Yakuza Weapon

Tratto da un manga di Ken Ishikawa, Yakuza Weapon ricorre a ralenti ironici, non maschera esplosioni poco realistiche, sfida senza pudore le leggi della fisica e anche le regole dello spazio-tempo, lasciando allegramente vuoti di sceneggiatura e forzando alcuni passaggi narrativi: un pedaggio da pagare, ripagato dalla spensieratezza e dalla godibilità dell’operazione. Presentato al Far East 2011.

L’urlo di Shōzō

Shōzō è pronto a tutto per vendicare il padre tradito dal suo braccio destro. Anche quando viene ridotto in fin di vita non si da per vinto e torna con un asso nella manica. Trasformato in una sorta di cyborg con mitra e lanciarazzi incorporati, si prepara a fare strage del nemico… [sinossi – programma Far East Film Festival 2011]

Le pellicole distribuite dalla Sushi Typhoon, “braccio armato” della gloriosa Nikkatsu, mantengono sempre le promesse. Nel bene e nel male [1]. Nel segno dell’eccesso e oltre, tra horror ed erotismo, comicità demenziale e di grana grossa, dettagli grandguignoleschi e approssimativa estetica cyber-punk, queste produzioni a basso costo, con effetti che volutamente mettono in bella mostra i propri limiti, sono a uso e consumo di una precisa tipologia di spettatore, consapevole e pronto alla citazione, all’omaggio, al non-sense, al gore, allo splatter e a tanti chili di carne nelle varie declinazioni possibili. Non tutte le ciambelle riescono col buco, sia chiaro, ma nel caso di Yakuza Weapon di Tak Sakaguchi e Yudai Yamaguchi, presentato a tarda notte durante il Far East Film Festival di Udine, il risultato ci sembra più che accettabile, nonostante una sceneggiatura non proprio di ferro e un’inevitabile sensazione di déjà vu [2].

Perno centrale di questa pellicola è indubbiamente Tak Sakaguchi, protagonista e coregista con Yudai Yamaguchi (Battlefield Baseball, Meatball Machine). Oltre a mettere in mostra notevoli abilità nelle arti marziali (è esperto di shorinji kenpo, kick-boxing e pugilato, oltre che coreografo di scene d’azione e stuntman), Sakaguchi si produce in una buona prova attoriale, ovviamente tutta incentrata sui toni grotteschi e caricaturali: classe 1975, l’attore nipponico veste bene i panni dell’antieroe inarrestabile, violento ma romantico, crudele ma coerente, portando sulle proprie spalle il peso di tutto il film – azzeccati, seppur con poco spazio a disposizione, anche i personaggi e gli attori di contorno, dalla bella Nayoko (Mei Kurokawa) all’amico/nemico Tetsuo (Jun Murakami), passando per i due improbabili compari di Shōzō.

Tratto da un manga di Ken Ishikawa, citato nei titoli di coda, Yakuza Weapon ricorre a ralenti ironici (come il bullet time che scimmiotta Matrix), non maschera esplosioni poco realistiche, sfida senza pudore le leggi della fisica (siamo dalle parte di Tex Avery) e anche le regole dello spazio-tempo, lasciando allegramente vuoti di sceneggiatura e forzando alcuni passaggi narrativi: un pedaggio da pagare, ripagato dalla spensieratezza e dalla godibilità dell’operazione.

Tra Nayoko vestita da scolaretta, ricorrente iconografia erotica non solo nipponica, la povera Sumire usata come coreografico e ammiccante lanciarazzi, le ingenue derive cyber-punk e una strage di assatanate infermiere killer (altro leitmotiv pruriginoso), Yakuza Weapon offre abbastanza materiale per farsi quattro risate. Ovviamente, ma ci sembra scontato, bisogna stare alle regole del gioco e non porsi troppe domande.

Note
1. Prossima al centenario, traguardo assai significativo per uno dei colossi dell’industria cinematografica giapponese e punto di riferimento di moltissimi appassionati.
2. Istantaneo e inevitabile il rimando alla sezione Follie di Mezzanotte del Future Film Festival di Bologna. Segnaliamo, per l’edizione 2011, il riuscito Karate-Robo Zaborgar di Noboru Iguchi, riuscito e filologico omaggio a una serie televisiva alquanto singolare.
Info
Il trailer originale di Yakuza Weapon.
La scheda di Yakuza Weapon sul sito del Far East.
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-01.jpg
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-02.jpg
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-03.jpg
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-04.jpg
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-05.jpg
  • Yakuza-Weapon-2011-Tak-Sakaguchi-Yudai-Yamaguchi-06.jpg

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    Karate-Robo Zaborgar

    di L’ufficiale della polizia segreta Daimon, alla morte del padre scienziato, eredita il robot guerriero Zaborgar, maestro di karate ma anche capace di trasformarsi all'occorrenza in una potente motocicletta...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento