Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno

Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno

di

Le avventure di Tintin: Il segreto dell’unicorno è un circo, è un costante sberleffo alle leggi di gravità, è un susseguirsi di evoluzioni registiche, di sequenze da guardare tutte d’un fiato: superato ampiamente e senza remore il confine della verosimiglianza, Spielberg utilizza buona parte della pellicola per costruire una macrosequenza action senza soluzione di continuità (o quasi). Perfettamente in linea con lo spirito ingenuo e avventuroso delle pellicole d’antan, Spielberg trascina personaggi e pubblico da un capo all’altro del mondo, per terra, per mare e per aria.

Mille milioni di balenottere blu!

Il giovane e curioso reporter Tintin e il suo fedele cane Milou scoprono il modellino di una nave che nasconde un segreto esplosivo. Coinvolto in un mistero vecchio di secoli, Tintin si ritrova al centro dell’interesse di Ivan Ivanovitch Sakharine, un diabolico cattivo convinto che abbia rubato un tesoro inestimabile legato a un perfido pirata, Red Rackham. Ma con l’aiuto del suo cane Milou, dell’arguto e irascibile Capitan Haddock e dei detectives pasticcioni Thompson & Thomson, Tintin si ritroverà a viaggiare in mezzo mondo, a dover superare in astuzia e in velocità i suoi nemici in un inseguimento mozzafiato alla ricerca dell’Unicorno, una nave naufragata che forse nasconde la chiave di una immensa fortuna e un’antica maledizione… [sinossi]

Scoppiettante blockbuster in motion capture, ricco di sequenze travolgenti, nonostante qualche snodo narrativo non perfettamente oliato, Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno non poteva che essere diretto e prodotto da Steven Spielberg e Peter Jackson, i due sognatori della Settima Arte, inarrivabili creatori di mondi avventurosi, capaci di modellare universi narrativi e di piegare la macchina da presa al loro volere. Assai suggestiva, tra l’altro, la prospettiva di poter confrontare il lavoro di Spielberg con l’annunciato The Adventures of Tintin: Prisoners of the Sun, che dovrebbe essere diretto da Jackson [1].

Il reporter dal ciuffo ribelle è un giovane Indiana Jones, perché Indiana Jones era una evoluzione/rielaborazione di TinTin. Non è un caso, infatti, che l’eroe creato dal fumettista belga Hergé, alias Georges Prosper Remi, risponda perfettamente alle esigenze di Spielberg, riprendendo e ampliando le suggestioni videoludiche di Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, quarto capitolo della saga che non aveva sancito il passaggio di consegne tra il vecchio eroe Indy/Harrison Ford e il giovane Mutt/Shia LaBeouf. E l’eredità di Ford, in fin dei conti, non poteva che essere raccolta da un attore virtuale o quasi: Jamie Bell in versione animata/computerizzata era l’unica alternativa possibile al fascino magnetico di Indy/Ford. (Ri)trovato il suo protagonista, Spielberg ha trovato anche la dimensione ideale per dar sfogo alla sua funambolica mise-en-scène: favorito anche dalle sperimentazioni di Zemeckis (A Christmas Carol, La leggenda di Beowulf e Polar Express), il regista americano irrompe a Cartoonia con l’energia inarrestabile di Roger Rabbit.

Le avventure di Tintin: Il segreto dell’unicorno è un circo, è un costante sberleffo alle leggi di gravità, è un susseguirsi di evoluzioni registiche, di sequenze da guardare tutte d’un fiato: superato ampiamente e senza remore il confine della verosimiglianza, Spielberg utilizza buona parte della pellicola per costruire una macrosequenza action senza soluzione di continuità (o quasi). Perfettamente in linea con lo spirito ingenuo e avventuroso delle pellicole d’antan, Spielberg trascina personaggi e pubblico da un capo all’altro del mondo, per terra, per mare e per aria: una scelta estetica e narrativa che è già annunciata dai titoli di testa, in cui anche i nomi del cast diventano oggetti di scena, buoni per qualche equilibrismo. Ed è nella seconda parte del film, quando l’azione prende definitivamente il sopravvento, che ci si diverte maggiormente, quasi dimenticando le ragioni della sceneggiatura. Esemplare, in questo senso, il passaggio dalla sequenza della fuga dalla nave alla sequenza in aeroplano, tra mare e deserto, con l’intermezzo praticamente superfluo del borsaiolo cleptomane.

L’aspetto più interessante di questo Tintin spielberghiano è la capacità del cineasta americano di adattarsi perfettamente alla dimensione animata. Ben più di Zemeckis, Spielberg sfrutta l’assoluta libertà creativa e registica della motion capture: si veda, ad esempio, l’impossibile inseguimento nella città araba, tra moto, valanghe d’acqua, falchi, l’eroico Milou e un biglietto che non vuole farsi prendere. Spielberg piega lo spazio e gli oggetti (ma non i corpi, altrimenti sconfinerebbe in un’altra dimensione animata, à la Chuck Jones) e li modella a proprio piacimento. Funzionale, ma non irrinunciabile, il 3D.

Le avventure di Tintin: Il segreto dell’unicorno è un giocattolone ricco di inventiva, un deciso passo in avanti – sia nel consapevole utilizzo che nella pura resa tecnica ed estetica – della motion capture. Pur non cancellando i dubbi sulla reale utilità di una tecnica d’animazione che abbia come fine ultimo il fotorealismo, il magnifico duo Spielberg-Jackson sembra promettere future mirabilie.

Note
1. Il progetto prevede un terzo capitolo, ancora non annunciato. Potrebbe essere una coregia.
Info
Il sito ufficiale de Le avventure di Tintin: Il segreto dell’Unicorno.
Le avventure di Tintin: Il segreto dell’Unicorno su facebook.
Il trailer italiano de Le avventure di Tintin: Il segreto dell’Unicorno.
Le avventure di Tintin su twitter.
  • le-avventure-di-tintin-Il-segreto-dellunicorno-2011-Steven-Spielberg-02.jpg
  • le-avventure-di-tintin-Il-segreto-dellunicorno-2011-Steven-Spielberg-04.jpg
  • le-avventure-di-tintin-Il-segreto-dellunicorno-2011-Steven-Spielberg-05.jpg
  • le-avventure-di-tintin-Il-segreto-dellunicorno-2011-Steven-Spielberg-07.jpg
  • le-avventure-di-tintin-Il-segreto-dellunicorno-2011-Steven-Spielberg-08.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2016

    A.I. Intelligenza Artificiale RecensioneA.I. – Intelligenza Artificiale

    di Al Torino Film Festival, nella retrospettiva Cose che verranno, viene ospitato anche A.I., una delle creature meno comprese dell'intera carriera di Steven Spielberg.
  • Roma 2016

    Prova a prendermi RecensioneProva a prendermi

    di Prova a prendermi è l'omaggio di Steven Spielberg alla commedia "umanista" che partecipò all'epoca d'oro del cinema classico. Con l'eccellente duetto/duello tra Tom Hanks e Leonardo Di Caprio. Alla Festa di Roma 2016.
  • Cult

    War Horse

    di War Horse, oltre a rappresentare una delle visioni più struggenti della Prima Guerra Mondiale, iscrive in maniera definitiva e incontrovertibile Steven Spielberg all'albo dei grandi registi classici di Hollywood.
  • Archivio

    Il GGG – Il grande gigante gentile

    di Steven Spielberg adatta per il grande schermo il celebre romanzo di Roald Dahl, racchiudendo in un film per l'infanzia tutta la sua poetica, il suo immaginario e la sua umanità. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • Archivio

    Il ponte delle spie RecensioneIl ponte delle spie

    di Steven Spielberg, appoggiandosi a una sceneggiatura dei fratelli Coen, racconta un momento della Guerra Fredda, aggiungendo un nuovo tassello al rapporto tra il suo cinema e la Storia.
  • Cult

    Jurassic Park RecensioneJurassic Park

    di Steven Spielberg apre i cancelli del Jurassic Park, l'unico giardino zoologico del mondo in grado di ospitare veri dinosauri. Fin troppo veri...
  • Festival

    Cannes, Steven Spielberg presidente di giuria

    Il successore di Nanni Moretti come presidente di giuria del Festival di Cannes sarà nientemeno che Steven Spielberg...
  • Archivio

    Lincoln RecensioneLincoln

    di In una nazione divisa, Lincoln osserva una linea di condotta che mira a porre fine alla guerra, unire il paese e abolire la schiavitù. Le scelte che compirà in questo momento critico cambieranno il destino delle generazioni future...
  • Blu-ray

    Lo squalo RecensioneLo squalo

    di Primo film di grande successo diretto da Steven Spielberg, a distanza di quasi quarant'anni Lo squalo dimostra ancora tutta la propria potenza espressiva e la propria stratificazione, narrativa e di senso.
  • Animazione

    A Christmas Carol

    di Ebenezer Scrooge inizia le festività natalizie mostrando il suo solito disprezzo, urlando al suo fedele impiegato e al gioviale nipote. Ma quando gli spiriti del Natale Passato, Presente e Futuro lo portano in un viaggio che gli rivela delle verità che il vecchio Scrooge non ama affrontare...
  • Buone feste!

    sugarland express recensioneSugarland Express

    di Primo film diretto da Steven Spielberg e prodotto direttamente per le sale cinematografiche (Duel, pur distribuito nei cinema di mezzo mondo, era nato come film per la televisione), Sugarland Express si inserisce nel contesto della New Hollywood riprendendone alcune delle tematiche chiave.
  • Venezia 2017

    Incontri ravvicinati del terzo tipo

    di Il primo incontro tra il cinema di Steven Spielberg e gli esseri provenienti da un altro pianeta. Un classico intramontabile, in cui giganteggia un eccellente Richard Dreyfuss. Alla Mostra di Venezia 2017 nella sezione dedicata ai restauri in digitale.
  • Cult

    1941 allarme a hollywood recensione1941 – Allarme a Hollywood

    di Steven Spielberg si confronta con la demenzialità da Saturday Night Live. Tra gag, citazioni della Disney e war movie, con Dan Aykroyd e John Belushi pre-Blues Brothers.
  • Cult

    I predatori dell'arcaperduta RecensioneI predatori dell’arca perduta

    di Irrompe sul grande schermo la figura di Indiana Jones, ed è subito un successo planetario. Spielberg dirige il primo capitolo di una tetralogia destinata a modificare l'industria hollywoodiana dall'interno. Il passo definitivo verso la conquista dell'industria, insieme al sodale George Lucas.
  • Classici

    E.T. l'extra-terrestre RecensioneE.T. l’extra-terrestre

    di Straripante campione d'incassi, cult generazionale, icona del cinema fantastico degli anni Ottanta, E.T. è un perfetto esempio di fantascienza family friendly, in netta contrapposizione con le atmosfere cupe e distopiche degli anni Settanta.
  • Classici

    il colore viola recensioneIl colore viola

    di Con Il colore viola per la prima volta Steven Spielberg abbandona il cinema di "intrattenimento", tentando di portare a termine l'ideale rovescio di Via col vento. Operazione mastodontica, il film si rifugia un po' troppo spesso nelle comode cavità del romanzo d'appendice, ma non manca di sequenze assai ispirate.
  • Classici

    l'impero del sole recensioneL’impero del sole

    di I campi di prigionia giapponesi vengono raccontati da Steven Spielberg attraverso lo sguardo di un dodicenne britannico catturato a Shanghai, attingendo alla memoria autobiografica di J.G. Ballard.
  • Cult

    always recensioneAlways – Per sempre

    di In Always Steven Spielberg firma il remake di un film che ha molto amato, Joe il pilota di Victor Fleming. Always è però un film spielberghiano fino al midollo, elegia del volo come metafora della libertà, quella libertà vissuta in pieno solo quando si è in grado di rinunciarvi per uno scopo superiore.
  • Archivio

    Schindler's List recensioneSchindler’s List

    di La storia di Oskar Schindler e della sua "Schindler's List", con la quale riuscì a salvare più di mille ebrei dai campi di sterminio nazisti. Il film che permise a Steven Spielberg di vincere l'Oscar dopo anni di attesa.
  • Cult

    Poltergeist RecensionePoltergeist – Demoniache presenze

    di In occasione dell'uscita nelle sale italiane del remake, torniamo con la mente al Poltergeist del 1982 di Tobe Hooper, scritto e prodotto da Steven Spielberg. Uno spaccato orrorifico dell'America reaganiana.
  • Prossimamente

    The Post

    di The Post, racconto dei fatti noti come Pentagon Papers, permette a Steven Spielberg di proseguire nel suo racconto sui fondamenti costituzionali degli Stati Uniti d'America e allo stesso tempo di riallacciare la propria poetica alla messa in crisi del sistema promossa negli anni Settanta dalla New Hollywood.
  • Archivio

    Ready Player One RecensioneReady Player One

    di Ready Player One segna il ritorno di Steven Spielberg al cinema come luna park dell'esistente, e mette il punto sulla deriva citazionista degli anni Ottanta che occupa un ruolo non indifferente dello scacchiere produttivo hollywoodiano di questi anni. Intrattenimento ad altissimi livelli che non disperde mai il suo potenziale teorico.
  • Cult

    attack the block recensioneAttack the Block – Invasione aliena

    di Attack the Block di Joe Cornish è John Carpenter ibridato al gangsta rap, tra albe dei morti dementi e gli alieni di District 9. Uno sci-fi scintillante, ironico e crudele, che radicalizza la questione sociale delle periferie londinesi - e di tutta Europa - a colpi di exploitation. Un esordio luminoso.
  • In sala

    il ragazzo che diventerà re recensioneIl ragazzo che diventerà re

    di Il ragazzo che diventerà re è il secondo lungometraggio diretto da Joe Cornish, a otto anni di distanza da Attack the Block; un'avventura fantasy ad altezza bimbo per tornare una volta di più sul mito di Re Artù. Forse un'occasione sprecata, ma con momenti godibili.
  • #tuttiacasa

    indiana jones e l'ultima crociata recensioneIndiana Jones e l’ultima crociata

    di Terzo capitolo di quella che è al momento una tetralogia, Indiana Jones e l'ultima crociata è il film dedicato alle avventure dell'archeologo statunitense in cui con più costanza Steven Spielberg si trova a dialogare con la commedia classica, costruendo una dialettica generazionale tra Harrison Ford e Sean Connery.
  • #tuttiacasa

    Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo recensioneIndiana Jones e il regno del teschio di cristallo

    di Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo segna il ritorno in scena dell'archeologo più famoso della storia del cinema a diciannove anni di distanza da L'ultima crociata. Trattato con sufficienza il film testimonia invece la ricerca di un rapporto con il "classico" all'interno del cinema di Steven Spielberg.
  • #tuttiacasa

    indiana jones e il tempio maledetto recensioneIndiana Jones e il tempio maledetto

    di Schiacciato tra le superpotenze I predatori dell'arca perduta e L'ultima crociata, Indiana Jones e il tempio maledetto è stato spesso oggetto di dileggio. Pesano sul giudizio un gusto ludico che si spinge fino al limitar del luna park e una narrazione in qualche modo slegata dal resto della saga.
  • #tuttiacasa

    Il mondo perduto - Jurassic Park recensioneIl mondo perduto – Jurassic Park

    di Vero e proprio schiacciasassi al box office, Il mondo perduto - Jurassic Park non ha lasciato molta traccia di sé nei percorsi critici, e viene raramente citato anche quando si affronta la carriera di Steven Spielberg. In realtà questo ritorno ai dinosauri è tutt'altro che trascurabile.
  • Classici

    salvate il soldato ryan recensioneSalvate il soldato Ryan

    di In Salvate il soldato Ryan alla retorica del racconto Steven Spielberg risponde con un'antiretorica dello sguardo che prova a dialettizzare la Storia. L'eroismo e la dedizione di Tom Hanks si trovano a fronteggiare due magniloquenti sequenze di guerra, dove a dominare è solo il caos, e la morte.
  • In sala

    West Side Story recensioneWest Side Story

    di Steven Spielberg torna a West Side Story, il musical di Leonard Bernstein, Arthur Laurents e Stephen Sondheim, a sessant'anni di distanza dal clamoroso successo dell'adattamento cinematografico di Jerome Robbins e Robert Wise che sbancò la stagione hollywoodiana dei premi con ben 10 Oscar.
  • Roma 2022

    the fabelmans recensioneThe Fabelmans

    di Attingendo alle proprie memorie infantili e adolescenziali Steven Spielberg con The Fabelmans ordisce un romanzo di formazione non basato sulla cinefilia in senso stretto, ma sul ruolo che il cinema ha avuto nel Novecento, diventando l'unico linguaggio non verbale davvero universale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento