Lanterna verde

Lanterna verde

di

Verde/giallo, paura/coraggio e via discorrendo con altri schematismi manichei. L’eterna lotta tra Bene e Male non prevede sfumature, soffocate da una sceneggiatura che vuole raccontarci proprio tutta la storia, dall’alba dei tempi fino ai drammi familiari dello scapestrato Hal Jordan. Lanterna verde soffre di questi netti dualismi, di queste divisioni giocate anche sul piano estetico e dimensionale, con il 3D utilizzato soprattutto nelle sequenze intergalattiche.

La calzamaglia venuta dallo spazio

In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l’ordine intergalattico. Ogni Lanterna Verde indossa un anello che gli dà l’abilità e il potere di creare qualsiasi cosa che la sua mente possa immaginare. Quando un nuovo nemico, chiamato Parallax, minaccia di distruggere l’equilibrio nell’Universo, il destino delle Lanterne Verdi e quello del mondo intero sono riposti nelle mani di una nuova recluta, il primo umano a essere stato scelto a far parte del Corpo… [sinossi]

L’orda di supereroi che sta invadendo gli schermi cinematografici prima o poi si placherà. È un fatto ciclico, figlio delle logiche a tanto al chilo di Hollywood e dintorni. Lo sfruttamento a getto continuo dei personaggi della Marvel e della DC Comics, che ci sta portando passo dopo passo verso il film-evento I Vendicatori – e la JLA? La Justice League of America? – lascerà spazio a un altro genere o sottogenere da spremere come un limone. Il limone. Giallo. E il verde… I due colori che dominano l’ultimo superhero movie sono proprio il verde e il giallo: sul verde pochi dubbi, dato che il lungometraggio in questione è Lanterna Verde (Green Lantern), diretto da Martin Campbell [1], firmato da un folto gruppo di sceneggiatori [2] e interpretato da Ryan Reynolds, Blake Lively, Peter Sarsgaard, Tim Robbins e Mark Strong. Tutti professionali, ma senza troppo impegno. Il giallo, invece, non è immediatamente desumibile e ne esce maluccio, come una sorta di nero di serie B: il giallo rappresenta il potere della paura, il verde il potere del coraggio. Facile immaginare quale forza sia fuori controllo.

Verde/giallo, paura/coraggio e via discorrendo con altri schematismi manichei. L’eterna lotta tra Bene e Male non prevede sfumature, in questo caso soffocate da una sceneggiatura che vuole raccontarci proprio tutta la storia, dall’alba dei tempi fino ai drammi familiari dello scapestrato Hal Jordan [3]. Lanterna verde soffre di questi netti dualismi, di queste divisioni giocate anche sul piano estetico e dimensionale, con il 3D utilizzato soprattutto nelle sequenze intergalattiche. Buono/cattivo e bello/brutto risultano ulteriormente appesantiti dagli snodi narrativi sbrigativi e dai repentini e poco giustificati mutamenti psicologici dei personaggi, forzatamente destinati alla gloria o alla dannazione. E se il guascone Hal Jordan (Ryan Reynolds) è reso meno insopportabile da una serie di rattoppati flashback e ha qualche motivo per vestire i panni del supereroe, non si può dire lo stesso del malcapitato Hector Hammond (Peter Sarsgaard), “costretto” a cedere al Male da una sceneggiatura che si concede troppe forzature, rinunciando quasi totalmente a una soddisfacente caratterizzazione dei personaggi. Ma come detto, è l’eccessiva porzione di storia raccontata a svilire i contenuti di un superhero movie che avrebbe richiesto una maggiore durata o un paio di capitoli [4]: ne avrebbero giovato i vari rapporti padre/figlio o maestro/allievo, appena abbozzati, la storia d’amore all’acqua di rose tra Hal e la paziente Carol (Blake Lively) e persino le sequenze action e gli effetti speciali (sempre in verde) scaturiti dall’immaginazione di Lanterna Verde.

Tutto da buttare? No, ma difficilmente da ricordare. Il comune denominatore di molte pellicole di supereroi delle ultime stagioni è l’apprezzabile confezione tecnica, sostenuta da budget corposi e condita da buoni cast. L’altra costante è la fretta, la superficialità. È la stagione dei supereroi, non c’è tempo per pensare, solo per clonare. Fortunatamente ci rimangono Nolan e le irrispettose riletture di pellicole sagaci come Super e Kick-Ass.

Note
1. Non sempre sinonimo di qualità, nonostante l’ampia esperienza tra action e thriller e la fiducia dell’industria hollywoodiana. Tra i suoi titoli più noti, Fuori controllo (2010), Casino Royale (2006), The Legend of Zorro (2005), Vertical Limit (2000), La maschera di Zorro (1998), GoldenEye (1995) e Fuga da Absolom (1994).
2. Greg Berlanti (Dawson’s Creek, Everwood, Brothers & Sisters), Michael Green (Smallville, Everwood, Heroes), Marc Guggenheim (FlashForward, CSI: Miami, Law & Order) e Michael Goldenberg (Harry Potter e l’ordine della Fenice, Contact).
3. Si è scelto di saltare il personaggio di Alan Scott, giovane ingegnere ferroviario, che nel luglio del 1940 impersonò l’originale Lanterna Verde. La prima apparizione del più seducente Hal Jordan risale a un albo del settembre 1959. La silver age paga più della golden age sul grande schermo.
4. Un altro guaio è il finale che ammicca a un possibile sequel.
Info
Lanterna Verde su facebook.
Il sito ufficiale di Lanterna Verde.
Il trailer italiano di Lanterna Verde.
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-01.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-04.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-05.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-06.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-07.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-10.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-11.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-03.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-02.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-08.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-09.jpg
  • Lanterna-Verde-2011-Green-Lantern-12.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Deadpool RecensioneDeadpool

    di Nel suo approdo sullo schermo, l'antieroe Marvel non tradisce le sue caratteristiche di base: ma il Deadpool cinematografico si affida troppo, in modo quasi esclusivo, ai tratti autoironici e politically incorrect del soggetto.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia RecensioneGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    X-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2 RecensioneThe Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World RecensioneThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    L’uomo d’acciaio

    di Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po' goffi del giovane giornalista Clark Kent...
  • Archivio

    Iron Man 3 RecensioneIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    Wolverine L'immortale RecensioneWolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro - Il ritorno RecensioneIl cavaliere oscuro – Il ritorno

    di Sono trascorsi otto anni da quando Batman è svanito nella notte, trasformandosi da eroe a fuggitivo. Prendendosi la colpa della morte del procuratore Dent, il Cavaliere oscuro ha sacrificato tutto ciò per cui che lui e il Commissario Gordon avevano lavorato...
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore RecensioneCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    X-Men: L'inizio RecensioneX-Men: L’inizio

    di Film di personaggi, prima ancora che di effetti speciali e scontri coreografici, X-Men: L'inizio è un buon esempio di blockbuster che cerca di offrire puro intrattenimento e momenti di riflessione.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Kick-Ass RecensioneKick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    The Green Hornet

    di Progetto dalla natura squisitamente ludica, The Green Hornet strappa più di una risata ma appare quasi completamente privo del consueto genio creativo di Michel Gondry.
  • Archivio

    X-Men le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • Archivio

    Watchmen RecensioneWatchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro RecensioneIl cavaliere oscuro

    di Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l'aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare...
  • Archivio

    Hellboy: The Golden Army RecensioneHellboy: The Golden Army

    di Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il mondo...
  • Archivio

    Batman v Superman RecensioneBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Justice League

    di Plasmato da più mani, Justice League si rivela un caleidoscopio fuori asse, squilibrato da troppi fattori, da troppi aggiustamenti e ripensamenti. La poetica di Zack Snyder è evidente, ma frenata e in buona parte neutralizzata (e non sempre è un male).
  • Torino 2017

    Professor Marston and the Wonder Women

    di Presentato al Torino Film Festival 2017, Professor Marston and the Wonder Women offre più di uno spunto di riflessione e suggerisce nuove angolazioni, qualche utile rilettura, magari per riprendere in mano vecchi albi oramai dimenticati e forse sottovalutati...
  • Archivio

    Deadpool 2 RecensioneDeadpool 2

    di Il sequel del fortunato Deadpool spinge a tutto spiano sul medesimo pedale dell’acceleratore del primo, abbondando ulteriormente con le stilizzazioni pulp, l’ironia irriverente, il fiume in piena di scorrettezze, strizzate d’occhio e volgarità assortite. Rispetto al primo film però c’è poco di cui stupirsi.
  • In sala

    venom recensioneVenom

    di A forza di raschiare il fondo del barile dei personaggi Marvel (che però qui si tiene a debita distanza) si è arrivati anche a Venom, uno dei più apprezzati antagonisti di Spider-Man. Qui di Peter Parker non c'è l'ombra, e neanche di una sceneggiatura credibile, purtroppo...
  • In Sala

    Shazam RecensioneShazam!

    di Nello scontro impari tra Marvel e DC Comics, la casa madre di Kal-El sferra finalmente un colpo ben assestato con lo spensierato Shazam. Si respira quel gusto per la narrazione che permeava le produzioni spielberghiane, i cult young (senza adult) di Donner e Zemeckis, Dante e Levinson.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento