Megamind

Megamind

di

Come spesso accade nell’industria dei sogni, Megamind potrebbe ricordare un recente prodotto di successo, Cattivissimo Me, che con un approccio più favolistico metteva in scena la scontata redenzione di un cosiddetto “cattivo”: il film diretto da McGrath si muove però su un fronte diverso, mettendo in gioco non solo i concetti basilari di bene e male, ma offrendo buoni spunti di riflessione sulla figura del supereroe classico americano, sulla sua nemesi, in questo caso assai bizzarra, sul destino e sul potenziale distruttivo/costruttivo del rapporto col prossimo.

I’m (no) Superman

Megamind ha un progetto piuttosto ambizioso, quello di conquistare il mondo, e finora il suo avversario Metro Man, supereroe mascherato, è sempre riuscito a contrastarlo. Tutto cambia il giorno in cui Megamind nel bel mezzo di uno dei suoi contorti piani malefici uccide accidentalmente Metro Man: il supercattivo Megamind si ritrova senza più nessuno da combattere e cade in totale depressione. Così decide di costruirsi lui stesso un nemico, Titan, più grande e più forte di quanto non lo sia mai stato Metro Man. Ma di fronte alla sua diabolica creatura, riuscirà Megamind a rimanere il genio del male? [sinossi]
But I can’t do this all on my own
No I can’t do this all on my own
I know that I’m no Superman
I’m no Superman
Lazlo Bane – Superman

Il nuovo lungometraggio in computer grafica e 3D della DreamWorks Animation, distribuito nel Bel Paese dalla Universal a partire dal 17 dicembre in piena bagarre natalizia, ci riconcilia parzialmente con Tom McGrath, già co-regista e co-sceneggiatore del fiacco Madagascar (2005) e del pessimo sequel Madagascar 2 – Via dall’isola (2008) [1]. Tanto era poco ispirato il suddetto dittico quanto è ben scritto e curato nei dettagli Megamind: oltre al lavoro creativo dei due sceneggiatori Alan J. Schoolcraft e Brent Simons, vale la pena sottolineare il contributo come creative consultant di Justin Theroux e Guillermo del Toro e, nelle vesti di produttore esecutivo, di Ben Stiller.
Della DreamWorks, che continua ad alternare negli ultimi anni spenti sequel a pellicole ben più vivaci e apprezzabili (Kung Fu Panda, Dragon Trainer), possiamo registrare la buona riuscita di questa nuova produzione: siamo però assai distanti dalla costante ricerca qualitativa e artistica della Pixar [2]. Alla DreamWorks Animation, semmai, deve essere riconosciuto il buon livello tecnico della computer grafica, già mostrato in altre pellicole: oltre a un efficace character design, indubbiamente non innovativo ma adatto ai personaggi e al tono del racconto, Megamind mette in mostra un’animazione fluida, apprezzabili giochi di luce, ricchezza dei dettagli e via discorrendo.

Come spesso accade nell’industria dei sogni, Megamind potrebbe ricordare un recente prodotto di successo, Cattivissimo Me, che con un approccio più favolistico metteva in scena la scontata redenzione di un cosiddetto “cattivo”: il film diretto da McGrath si muove però su un fronte diverso, mettendo in gioco non solo i concetti basilari di bene e male, ma offrendo buoni spunti di riflessione sulla figura del supereroe classico americano, sulla sua nemesi, in questo caso assai bizzarra, sul destino e sul potenziale distruttivo/costruttivo del rapporto col prossimo.
Megamind è un’avventura divertente, arricchita da qualche azzeccata citazione (dall’ovvio Superman, ripetutamente parodiato, allo storico videogioco Donkey Kong), che non si nega qualche venatura triste, qualche momento di sospensione. Col suo tono scherzoso, scandito da una colonna sonora tra rock e pop [3], lo script di Schoolcraft e Simons assomiglia più a una rilettura scanzonata e ipercolorata di Unbreakable – Il predestinato di Shyamalan che al monocorde film di Pierre Coffin e Chris Renaud.

Ribaltando gli stereotipi – da Metro Man/Superman, con fiera mascella reaganiana e indole da Elvis Presley, in crisi di identità a una Roxanne Ritchie/Lois Lane che non ha bisogno di essere salvata – e cercando di definire sufficientemente ogni personaggio, spalla comica compresa, Megamind si rivela un buon prodotto, adatto a ogni fascia di pubblico.

Note
1. Per il 2012 la DreamWorks ha messo in cantiere il terzo episodio della serie, Madagascar 3, affidato alla regia del solo Eric Darnell, che con McGrath aveva appunto realizzato i primi due capitoli. Darnell aveva diretto nel 1998, insieme a Tim Johnson, ‘Z’ la formica, primo lungometraggio in CG della DreamWorks.
2. Alla già citata serie di Madagascar, non possiamo dimenticare la parabola discendente di Shrek. Attendiamo con una certa ansia Kung Fu Panda 2. La fantasia al potere…
3. Le divagazioni musical, purtroppo elemento irrinunciabile per buona parte delle produzioni animate in computer grafica, sono uno scotto da pagare anche in Megamind: una forzatura spesso stonata che in questo caso si riesce a sopportare.
Info
Il sito ufficiale di Megamind.
Megamind su facebook.
Megamind su twitter.
Il trailer italiano di Megamind.
  • megamind-2010-Tom-McGrath-01.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-02.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-03.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-04.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-05.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-06.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-07.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-08.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-09.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-10.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-11.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-12.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-13.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-14.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-15.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-16.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-17.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-18.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-19.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-20.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-21.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-22.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-23.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-24.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-25.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-26.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-27.jpg
  • megamind-2010-Tom-McGrath-28.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Dragon Trainer 2 RecensioneDragon Trainer 2

    di Dean DeBlois firma un sequel tecnicamente ineccepibile, ma sostanzialmente superfluo, narrativamente soffocato dalla sovrastruttura spettacolare.
  • Animazione

    Cattivissimo Me 2

    di , L'ex-supercattivo Gru, attorniato dalle tre figlie e dalla solita fiumana di buffi e pasticcioni minion, dovrà rimettersi in azione per sventare un piano criminale (supercriminale!) e salvare il pianeta. Ma l'impresa più ardua sembra essere quella paterna. E materna...
  • Animazione

    Madagascar 3 – Ricercati in Europa

    di , , Alex il leone, Marty la zebra, Melman la giraffa e Gloria l'ippopotamo stanno ancora cercando di tornare nella loro amata Grande Mela...
  • Animazione

    Kung Fu Panda 2

    di Po sta vivendo il suo sogno come Guerriero Dragone, proteggendo la Valle della Pace insieme ai suoi amici maestri di Kung Fu, i Cinque Cicloni: Tigre, Scimmia, Mantide, Vipera e Gru. La nuova vita di Po è però offuscata dall'arrivo di un nuovo formidabile cattivo, Lord Shen...
  • Animazione

    Cattivissimo-MeCattivissimo Me

    di , In un delizioso quartiere fuori città, tra rose e staccionate bianche, abita in una casa nera, su un prato desolato, il malvagio e oscuro super criminale Gru, intento a progettare, con l'aiuto di un piccolo esercito di schiavi, i Minion, il più grande colpo della storia del mondo: rubare la Luna!
  • Animazione

    Kung Fu Panda RecensioneKung Fu Panda

    di , Po è il fan di kung fu più sfegatato che si sia mai visto. Improvvisamente chiamato a esaudire un’antica profezia, i sogni di Po si avverano e il panda entra a far parte del mondo del kung fu per allenarsi al fianco dei suoi idoli, i leggendari Cinque Cicloni...
  • Archivio

    Kick-Ass RecensioneKick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Animazione

    I Croods RecensioneI Croods

    di , I Croods non rinuncia ai meccanismi comici cari alla DreamWorks, tra piccoli tormentoni e le immancabili spalle comiche, ma vi aggiunge una felice ironia e soprattutto un ritmo indiavolato e trascinante.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore RecensioneCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Animazione

    Le 5 leggende RecensioneLe 5 leggende

    di Presentato in anteprima al Festival di Roma 2012, Le 5 leggende è un valido prodotto d'intrattenimento che riesce a dosare azione e comicità, buoni sentimenti e interessanti soluzioni grafiche.
  • Archivio

    Wolverine L'immortale RecensioneWolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • Archivio

    X-Men le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • Archivio

    Watchmen RecensioneWatchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Animazione

    Lorax – Il guardiano della foresta

    di , Ted, un ragazzo che ama in segreto la bella Audrey, è alla ricerca di quanto possa tornargli utile a conquistare il cuore dell’amata quando s’imbatte in un Lorax, una piccola creatura, burbera e affascinante...
  • Animazione

    Mostri contro Alieni RecensioneMostri contro Alieni

    di , Il rischio che Mostri contro Alieni finisse per trasformarsi in un mero e stanco accumulo di citazioni era decisamente forte, ma Vernon e Letterman sono riusciti nell’impresa di amalgamare questo aspetto con il reale corpus narrativo dell’opera...
  • Animazione

    lera-glaciale-4L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva

    di , Il cataclisma continentale causato da Scrat spinge gli amici Manny, Diego e Sid ad affrontare l'avventura più grande. A bordo di una zattera-iceberg, incontreranno diverse creature marine e affronteranno i pirati, ma soprattutto scopriranno un nuovo mondo...
  • Animazione

    Madagascar 2 – Via dall’isola

    di ,

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento