Ex – Amici come prima!

Ex – Amici come prima!

di

Grazie a una sceneggiatura solida e dal ritmo impeccabile e a un cast corale in ottima forma, Ex – Amici come prima! è la migliore sortita cinematografica dei fratelli Vanzina da molti anni a questa parte, con buona pace dei detrattori del duo capitolino.

Morto un Papa se ne fa un altro

Accordi e disaccordi, crimini e misfatti, amori in corso di coppie allo sbaraglio che per incredibili scherzi del destino incroceranno le loro esistenze per un momento, o forse per sempre, in questa romantica commedia degli equivoci dove niente è come sembra. Un ironico ritratto della storia, o forse, della geografia sentimentale dei nostri giorni. Perché nel corso della nostra vita, prima o poi, ognuno di noi è destinato a diventare un “ex”: ex alunno, ex commilitone, ex amico, ex migliore amico, ex fidanzato, ex marito. Questo film è dedicato a loro, allo sterminato esercito degli “ex”. Per i quali c’è sempre una seconda occasione. [sinossi]

Prima di tutto ci sentiamo di condividere a pieno lo stupore di tanti altri colleghi nell’essersi trovati davanti all’inaspettata sorpresa di uscire soddisfatti dalla sala dopo aver visto un film firmato dai fratelli Vanzina, il cinquantaduesimo della loro ricca filmografia. Non c’è ombra di dubbio sul fatto che Ex – Amici come prima! sia una delle fatiche cinematografiche più riuscite, da moltissimi anni a questa parte (in tanti probabilmente potrebbero pensare che ci vuole veramente poco), del collaudato duo capitolino. Ebbene si, è proprio così, volenti o nolenti bisogna arrendersi all’evidenza mettendo da parte qualsiasi tipo di pregiudizio nei confronti del loro cinema, per affermare senza esitazione di essersi finalmente trovati al cospetto di una commedia che funziona dal primo all’ultimo fotogramma utile, merito di una sceneggiatura solida e continua e di un cast corale in grande forma. Sono queste le armi in più che consentono a Ex – Amici come prima! di centrare il bersaglio.
Si tratta di una commedia romantica che, come nel caso della pellicola del 2009 di Fausto Brizzi, dalla quale trae ispirazione ma non vuole esserne in nessun modo il sequel, porta dietro di sé un modello di storia corale a episodi che fa immediatamente riferimento allo schema narrativo voluto otto anni prima da Richard Curtis nel suo fortunatissimo Love Actually: cast numeroso suddiviso in storie che vedono protagonisti personaggi diversi che danno vita a loro volta ad un intreccio di relazioni e di amori. Nessuna novità dunque sul fronte narrativo e drammaturgico, anche perché prima di loro ci hanno provato in tanti altri colleghi nostrani (e non solo) – vedi Veronesi con la trilogia di Manuale d’amore – a percorrere lo stesso tipo di strada, spesso con esiti piuttosto mediocri. I Vanzina fanno le cose in maniera semplice semplice e questo alla fine paga. Giocano con gli ingredienti tipici del filone e forse per questo trovano la giusta alchimia tra essi. Unica pecca lo scivolone inevitabile e a questo punto prevedibile sull’argomento “bunga bunga”, sulle scappatelle e sugli impicci messi in atto nella politica, ma a conti fatti non pregiudica in nessun modo la riuscita del film.

Dopo il flop del ritorno al genere con Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata, i figli di Steno rispolverano per l’occasione l’irresistibile carica ironica dei titoli realizzati negli anni Ottanta. Carlo ed Enrico ritrovano, infatti, la freschezza e i tempi comici di quegli anni, confezionando un prodotto di puro intrattenimento che sa come e quando divertire il pubblico. La struttura a sketch con risata telefonata al seguito lascia il posto a episodi ben strutturati, animati da personaggi ben costruiti che fanno leva su diversi livelli e intensità di comicità. Il risultato è una commedia leggera, piacevole allo sguardo e alle orecchie, dove non c’è bisogno di ricorrere a volgarità, parolacce, doppi sensi e rumori corporei, per dispensare alla platea sorrisi e risate. A farlo ci pensa uno script fatto di dialoghi e gag brillanti, ma anche di efficaci siparietti rosa che consentono all’operazione nella sua totalità di raggiungere un pregevole equilibrio tra divertimento e sentimento (vedi la scena del tentativo di suicidio in contemporanea di Valentina e Fabio, rispettivamente Gabriella Pession e Ricky Memphis).

Info
Il trailer di Ex – Amici come prima!.

  • ex-amici-come-prima-2011-carlo-vanzina-04.jpg
  • ex-amici-come-prima-2011-carlo-vanzina-03.jpg
  • ex-amici-come-prima-2011-carlo-vanzina-02.jpg
  • ex-amici-come-prima-2011-carlo-vanzina-01.jpg

Articoli correlati

  • #tuttiacasa

    tre colonne in cronaca recensioneTre colonne in cronaca

    di Film tra i più ambiziosi dell'intera carriera dei fratelli Vanzina, Tre colonne in cronaca trae ispirazione dall'omonimo romanzo di Corrado Augias e Daniela Pasti per orchestrare un thriller poliziesco in grado di scavare nel torbido dell'Italia a pochi anni da Tangentopoli.
  • #tuttiacasa

    Mystère RecensioneMystère

    di Primo tentativo di percorrere strade diverse da parte di Carlo Vanzina, Mystère è un'opera poco compiuta e coesa che ha scontato però qualche problema produttivo.
  • #tuttiacasa

    Eccezzziunale... veramente RecensioneEccezzziunale… veramente

    di Sesto film dei fratelli Vanzina costruito attorno a un Diego Abatantuono all'apice del successo, e su altri popolari comici dell'epoca. Eccezzziunale... veramente è la tipica comedy of manners dei Vanzina che si incentra su una delle cose più sacre per gli italiani, il calcio e il mondo dei tifosi.
  • Cult

    Sotto il vestito niente RecensioneSotto il vestito niente

    di Al crocevia tra il cinema di De Palma, il giallo italiano di lunga tradizione e uno sguardo rapidamente sociologico, Sotto il vestito niente di Carlo Vanzina si riconferma oggi tra le opere migliori dell'autore romano, prematuramente scomparso pochi giorni fa.
  • Archivio

    Non si ruba a casa dei ladri RecensioneNon si ruba a casa dei ladri

    di Carlo Vanzina torna a uno dei suoi temi prediletti, la descrizione della realtà truffaldina in cui vivono gli italiani. Peccato che, come in altre occasioni, il regista parteggi troppo per i suoi protagonisti, disperdendo la satira in una commedia all'acqua di rose.
  • Archivio

    Un matrimonio da favola RecensioneUn matrimonio da favola

    di I fratelli Vanzina firmano una commedia che cerca di muoversi a metà tra il comico grossolano e il romanticismo dei sentimenti, non sempre centrando il bersaglio.
  • Archivio

    Sapore di te RecensioneSapore di te

    di I fratelli Carlo ed Enrico Vanzina tornano alle atmosfere e ai timbri umorali di Sapore di mare. Una commedia corale agrodolce e nostalgica, che racconta amori, amicizie e passioni estive.
  • Archivio

    Mai Stati Uniti RecensioneMai Stati Uniti

    di I Vanzina tornano negli Stati Uniti, ma ne vien fuori una commedia stanca in cui vengono riproposti i soliti cliché dell'italiano negli States.
  • Archivio

    Ex

    di Ex si muove tra molteplici generi, strizza di continuo l’occhio alla commedia, ma tiene spesso una porta aperta verso la tragedia e il melodramma in modo da realizzare, nelle intenzioni del suo autore, un’opera che sia la più completa possibile.
  • DVD

    Sapore di mare RecensioneSapore di mare

    di Estate 1964: un gruppo di ragazzi trascorre le vacanze a Forte dei Marmi, in Versilia. Le loro storie personali si intrecciano sullo sfondo dei successi discografici dell'epoca, tra gag, giochi di spiaggia, amori contrastati, conquiste balneari...
  • In sala

    Se mi vuoi bene (2019) di Fausto Brizzi - Recensione | Quinlan.itSe mi vuoi bene

    di Rispetto al suo ritorno sulle scene post- scandalo molestie con Modalità aereo, dove gli elementi autobiografici apparivano gustosamente rielaborati, Fausto Brizzi con Se mi vuoi bene realizza un film nato già vecchio e messo insieme senza le necessarie cure.
  • Cult

    selvaggi recensioneSelvaggi

    di La fotografia dell'Italia degli anni Novanta, nel pieno dello scontro tra Berlusconi e Prodi, dei fratelli Vanzina passa per Selvaggi. Stavolta l'escamotage per riunire e far interagire rappresentanti di mondi diversi non è la solita vacanza quanto una situazione da Cast Away.
  • Archivio

    ti presento un amico recensioneTi presento un amico

    di Ti presento un amico, nuovo capitolo nella filmografia dei fratelli Vanzina, dà l'idea di partire sconfitto, per quanto si presenta dimesso. Poche idee, poca verve, poca voglia di raccontare.
  • Archivio

    buona giornata recensioneBuona giornata

    di Costellato di innumerevoli episodi che vanno da Milano a Firenze, da Roma a Bari, da Napoli a Potenza, Buona giornata è una pochade che alterna pochissimi spunti divertenti a una sequela di retrive battute prive di qualità.
  • Archivio

    sotto il vestito niente - l'ultima sfilata recensioneSotto il vestito niente – L’ultima sfilata

    di A distanza di 26 anni dall'originale ecco che i fratelli Vanzina disegnano Sotto il vestito niente - L'ultima sfilata; un film imperfetto ma che viene comunque naturale difendere, perché non rappresenta di certo il male della produzione nazionale.
  • In sala

    lockdown all'italiana recensioneLockdown all’italiana

    di Primo film del solo Enrico Vanzina, che firma anche la regia oltre al soggetto, primo film sul lockdown, primo film fatto dopo il lockdown. Un instant movie nel perfetto stile Vanzina bros, che vuole seguire anche dal titolo, la tradizione della commedia all'italiana.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento