Il re leone 3D

Il re leone 3D

di ,

Sia nella versione tradizionale che stereoscopica Il re leone non è certo una pellicola che paga il passare del tempo, ma è un’opera che già nel 1994 denunciava tutti i limiti del marchio Disney.

L’ultimo ruggito…

Dopo la morte del padre, il leoncino Simba fugge dalla sua terra e viene accolto da Timon e Pumbaa, ma tornerà per riconquistare il regno, usurpato dal perfido zio Scar. Uscito per la prima volta al cinema nel 1994, The Lion King torna oggi nella nuova versione in 3D… [sinossi – programma Festival di Roma 2011]

A volte capita che il 3D sia utile, anche quando è solo un pretesto: per la Disney, che può ridistribuire una gallina dalle uova d’oro, con tanto di prezzo maggiorato del biglietto; per noi, che possiamo mettere nero su bianco alcune considerazioni che ci frullano in testa dal lontano 1994.
Che il 3D sia un pretesto è abbastanza evidente. Dal punto di vista estetico, infatti, la tridimensionalità poco (o nulla) aggiunge all’opera originale, rilanciando per l’ennesima volta la grande questione sulla reale utilità della stereoscopia nell’attuale panorama produttivo. A parte casi isolati come Avatar, Coraline e la porta magica o Cave of Forgotten Dreams, la grande massa dei titoli realizzati in 3D sembra infatti seguire logiche meramente commerciali. Ed ecco, quindi, che le nuove versioni dei “classici” disneyiani anni Ottanta/Novanta possono tornare sul grande schermo, rilanciando una consuetudine che tanto successo riscuoteva nei decenni passati [1]. Sono però altre le questioni che ci interessano [2].

Torniamo al 1994 e diamo un’occhiata al decennio 1989-1999, generalmente considerato un periodo di rinascita per la Disney, dopo una lunga serie di produzioni che il tempo ha quasi cancellato [3]. Ricoperto di riconoscimenti, dai due Oscar ai tre Golden Globe, fino agli ancor meno credibili cinque Annie Award, Il re leone (The Lion King) è effettivamente una delle opere più significative degli anni Novanta disneyiani, grazie soprattutto a una suggestiva colonna sonora [4], a un character design più che gradevole e all’ispirato utilizzo dei colori. Ma gli osanna per la Disney non si limitavano al film di Roger Allers e Rob Minkoff: da La sirenetta (1989) a Tarzan (1999), passando per i vari La Bella e la Bestia (1991), Pocahontas (1995), Il gobbo di Notre Dame (1996) e via discorrendo, tutto sembrava dorato, perfetto, artisticamente e tecnicamente inimitabile. La Casa del Topo incarnava, per buona parte della critica e per la totalità dei grandi mezzi di comunicazione, l’idea stessa di animazione. Poi, nel giro di pochi anni, il tracollo e lo scioccante stop all’animazione tradizionale [5].

Il rapido declino della Disney, nonostante l’illusorio e sovrastimato rigurgito di golden age [6], è legato ovviamente a un concatenarsi di cause, in primis le scelte poco lungimiranti della dirigenza, la concorrenza delle nuove case di produzione, come la DreamWorks e la Pixar, la crescita esponenziale dell’animazione in computer grafica e l’incapacità di rinnovare schemi narrativi oramai logori. Da non sottovalutare, infine, la sempre più ampia diffusione dell’animazione giapponese, pietra di paragone assai penalizzante per le produzioni disneyiane – alcuni titoli nipponici usciti tra il 1994 e il 1995: Ghost in the Shell (1995) di Mamoru Oshii, Memories (1995) di Koji Morimoto, Katsuhiro Otomo e Tensai Okamura, Pompoko (1994) di Isao Takahata, Whisper of the Heart (1995) di Yoshifumi Kondo…

Insomma, Il re leone, sia nella versione tradizionale che stereoscopica, non è certo una pellicola che paga il passare del tempo, ma è un’opera che già nel 1994 denunciava tutti i limiti del marchio Disney. Limiti soprattutto di carattere narrativo, con la frammentazione dello sviluppo psicologico dei personaggi, meccanicamente affidato a qualche numero musicale. Annacquata qualsiasi velleità shakespeariana, restano le gag divertenti, legate alle immancabili spalle comiche (Timon e Pumbaa, evoluzione esotica dei topolini di Cenerentola), il respiro epico ed emotivamente coinvolgente e alcune interessanti soluzioni grafiche, come la parata nazista delle iene o il character design tagliente e beffardo di Scar.

Perennemente in bilico tra favola, derive pseudo-drammatiche, psicologie abbozzate e siparietti canterini, i classici moderni della Disney di sono arenati tra la tazzina sbeccata de La bella e la bestia e i doccioni de Il gobbo di Notre Dame. Strada che ha portato, nonostante la ricerca di nuove, emancipate e persino esotiche eroine, a una fine ampiamente annunciata.

Note
1. Oltre a La Sirenetta 3D e La Bella e la Bestia 3D, vedremo le nuove versioni di due titoli di punta della Pixar: Alla ricerca di Nemo 3D e Monsters & Co 3D. Era dal 1993, con il capolavoro Biancaneve e i sette nani (1937), che un classico della Disney non veniva riproposto nelle sale.
2. Meglio sorvolare sulla querelle Disney/Tezuka, che non porta indubbiamente punti alla Casa del Topo.
3. Per rinfrescarci la memoria: Red e Toby – Nemiciamici (1981) di Art Stevens, Ted Berman e Richard Rich, Taron e la pentola magica (1985) di Bernam e Rich, Basil l’investigatopo (1986) di Ron Clements, Burny Mattinson, David Michener e John Musker e Oliver & Company (1988) di George Scribner.
4. Le musiche, da La sirenetta (1989) in poi, hanno un ruolo fondamentale nella (ri)scalata dei box office.
5. La Disney cancella i progetti in 2D e chiude con il poco memorabile Mucche alla riscossa (2004). Paradossalmente, sarà John Lasseter a rilanciare l’animazione tradizionale con La principessa e il ranocchio e, soprattutto, Winnie the Pooh – Nuove avventure nel Bosco dei 100 Acri (2011).
6. Gridano francamente vendetta le quattro nomination generosamente concesse a La bella e la bestia di Gary Trousdale e Kirk Wise.
Info
Il trailer italiano de Il re leone 3D.
Il re leone 3D su facebook.
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-01.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-02.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-03.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-04.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-05.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-06.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-07.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-08.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-09.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-10.jpg
  • il-re-leone-3d-1994-Roger-Allers-Rob-Minkoff-11.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Frozen – Il regno di ghiaccio

    di , La Disney riporta in auge una delle fiabe più note di Hans Christian Andersen, già alla base del capolavoro di Lev Atamov.
  • Animazione

    Rapunzel – L’intreccio della torre

    di , Flynn Rider, il bandito più ricercato e più affascinante del regno, si ritrova costretto a stringere un patto con una ragazza dai lunghissimi capelli d'oro che vive imprigionata all'interno di una torre...
  • Animazione

    La principessa e il ranocchio

    di , Il principe Naveen, accompagnato dal valletto Lawrence, arriva a New Orleans in cerca di jazz, ma si imbatte nel malvagio Dr. Facilier, uno stregone voodoo che lo tramuta in un ranocchio...
  • Animazione

    Mr. Peabody e Sherman

    di Mr. Peabody e il suo figlio adottivo Sherman utilizzano la macchina del tempo, il Tornindietro, per lanciarsi nelle avventure più spericolate...
  • Roma 2014

    Kahlil Gibran’s The Prophet

    di , , , , , , , , , Basterebbero i nomi e l’arte di Tomm Moore, Nina Paley, Joan Gratz e Bill Plympton per dare un senso compiuto alla visione di Kahlil Gibran’s The Prophet, lungometraggio d’animazione presentato al Festival di Roma 2014.
  • Animazione

    Oceania

    di , , , Complesso e stratificato, più innovativo di quanto non possa apparire a prima vista, Oceania è probabilmente il miglior prodotto Disney da diversi anni a questa parte, un felice esempio di convivenza di passato e futuro per il colosso americano.
  • Archivio

    La Bella e la Bestia

    di Procede a ritmo serrato la trasposizione live action dei Classici disneyani. Archiviati con successo Cenerentola e Il libro della giungla, la Casa del Topo ricalca con mano ferma il musicarello del 1991, terza pellicola di quel “Rinascimento Disney” che si rivelò fatale.
  • Archivio

    Black Panther RecensioneBlack Panther

    di Accolto trionfalmente in patria, Black Panther non si discosta dai consueti valori produttivi, narrativi ed estetici del Marvel Cinematic Universe, nonostante le utopie del Regno di Wakanda, il Black Power e la colata di buoni sentimenti e propositi. Asgard e la Galassia sono distanti.
  • In sala

    il re leone recensioneIl re leone

    di Nuova incarnazione di un classico moderno in un formato che mal si adatta alla sua concezione, Il re leone di Jon Favreau persegue un malinteso (e impossibile) realismo: il potere affabulatorio della sua vicenda c'è ancora, ma è un potere che si dispiega a dispetto del nuovo trattamento.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento