Copia conforme

Copia conforme

di

Il regista che negli ultimi decenni ha dimostrato di sapere capire meglio il dispositivo ottico che presiede allo sguardo occidentale, ovvero la prospettiva centrale, doveva prima o poi fare i conti con la sua “culla” toscana: Copia conforme di Abbas Kiarostami, in concorso al Festival di Cannes 2010.

Quando la prospettiva è davvero centrale

In occasione dell’uscita del suo ultimo libro in Italia, lo scrittore inglese James tiene una conferenza sulla stretta relazione tra l’originale e la copia nell’arte. In Italia l’uomo conosce una giovane gallerista d’origine francese con la quale trascorre qualche ora per le stradine di un piccolo paese del sud della Toscana. Quando la donna per divertimento lo spaccia per suo marito, un uomo spesso assente, lo scrittore si presta al gioco… [sinossi]

Potrebbe sembrare bizzarra, o fuori posto, l’idea di un film di Kiarostami fuori dall’Iran. Eppure, è facile convincersi che non solo non è affatto strano che Kiarostami faccia un film in Toscana – ma che era anzi addirittura inevitabile. Prima o poi, il regista che negli ultimi decenni ha dimostrato di sapere capire meglio (esaltandolo e distruggendolo allo stesso tempo) il dispositivo ottico che presiede allo sguardo occidentale, ovvero la prospettiva centrale, doveva fare i conti con la sua “culla” toscana. Basta guardare praticamente anche solo due minuti a caso dei suoi film per rendersi conto di quanto sottilmente e caparbiamente Kiarostami abbia sempre saputo giocare con il famoso “triangolo” della prospettiva albertiana. Ovvero, quel dispositivo che permette di ottenere la copia conforme (o quasi) di ciò che uno sguardo qualsiasi in un punto qualsiasi si ritrova davanti.
Già dalla prima inquadratura, abbiamo il totale di una scrivania che fa bella mostra di un volume (siamo alla sua presentazione ufficiale, con tanto di autore). L’immagine sulla copertina fa riferimento con ogni evidenza al “cono” della prospettiva centrale. Controcampo a 180°, e abbiamo ancora un’enfatizzazione visuale di questo “cono”: il corridoio centrale tra due schiere di seggiole per il pubblico. Ma ecco che entra Juliette Binoche e il figlio. Lei percorre tutto il “cono” e si sedie davanti. Il figlio invece resta a lato. Ben presto, per seguire l’interazione madre-figlio la simmetria impostata dalla prospettiva e dai campo-controcampo frontali viene sconvolta da inquadrature che inquadrano la Binoche di profilo invece che da davanti (dal punto di vista della scrivania, dove sta lo scrittore). Ecco che l’asse tra il punto di vista e ciò che esso vede viene infranto da qualcosa che ne sta fuori.
Da lì in poi, tutto il film sarà costruito su giochi del genere. La Toscana (Lucignano, in particolare) viene vista solo di sbieco, cioè come qualcosa che si scorge solo ai margini dell’interazione tra il punto di vista e ciò che esso vede anziché essere direttamente e frontalmente guardato. Quando i protagonisti vanno in macchina, non solo percorrono il “cono” della prospettiva anziché piazzarsi nel punto in cui esso si produce otticamente, ma le “pareti” di questo cono (nella fattispecie: gli edifici al lato della strada) si riflettono sul parabrezza sovrapponendosi ai volti dei protagonisti.

Gli esempi di configurazioni analoghe potrebbero prolungarsi all’infinito: Copia conforme non smette mai di trovarne. Ma probabilmente l’esempio principale di questo è la trama del film: l’uomo (lo scrittore, “lo sguardo”) e la donna (la Binoche, l’”oggetto” dello sguardo) cominciano a corteggiarsi, solo per fare scoprire allo spettatore dopo svariate decine di minuti di film che erano già da anni marito e moglie, in seguito caduti in una profonda crisi coniugale. Perché questo trucchetto? Per ridurre le distanze tra l’originale e la copia conforme, tra la prima irripetibile volta (l’alberghetto della prima notte di nozze…) e l’ennesima, tra il fiorire di un amore e il suo crollo. Il film infatti finirà senza che ci sia dato di sapere se il tentativo della Binoche di riconquistare il marito sia andato a buon fine. Insomma: la relazione tra lo sguardo e il suo oggetto non è mai stabile, è sempre in una tensione che non finisce mai di percorrere l’immagine per tranquilla che essa sia (e le immagini di Kiarostami notoriamente lo sono). La relazione che intercorre tra lo sguardo e ciò che esso vede, come diceva Jean-Luc Nancy (filosofo che non a caso ha anche scritto un libro a quattro mani insieme a Kiarostami), trema. E le incessanti invenzioni visive di Kiarostami restituiscono in modo giocoso, libero, freschissimo, questo tremare.

Info
Il trailer di Copia conforme.
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-001.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-002.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-003.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-004.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-005.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-006.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-007.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-008.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-009.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-010.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-011.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-012.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-013.jpg
  • copia-conforme-2010-Abbas-Kiarostami-014.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2017

    L'amore secondo Isabelle RecensioneL’amore secondo Isabelle

    di Auto-parodica e malinconica riflessione sull'amore, lontanamente ispirata ai Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes, L'amore secondo Isabelle segna il ritorno di Claire Denis. Alla Quinzaine a Cannes 2017.
  • Venezia 2016

    Intervista a Mohsen Makhmalbaf

    Abbiamo incontrato Mohsen Makhmalbaf durante Venezia 2016, in maniera un po' rocambolesca. Ci ha dato infatti appuntamento genericamente “sotto gli alberi”.
  • Venezia 2016

    Venezia omaggia Kiarostami

    La Mostra di Venezia ha organizzato un doveroso omaggio ad Abbas Kiarostami, maestro del cinema iraniano scomparso di recente. Oltre a due cortometraggi inediti è stato presentato al pubblico del Lido il documentario sul regista diretto dal suo braccio destro, Samadian Seifollah.
  • Archivio

    Sils Maria RecensioneSils Maria

    di Olivier Assayas in Sils Maria racconta la crisi di un’attrice di mezza età costretta a tornare a ragionare sulla pièce con cui esordì da adolescente. In concorso a Cannes 2014.
  • Archivio

    Qualcuno da amare RecensioneQualcuno da amare

    di Il film giapponese di Abbas Kiarostami non passerà alla storia, ma ha qualcosa di interessante da dire sui rapporti interpersonali nell'oriente occidentalizzato e sul rinnovamento della sophisticated comedy contemporanea.
  • Archivio

    About Elly RecensioneAbout Elly

    di La storia di Elly segue le orme di un thriller e tuttavia lo nega: i protagonisti della drammatica inchiesta, tre giovani coppie con figli al seguito, sembrano voler indagare su chi sia realmente la giovane ragazza scomparsa più che capire veramente che fine abbia fatto...
  • Archivio

    Words and Pictures RecensioneWords and Pictures

    di Nella battaglia fra parole e immagini, il film di Fred Schepisi supporta visibilmente più le prime delle seconde ma senza sufficiente forza e vitalità da onorare né la tradizione della screwball comedy né quella del romance strappalacrime.
  • Cannes 2018

    3 Faces RecensioneTre volti

    di Cinema e vita, la necessità della (auto)rappresentazione, i tempi passati e presenti dell'immaginario di un popolo. Tre volti di Jafar Panahi riflette sull'urgenza dell'espressione, sulle lusinghe dell'illusione. In concorso a Cannes 2018.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento