Il mondo di Švankmajer

Il mondo di Švankmajer

Non è solo la tecnica di Švankmajer a stupire, ma l’effetto visivo finale, la composizione dell’inquadratura, le continue trasformazioni, figlie di una totale libertà narrativa e di una notevole potenza immaginifica. Il doppio dvd Il mondo di Švankmajer rappresenta un’ottima introduzione al cinema del maestro ceco e più in generale all’arte dell’animazione a passo uno.

Ci sono troppe lacune nella distribuzione italiana, soprattutto cinematografica, che non verranno mai colmate. Anno dopo anno sono centinaia le opere che vengono sistematicamente ignorate, per una lunga serie di motivi. La pigrizia del nostro sistema distributivo può essere in parte mascherata dal più agile mercato home video, grazie soprattutto ad alcune isole felici come RaroVideo, Dolmen e Ripley’s. Il cinema d’animazione, complice una serie incredibile di incancellabili pregiudizi, non gode ovviamente di una equilibrata distribuzione, nonostante i recenti passi in avanti sul versante anime. Vista la non rosea situazione, accogliamo quasi con commozione il preziosissimo cofanetto Il mondo di Švankmajer, doppio DVD che raccoglie dieci cortometraggi del celebrato autore ceco Jan Švankmajer, nome di punta tra gli eredi di Jirí Trnka, gigante della Storia del Cinema e quasi invisibile nel Bel Paese.

Visionario e surrealista, Švankmajer è artista polivalente e nel campo della settima arte, tra animazione e opere “dal vero”, ha collezionato numerosi cortometraggi e alcuni lungometraggi di assoluto valore: Alice (1988), Faust (1994), Conspirators of Pleasure (1996), Otesánek (2000) e Šílení (2005). In attesa di una distribuzione dei lunghi, il doppio DVD confezionato dalla RaroVideo, etichetta battagliera e mai banale, rappresenta un’ottima introduzione al cinema del maestro ceco e più in generale all’arte dell’animazione a passo uno, altrimenti detta stop motion.

Dopo la scorpacciata di cortometraggi del primo DVD [1], tutti realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta con la consueta mescolanza di stop motion, riprese dal vero, disegni, immagini di repertorio, animazione tradizionale e via discorrendo, nel secondo DVD, oltre ai più recenti Il castello di Otranto (1979), La caduta della casa Usher (1980), Possibilità di dialogo (1982), Oscurità-luce-oscurità (1989), troviamo l’utile e interessante Il mondo dell’animazione parla di Jan Svankmajer, extra di circa venticinque minuti curato da Gianluca Aicardi [2]. Uno dopo l’altro, possiamo seguire gli interventi di alcuni colleghi di Švankmajer: i cineasti Rao Heidmets (Instinkt, Dear Mister Moon), Barry Purves (Screen Play, Achilles), Bill Plympton (Idiots and Angels, I Married a Strange Person!) e Koji Yamamura (Atama-yama, The Old Crocodile). Quindi storici e critici come Ilan Nguyen, Giovanni Russo (direttore di Lucca Animation e fondatore della rivista E-motion), Stanislav Ulver (direttore della rivista Film & Doba) e Bruno Solarik (scrittore, membro del Gruppo Surrealista Cecoslovacco). Testimonianze importanti, ricche di spunti e osservazioni, che aprono una finestra anche su altri territori artistici battuti da Švankmajer, “surrealista militante”. Un ottimo contenuto extra.

E se il valore artistico del cofanetto Il mondo di Švankmajer è indiscutibile, possiamo chiudere un occhio sull’altalenante qualità video, legata probabilmente allo stato di conservazione degli originali. Buono l’audio. Presenti, quando necessario, i sottotitoli italiani.
In conclusione, possiamo tranquillamente definire il cofanetto della RaroVideo un oggetto da collezione da non lasciarsi sfuggire, gioia per i fan e piacevolissima scoperta per il resto del mondo. Non è solo la tecnica di Švankmajer a stupire, ma l’effetto visivo finale, la composizione dell’inquadratura, le continue trasformazioni, figlie di una totale libertà narrativa e di una notevole potenza immaginifica. Distante dal perfezionismo di Trnka, Jan Švankmajer, non sempre di immediata e facile lettura, ha pescato a piene mani dal cinema, dalla pittura, dalla musica e dalla letteratura per creare mondi e visioni davvero alternative. Scoprirlo o riscoprirlo è quasi un dovere.

Il mondo di Švankmajer
Cecoslovacchia, 1964-1989

Durata: 185′
Regione: 2
Formato: 1.33:1

Audio: ceco (DD 2.0)
Sottotitoli: italiano
Extra: Il mondo dell’animazione parla di Jan Švankmajer

Distribuzione: RaroVideo

 

Note
1. Questi i titoli contenuti nel primo dvd: L’ultimo numero del signor Schwarzewald e del signor Edgar, J.S. Bach: Fantasia in sol minore, Et cetera, La fabbrica di bare, Historia Naturae, L’appartamento, Il giardino, Una tranquilla settimana in casa, L’ossario Il diario di Leonardo.
2. Gianluca Aicardi è stato il responsabile, insieme a Stefano Cocchi, della fondamentale e imperdibile collana I maestri dell’animazione russa in quattro volumi: Yuri Norstein, Gli Anni Sessanta, Gli Anni Settanta, Gli Anni Ottanta.
Info
La filmografia di Jan Švankmajer su Imdb.
Il mondo di Švankmajer su Amazon.
Il mondo di Švankmajer su Ibs.
  • jan-svankmajer-01.jpg
  • jan-svankmajer-02.jpg
  • jan-svankmajer-03.jpg
  • jan-svankmajer-04.jpg
  • jan-svankmajer-05.jpg
  • jan-svankmajer-06.jpg
  • jan-svankmajer-07.jpg
  • jan-svankmajer-08.jpg
  • jan-svankmajer-09.jpg
  • jan-svankmajer-10.jpg
  • jan-svankmajer-11.jpg
  • jan-svankmajer-12.jpg
  • jan-svankmajer-13.jpg
  • jan-svankmajer-14.jpg
  • jan-svankmajer-15.jpg
  • jan-svankmajer-16.jpg
  • jan-svankmajer-17.jpg
  • jan-svankmajer-18.jpg
  • jan-svankmajer-19.jpg
  • jan-svankmajer-20.jpg
  • jan-svankmajer-21.jpg
  • jan-svankmajer-22.jpg
  • jan-svankmajer-23.jpg
  • jan-svankmajer-24.jpg
  • jan-svankmajer-25.jpg

Articoli correlati

  • Libri

    Jan Švankmajer – Moviement n° 6

    Il sesto numero di Moviement è dedicato a Jan Švankmajer, il polifacetico artista ceco che dagli anni Sessanta delizia gli spettatori con corti e lungometraggi a dispetto della disattenzione mediatica di gran parte della critica occidentale...
  • Animazione

    Surviving Life

    di La riflessione sulla psicanalisi è carica di un surrealismo amaro, ma ancora ben lontano dal lasciarsi assuefare dalla corruzione del reale: come un'Alice nascosta al di là dello specchio Švankmajer pone una volta per tutte il confine tra il mondo del raziocinio e quello del potere dell'Idea...
  • Saggi

    Jan ŠvankmajerJan Švankmajer – Il cinema come Golem (2)

    Avvicinarsi all'arte di Jan Švankmajer, alle invenzioni di un geniale regista che ci aiuta a lottare contro i pogrom della realtà: Jabberwocky, La siepe, Pic-nic con Weismann, Down to the cellar...
  • Saggi

    Jan Švankmajer – Il cinema come Golem

    Avvicinarsi all'arte di Jan Švankmajer, alle invenzioni di un geniale regista che ci aiuta a lottare contro i pogrom della realtà: Gioco di pietre, Il gioco della bara, Et cetera...
  • Animazione

    Frankenweenie

    di Victor si diletta a realizzare film col suo amato cane Sparky. Quando Sparky viene ucciso da una macchina, Victor apprende a scuola l'effetto degli impulsi elettrici sui muscoli...
  • Rotterdam 2018

    Insects RecensioneInsects

    di Presentato nella sezione Signatures dell'International Film Festival Rotterdam, Insects è l'ultima opera del genio surrealista Jan Švankmajer, un adattamento da una pièce dei fratelli Čapek. Almeno così finge di essere.
  • Berlinale 2018

    La casa lobo RecensioneLa casa lobo

    di , Presentato alla Berlinale 2018 nella sezione Forum, La casa lobo è un lungometraggio d'animazione in continua mutazione, una pellicola sperimentale a passo uno, surreale, onirica, minuziosamente caotica. Un'immersione nella Storia cilena, tra gli orrori della dittatura.
  • Animazione

    Midori-ko RecensioneMidori-ko

    di Dieci anni, ventimila disegni, cinquantacinque minuti. L'animatore indipendente Keita Kurosaka realizza il suo primo lungometraggio, Midori-ko, presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2012.
  • Pesaro 2020

    The Nose or Conspiracy of Mavericks recensioneThe Nose or Conspiracy of Mavericks

    di Passato a Rotterdam 2020 prima dell’apocalisse Covid-19, The Nose or Conspiracy of Mavericks del veterano russo dell’animazione Andrej Khrzhanovskiy ha aperto il Cinema in Piazza (del Popolo, felice coincidenza per un’opera che ha nel popolo il suo nume tutelare) della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento