Bedevilled

Bedevilled

di

L’isola messa in scena in Bedevilled è un microcosmo infernale, pregno di bestiale ignoranza e istinti deviati. Stupri, incesti, violenze fisiche e psicologiche, umiliazioni, privazioni e tutto quel che segue: la famiglia allargata della desolata isola Mundo sembra una versione coreana, priva di ironia, della grottesca e geniale rappresentazione di Brutti, sporchi e cattivi. Al Far East 2011.

Flauto (di) traverso

Una donna single, austera e tesa, che cade in depressione a causa dello stress che le procura il lavoro e dell’ambiente misogino e ipercompetitivo nel quale si ritrova. Disperata, accetta la proposta di un’amica con cui non ha contatti da molto tempo e parte per Mundo, una desolata isola del sud in cui ha trascorso l’infanzia. Arrivata sull’isola, viene accolta con calore da Bok-nam, la sua migliore amica di un tempo, che però è imprigionata in un matrimonio orribile… [sinossi – catalogo FEFF 2011]

L’opera prima di Jang Cheol-soo, già aiuto regista di Kim Ki-duk (ha diretto le seconde unità di Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera e La samaritana), potenzialmente interessante ma troppo squilibrata, soffre di un mancato e salutare lavoro di sottrazione, errore comprensibile e ricorrente di molti registi esordienti. Passato al Festival di Cannes alla Semaine de la Critique e inserito come titolo di punta della deludente Horror Night del Far East Film Festival 2011, Bedevilled mette in scena in due parti distinte e volutamente schizofreniche accumuli di violenza, tra atrocità gratuite e più che naturali vendette. Classe 1974 con alcuni riconoscimenti già incamerati, Jang infligge alla sventurata protagonista e agli spettatori ogni sorta di atrocità familiare e domestica, portando sullo schermo il maschilismo imperante della società coreana – temi cari al maestro Kim Ki-duk, ma qui analizzati da diversi punti di vista e con ben altre conseguenze e reazioni dei personaggi, sia maschili che femminili.

L’isola messa in scena in Bedevilled è un microcosmo infernale, pregno di bestiale ignoranza e istinti deviati. Attorno al capobranco ruotano servili le varie donne, dalla vittima Bok-nam (Seo Young-hee, già apprezzata nel cult The Chaser) alla ex-vittima e ora carnefice suocera di Bok-nam (l’anziana ed efficace Baek Su-ryeon, al Far East anche con The Man From Nowhere). Stupri, incesti, violenze fisiche e psicologiche, umiliazioni, privazioni e tutto quel che segue: la famiglia allargata della desolata isola Mundo sembra una versione coreana, priva di ironia, della grottesca e geniale rappresentazione di Brutti, sporchi e cattivi.

Con rigidi intenti metaforici, Jang porta all’estremo la resistenza psicologica di Bok-nam, spingendola tra le braccia benevole dello spettatore, che attende con ansia la sanguinolenta rivalsa, la catarsi, l’esplosione anche visiva e narrativa dopo una prima parte claustrofobica per ambientazione e messa in scena. Astutamente ricattatorio e inizialmente misurato, Jang capovolge stile e obiettivi nella seconda parte, spingendo Bok-nam oltre la soglia della credibilità e dell’umanità: Bok-nam si trasforma colpo dopo colpo, litro di sangue dopo litro di sangue, in una sorta di Jason Voorhees o di Michael Myers in gonnella. Accecata dal dolore e da anni di soprusi, Bok-nam sembra inarrestabile, sovrumana, a tratti malvagia e insensata: il côté socio-politico (la falce e il martello per uccidere e altre amenità potevano tranquillamente essere evitate) si sgretola di fronte all’epilogo grandguignolesco – troppi finali! Dal realismo si viene trascinati nella spudorata (divertente?) finzione; dopo una messa in scena persino troppo controllata ci si trova di fronte a un flauto usato come un’arma letale. Il limite più evidente di Bedevilled è l’eccesso, il mancato controllo, la voglia di raccontare e mostrare tutto, decisamente troppo. Non giova, tra l’altro, la cornice cittadina e l’abusata contrapposizione con la rozza ambientazione rurale: lo stesso personaggio di Hae-won (l’algida Ji Seong-won) sembra girare a vuoto, imprigionato in una meccanica e un po’ logora costruzione narrativa.

Info
Il trailer originale di Bedevilled.
La scheda di Bedevilled sul sito del Far East.
La scheda di Bedevilled sul sito el Kofic.
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-01.jpg
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-02.jpg
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-03.jpg
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-04.jpg
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-05.jpg
  • Bedevilled-2010-Jang-Cheol-soo-06.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    The-WailingThe Wailing

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi.
  • AltreVisioni

    The Man From Nowhere

    di Le apparenze possono ingannare. Dietro a un riservato proprietario di un banco dei pegni può nascondersi un'inesorabile macchina da guerra addestrata dai servizi segreti...
  • AltreVisioni

    I-Saw-The-DevilI Saw the Devil

    di Kyung-chul è un pericoloso psicopatico che uccide per puro piacere. Ha commesso un'infernale serie di omicidi in modi diabolici che non si possono nemmeno immaginare, uccidendo giovani donne e bambini. La polizia lo insegue da tempo, ma non è ancora riuscita a catturarlo...
  • AltreVisioni

    The Chaser

    di Il devastante esordio alla regia di Na Hong-jin, un thriller teso, cupo e iperviolento in una Corea del Sud livida e turbolenta.
  • AltreVisioni

    Our Town

    di Il tenente Jae-shin, lo scrittore Gyeong e il giovane Hyo-yi hanno più di uno scheletro nell’armadio: quando in città un serial killer comincia a uccidere delle donne, seviziandole e poi crocifiggendole, dal passato dei tre iniziano a emergere inquietanti verità…
  • Libri

    Il cinema coreano contemporaneo

    Edito dalla O barra O Edizioni di Milano, Il cinema coreano contemporaneo di Lee Hyang-jin ha il grande merito di essere il primo esaustivo saggio sul cinema coreano, dalle traballanti e difficoltose origini fino ai giorni nostri...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento