Tropic Thunder

Tropic Thunder

di

Tra irresistibili citazioni, crisi d’identità degli attori, pesanti ironie sui produttori e poderose frecciate allo star system, Tropic Thunder regala sequenze memorabili e molti motivi per farsi quattro risate.

La guerra (non) è un gioco

Tugg Speedman (Ben Stiller), la viziata superstar dei film d’azione. Jeff Portnoy (Jack Black), il comico volgare famoso per la  serie The Fatties, apoteosi delle flatulenze. Kirk Lazarus (Robert Downey Jr.), vincitore di cinque premi Oscar e sempre alla ricerca di nuove sfide artistiche. Alpa Chino (Brandon T. Jackson), star hip-hop che tenta la scalata di Hollywood. Kevin Sandusky (Jay Baruchel), ragazzo alle prime armi che farebbe di tutto per avere un lavoro. Cinque attori profondamente diversi tra loro, alle prese con un film di guerra con problemi di budget e di “eccessivo realismo”. E, ciliegina sulla torta, i vari Nick Nolte, Tom Cruise e Matthew McConaughey che si offrono senza remore ad una pellicola intrisa di sano cinismo e spassosa demenzialità.
Tropic Thunder è, nonostante qualche limite, un’operazione cinematografica molto interessante, un film dalle molteplici sfaccettature: autoironico, citazionista, volgare, spietato, divertente, metacinematogafico, il film scritto e diretto da Ben Stiller mette in scena il cinema, la figura dell’attore, i war movie, l’ambiguo mondo dei produttori e affini, ridendo di tutti e con tutti, senza alcun freno.

Partendo da un gruppo di interpreti di invidiabile talento e da una sceneggiatura con guizzi geniali (anche se tra una gag e l’altra, soprattutto nella prima parte, il ritmo cala e la pellicola tende ad arrancare), Stiller e soci hanno realizzato un film sicuramente divertente e godibile che, plus valore non da poco, contiene una lunga serie di gag già in odore di culto. La visione dei finti trailer di Speedman, Portnoy e Lazarus e il videoclip di Chino rappresentano uno degli incipit più spassosi degli ultimi anni e hanno il merito di rinverdire quella comicità anni Ottanta (pensiamo a L’aereo più pazzo del mondo) che richiede più talento e ispirazione di quanto si possa credere (e qui il pensiero corre al mal riuscito Zohan – Tutte le donne vengono al pettine). Merita una citazione particolare il trailer del fantomatico Satan’s Alley, con Robert Downey Jr. e Tobey Maguire (in una delle sue migliori interpretazioni…), che meriterebbe una reale trasposizione, al pari del tanto atteso Machete di Robert Rodriguez. Stiller, debitore dello smodato cinismo dei fratelli Farrely prima maniera, ha il grande merito di essere riuscito a coinvolgere attori di spessore (l’interpretazione di Tom Cruise è quanto di più spiazzante si possa pensare, dimostrazione di potenzialità non sempre espresse) in un gioco metalinguistico in perenne bilico tra alto e basso, tra scurrilità e divina illuminazione. Esemplare, in questo senso, la gag del mancato premio Oscar per l’interpretazione del tenero ritardato Jack di Simple Jack, tentativo fallimentare di Speedman – aka Stiller, aka John “Quadrifoglio” Tayback, eroe di guerra – di rifarsi una carriera attraverso il cinema “d’impegno”: la riflessione, se così vogliamo chiamarla, di Lazarus/Downey Jr./Lincoln Osiris sulle differenze tra ritardati è un perfetto esempio di come una brillante analisi del mondo del cinema si travesta da crudele comicità.

Tra irresistibili citazioni di Platoon, crisi d’identità degli attori, pesanti ironie sui produttori, smascheramenti dei trucchi cinematografici, poderose frecciate allo star system e via discorrendo, Tropic Thunder regala varie sequenze memorabili e molti motivi per farsi quattro risate, pur non riuscendo a evitare qualche (prevedibile) esagerazione e, come detto, un ritmo decisamente troppo blando tra una gag e l’altra. Qualche taglio, senza dubbio, avrebbe giovato.
Considerando le precedenti regie (Giovani, carini e disoccupati, Il rompiscatole e Zoolander), le sceneggiature e i film prodotti, Ben Stiller si conferma cineasta interessante, seppur discontinuo, e comico di razza.

Info
Tropic Thunder sul sito della Paramount.
Il trailer di Tropic Thunder.
Una serie di clip di Tropic Thunder.
La pagina wikipedia di Tropic Thunder.
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-01.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-02.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-03.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-04.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-05.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-06.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-07.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-08.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-09.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-10.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-11.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-12.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-13.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-14.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-15.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-16.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-17.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-18.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-19.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-20.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-21.jpg
  • Tropic-Thunder-2008-Ben-Stiller-22.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    walter mitty,ben stiller,remake,2013,danny kaye,mcleodI sogni segreti di Walter Mitty

    di Dopo il capolavoro Tropic Thunder, Ben Stiller torna alla regia con un film tutt'altro che perfetto, un po' confuso, ma comunque affascinante e profondamente teorico.
  • Archivio

    Machete

    di , Creduto morto dopo lo scontro con Torrez, famigerato boss messicano della droga, Machete fugge in Texas per dimenticare il passato. Cade invece in una rete di corruzione che costa la vita a un senatore e fa di lui un ricercato...
  • In sala

    Duri si diventa

    di L'esordio alla regia dello sceneggiatore Etan Cohen manca, paradossalmente, di uno script degno di tale nome, riducendosi a un susseguirsi di gag all'insegna di un umorismo di grana grossa.
  • Archivio

    edge of tomorrow,doug liman,2014Edge of Tomorrow – Senza Domani

    di Tratto dal romanzo illustrato All You Need Is Kill di Hiroshi Sakurazaka, il nuovo blockbuster cucito su misura per l'intramontabile Tom Cruise.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    Jack Reacher – La prova decisiva

    di Quando un cecchino uccide cinque persone con sei colpi, tutte le prove indicano la colpevolezza del sospettato in arresto. Durante l’interrogatorio, l’uomo concede poche parole: “Trovate Jack Reacher!”. Ha così inizio una straordinaria caccia alla verità...
  • Archivio

    Rock of Ages

    di Sincero e accorato omaggio a un’era in cui si collezionavano vinili autografati e non esistevano i raggelanti mp3, Rock of Ages è il musical perfetto per i rocker di ieri e di oggi e garantisce un ruspante intrattenimento.
  • In sala

    Zoolander 2

    di Tra alto e basso, teoria e coprolalia, Ben Stiller con Zoolander 2 travalica il demenziale per spingerci fino alle scaturigini della cultura pop.
  • Archivio

    The Ghostmaker

    di Mauro Borrelli e il suo The Ghostmaker, un horror fantascientifico che indaga il mistero della morte. In sala grazie a Distribuzione Indipendente.
  • In sala

    Barry Seal – Una storia americana

    di Mescolando entertainment e "impegno" Barry Seal - Una storia americana di Doug Liman ritrae un self made man completamente dopato dal sogno americano.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento