I Saw the Devil

I Saw the Devil

di

La sagacia registica e le seducenti scelte estetiche di Kim finiscono per sovrastare, come in alcuni lavori precedenti, l’impianto e lo sviluppo narrativo: pur regalando più di una sequenza memorabile, I Saw the Devil sembra infatti sgretolarsi nel corso dei suoi eccessivi centoquarantaquattro minuti. Presentato al Torino Film Festival nella sezione Rapporto confidenziale.

Il sapore della vendetta e del sangue

Kyung-chul è un pericoloso psicopatico che uccide per puro piacere. Ha commesso un’infernale serie di omicidi in modi diabolici che non si possono nemmeno immaginare, uccidendo giovani donne e bambini. La polizia lo insegue da tempo, ma non è ancora riuscita a catturarlo. Un giorno Joo-yeon, figlia di un capo della polizia in pensione, diventa la sua preda: quando viene trovata morta il suo fidanzato Dae-hoon, un agente segreto, decide di rintracciare l’assassino. Spinto da un’insopprimibile brama di vendetta, l’uomo si mette sulle tracce dell’assassino, utilizzando metodi non meno brutali per portare avanti le indagini… [sinossi]

Sulla elevata qualità tecnica e artistica del cinema coreano, sia autoriale che di genere, non ci sono dubbi, nonostante una più che naturale flessione dopo i fasti della new wave che ha travolto e rigenerato l’industria cinematografica alla fine degli anni Novanta, portando alla ribalta nazionale e internazionale giovani e talentuosi cineasti [1]. Tra i registi emersi alla fine del secolo scorso, Kim Ji-woon ha il grande merito di aver saputo convincere critica e pubblico, sia in Corea del Sud che in buona parte del mondo. Titoli come The Quiet Family (1998) e The Foul King (2000) lo hanno reso popolare in Corea e dintorni, mentre con Two Sisters (2003), Bittersweet Life (2005) e The Good, the Bad, the Weird (2008) ha superato i confini nazionali. Non è un caso, infatti, che Kim Ji-woon stia lavorando all’action The Last Stand (2012) con Arnold Schwarzenegger, prodotto dalla Di Bonaventura Pictures (Salt, G.I. Joe – La nascita dei Cobra, Transformers – La vendetta del caduto) [2].

Con il thriller dai risvolti orrorifici I Saw the Devil, programmato nella sezione Rapporto confidenziale del recente Torino Film Festival 2010 [3], Kim mostra ancora una volta pregi e difetti del proprio cinema, dalla maestria tecnica allo scricchiolante equilibrio della sceneggiatura. La sagacia registica e le seducenti scelte estetiche di Kim finiscono però per sovrastare, come in alcuni lavori precedenti, l’impianto e lo sviluppo narrativo: pur regalando più di una sequenza memorabile, I Saw the Devil sembra infatti sgretolarsi nel corso dei suoi eccessivi centoquarantaquattro minuti. Ed è quasi paradossale confrontare l’asciutto ed efficacissimo incipit con la deriva sovrabbondante della seconda parte della pellicola, in cui i finali si moltiplicano e si dilungano senza apparente motivo [4]. Al primo omicidio del luciferino serial killer Kyung-chul, la cui brutalità è enfatizzata dalla geometrica costruzione della sequenza e dalla dilatazione temporale che enfatizza la suspense, potremmo aggiungere numerose scene: la complessa sequenza del ritrovamento della testa della bella e sventurata Joo-yeon, l’intera sequenza nella serra, il massacro in taxi, il vis-à-vis nello studio medico tra Kyung-chul e Dae-hoon, la sequenza nella cella frigorifera e nella cucina.

Portando alle estreme conseguenze il tema della vendetta, argomento cardine del cinema coreano contemporaneo, I Saw the Devil non risparmia apprezzabili efferatezze e dettagli grandguignoleschi, funzionali a un racconto che vorrebbe catturare e riuscire a rappresentare l’essenza maligna di Kyung-chul e la conseguente discesa agli inferi di Dae-hoon. Supportato dalle ottime performance di Lee Byung-hun (Dae-hoon) e Choi Min-sik (Kyung-chul), Kim non possiede però il dono della sintesi e dell’asciuttezza (si veda soprattutto il bizzarro remake The Good, the Bad, the Weird) e I Saw the Devil finisce per lasciare un retrogusto amaro: una sorta di occasione mancata, lontana da ben più riusciti thriller coreani come The Chaser (2008) di Na Hong-jin o il caposaldo Memories of Murder (2003) di Bong Joon-ho.

Note
1. Pochi, al contrario, i registi attivi nei decenni precedenti che hanno trovato spazio nel nuovo cinema coreano.
2. Assai numerosi i casi di registi asiatici (hongkonghesi, giapponesi e via discorrendo) che hanno tentato l’avventura in Occidente, spesso scontrandosi con logiche e sistemi troppo distanti dalle loro abitudini. Sarà interessante, quindi, seguire le sorti di Kim Ji-woon in terra straniera.
3. I Saw the Devil ha già avuto più di un’importante vetrina internazionale, passando per i festival di Toronto, Sitges e Stoccolma.
4. Il cinema di Kim, sia per la folgorante tecnica che per la scrittura bulimica, potrebbe effettivamente adattarsi senza difficoltà agli schemi hollywoodiani.
Info
Il trailer originale di I Saw the Devil.
I Saw the Devil sul sito del Torino Film Festival.
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-01.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-02.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-03.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-04.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-05.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-06.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-07.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-08.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-09.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-10.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-11.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-12.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-13.jpg
  • I-Saw-The-Devil-2010-Kim-Jee-woon-14.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Snowpiercer RecensioneSnowpiercer

    di Una nuova era glaciale stermina tutti gli abitanti del pianeta a eccezione dei viaggiatori dello Snowpiercer, un treno ad alta velocità che fa il giro del mondo...
  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • AltreVisioni

    The Berlin File

    di L'altalenante Ryo Seung-wan firma una delle sue opere più convincenti, spy thriller teso e privo di compromessi. Presentato al Far East nel 2013.
  • Archivio

    The Last Stand – L’ultima sfida

    di Il boss della droga Cortez riesce a fuggire alla custodia dell'FBI, rubando una macchina e dirigendosi verso il confine messicano...
  • AltreVisioni

    The Yellow Sea

    di The Yellow Sea assume ben presto le fattezze di un classico action hitchcockiano, con il protagonista costretto a confrontarsi con un piano criminoso più grande di lui...
  • AltreVisioni

    The Man From Nowhere

    di Le apparenze possono ingannare. Dietro a un riservato proprietario di un banco dei pegni può nascondersi un'inesorabile macchina da guerra addestrata dai servizi segreti...
  • AltreVisioni

    The Chaser

    di Il devastante esordio alla regia di Na Hong-jin, un thriller teso, cupo e iperviolento in una Corea del Sud livida e turbolenta.
  • AltreVisioni

    the-unjustThe Unjust

    di Un serial killer sta terrorizzando la cittadinanza e la pressione sulle forse dell'ordine è diventata insostenibile per le autorità. In un vortice di errori procedurali, illegalità e corruzione, il capitano Choi viene incaricato di "risolvere" il caso.
  • Cannes 2016

    The-WailingThe Wailing

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi.
  • Venezia 2016

    The-Age-of-ShadowsThe Age of Shadows

    di The Age of Shadows è un blockbuster intricato e avvincente, una spy-story che cresce sequenza dopo sequenza, sospinta dal funambolico talento di Kim Jee-woon e dalla magnetica presenza scenica di Song Kang-ho.
  • AltreVisioni

    bedevilledBedevilled

    di L'isola messa in scena in Bedevilled è un microcosmo infernale, pregno di bestiale ignoranza e istinti deviati. Stupri, incesti, violenze fisiche e psicologiche, umiliazioni, privazioni... Presentato al Far East 2011.
  • Cannes 2019

    The Gangster, the Cop, the Devil RecensioneThe Gangster, the Cop, the Devil

    di Mescola un po’ le carte l'opera seconda di Lee Won-Tae, presentata fuori concorso a Cannes 2019. Battute, omicidi e pestaggi, alcune sequenze mirabili, cast di livello. Tutto già visto, scivola via piacevolmente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento