Festival di Roma 2008 – Bilancio

Festival di Roma 2008 – Bilancio

Lasciandoci alle spalle anche la terza edizione del Festival Internazionale del Film di Roma (tralasciamo la già nota querelle sul cambio di denominazione), ci troviamo assediati da un esercito di aneddoti, dubbi, ipotesi, prese di posizione: in appena dieci giorni, la kermesse capitolina è riuscita a condensare al suo interno praticamente tutto e il contrario di tutto. Ma andiamo per gradi.

Precisiamo da subito un punto che ci sembra essenziale: cercheremo di concentrarci, in questa sede, in particolar modo sulla selezione davanti alla quale siamo stati posti dalla direzione del festival, analizzandola da vicino. Ciononostante, è impossibile non rimarcare alcune debolezze strutturali che il Festival di Roma continua a evidenziare: sarà stato anche gettato un malocchio estremamente potente sull’evento, ma le intemperie che si sono abbattute sull’auditorium da metà festival in poi hanno reso palese la totale mancanza di strutture adeguate. La Salacinema IKEA, dove si teneva una buona parte delle anteprime stampa – oltre a proiezioni di Alice nella città e del focus sul cinema brasiliano contemporaneo – ha seriamente rischiato di crollare sotto l’attacco dei venti e della pioggia: non esageriamo nell’affermare che durante la proiezione di Missing di Tsui Hark siamo stati tentati dall’idea della fuga (istigati in questo anche da colleghi di altre testate), e se abbiamo deciso di rimanere dove ci trovavamo è stato solo per scrupolo professionale. I giorni seguenti, comunque, abbiamo signorilmente evitato di sederci nei posti centrali, soprattutto dopo aver notato i sostegni metallici posti accanto alle luci traballare pericolosamente. Non parliamo poi dello stato del manto stradale, trasformatosi ben presto in una melmosa piscina a cielo aperto, con gli accreditati costretti a saltellare da una parte all’altra per evitare le insidie delle pozzanghere.

Al di là del resoconto da survivor metropolitani, ci sembra giusto rimarcare anche alcune manchevolezze gestionali: tra le altre, maschere che non sempre sapevano se e come potevi accedere alla sala (vi risparmiamo il penoso sketch di cui siamo stati incolpevoli protagonisti durante la fila per entrare nella Casa del Cinema, dove si teneva la proiezione del divertente Astrópía di Gunnar B. Gudmundsson), bagni inaccessibili subito prima delle proiezioni dei film – non sarebbe più comodo spostare lo sbigliettamento nella zona immediatamente seguente ai gabinetti? -, sala stampa chiusa durante il giorno delle repliche dei vincitori. Insomma, c’è ancora bisogno di aggiustare la mira, se si vuole trascinare il Festival di Roma accanto a realtà decisamente meglio organizzate.
Ma passiamo ai film, ovvero le gioie e i dolori di questa rassegna cinematografica: si era discusso ampiamente, una volta svelato il programma definitivo del festival, sulle scelte operate dai selezionatori. Molti avevano accusato apertamente Gian Luigi Rondi e il suo entourage di aver messo in piedi un festival provinciale, del tutto staccato da quell’internazionalità che invece campeggia ancora sul logo ufficiale. Effettivamente la scelta di dare spazio a ventuno film italiani era da subito apparsa come una sorta di suicidio dichiarato; a bocce ferme non possiamo che rimanere della stessa opinione: non basta infatti aver apprezzato l’Edoardo Winspeare di Galantuomini, importante segnale di svolta dopo il passo falso de Il miracolo o essere stati testimoni dell’ennesima dimostrazione di classe recitativa di Elio Germano ne Il passato è una terra straniera di Daniele Vicari, quando si dovevano fronteggiare i vari Un gioco da ragazze, Parlami di me e L’uomo che ama. Le produzioni nostrane più interessanti le abbiamo ritrovate nelle sezioni collaterali: da qui arrivano i bei documentari L’ora d’amore del duo Andrea Appetito/Christian Carmosino e Via Selmi, 72 – Cinemastation del trittico Giuseppe Cacace/Mauro Diciocia/Anthony Ettorre, il dramma apolide Il prossimo tuo di Anne Riitta Ciccone, l’astuta commedia corale Aspettando il sole di Ago Panini.

Nel concorso è probabilmente venuto a mancare l’asso pigliatutto, l’opera palesemente “oltre” che potesse fare mambassa di premi, come invece era accaduto nelle passate edizioni (I giardini in autunno di Otar Iosseliani, This is England di Shane Meadows e Nightmare Detective di Shinya Tsukamoto nel 2006, Juno di Jason Reitman e Before the Devil Knows You’re Dead di Sidney Lumet l’anno scorso): il livello è stato decisamente medio, pur con punte di estremo interesse, come El artista o il premiato Opium War. Laddove il festival è venuto davvero a mancare, semmai, è stata nella scelta delle pellicole che avrebbero dovuto mostrare l’anima più popolare e “di pancia” della manifestazione: passare dai fasti dei vari Coppola, Penn, Nolan e Scorsese al fastidioso e stanco RocknRolla di Guy Ritchie o al catastrofico Il sangue dei vinti di Michele Soavi non è certo facile. Certo, permangono belle (ottime) sorprese quali Appaloosa di Ed Harris, Pride and Glory di Gavin O’Connor e il divertente Easy Virtue di Stephan Elliott, ma il panorama si sta decisamente inaridendo.
Per trovare nuova linfa bisogna dunque ricorrere a Extra e ad Alice nella città: da sempre polmoni verdi del festival, le due sezioni non hanno minimamente tradito le aspettative, mettendo sul piatto della bilancia alcune delle perle più luccicanti dell’intera kermesse. Qui è nascosta, a nostro modo di vedere, la scintilla dalla quale bisognerebbe partire per rendere finalmente il Festival di Roma un evento imperdibile del calendario lunare: perché è solo in Extra e in Alice che abbiamo davvero notato la spinta verso la ricerca, la volontà di confrontarsi con il nuovo, di percorrere il tracciato meno battuto, di non affidarsi alla prassi. Lo stanno lì a testimoniare opere come L’Heure d’été di Olivier Assayas (nostro personalissimo vincitore morale del festival), $ 9.99 di Tatia Rosenthal, LOL di Lisa Azuelos, Martyrs di Pascal Laugier, Only di Ingrid Veninger e Simon Reynolds, Baghead dei Duplass Bros. e Rembrandt’s J’accuse di Peter Greenaway.
La terza edizione del Festival del Film di Roma è stata chiaramente il palesamento di una transizione: il cantiere è ancora aperto, ci sono tuttora falle da otturare, la speranza è che questo evento possa vivere e respirare al di là di tutti i giochi politici che gli ruotano attorno. Staremo a vedere…

Info
Il sito del Festival di Roma 2008.

Articoli correlati

  • Archivio

    Appaloosa RecensioneAppaloosa

    di Alla seconda regia dopo l’interessante biopic Pollock, Ed Harris si cimenta con il genere americano per eccellenza e firma con Appaloosa uno dei migliori western degli ultimi anni.
  • AltreVisioni

    Astrópía RecensioneAstrópía

    di Delicato e divertente, il lungometraggio d'esordio di Gudmundsson riesce a raccontare con toni leggeri l'importanza dell'amicizia e della socializzazione, anche attraverso il gioco, i fumetti, l'animazione, il cinema...
  • Animazione

    $9.99

    di Lungometraggio d’esordio di Tatia Rosenthal, $9.99 è un notevole esempio di stop-motion, pratica cinematografica che ha avuto maestri in ogni latitudine e che ha con sé il fascino indiscreto del materico, l’illusione dell’impossibile-tangibile.
  • Archivio

    Un matrimonio all'inglese RecensioneUn matrimonio all’inglese

    di Parente non troppo lontano di evergreen come Orgoglio e pregiudizio di Robert Z. Leonard, Un matrimonio all'inglese mette in scena le contraddizioni di un mondo decadente che rimane ostinatamente ripiegato su se stesso, avvinghiato alle proprie tradizioni e ai propri privilegi...
  • Archivio

    pride-and-gloryPride and Glory – Il prezzo dell’onore

    di Pride and Glory conferma il talento di Gavin O'Connor, in un thriller che si sposa al noir e che mette in scena una New York corrotta, nella mente prima ancora che nella prassi.
  • AltreVisioni

    LOL Il tempo dell'amore RecensioneLOL – Il tempo dell’amore

    di La seconda parte di LOL sembra normalizzarsi, pur senza rinunciare a delle piccole gemme sparpagliate qua e là, ma sono i primi cinquanta minuti ad averci completamente sedotti e asserviti: lo spazio-tempo martoriato, la lucida casualità del montaggio, l’episodica struttura narrativa...
  • Archivio

    L’Heure d’été

    di La vita di una famiglia dell’alta borghesia parigina, sconvolta dall’improvvisa morte della madre. I tre fratelli saranno costretti a scontrarsi contro la vita che li sta inesorabilmente allontanando gli uni dagli altri.
  • Archivio

    Il passato è una terra straniera RecensioneIl passato è una terra straniera

    di Il passato è una terra straniera non conferma le lecite aspettative lasciate dai precedenti film di Daniele Vicari, ma riesce in ogni caso a trovare una propria strada all'interno del cinema contemporaneo italiano soprattutto grazie alle ottime interpretazioni di Elio Germano e Michele Riondino.
  • Archivio

    Aspettando il sole RecensioneAspettando il sole

    di I personaggi di Aspettando il sole diventano fantasmi di un mondo che sembra disperso nel nulla, e che non è altro che il nostro paese, hotel a ore scricchiolante e vagamente squallido, ma che ancora non ha perso speranza nella purezza, ma pare già attratto da sirene equivoche.
  • Archivio

    Un gioco da ragazze RecensioneUn gioco da ragazze

    di Elena, Michela, Alice, diciassette anni: belle, ricche e senza problemi. Nate e cresciute nell'alta borghesia di una ricca città di provincia italiana, sono le figlie delle tre famiglie maggiormente in vista. Abituate a ottenere tutto e subito, vogliono sempre di più...
  • Documentari

    Rembrandt’s J’accuse

    di Greenaway disseziona letteralmente La ronda di notte di Rembrandt, mettendone in luce i punti che ritiene fondamentali per riuscire a dipanare la complessa matassa del mistero che si agita alle spalle di questo capolavoro della pittura mondiale...
  • Roma 2008

    Baghead

    di , Baghead è la conferma del folle cinema dei fratelli Duplass, qui alle prese con la rilettura del tutto personale del thriller. Tra i protagonisti una ancora sconosciuta Greta Gerwig.
  • Festival

    Roma 2008Roma 2008

    Uscito come nuovo da un restyling più politico che altro, il festival di Roma 2008, giunto alla sua terza edizione, ha mostrato le sue carte che si pensava davvero potessero essere migliori.
  • Archivio

    L’artista

    di , Che cos'è l'arte? Quando una persona può essere considerata un “artista”? Questi gli interrogativi di fronte ai quali ci pone El artista, opera del duo di registi argentini Mariano Cohn e Gastón Duprat.
  • Archivio

    RocknRolla RecensioneRocknRolla

    di Con RocknRolla Guy Ritchie costruisce una action comedy ruffiana e sovrabbondante: ma più che coerenza, la sua ci sembra una sterile astuzia.

Leave a comment