Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata

Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata

di

A distanza di 26 anni dall’originale ecco che i fratelli Vanzina disegnano Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata; un film imperfetto ma che viene comunque naturale difendere, perché non rappresenta di certo il male della produzione nazionale.

Nostalgia, nostalgia canaglia

Alla sfilata del famoso stilista Federico Marinoni, il pubblico va in visibilio per Alexandra, la splendida top model legata da anni alla griffe del couturier. Per lei quella è una consacrazione e un trionfo… Ma sarà anche l’ultima sfilata. Poche ore dopo, infatti, viene travolta da un pirata della strada, che fugge. A indagare sul caso è l’ispettore Vincenzo Malerba, che non è convinto dalla tesi dell’incidente. Intanto, Marinoni sostituisce la sua compianta icona Alxandra con Britt, il cui arrivo crea rivalità e ripicche in famiglia. La più gelosa è Cris, una modella che era la migliore amica di Alexandra. Pensava che sarebbe stata lei a prendere il suo posto, e ora medita vendetta. Ma non fa in tempo a metterla in pratica perchè viene uccisa da un misterioso assassino. I presunti colpevoli, sospettati dall’ispettore Malerba, ora sono tanti… [sinossi]
Nostalgia, nostalgia canaglia 
che ti prende proprio quando non vuoi 
Ti ritrovi con un cuore di paglia 
e un incendio che non spegni mai.
Nostalgia, nostalgia canaglia – Al Bano e Romina Power, 1987

Chi ci legge sa quanta poca indulgenza abbiamo verso le cinemonnezze tricolori, quelle commedie che con la scusa di rinverdire il genere si fanno portavoce del più bieco ciarpame, veicolate nelle casse di risonanze delle nostre tv, dai salotti di Vespa come del palco dell’Ariston. In particolare il sottoscritto, ove possibile, ha sempre, magari con approdi talvolta contrastanti o per nulla condivisibili, cercato di leggere anche nei film di genere più commerciali i “segni” che potessero essere più validi e interessanti; evitando, talvolta rischiando la solenne spernacchiata dei colti, di bocciare “senza se e senza ma” l’opera di un regista magari indifendibile. Fare della critica insomma ma sempre con gli occhi ben aperti. Perché, direte voi, questa lunga divagazione iniziale che sembra togliere posto alla solenne stroncatura dei Vanzina bros.?

Perché questa pellicola non merita stroncatura, perché non sono film come questi che fanno male alla cinematografia nazionale, perché in fin dei conti è un film che si fa vedere. Ma, più di tutto, perché Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata, fin dalle prime inquadrature, sembra un film già datato, appartenente a un passato cinematografico che non esiste più e che non ha alcun aggancio con il reale, con la nostra vita di tutti i giorni. Il cinema nostalgico da “tempo delle mele” dei Vanzina giunge con questa pellicola ad un punto di non ritorno: sintomatico che tutto ciò avvenga da parte di quelli che hanno, volenti o nolenti, inventato e codificato il cinepanettone, con il suo corollario di scempi e volgari risate. Appare infatti chiaro come coloro i quali hanno dato il là ad una nuova vita della commedia italiana (e per vita intendiamo solamente per ciò che concerne gli incassi, degni davvero dei periodi d’oro del nostro cinema) oggi si siano defilati, o siano stati accantonati, sorpassati a destra da una sequela di figliocci (Brizzi, Martani, Bruno), di aziendalisti (Genovese, Miniero) ma soprattutto da chi, fino a l’altro ieri, lavorava con loro: attori e presunte maschere (Christian De Sica su tutti), registi (Neri Parenti) e soprattutto produttori (De Laurentiis). Tutti lì a mungere la vacca della commedia mentre i Vanzina, troppo avanti o troppo indietro (propendiamo per la seconda ipotesi) provano a divincolarsi, fuori tempo massimo, andando a resuscitare un genere mezzo defunto come il thriller, evitando di fatto di fare un remake (nel tempo degli amichetti che tornano al cinema addirittura dal ‘400…). Non siamo certo nel campo delle scelte coraggiose e impavide quanto questa sembra piuttosto la radicale continuazione, per non dire esacerbazione, di un percorso antirealistico e soprattutto antiattualistico portato avanti dai due fratellini fin dall’inizio del loro cinema. È (anche) per questo motivo che non ci sforzeremo mai di ripetere che il cinema dei Vanzina non va letto come specchio dei tempi, nei cui riflessi vedere insomma lo stato delle cose italiane, quanto piuttosto come un cinema rivolto al passato, ad un pugno di nostalgici che si divertono a collezionare parti di mondo come fossero cartoline e a darsi le arie citando piccoli grandi capolavori del cinema. Non si tratta, dunque, di voler rivalutare il cinema dei Vanzina attraverso questa analisi critica, ma semplicemente di constatare il tracciato di un percorso cinematografico che, occorre dirlo, va avanti da 35 anni ormai.

Ciò detto, Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata non è tanto un’opera minore quanto una sorta di divertissment cinefilo, che prende tanto da Bava e Argento, disegnando persino qualche ottimo momento (l’omicidio di una “simpatica” modella, tutto girato con un pianosequenza stretto sulla protagonista della scena che si interrompe improvvisamente nel momento dell’attacco da parte del killer) dimostrazione che il “cinema”, soprattutto il Vanzina regista (Carlo, e questa è un’opera praticamente tutta sua, a differenza di quelle in cui è più forte la firma del fratello Enrico, tipo il recente nonché pessimo Ti presento un amico), lo sanno anche fare.  Continua a non convincerci invece il presunto “cosmopolitismo” del cinema dei Vanzina. Questo non stare mai fermi, questo girare il mondo come si attaccano le bandierine in una celebre applicazione di Facebook (stando dunque tranquilli e seduti sulla propria sedia di casa), non è la dimostrazione di chissà quale spinta cinetica dei bros., quanto piuttosto la conferma di quanto sia da cartolina questo loro viaggiare, questo spostare locations nei posti più estremi del mondo. Non serve a dare un respiro internazionale al film (come la Nuova Zelanda inzeppata a forza in Ex di Brizzi…), non fosse altro per quella smania di ricorrere sempre e comunque alla didascalia, per paura magari che lo spettatore non s’accorga dei tramonti svedesi o delle vallate svizzere. E i Vanzina non sembrano credere nemmeno a una rinascita della “Milano da bere” visto che la Milano protagonista del primo film, quella sì terra di yuppies e modelle (e ci credo, era il 1985!), qui è praticamente assente, fatto salvo per un Duomo simbolico (da cartolina…) all’inizio del film, per il resto si veleggia lungo l’asse laghi lombardi, Svizzera e Svezia, con Milano a fare da comparsa. Da bere, nella Milano della Moratti, è rimasto davvero poco o nulla. Così come del mondo della moda, praticamente assente in questa seconda avventura.

Detto ciò, detto tutto. Di un film il cui intreccio giallo non ha nulla di sorprendente, ma riesce comunque a barcamenarsi e a catturare l’interesse fino alla fine, rimangono alcune interpretazioni: Vanessa Hessler è bella e fa la sua parte, il giovane Francesco Montanari sta diventando una bella certezza dopo le esperienze televisive che lo hanno reso famoso, ma un palmo sopra a tutti sta Richard E. Grant, direttamente da Prêt-à-Porter, il celebre attore altmaniano rende alla grande nella parte del talentuoso e disturbato stilista, che si innamora della sua nuova modella sfiorandola come fosse un rarissimo vaso Ming. Una carezza lunga una vita.

Info
Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata, il trailer.

  • sotto-il-vestito-niente-lultima-sfilata-2011-carlo-vanzina-04.jpg
  • sotto-il-vestito-niente-lultima-sfilata-2011-carlo-vanzina-03.jpg
  • sotto-il-vestito-niente-lultima-sfilata-2011-carlo-vanzina-02.jpg
  • sotto-il-vestito-niente-lultima-sfilata-2011-carlo-vanzina-01.jpg

Articoli correlati

  • Cult

    selvaggi recensioneSelvaggi

    di La fotografia dell'Italia degli anni Novanta, nel pieno dello scontro tra Berlusconi e Prodi, dei fratelli Vanzina passa per Selvaggi. Stavolta l'escamotage per riunire e far interagire rappresentanti di mondi diversi non è la solita vacanza quanto una situazione da Cast Away.
  • Cult

    vacanze in america recensioneVacanze in America

    di Nato sulla scia di un modello di successo ormai collaudato, Vacanze in America di Carlo Vanzina tenta di riproporre la formula delle sue precedenti commedie vacanziere alzando il tiro verso l'ambientazione internazionale. Il risultato è solo una pallida copia di opere ben più riuscite.
  • #tuttiacasa

    tre colonne in cronaca recensioneTre colonne in cronaca

    di Film tra i più ambiziosi dell'intera carriera dei fratelli Vanzina, Tre colonne in cronaca trae ispirazione dall'omonimo romanzo di Corrado Augias e Daniela Pasti per orchestrare un thriller poliziesco in grado di scavare nel torbido dell'Italia a pochi anni da Tangentopoli.
  • #tuttiacasa

    Mystère RecensioneMystère

    di Primo tentativo di percorrere strade diverse da parte di Carlo Vanzina, Mystère è un'opera poco compiuta e coesa che ha scontato però qualche problema produttivo.
  • #tuttiacasa

    Eccezzziunale... veramente RecensioneEccezzziunale… veramente

    di Sesto film dei fratelli Vanzina costruito attorno a un Diego Abatantuono all'apice del successo, e su altri popolari comici dell'epoca. Eccezzziunale... veramente è la tipica comedy of manners dei Vanzina che si incentra su una delle cose più sacre per gli italiani, il calcio e il mondo dei tifosi.
  • Cult

    Sotto il vestito niente RecensioneSotto il vestito niente

    di Al crocevia tra il cinema di De Palma, il giallo italiano di lunga tradizione e uno sguardo rapidamente sociologico, Sotto il vestito niente di Carlo Vanzina si riconferma oggi tra le opere migliori dell'autore romano, prematuramente scomparso pochi giorni fa.
  • Archivio

    Caccia al tesoro RecensioneCaccia al tesoro

    di I fratelli Vanzina tornano alla carica, cercando nuova linfa in una comicità partenopea finora abbastanza estranea al loro percorso. Il risultato è fiacco, anche per via di una lettura morale a dir poco discutibile, e che appesantisce una trama che dovrebbe essere scoppiettante.
  • Archivio

    Non si ruba a casa dei ladri RecensioneNon si ruba a casa dei ladri

    di Carlo Vanzina torna a uno dei suoi temi prediletti, la descrizione della realtà truffaldina in cui vivono gli italiani. Peccato che, come in altre occasioni, il regista parteggi troppo per i suoi protagonisti, disperdendo la satira in una commedia all'acqua di rose.
  • Archivio

    Un matrimonio da favola RecensioneUn matrimonio da favola

    di I fratelli Vanzina firmano una commedia che cerca di muoversi a metà tra il comico grossolano e il romanticismo dei sentimenti, non sempre centrando il bersaglio.
  • Archivio

    Sapore di te RecensioneSapore di te

    di I fratelli Carlo ed Enrico Vanzina tornano alle atmosfere e ai timbri umorali di Sapore di mare. Una commedia corale agrodolce e nostalgica, che racconta amori, amicizie e passioni estive.
  • Archivio

    Mai Stati Uniti RecensioneMai Stati Uniti

    di I Vanzina tornano negli Stati Uniti, ma ne vien fuori una commedia stanca in cui vengono riproposti i soliti cliché dell'italiano negli States.
  • Archivio

    buona giornata recensioneBuona giornata

    di Costellato di innumerevoli episodi che vanno da Milano a Firenze, da Roma a Bari, da Napoli a Potenza, Buona giornata è una pochade che alterna pochissimi spunti divertenti a una sequela di retrive battute prive di qualità.
  • Archivio

    Ex – Amici come prima!

    di Grazie a una sceneggiatura solida e dal ritmo impeccabile e a un cast corale in ottima forma, Ex - Amici come prima è la migliore sortita cinematografica dei fratelli Vanzina da molti anni a questa parte, con buona pace dei detrattori del duo capitolino.
  • DVD

    Sapore di mare RecensioneSapore di mare

    di Estate 1964: un gruppo di ragazzi trascorre le vacanze a Forte dei Marmi, in Versilia. Le loro storie personali si intrecciano sullo sfondo dei successi discografici dell'epoca, tra gag, giochi di spiaggia, amori contrastati, conquiste balneari...
  • Archivio

    ti presento un amico recensioneTi presento un amico

    di Ti presento un amico, nuovo capitolo nella filmografia dei fratelli Vanzina, dà l'idea di partire sconfitto, per quanto si presenta dimesso. Poche idee, poca verve, poca voglia di raccontare.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento