Cars 2

Allo stupore e alla sovrabbondanza visiva dell’originale, Cars 2 aggiunge la giocosità dell’intreccio e la spettacolarità delle sequenze action, non più ingabbiate in un circuito automobilistico. Il film di Lasseter e Lewis mette in mostra le potenzialità fotorealistiche della computer grafica, l’equilibrato utilizzo del 3D e la fluidità della macchina da presa virtuale: tecnica e arte che sorreggono un prodotto di passaggio, ottimo per il merchandising ma lontanissimo dai lunghi e poetici silenzi di WALL-E o dalle suggestioni nostalgiche di Up.

L’impero colpisce ancora

La popolare macchina da corsa Saetta McQueen e il suo incomparabile carro attrezzi Cricchetto devono attraversare l’oceano per partecipare al primissimo Grand Prix Mondiale, che decreterà chi è la macchina più veloce del pianeta. Ma la strada verso la gara si rivelerà disseminata di buche, deviazioni e divertentissime sorprese quando Cricchetto si ritroverà coinvolto in prima persona in un’intrigante avventura di spionaggio internazionale… [sinossi]

L’ultimo film della Pixar, il secondo di una delicata fase di passaggio contrassegnata da un trittico di sequel (Toy Story 3, Cars 2 e, previsto per il 2013, Monsters University), ci imprigiona in un piacevole paradosso: l’ennesima (e definitiva?) conferma dell’elevatissima qualità tecnica e artistica dello Studio che ha ingurgitato la Casa del Topo coincide col titolo meno convincente, con un “capitolo 2” che solo per un istante allinea il regno di John Lasseter al ripetitivo grigiore della DreamWorks, della Sony, della Blue Sky e via discorrendo. La Pixar, che dal 1995 (Toy Story – Il mondo dei giocattoli) inanella opere pregevoli, guardando agli anni d’oro di Mamma Disney e agli impareggiabili universi narrativi e creativi di Hayao Miyazaki, si dimostra una sorta di luogo incantato, di luogo altro in cui anche le scelte meramente commerciali vengono plasmate ad arte, in cui ripetizione e ispirazione sembrano andare a braccetto. Anche i sequel, in casa Pixar, seguono leggi sconosciute all’industria cinematografica, ribaltando a proprio favore il rapporto con l’opera originale: dopo le magnificenze di Toy Story 3 – La grande fuga di Lee Unkrich, Cars 2 di John Lasseter e Brad Lewis replica e migliora, seppur di poco, Cars – Motori ruggenti, datato 2006 e firmato da Lasseter in co-regia con Joe Ranft (1). La Pixar sembra conoscere i segreti de L’impero colpisce ancora.

Il taglio eccessivamente fanciullesco, l’esilità della struttura narrativa, gli schematismi didascalici e i limiti forse inevitabili del character design che Cars 2 eredita da Cars – Motori ruggenti non impediscono a Lasseter e Lewis di ravvivare le avventure delle vetture antropomorfe di Radiator Springs, spostando l’attenzione sul debole personaggio di Cricchetto, monocorde quanto Saetta McQueen, e architettando una spy-story che riecheggia ritmi e atmosfere à la James Bond, i qui pro quo de Il nostro agente all’Avana (1959) di Carol Reed e gli squisiti nonsense del live action disneyiano F.B.I. operazione gatto (1965), diretto da Robert Stevenson [2]. Allontanandosi da Radiator Springs, microscopica location in cui tutto e tutti erano oramai stati raccontati, Lasseter e Lewis trascinano personaggi e spettatori in un vortice di spostamenti, cambi di direzione, inseguimenti, equivoci e telefonati colpi di scena: allo stupore e alla sovrabbondanza visiva dell’originale, Cars 2 aggiunge la giocosità dell’intreccio e la spettacolarità delle sequenze action, non più ingabbiate in un circuito automobilistico. Superficiale e spettacolare, prevedibile e divertente, visivamente abbacinante ma lontano dalle invenzioni/intuizioni grafiche di opere come WALL-E (2008) di Andrew Stanton e Up (2009) di Pete Docter e Bob Peterson, Cars 2 è un gradevole divertissement, un passo felicemente (in)certo, giustamente accompagnato da un altro piccolo sequel, il più convincente cortometraggio d’apertura Vacanze hawaiane (Hawaiian Vacation) di Gary Rydstrom [3], che riporta sul grande schermo i personaggi della trilogia di Toy Story, con la coppia Ken e Barbie in primo piano. Anche nei corti la serialità non sembra un limite.

Cars 2 mette in mostra le potenzialità fotorealistiche [4] della computer grafica della Pixar, l’equilibrato utilizzo del 3D che non abusa mai della tridimensionalità e la fluidità della macchina da presa virtuale orchestrata da Lasseter e Lewis: tecnica e arte che sorreggono un prodotto di passaggio, ottimo per il merchandising ma lontanissimo dai lunghi e poetici silenzi di WALL-E o dalle suggestioni nostalgiche di Up. L’impero della Pixar, sui cui il sole non tramonta oramai da più di un decennio, consolida il suo primato artistico anche con un’opera minore. Col sequel di un’opera minore.

Note
1. Ranft, compagno di studi di Lasseter e di Brad Bird alla CalArts, è deceduto in un incidente automobilistico nell’agosto del 2005.
2. Regista prolifico che ha segnato l’immaginario di molti giovani spettatori: ricordiamo quantomeno Pomi d’ottone e manici di scopa (1971), Un maggiolino tutto matto (1968) , Il fantasma del pirata Barbanera (1968), Mary Poppins (1964), Un professore tra le nuvole (1961) e Zanna gialla (1957).
3. Apprezzato e pluripremiato sound designer (Terminator 2 – Il giorno del giudizio, Titanic, per Salvate il soldato Ryan), Gary Rydstrom aveva già scritto e diretto per la Pixar il divertente cortometraggio Stu – Anche un alieno può sbagliare (Lifted, 2006).
4. Si veda, a parte una Tokyo scintillante, la resa visiva dell’immaginaria località italiana Porto Corsa.
Info
Il sito ufficiale di Cars 2.
Cars 2 su facebook.
Il trailer italiano di Cars 2.
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-01.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-02.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-03.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-04.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-05.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-06.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-07.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-08.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-09.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-10.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-11.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-12.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-13.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-14.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-15.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-16.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-17.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-18.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-19.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-20.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-21.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-22.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-23.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-24.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-25.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-26.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-27.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-28.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-29.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-30.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-31.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-32.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-33.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-34.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-35.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-36.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-37.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-38.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-39.jpg
  • cars-2-2011-john-lasseter-brad-lewis-40.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Planes

    di Presentato nella sezione Alice nella città del Festival di Roma, il film di Klay Hall è il punto più basso della Disney targata Lasseter. Uno spin-off senza idee.
  • Animazione

    Monsters University

    di Mike Wazowski e James P. Sullivan e i loro anni di college. La Pixar colpisce ancora con il prequel Monsters University, diretto da Dan Scanlon.
  • Animazione

    Monsters & Co. 3D

    di , , Mostropoli è una ridente città dove risiedono mostri di ogni tipo. Sulley e Mike sono il miglior team di spavento alla Monsters & Co...
  • Animazione

    Alla ricerca di Nemo 3D

    di , Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa...
  • Animazione

    Ribelle – The Brave

    di , In un'aspra e mitica Scozia, l'irruente Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, preferirebbe diventare arciere, un desiderio che contrasta con le aspettative che sua madre ha per lei...
  • Animazione

    Toy Story 3 – La grande fuga

    di Il sapore agrodolce di Toy Story 3, nella sua armoniosità conclusiva, è assai più gustoso dell'inutile e intestardito replicarsi delle saghe della Dreamworks, con l'orco Shrek, il panda Po e i viziati animali newyorchesi...
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    WALL-E

    di Nella sua prima parte, WALL-E vive sul racconto visivo, sulle espressioni dei tre personaggi. Due robot e un insetto. Nessuna parola, solo suoni. In questo senso, WALL-E è un prodigioso atto di coraggio.
  • Animazione

    Planes 2 – Missione antincendio

    di Pronto a sbancare il botteghino, Planes 2 è la conferma di un universo narrativo stantio, di un prodotto che un tempo si sarebbe smarrito tra le pieghe del mercato home video.
  • Animazione

    Inside-OutInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • Festival

    Roma 2015

    Il Festival del Film di Roma 2015, dal 16 al 24 ottobre, giunto alla decima edizione. Come già l'anno scorso, si conferma il ritorno all'idea di Festa. Con quali risultati?
  • Notizie

    Il ruggito della Pixar

    La consegna del Leone d’Oro alla carriera a John Lasseter, Peter Docter, Andrew Stenton, Lee Unkrich e Brad Bird consacra artisticamente il lavoro e gli uomini chiave della Pixar. L'avventura continua...
  • Animazione

    alla-ricerca-di-doryAlla ricerca di Dory

    di , Tredici anni dopo le avventure di Nemo, Lasseter e soci cercano di trovare il giusto equilibrio tra creatività e corsa al box office. I pixel sfavillanti, l'elogio della diversità e i buoni sentimenti declinati in uno script vivace non cancellano però le perplessità sulle scelte e sul futuro creativo della Pixar.
  • In sala

    Cars 3

    di La saga dell’automobile da corsa Saetta McQueen giunge con Cars 3 a un episodio dichiaratamente “autunnale”, gravato tuttavia da un fastidioso sentore di operazione costruita a tavolino.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento