Joe - La nascita dei Cobra RecensioneG.I. Joe – La nascita dei Cobra

    di Dall'Asia all'Egitto, dalle strade di Parigi fino ai ghiacci del Polo Nord, la squadra di ultra professionisti nota come G.I. Joe si lancia in un'avventura senza sosta, in cui la tecnologia e il più sofisticato equipaggiamento militare saranno impiegati per combattere un pericoloso trafficante d'armi...
  • Archivio

    puzzole-alla-riscossaPuzzole alla riscossa

    di Sopra le righe, caricaturale, infantile e privo di qualsiasi ispirazione, dalla sceneggiatura alla piatta messa in scena, Puzzole alla riscossa è un pessimo esempio di cinema assai prossimo alle sitcom.
  • DVD

    viaggio-al-centro-della-terra-3dViaggio al centro della Terra 3D

    di Il doppio dvd di Viaggio al centro della Terra 3D, oltre a offrire le versioni in 3D e 2D, è arricchito da quattro contenuti extra davvero ben realizzati e in linea con l'approccio spensierato della pellicola.
  • In sala

    La mummia

    di Tra immaginari maldestramente mescolati e incoerenze narrative di ogni sorta, questo La mummia versione 2017 sembra principalmente preoccupato di proiettarsi in un nuovo universo, piuttosto che di porne le adeguate basi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento