Arirang

Arirang

di

Sparito dai palcoscenici internazionali, Kim Ki-duk torna con una produzione a bassissimo costo, girata in digitale, con una grammatica cinematografica basilare e mezzi tecnici quasi di fortuna. Tra primi piani e dettagli, quadri fissi e soggettive, riprese notturne e luci naturali, Arirang è la fine e forse il nuovo inizio di uno dei più amati (e poi detestati) registi sudcoreani. Presentato al Festival di Cannes 2011.

One Man Show

Arirang è una storia in cui Kim Ki-duk ricopre tre ruoli. “Grazie ad Arirang ho scalato una collina della mia vita. Grazie ad Arirang cerco di comprendere l’Uomo, ringrazio la natura e accetto la mia attuale condizione”. [sinossi – programma ufficiale Festival di Cannes 2011]

Ci era davvero mancato Kim Ki-duk? Potrebbe sembrare cinica questa domanda, ma sorge spontanea da una delle tante lapidarie e reiterate affermazioni/confessioni del cineasta sudcoreano, tornato sul grande schermo – o, per meglio dire, tornato in un grande festival – dopo circa tre anni.
Tre anni. Quella che verrebbe catalogata come una più che normale “pausa di riflessione” [1] per la maggior parte dei cineasti, shooter o autori che siano, rappresenta per Kim Ki-duk una sorta di eternità, vista la sua naturale e celeberrima prolificità – messaggio chiarito a più riprese durante questo suo ultimo lavoro. Tre anni di profonda crisi personale e professionale. Tre anni riassunti nei cento minuti di Arirang: come spiegare l’impasse creativa dopo ben quindici lungometraggi realizzati, premiati, amati?
Una galleria di locandine e immagini dei film – senza dimenticare la produzione pittorica – ci ricorda, casomai fosse necessario, il trionfante percorso artistico di Kim, tra autoanalisi e autocelebrazione, discorsi su se stesso e sulle proprie opere. Discorsi sul cinema (di Kim Ki-duk).

Kim Ki-duk torna perché doveva tornare, atteso da se stesso e dal mondo (dei festival). In un cortocircuito persino piacevole, ci troviamo osservati da Kim mentre guardiamo Kim che guarda Kim [2]: la realtà della platea (regista più spettatori) di fronte alla realistica (?) finzione della pellicola. La moltiplicazione dei Kim. In bilico tra fiction e documentario, il vulcanico e narciso regista sudcoreano riparte da se stesso, (forse) unica soluzione possibile per un cineasta che con le ultime prove sembrava parlarsi addosso, citarsi, riprodursi come una sbiadita copia carbone. E per restare nel paradosso, Arirang, questo ibrido kim-centrico, appare meno involuto dei precedenti Dream (2008), Time (2007), Soffio (2006) e L’arco (2005), film che può essere considerato una sorta di fatale spartiacque. Nella mise-en-scène di se stesso, nel ricoprire qualsiasi ruolo (produttore, regista, sceneggiatore, direttore della fotografia, montatore, attore, tecnico del suono…), il regista che realizzò nella prima parte della carriera opere come La samaritana (2004) e L’isola (2000), Bad Guy (2001) e Ferro 3 – La casa vuota (2004), compie finalmente un passo. E poco importa la direzione del passo: Kim, parlando di Kim, rinnova Kim. Ennesimo paradosso di una onesta autocelebrazione dai contorni quasi messianici che si intreccia con una disonesta autocritica, intrisa di psicologia spicciola.

Sparito dai palcoscenici internazionali, Kim Ki-duk torna con una produzione a bassissimo costo, girata in digitale, con una grammatica cinematografica basilare e mezzi tecnici quasi di fortuna. Tra primi piani e dettagli, quadri fissi e soggettive, riprese notturne e luci naturali, Arirang è la fine e forse il nuovo inizio di uno dei più amati (e poi detestati) registi sudcoreani. “Arirang, Arirang, Arirang…”
“Ready”.
“Action!”.

Note
1. Qualsiasi siano le motivazioni, dalla semplice vacanza alla crisi creativa, dalla mancanza di buoni soggetti ai ripercussioni dopo un flop al botteghino.
2. Un cortocircuito che può esistere solo in quella dimensione parallela che sono i festival cinematografici. Nella normalità di una proiezione per i cinema l’assenza di Kim annullerebbe il gioco voyeuristico.
Info
La scheda Arirang sul sito del Festival di Cannes.
Il trailer originale di Arirang.
  • Arirang-2011-Kim-Ki-duk-01.jpg
  • Arirang-2011-Kim-Ki-duk-02.jpg
  • Arirang-2011-Kim-Ki-duk-03.jpg

Articoli correlati

  • FCAAL 2016

    Stop

    di Presentato al FCAAL 2016, Stop, il nuovo film di Kim Ki-duk, ambientato nel Giappone post-Fukushima. Lo sguardo del regista sudcoreano su quel grande disastro diventa occasione di riflessione sui suoi temi, dalla violenza alla sopraffazione. Ma Kim Ki-duk appare sempre più fiacco dietro la macchina da presa.
  • Venezia 2014

    One on One

    di Torna al Lido, questa volta nelle Giornate degli Autori, Kim Ki-duk, per raccontare una storia di violenza, vendetta e critica sociale. In modo a dir poco confusionario.
  • Torino 2013

    Red Family

    di Un gruppo di spie viene infiltrato dal governo di Pyongyang nella vicina Corea del Sud. I quattro sono fatti passare per una famiglia qualsiasi, così da dare il meno possibile nell'occhio... Kim Ki-duk sceneggia e produce l'esordio alla regia di Lee Ju-hyoung. In concorso al TFF2013.
  • Venezia 2013

    Moebius

    di Una donna, consumata dall'odio nei confronti del marito per le sue continue infedeltà, vorrebbe vendicarsi su di lui, ma finisce per punire l'incolpevole figlio adolescente, evirandolo...
  • Venezia 2016

    Il prigioniero coreano RecensioneIl prigioniero coreano

    di Kim Ki-duk torna al Lido di Venezia con Il prigioniero coreano, dramma dagli echi kafkiani sulle insanabili fratture tra nord e sud Corea, e sul concetto di "libertà". Un'opera non priva di difetti ma dominata da una sincerità disarmante, e da un'amarezza priva di confini.
  • Cannes 2011

    paterPater

    di Il lungometraggio di Cavalier è un leggiadro eppure complesso gioco metalinguistico, capace di strappare sorrisi grazie alla fertile contrapposizione tra due caratteri diversi ma perfettamente compatibili. In concorso a Cannes 2011.
  • Berlinale 2018

    Human, Space, Time and Human RecensioneHuman, Space, Time and Human

    di Presentato nella sezione Panorama della Berlinale, il ventitreesimo film di Kim Ki-duk "Human, Space, Time and Human" conferma l'involuzione del cineasta sudcoreano. Ambiziosa storia allegorica sull'umanità, e sulla sua tendenza a scivolare verso il Male.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento