Il ruggito della Pixar

Il ruggito della Pixar

Il Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird, consegnato il 6 settembre 2009 in Sala Grande, consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. Non un punto di arrivo, ma una tappa importantissima di un cammino ancora lungo e sicuramente foriero di soddisfazioni. Una scelta più che condivisibile della Mostra del Cinema di Venezia e del direttore Marco Müller.

«Le emozioni prima di tutto». In queste semplici parole di John Lasseter, glorioso condottiero della beneamata Pixar, è racchiuso uno dei segreti che hanno portato alla creazione di opere come Toy Story 2, Alla ricerca di Nemo, Wall-E, Up e tutto quel che segue. Lo studio cinematografico specializzato animazione in computer grafica, fondato nell’oramai lontano 3 febbraio 1986, è diventato un impero della fantasia e della creatività, partendo da alcuni piccoli cortometraggi (The Adventures of André and Wally B., realizzato ai tempi della LucasFilm, Luxo Junior, Il sogno di Red, Tin Toy e Knick Knack, tutti compresi nel periodo 1984-1989), via via sempre più accurati e complessi, sia tecnicamente che narrativamente. Riteniamo fondamentale il successo di Geri’s Game, diretto nel 1997 da Jan Pinkava, che riapre la stagione dei corti Pixar, terreno di sperimentazione oltre che palestra per giovani talenti: una sorta di edizione contemporanea della serie di corti disneyani Silly Symphonies.

Il naturale passaggio al lungometraggio, avvenuto con Toy Story nel 1995, ha letteralmente sconvolto il panorama dell’animazione statunitense, contribuendo in buona parte al crollo dei classici della Casa del Topo (protagonista di un trentennio di madornali errori) e lanciando in orbita l’animazione in computer grafica: dal 1995 a oggi, Lasseter e soci hanno (ri)costruito l’idea di animazione commerciale occidentale, inanellando un successo dietro l’altro senza mai abbandonare le suddette emozioni. La dimostrazione dell’elevatissima qualità delle produzioni Pixar, più che nei vari Monsters & Co., Gli Incredibili e Ratatouille, peraltro opere di assoluto livello, appare palese in Toy Story 2, ovvero un sequel. Dove le altre case di produzione, avvinghiate al box office con mani e piedi, hanno sempre artisticamente fallito (citiamo come esempio più recente L’era glaciale 3), la Pixar ha mantenuto fede alle sue linee guida: la storia come base e la tecnica come sviluppo. Tutto nasce da una buona idea, perfezionata e coccolata nel corso del tempo e portata sullo schermo con maniacale perfezionismo. Valgano, in questo senso, le illuminanti e illuminate parole di Lasseter: «Importa chi sei, non come usi la tecnica, ed è questo che fa la differenza […] la tecnologia è uno strumento al servizio della storia, non viceversa». Una filosofia perfettamente coincidente con il modus operandi di Hayao Miyazaki, non a caso indicato a più riprese da Lasseter e soci come un vero e proprio punto di riferimento (cfr. Omaggio a Cartoonia in Speciale Hayao Miyazaki). Ed è per questo motivo che attendiamo con l’acquolina in bocca il terzo capitolo delle avventure di Buzz Lightyear e Woody (e del dinosauro Rex), certi che non sarà un seguito realizzato solo per sfruttare i precedenti successi commerciali.

Il Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird, consegnato il 6 settembre 2009 in Sala Grande, consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. Non un punto di arrivo, ma una tappa importantissima di un cammino ancora lungo e sicuramente foriero di soddisfazioni. Una scelta più che condivisibile della Mostra del Cinema di Venezia e del direttore Marco Müller.

Il 16 ottobre uscirà nelle sale Up di Pete Docter e Bob Peterson, l’autunno successivo Toy Story 3 – La grande fuga di Lee Unkrich. Poi Cars 2 di John Lasseter e Brad Lewis, Ribelle – The Brave di Mark Andrews e Brenda Chapman, Monsters University di Dan Scanlon…
L’avventura continua.

Lungometraggi
Toy Story – Il mondo dei giocattoli (1995) di John Lasseter
A Bug’s Life (1997) di John Lasseter e Andrew Stanton
Toy Story 2 – Woody e Buzz alla riscossa (1999) di John Lasseter, Ash Brannon e Lee Unkrich
Monsters & Co. (2001) di Pete Docter, David Silverman e Lee Unkrich
Alla ricerca di Nemo (2003) di Andrew Stanton e Lee Unkrich
Gli Incredibili (2004) di Brad Bird
Cars – Motori ruggenti (2006) di John Lasseter e Joe Ranft
Ratatouille (2007) di Brad Bird e Jan Pinkava
Wall-E (2008) di Andrew Stanton
Up (2009) di Pete Docter e Bob Peterson
Toy Story 3 – La grande fuga (2010) di Lee Unkrich
Cars 2 (2011) di John Lasseter e Brad Lewis
Ribelle – The Brave (2012) di Mark Andrews e Brenda Chapman
Monsters University (2013) di Dan Scanlon
Cortometraggi
The Adventures of André and Wally B. (1984) di Alvy Ray Smith
Luxo Junior (1986) di John Lasseter
Il sogno di Red (1987) di John Lasseter
Tin Toy (1988) di John Lasseter
Knick Knack (1989) di John Lasseter
Il gioco di Geri (1997) di Jan Pinkava
Pennuti spennati (2000) di Ralph Eggleston
La nuova macchina di Mike (2002) di Pete Docter e Roger Gould
L’agnello rimbalzello (2003) di Bud Luckey e Roger Gould
Jack-Jack Attack (2005) di Brad Bird
Mr. Incredible and Pals (2005) di Roger Gould
One Man Band (2005) di Mark Andrews e Andrew Jimenez
Carl Attrezzi e la luce fantasma (2006) di John Lasseter
Stu – Anche un alieno può sbagliare (2006) di Gary Rydstrom
Il tuo amico topo (2007) di Jim Capobianco
Presto (2008) di Doug Sweetland
Burn-E (2008) di Angus MacLane
Partly Cloudy (2009) di Peter Sohn
La missione speciale di Dug (2009) di Ronnie del Carmen
Quando il giorno incontra la notte (2010) di Teddy Newton
Vacanze hawaiiane (2011) di Gary Rydstrom
La luna (2011) di Enrico Casarosa
Small Fry (2011) di Angus MacLane
Info
Il sito ufficiale della Pixar.
Gli studios della Pixar su Google Maps.
Il canale youtube della Pixar.
La pagina facebook della Pixar.
  • Toy-Story-1995-Pixar.jpg
  • A-Bugs-Life-1997-Pixar.jpg
  • Monsters-and-Co-2001-Pixar.jpg
  • Finding-Nemo-2003-Pixar.jpg
  • The-Incredibles-2004-Pixar.jpg
  • Cars-2006-Pixar.jpg
  • Ratatouille-2007-Pixar.jpg
  • Wall-E-2008-Pixar.jpg
  • Up-2009-Pixar.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    alla-ricerca-di-doryAlla ricerca di Dory

    di , Tredici anni dopo le avventure di Nemo, Lasseter e soci cercano di trovare il giusto equilibrio tra creatività e corsa al box office. I pixel sfavillanti, l'elogio della diversità e i buoni sentimenti declinati in uno script vivace non cancellano però le perplessità sulle scelte e sul futuro creativo della Pixar.
  • Animazione

    Inside Out RecensioneInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • Animazione

    Monsters University

    di Mike Wazowski e James P. Sullivan e i loro anni di college. La Pixar colpisce ancora con il prequel Monsters University, diretto da Dan Scanlon.
  • Animazione

    Monsters & Co. 3D

    di , , Mostropoli è una ridente città dove risiedono mostri di ogni tipo. Sulley e Mike sono il miglior team di spavento alla Monsters & Co...
  • Animazione

    Alla ricerca di Nemo 3D

    di , Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa...
  • Animazione

    Ribelle – The Brave

    di , In un'aspra e mitica Scozia, l'irruente Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, preferirebbe diventare arciere, un desiderio che contrasta con le aspettative che sua madre ha per lei...
  • Animazione

    Cars 2 RecensioneCars 2

    di , La popolare macchina da corsa Saetta McQueen e il suo incomparabile carro attrezzi Cricchetto devono attraversare l’oceano per partecipare al primissimo Grand Prix Mondiale...
  • Animazione

    Toy Story 3 RecensioneToy Story 3 – La grande fuga

    di Il sapore agrodolce di Toy Story 3, nella sua armoniosità conclusiva, è assai più gustoso dell'inutile e intestardito replicarsi delle saghe della Dreamworks, con l'orco Shrek, il panda Po e i viziati animali newyorchesi...
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    WALL-E RecensioneWALL-E

    di Nella sua prima parte, WALL-E vive sul racconto visivo, sulle espressioni dei tre personaggi. Due robot e un insetto. Nessuna parola, solo suoni. In questo senso, WALL-E è un prodigioso atto di coraggio.
  • Animazione

    Coco

    di , Ridotto all'osso, l'impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d'arrivo inseguito per anni da Lasseter e soci: classico, Classici. Coco è un “Classico della Pixar”.
  • Animazione

    Toy Story Tutto un altro mondo Recensione | Quinlan.itToy Story – Tutto un altro mondo

    di Special televisivo scritto e diretto da Steve Purcell nel 2014, Toy Story - Tutto un altro mondo è una giocosa avventura dai contorni fantasy in grado di condensare e riproporre in una ventina di minuti alcuni dei temi chiave dell'universo immaginifico pixariano.
  • Animazione

    Toy Story of Terror RecensioneToy Story of Terror!

    di MacLane ci regala una rivisitazione della sequenza della doccia di Psyco, affida al pedante Pricklepants la puntuale analisi del genere horror/thiller, mantiene elevato il ritmo e la tensione. Ma soprattutto coglie in pieno lo spirito della saga di Toy Story...
  • Animazione

    Gli Incredibili 2 RecensioneGli Incredibili 2

    di Il ritorno della famiglia Parr non fuga i dubbi sul nuovo corso della Pixar, su una modalità produttiva assai distante dagli anni Novanta e Duemila e sempre più prossima alla castrante politica disneyana.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento