Berlinale 2011 – Presentazione

Berlinale 2011 – Presentazione

Berlinale 2011 è la sessantunesima edizione del festival tedesco, che conferma il suo ruolo di primaria importanza all’interno del panorama europeo proponendo una struttura oramai consolidata, con il concorso “accompagnato” dalle sezioni autonome e collaterali, Panorama e Forum, per uno sguardo a trecentosessanta gradi sul cinema contemporaneo.

In un mondo del cinema sempre più caotico, frenetico e dispersivo, con i grandi festival che si rincorrono l’un l’altro cercando disperatamente di strapparsi anteprime mondiali e star da esporre in bella vista, fa uno strano effetto approcciarsi alla Berlinale 2011. La più importante kermesse cinematografica tedesca, nonché una delle principali d’Europa insieme a Cannes e Venezia – e con Rotterdam sulla definitiva rampa di lancio – rinnova il suo appuntamento mostrando al pubblico un volto oramai conosciuto fin nei minimi particolari. Trovato il suo assetto più naturale, con il concorso ufficiale attorniato da un lato dall’autorialità consolidata di Panorama e dall’altro dal magmatico calderone di Forum, in cui convergono le opere meno allineate e più destabilizzanti – e, sovente, i veri e propri colpi di fulmine – il festival non sembra al momento avere molta voglia di cambiare né di sperimentare nuovi percorsi. A puntellare qua e là il programma, a parte alcuni eventi speciali fuori concorso, tra cui un doveroso omaggio a Mario Monicelli (la proiezione de Il marchese del Grillo) e l’opera seconda di Gianni Di Gregorio, Gianni e le donne, le retrospettive e l’abituale appuntamento con Generation, sezione dedicata ai film su/per/con bambini e adolescenti.

Inutile star a sottolineare come uno dei pezzi da novanta dell’intero palinsesto sia rappresentato proprio dal film di apertura, Il Grinta di Joel ed Ethan Coen, versione riveduta e corretta del non indimenticabile classico di Henry Hathaway con John Wayne: per il resto, il programma del concorso è arricchito da The Turin Horse di Béla Tarr, a tre anni di distanza dall’ammaliante A Londoni férfi; dal mondo di silhouette stereoscopiche de Les Contes de la nuit, diretto da Michel Ocelot; da Come Rain, Come Shine, nuovo capitolo sulla riflessione sui rapporti interpersonali per Lee Yoon-ki dopo l’ottimo My Dear Enemy (2008). Nel frattempo nel fuori concorso, oltre ai fratelli Coen, si agitano le immagini tridimensionali di due maestri del cinema tedesco come Werner Herzog (Cave of Forgotten Dreams) e Wim Wenders (Pina, dedicato a Pina Bausch). A prima vista viene naturale chiedersi perché titoli come Amador di Fernando León De Aranoa, Life in a Day di Kevin MacDonald e Mothers di Milcho Manchevski non siano riusciti a trovare una collocazione tra i concorrenti all’Orso d’Oro: ma è sempre stata questa la forza di una sezione come Panorama, davvero in grado di segnalarsi come lo specchio riflesso del concorso, il suo negativo fotografico. A dimostrarlo ulteriormente ci pensano altre scelte lungimiranti, come Vampire, con uno Shunji Iwai in trasferta nordamericana, Tomboy di Céline Sciamma (già autrice del bel ritratto adolescenziale di Naissance des pieuvres), Together di Zhao Liang, Dance Town, capitolo conclusivo della “trilogia della città” di Jeon Kyu-hwan, e The Unjust, il nuovo film di quel Ryu Seung-wan già autore di interessanti progetti cinematografici come Arahan, Crying Fist, e The City of Violence.

Christian Petzold (Yella, Jerichow) con Beats Being Dead si propone come alfiere della Germania in Forum, come da tradizione sezione destinata a segnalarsi crocevia di intenti, idee e fucina di nuovi talenti. Molti, anche qui, gli autori orientali selezionati, con gli occhi puntati sul fluviale Heaven’s Story di Takahisa Zeze e sulla retrospettiva dedicata al cinema di Minoru Shibuya, regista nipponico morto nel 1980. Da non sottovalutare le potenzialità di Self Referential Traverse: Zeitgeist and Engagement del sudcoreano Kim Sun, per l’occasione in uscita solitaria senza il fratello Kim Gok, e del thailandese (ma coprodotto in Germania) The Terrorists di Thunska Pansittivorakul. A fungere da ideale padrino della ricca sezione il grande sperimentalista statunitense Jonas Mekas, che torna ancora una volta a ragionare su New York e sull’arte sotterranea che viene prodotta nella Grande Mela in Sleepless Night Stories. Insomma, per il pubblico e gli accreditati sta per prendere il via una dieci giorni di incontri cinematografici affascinanti, insoliti, classici e sorprendenti allo stesso tempo, incastonati nella splendida cornice di una delle metropoli europee più moderne e funzionanti. Con la speranza che il gelido inverno tedesco non ci metta lo zampino…

Info
Il sito della Berlinale 2011.

Articoli correlati

  • Torino 2011

    Sleepless Nights Stories

    di Jonas Mekas è l'immagine di un cinema che non c'è più, e la conferma arriva da Sleepless Nights Stories, presentato a febbraio alla Berlinale e riproposto dal Festival di Torino all'interno della sezione Onde.
  • Berlinale 2011

    Berlinale 2011 – Bilancio

    Con l'Orso d'Oro assegnato all'ottimo Nader and Simin, a Separation dell'iraniano Asghar Farhadi si chiude la sessantunesima edizione della Berlinale; se si esclude però un pugno di titoli non è stato il concorso ad attirare lo sguardo cinefilo, più interessato a spostarsi verso Forum e altre sezioni collaterali.
  • Berlinale 2011

    Mothers

    di Mothers è il quarto lungometraggio diretto dal cineasta macedone Milcho Manchevski, che ancora non riesce a scrollarsi di dosso il peso di Prima della pioggia. Qui comunque il risultato è senza dubbio interessante, anche se non tutte e tre le storie raccontate nel film mostrano lo stesso livello di ispirazione.
  • AltreVisioni

    come-rain-come-shineCome Rain, Come Shine

    di Lee accumula lunghi silenzi, inquadrature fisse di stanze vuote, primi piani di volti rattristati, realizzando un film non dissimile dal piatto di pasta cucinato da Lui per Lei, assai prossimo alla logica della nouvelle cuisine: estetica, estetica e poca sostanza.
  • Berlinale 2011

    Self Referential Traverse: Zeitgeist and Engagement

    di Self Referential Traverse: Zeitgeist and Engagement è il nuovo film di Kim Sun, qui "separato" dal fratello Gok ma non per questo impoverito sotto il profilo cinematografico. L'urlo imbestialito di Kim contro la società in cui vive è ammannito da una carica ironica, e assolutamente irriverente.
  • AltreVisioni

    Amador

    di Con Amador Fernando León de Aranoa affronta il tema dell'immigrazione con uno stile disincantato, lucido ma al contempo estremamente divertito. Presentato alla Berlinale 2011 nella sezione Panorama.
  • AltreVisioni

    Il cavallo di Torino

    di , Da qualche parte, sperduti nella campagna: un contadino, sua figlia, un carro e il vecchio cavallo. Fuori dall'abitazione, imperversa una tempesta...
  • Berlinale 2011

    Dance Town

    di Con Dance Town, capitolo conclusivo della trilogia dedicata al tema della "città", Jeon Kyu-hwan si confronta con la straziante lacerazione tra le due Coree attraverso una narrazione essenziale, cruda, disperata e pessimista fino alle estreme conseguenze. In Panorama alla Berlinale 2011.
  • Archivio

    Pina

    di Wim Wenders indaga il mondo di Pina Bausch, acclamata coreografa e ballerina, morta per cancro nel luglio del 2009. Tre balletti creati tra il 1978 e il 2006 ripresi in stereoscopia dal regista tedesco.
  • Animazione

    Les contes de la nuit RecensioneLes contes de la nuit

    di Ogni notte, una ragazza, un ragazzo e un vecchio tecnico di laboratorio si trovano in un piccolo cinema che sembra abbandonato, ma in realtà è ricco di meraviglie...
  • Documentari

    The Terrorists

    di The Terrorists di Thunska Pansittivorakul è un’opera ondivaga, razionale e appassionata, che attraverso l’arma del documentario si propone anche come diario autobiografico e riflessione sul corpo sociale di un paese che vive in una condizione di libertà illusoria, dal vago retrogusto liberista.
  • AltreVisioni

    Life in a Day RecensioneLife in a Day

    di Invitati a illustrare una giornata della loro vita, gli utenti di centonovantasette paesi hanno inviato circa ottantamila cortometraggi. Così è nato un gigantesco progetto mondiale...
  • AltreVisioni

    the-unjustThe Unjust

    di Un serial killer sta terrorizzando la cittadinanza e la pressione sulle forse dell'ordine è diventata insostenibile per le autorità. In un vortice di errori procedurali, illegalità e corruzione, il capitano Choi viene incaricato di "risolvere" il caso.
  • AltreVisioni

    Heaven’s Story

    di Takahisa Zeze tenta con Heaven's Story un racconto megalitico, stratificato, universale. Un'opera magmatica e affascinante. Alla Berlinale 2011.
  • Archivio

    Tomboy

    di Laure, dieci anni, si trasferisce in un nuovo quartiere. Un po' per gioco, un po' per realizzare un sogno segreto, decide di presentarsi ai nuovi amici come fosse un maschio...
  • Festival

    Berlinale 2011

    Come sempre tonitruante, con le sue sezioni elefantiache in cui scoprire opere preziose e a volte inclassificabili, ecco la Berlinale 2011, sessantunesima edizione dell'evento che per tradizione apre la stagione dei "grandi festival" nel corso dell'anno, prima di Cannes e di Venezia.
  • Archivio

    Il Grinta RecensioneIl Grinta

    di , Avvincente film d'avventura, Il Grinta, nuovo parto creativo di Joel ed Ethan Coen, è allo stesso tempo un'acuta riflessione sulla caducità dell'uomo e, ancor più, un contorto sentiero di formazione.
  • AltreVisioni

    Cave of Forgotten Dreams

    di Con una apparente veste da documentario divulgativo, Cave of Forgotten Dreams è in realtà l'ennesimo esempio di come Herzog sia capace di reinventare continuamente il cinema e il suo cinema, affidandosi anche a strumenti atti al mero imbonimento spettacolare come il 3D.

Leave a comment