Un gatto a Parigi

Un gatto a Parigi

di ,

Un gatto a Parigi è un luminoso esempio di film per bambini, nel senso positivo del termine. Non siamo di fronte a un linguaggio banalizzato e traboccante birignao che si rivolge a un pubblico di supposti decerebrati, ma a un prodotto pensato come un intrattenimento intelligente, artisticamente e tecnicamente accurato, mai banale dal punto di vista narrativo e visivo. In sala dal 18 dicembre.

Il gatto sul tetto che scoatta

Il gatto Dino ha una doppia vita. Di giorno vive con la piccola Zoé, l’unica figlia di Jeanne, un commissario di polizia. La notte scala i tetti di Parigi in compagnia di Nico, un ladro di grande talento. Tutto si complica quando il nemico pubblico numero uno Victor Costa, che ha ucciso il marito di Jeanne e padre di Zoé, decide di rubare la statua gigante del Colosso di Nairobi, sorvegliata da Jeanne… [sinossi]

Nella sezione Generation della Berlinale si trova sempre materiale interessante, anche d’animazione. Registrata la presenza di Michel Ocelot, con l’elegante ma non ispiratissimo Les contes de la nuit, e il poco incisivo passaggio del lungometraggio danese The Great Bear di Esben Toft Jacobsen, torniamo dalla kermesse teutonica con un piccolo gioiello o, per meglio dire, con un gioiello per piccoli. Un gatto a Parigi, aka a Une vie de chat, dell’inscindibile duo Alain Gagnol e Jean-Loup Felicioli è un luminoso esempio di film per bambini, nel senso positivo del termine. Non siamo di fronte a un linguaggio banalizzato e traboccante birignao che si rivolge a un pubblico di supposti decerebrati, ma a un prodotto pensato come un intrattenimento intelligente, artisticamente e tecnicamente accurato, mai banale dal punto di vista narrativo e visivo. Pur non presentando complessi snodi nella sceneggiatura, indubbiamente lineare e scorrevole, Un gatto a Parigi affronta con delicatezza e un certo coraggio tematiche “scottanti” per un film che si rivolge chiaramente a una platea di giovanissimi: il volontario mutismo della piccola Zoé, traumatizzata dalla morte del padre, e le difficoltà della madre Jeanne, divisa tra una bimba da accudire e un lavoro che le ricorda quotidianamente il tragico lutto. Gagnol, autore della sceneggiatura [1], e Felicioli risolvono felicemente anche la rappresentazione del Bene e del Male, manichea ma smussata e resa gradevole da ampie dosi di ironia. Ma a stupire davvero è la parte finale della pellicola, con le sue invenzioni visive, il ritmo incalzante e qualche gag spassosa: la fuga sui tetti, l’allucinazione del Colosso di Nairobi, il fiuto e l’agilità del gatto, il fiume di parole di Zoé…

Un gatto a Parigi, animato con tecnica tradizionale, è anche un ottimo esempio delle possibilità espressive e grafiche dell’animazione, anche con un budget non particolarmente elevato. Con i suoi tratti stilizzati, i fondali a volte abbozzati e monocromatici e una fluidità limitata dei movimenti, il film di Gagnol e Felicioli dimostra come sia fondamentale l’utilizzo e l’accostamento dei colori, la coerenza del tratto e la composizione delle inquadrature. Le linee asimmetriche di Un gatto a Parigi, coi suoi palazzi sbilenchi e i corpi sbilanciati, e i caleidoscopici colori di alcune sequenze mascherano i limiti di un’animazione che non può (e non vuole) inseguire perfezione e realismo, ma che strizza l’occhio alla fantasia degli spettatori.
Da segnalare l’ottima colonna sonora, che spazia da un romantico sax a sonorità jazz, fino al coinvolgente score dei titoli di testa e di coda: blu notte, profilo nero dei palazzi e fugaci figure che danzano su incisive e corpose note à la Hans Zimmer. Un finale da ispirato thriller-noir hollywoodiano.

Note
1. Alain Gagnol, autore di numerosi romanzi, ha sceneggiato tutti i lavori cinematografici e televisivi realizzati con Jean-Loup Felicioli: la serie per il piccolo schermo Les tragédies minuscules (1999), i cortometraggi L’egoïste (1997), Le nez à la fenêtre (2000), Le couloir (2005) e Mauvais temps (2006) e, ovviamente, il lungometraggio A Cat in Paris.
Info
Il trailer italiano di Un gatto a Parigi.
Un gatto a Parigi su facebook.
Un gatto a Parigi sul sito di Folimage.
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-01.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-02.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-03.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-04.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-05.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-06.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-07.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-08.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-09.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-11.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-13.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-14.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-15.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-16.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-17.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-18.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-19.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-20.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-21.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-22.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-23.jpg
  • une-vie-de-chat-2010-alain-gagnol-jean-loup-felicioli-24.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Il grande orso

    di Sofia e Jonathan decidono di recarsi dal nonno che vive nel bosco. Dietro al suo cortile, da molti anni, è cresciuta una grande foresta in cui non vive più nessuno...
  • Animazione

    Les contes de la nuit

    di Ogni notte, una ragazza, un ragazzo e un vecchio tecnico di laboratorio si trovano in un piccolo cinema che sembra abbandonato, ma in realtà è ricco di meraviglie...
  • Animazione

    Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill

    di , Ma maman est en Amérique cerca costantemente un linguaggio comprensibile e diretto per illustrare i rapporti interpersonali, concentrandosi con chiarezza e sincerità sulle dinamiche tra alunni e maestre, tra genitori e figli, tra bambini più grandi e più piccoli...
  • Animazione

    Ernest & Celestine RecensioneErnest & Celestine

    di , , Nel mondo degli orsi non è ammessa l'amicizia coi topi. Ma Ernest, un grosso orso emarginato, clown e musicista, stringe amicizia con Célestine...
  • Animazione

    Pinocchio RecensionePinocchio

    di Il falegname Geppetto si costruisce un burattino da un ciocco di legno e gli dà nome Pinocchio. Ma il burattino scappa e nei suoi numerosi incontri rischia di perdere la vita...
  • Animazione

    La canzone del mare

    di Presentato al Festival di Roma nella sezione Alice nella città, Song of the Sea conferma il talento visivo e narrativo dell’irlandese Tomm Moore. Un altro piccolo miracolo dopo il sorprendente The Secret of Kells.
  • Animazione

    Mune – Il guardiano della luna

    di , Malgrado il lancio reciti “dai creatori di Kung Fu Panda”, Mune è in realtà un prodotto al 100% europeo: un riuscito film d'animazione che fa della varietà dei suoi riferimenti, e della sua leggibilità a più livelli, il suo principale punto di forza.
  • Festival

    Bergamo Film Meeting 2015

    Classici, cinema di genere, documentari, film di registi indipendenti contemporanei e cinematografie inesplorate in una prospettiva in prevalenza europea, per un totale di 120 film in 9 giorni. Questi gli ingredienti del Bergamo Film Meeting 2015...
  • Animazione

    Il piccolo principe

    di Presentato a Cannes, The Little Prince di Mark Osborne rilancia le ambizioni produttive dell’animazione europea, soprattutto francese. Più dei limiti narrativi, ci interessano l’utilizzo della stop motion e la coesistenza con la computer grafica.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord

    di Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé è l'ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Cannes 2016

    La jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Animazione

    Le stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.
  • Animazione

    Dilili a Parigi RecensioneDilili a Parigi

    di Ultimo tassello di un percorso luminoso, Dilili a Parigi aggiunge dettagli significativi al cinema di Michel Ocelot, così splendidamente minuzioso eppure semplice, immediato eppure stratificato.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento