Captain America: il primo vendicatore

Captain America: il primo vendicatore

di

Joe Johnston non ci prova nemmeno ad aggiornare il personaggio di Captain America che lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.

Sono un soldato geneticamente modificato

Dopo essere stato ritenuto non idoneo per il servizio militare, Steve Rogers si offre volontario per un progetto di ricerca top secret che lo trasforma in Capitan America, supereroe dedito a difendere gli ideali della sua nazione… [sinossi]

Se persino Michael Bay in Transformers 3 è riuscito a stemperare il suo sfrenato militarismo affiancando ai soldati dell’esercito “ufficiale” un manipolo di “outsiders” reclutati dal ghetto di Los Angeles, era lecito aspettarsi che anche Captain America subisse un opportuno adattamento all’era obamiana. Ma non è andata proprio così. Nato nel 1941 in piena campagna di reclutamento per il secondo conflitto mondiale, Capitan America è uno dei primissimi personaggi della Marvel, il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista e le sue deviazioni eugenetiche. Mantenendosi dunque sostanzialmente fedele al fumetto, il nuovo film Marvel Captain America – Il primo Vendicatore, firmato da Joe Johnston (Wolfman), ci restituisce un supereroe senza macchia né ambiguità alcuna, devoto al proprio paese e alla sua bandiera (di cui indossa i colori) e con il volto granitico, quando non apertamente imbambolato, di Chris Evans (la Torcia umana de I fantastici 4). La storia ribalta a suo favore uno degli elementi classici della narrativa statunitense, ovvero quel personaggio che, seppur caratterizzato da tare genetiche, riesce a rendersi utile al proprio paese e a incarnarne i principi fondativi. Un percorso tutto americano che attraversa cinema e letteratura da Uomini e topi di John Steinbeck fino a Forrest Gump di Robert Zemeckis passando per L’urlo e il furore William Faulkner fino al Simple Jack di Ben Stiller in Tropic Thunder.

La novità sostanziale però è che Capitan America non riesce a realizzarsi grazie alla proprie forze, bensì tramite una mutazione genetica indotta. Pertanto ecco che tutta la prima parte del film di Johnston è incentrata su Steve Rogers (un Chris Evans opportunamente modificato), ragazzo di Brooklyn di mingherlina costituzione che brama arruolarsi nell’esercito dello Zio Sam. La gracilità di Steve è però inversamente proporzionale al suo amor patrio e le sue qualità di soldato sono pronte ad essere valorizzate da un insolito pigmalione: lo scienziato Abraham Erskinr (Stanley Tucci), ideatore di un siero in grado di trasformare chiunque nel “soldato perfetto”. Nel mentre però, oltreoceano, il fedele servitore del fuhrer Johann Schmidt (Hugo Weaving) è riuscito a riprodurre una sostanza altrettanto efficace, che lo ha trasformato nel temibile Teschio Rosso, supermilite pronto a surclassare lo stesso Hitler pur di estendere il suo potere personale, nel nome di un esoterismo misto a paganesimo e al grido imperioso di “Heil Hydra!”. Superomismo americano contro superomismo hitleriano contro superomismo pagano dunque, per avversari dopati e sovraumani pronti a combattere.
Insomma di carne al fuoco ce n’è parecchia e molte potevano essere le problematiche ideologiche o intime (i due antagonisti mutanti) su cui fare leva per fornire un po’ di carburante teorico al film. Eppure le scelte di regista e sceneggiatori sono andate in direzione di una sostanziale piattezza di storia e personaggi, preferendo trasferire la tridimensionalità nelle immagini. Un’ampia e ben oliata roteazione dello scudo di Capitan America verso lo spettatore dovrebbe essere dunque sufficiente a produrre il silenzio in sala e placare ogni rimostranza, sia essa di natura ideologica o scaturita da carenze narrative.

Ma anche sul versante delle immagini non tutto funziona alla perfezione: le sequenze d’azione sono poco coreografate, per quanto frutto di solido mestiere, e soprattutto sono scarsamente ancorate alla storia. Il risultato è che spesso veniamo lanciati al centro della mischia senza alcuna preparazione circa lo sviluppo dei piani strategici dell’eroe. Suggestivo risulta il combattimento aereo finale, ma la conclusione del duello con il perfido Teschio Rosso è assai sbrigativa e deludente. Naturalmente c’è anche una storia d’amore, più suggerita che reale (i due si danno giusto un bacetto), tra il nostro soldatone made in USA e l’algida Peggy Carter (Hayley Atwell), un’agente speciale dell’esercito dalla condotta irreprensibile e dalla scarsa emotività.

Bisogna ammettere che era un lavoro assai improbo tentare di aggiornare un personaggio che è nato come fautore di una propaganda pre-bellica americana tutta incentrata sull’arruolamento di giovani reclute deputate a sconfiggere Hitler, però di certo qualcosa in più poteva essere fatta. Soprattutto per quel che riguarda la costruzione del personaggio principale, che vince solo perché mutante (il siero amplifica tutte le sue capacità fisiche) e non rimpiange mai il suo status iniziale di sfigato. Privo di lati oscuri, il nostro Capitano è inevitabilmente carente anche sul versante dei sentimenti e dell’ironia. Per fortuna qualche risata riesce a strapparcela il semprevalido Tommy Lee Jones, cui è affidato il solito ruolo del “colonnello esperto”, pronto per traghettare l’imberbe recluta verso un futuro di onore e gloria.
Si ha dunque la netta impressione che questo Captain America – Il primo dei Vendicatori sia soprattutto un film resosi indispensabile in vista dell’attesissima release de I vendicatori (The Avengers) il film “all stars” Marvel attualmente in lavorazione e dal quale, per correttezza filologica, il nostro Capitano non poteva essere escluso.

Info
Il sito ufficiale di Captain America – Il primo vendicatore.
La pagina Facebook di Captain America – Il primo vendicatore.
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-11062212482f6873b4cdff0eba.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-ca2.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-ca3.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-ca6.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-Captain_America_-_Il_Primo_Vendicatore.png
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-Captain-America-08.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-Captain-America-10.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-Captain-America-Il-Primo-Vendicatore_Cinema_7528.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-Captain-America-Il-Primo-Vendicatore_Cinema_8395.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-captain-america-il-primo-vendicatore-chris-evans-foto-dal-film-7.jpg
  • captain-america-il-primo-vendicatore-2011-hoe-johnston-hr_Captain_America__The_First_Avenger_322.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2 RecensioneThe Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World RecensioneThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    L’uomo d’acciaio

    di Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po' goffi del giovane giornalista Clark Kent...
  • Archivio

    Iron Man 3 RecensioneIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    Wolverine L'immortale RecensioneWolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro - Il ritorno RecensioneIl cavaliere oscuro – Il ritorno

    di Sono trascorsi otto anni da quando Batman è svanito nella notte, trasformandosi da eroe a fuggitivo. Prendendosi la colpa della morte del procuratore Dent, il Cavaliere oscuro ha sacrificato tutto ciò per cui che lui e il Commissario Gordon avevano lavorato...
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Roma 2011

    Comic-Con Episode IV: A Fan's Hope - RecensioneComic-Con Episode IV: A Fan’s Hope

    di Morgan Spurlock firma con Comic-Con Episode IV: A Fan's Hope un divertissement in grado non solo di effettuare un fermo immagine su un evento di così ampia portata com il Comic-Con di San Diego, ma anche di raccontare una parte d'America di solito trattata con superficiale semplicismo.
  • Archivio

    Lanterna Verde RecensioneLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Archivio

    X-Men: L'inizio RecensioneX-Men: L’inizio

    di Film di personaggi, prima ancora che di effetti speciali e scontri coreografici, X-Men: L'inizio è un buon esempio di blockbuster che cerca di offrire puro intrattenimento e momenti di riflessione.
  • Archivio

    Kick-Ass RecensioneKick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    The Green Hornet

    di Progetto dalla natura squisitamente ludica, The Green Hornet strappa più di una risata ma appare quasi completamente privo del consueto genio creativo di Michel Gondry.
  • Animazione

    Megamind

    di Megamind ha un progetto piuttosto ambizioso, quello di conquistare il mondo, e finora il suo avversario Metro Man, supereroe mascherato, è sempre riuscito a contrastarlo...
  • Archivio

    Super RecensioneSuper – Attento crimine!!!

    di Quando la moglie ex tossicodipendente lo lascia per uno spacciatore, Frank non sa come affrontare la situazione fino a quando non gli viene un'illuminazione: vestirà i panni di un supereroe chiamato Crimson Bolt...
  • Archivio

    Wolfman RecensioneWolfman

    di Se Wolfman mostra dei limiti è soprattutto per le note difficoltà che si incontrano quando ci si confronta con i classici, mentre ha dalla sua ottime interpretazioni attoriali, in particolare quella di un dolente di Benicio Del Toro.
  • Archivio

    Watchmen RecensioneWatchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Archivio

    Tropic Thunder RecensioneTropic Thunder

    di Tra irresistibili citazioni, crisi d'identità degli attori, pesanti ironie sui produttori e poderose frecciate allo star system, Tropic Thunder regala sequenze memorabili e molti motivi per farsi quattro risate...
  • Archivio

    Hellboy: The Golden Army RecensioneHellboy: The Golden Army

    di Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il mondo...
  • Archivio

    Oceano di fuoco – Hidalgo RecensioneOceano di fuoco – Hidalgo

    di In Oceano di fuoco – Hidalgo di Joe Johnston l'impavido Viggo Mortensen gareggia col suo destriero in patria e all'estero, per difendere l'onore di una razza mezzosangue e, occasionalmente, anche quello di una esotica fanciulla.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    X-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    Guardiani della Galassia RecensioneGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Batman v Superman RecensioneBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    The Ghostmaker

    di Mauro Borrelli e il suo The Ghostmaker, un horror fantascientifico che indaga il mistero della morte. In sala grazie a Distribuzione Indipendente.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia Vol. 2 RecensioneGuardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • Archivio

    Thor: Ragnarok RecensioneThor: Ragnarok

    di Proseguono a rotta di collo le avventure dei supereroi marveliani, sempre più vicini all'apoteosi di Infinity War. In questo percorso non privo di incidenti di percorso e brusche marce indietro, Thor: Ragnarok si rivela una tappa a suo modo significativa...
  • Archivio

    Avengers: Infinity War RecensioneAvengers: Infinity War

    di , Miracolosamente in equilibrio tra le mille star che mette in scena, Avengers: Infinity War è l'attesa e riuscita resa dei conti all'interno del Marvel Cinematic Universe, dove tutto si tiene e nulla sfugge.
  • In sala

    Deadpool 2 RecensioneDeadpool 2

    di Il sequel del fortunato Deadpool spinge a tutto spiano sul medesimo pedale dell’acceleratore del primo, abbondando ulteriormente con le stilizzazioni pulp, l’ironia irriverente, il fiume in piena di scorrettezze, strizzate d’occhio e volgarità assortite. Rispetto al primo film però c’è poco di cui stupirsi.
  • Archivio

    Ant-Man and the Wasp RecensioneAnt-Man and the Wasp

    di Come il suo protagonista maschile, Ant-Man and the Wasp funziona bene nella dimensione micro della spensieratezza, meno quando le sue dimensioni si fanno titaniche per misurarsi con i veri giganti della squadra Marvel.
  • In sala

    venom recensioneVenom

    di A forza di raschiare il fondo del barile dei personaggi Marvel (che però qui si tiene a debita distanza) si è arrivati anche a Venom, uno dei più apprezzati antagonisti di Spider-Man. Qui di Peter Parker non c'è l'ombra, e neanche di una sceneggiatura credibile, purtroppo...
  • Archivio

    Captain Marvel RecensioneCaptain Marvel

    di , Prendendo le distanze dai facili schematismi di una "storia delle origini" e concentrandosi sulle caratteristiche umane della sua protagonista, Captain Marvel di Anna Boden e Ryan Fleck conferma il talento narrativo e autorigenerativo del Marvel Cinematic Universe.
  • In Sala

    Avengers: Endgame RecensioneAvengers: Endgame

    di , È imponente Avengers: Endgame, ma a tratti anche impotente, costretto a scendere a patti coi film che lo hanno preceduto e lo seguiranno, con regole contrattuali e paletti disneyani, col bilancino del dramma e della commedia...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento