Scream 4

Scream 4

di

In blu-ray con Mondo Entertainment il quarto capitolo della saga di Wes Craven (e Kevin Williamson). Scream 4 è un nuovo inizio, sagace e crudele come non mai, in grado di spaventare e divertire allo stesso tempo, con un occhio sempre rivolto al contesto socio-culturale a stelle e strisce: uno sguardo disilluso sulla contemporaneità, teen-horror in cui sono gli adolescenti i primi a essere messi alla berlina.

Sidney Prescott è diventata autrice di un manuale di auto-difesa e, come ultima tappa del tour promozionale del libro, torna proprio a Woodsboro. Lì riallaccia i contatti con lo sceriffo Dewey e sua moglie Gale, e anche con la giovane cugina Jill e la zia Kate. Ma, con il ritorno di Sidney a casa, tornano anche gli omicidi di Ghostface, che pare prendere di mira il liceo frequentato da Jill… [sinossi]

In un biennio cinematografico contraddistinto dal ritorno in scena di alcuni dei maestri del cinema statunitense degli anni Ottanta, come John Landis, Joe Dante e John Carpenter, ha stupito non poco la leggerezza con la quale è stata affrontata dal pubblico e (in parte) dalla critica un’opera a suo modo fondamentale come Scream 4. Il film, diretto come i tre precedenti da Wes Craven, è stato solitamente snobbato al momento della sua uscita, e nonostante il generico apprezzamento ricevuto dalla critica online non ha avuto modo di incidere in maniera particolare nella graduatoria degli incassi. Altrettanto difficile dopotutto è ipotizzare un suo inserimento nelle classifiche di fine anno: i motivi della reazione recalcitrante nei confronti delle nuove avventure di Sidney Prescott alle prese con la furia omicida del terribile Ghostface risiedono con ogni probabilità nell’idea preconcetta che, una volta tornato sul “luogo del delitto” (nel vero senso della parola, in questo caso), Craven non avesse in realtà granché da dire, riducendo il quarto capitolo della saga a una sequela blanda e già vista di ammazzamenti plurimi. Nulla di più distante della realtà, invece, visto che proprio con Scream 4 il cineasta statunitense, coadiuvato in fase di sceneggiatura da Kevin Williamson (che quindici anni fa ideò la saga), alle musiche da Marco Beltrami e alla fotografia da Peter Deming, dona nuova linfa al progetto horror più metacinematografico che sia mai stato concepito. Si tratta di un nuovo inizio, sagace e crudele come non mai, in grado di spaventare e divertire allo stesso tempo, con un occhio sempre rivolto al contesto socio-culturale a stelle e strisce: uno sguardo disilluso sulla contemporaneità, teen-horror in cui sono gli adolescenti i primi a essere messi alla berlina.

Per questa serie di motivi appare doveroso consigliare, a tutti coloro che non hanno avuto la voglia o l’occasione lo scorso aprile di recarsi in sala, il recupero in home video di uno dei titoli più ingiustamente sottostimati della stagione cinematografica. Il film trova una propria collocazione negli scaffali delle videoteche grazie alla Mondo Home Entertainment, che lo ha editato sia in dvd che nel supporto blu-ray (di quest’ultimo ci si occuperà in questa sede). Da un punto di vista prettamente qualitativo il blu-ray mantiene uno standard elevato sia per quel che concerne il video che sotto il profilo dell’audio: in particolare da notare la compattezza dei timbri e dei colori, quanto mai fondamentale per poter apprezzare fino in fondo un film che punta gran parte della sua efficacia sulle zone d’ombra delle inquadrature, immergendo e facendo fuoriuscire personaggi dal buio e dal nero. Anche l’audio si distingue, rispettando l’importanza rivestita dagli effetti sonori, in particolar modo nelle sequenze a più alta tensione.

Assai ricco anche il piatto offerto dai contenuti speciali: si parte con un buon “dietro le quinte”, nel quale vengono intervistate molte delle personalità presenti sul set, a partire ovviamente da Wes Craven per arrivare alla coppia di imbranati poliziotti composta da Adam Brody e Anthony Anderson. Un modo sia per studiare da vicino le motivazioni e le velleità di coloro che erano alle spalle del progetto, sia per assaporare l’atmosfera del set, vissuta con il divertimento tipico della “reunion” per i protagonisti della saga (Neve Campbell, Courteney Cox e David Arquette) e con un misto di ansia e trepidazione per la nuova generazione di attori – il cast è composto in stragrande maggioranza da ragazzi tra i diciannove e i ventidue anni. Molto interessante anche il reparto dedicato alle sequenze tagliate in fase di montaggio, in particolar modo l’incipit e il finale che erano stati studiati in alternativa a quelli poi realmente inseriti nel film: in entrambi i casi, a essere onesti, la soluzione scelta per il montato finale appare la più convincente. A impreziosire ulteriormente il blu-ray ci pensano una galleria di errori e scherzi in fase di ripresa, in cui il ruolo di vittime ignare spetta soprattutto alle giovani attrici – e il trailer originale e quello cinematografico pensato per il mercato italiano.

Info
Il trailer di Scream 4.
Scream 4 sul canale YouTube Movies.
  • scream-4-2011-01.jpg
  • scream-4-2011-02.jpg
  • scream-4-2011-03.jpg
  • scream-4-2011-04.jpg
  • scream-4-2011-05.jpg
  • scream-4-2011-06.jpg
  • scream-4-2011-07.jpg

Articoli correlati

  • Trieste S+F 2017

    Halloween – La notte delle streghe

    di Tra le molte gemme recuperate sul grande schermo durante le giornate del Trieste Science+Fiction si è trovato il doveroso spazio anche per Halloween, il capostipite capolavoro della saga horror dedicata a Michael Myers diretto nel 1978 da John Carpenter, punto di svolta fondamentale del genere.
  • Archivio

    Auguri per la tua morte RecensioneAuguri per la tua morte

    di Declinando in chiave slasher Ricomincio da capo, senza rinunciare alla verve comica, Auguri per la tua morte (Happy Death Day) è un susseguirsi di variazioni, di immediati e plurimi remake, di reboot che si cannibalizzano nel giro di pochi minuti, addirittura secondi.
  • Mille Occhi 2017

    La cugina del prete RecensioneLa cugina del prete

    di Presentata ai Mille Occhi la versione italiana del film hard di Wes Craven The Fireworks Woman, che da noi era uscito con il titolo La cugina del prete. Un prodotto tipico della Golden Age of Porn.
  • Cult

    Scream RecensioneScream

    di Scream torna in sala al Fantafestival di Roma in occasione dei venti anni dalla sua produzione, e a poco meno di un anno di distanza dalla morte di Wes Craven.
  • Archivio

    Scream 4

    di Il quarto capitolo della saga dedicata agli omicidi della cittadina di Woodsboro. Tornano a lavorare insieme Wes Craven e Kevin Williamson, confezionando un divertissement horror di gran classe, elegante e cinicamente disilluso. Un gioiello.
  • Cult

    Nightmare RecensioneNightmare – Dal profondo della notte

    di Il capostipite della saga Nightmare, diretto da Wes Craven e punto di svolta nelle dinamiche visionarie dell'horror anni Ottanta.
  • CITAZIONE

    Wes Craven CitazioneWes Craven – Citazione 1

    No Sid! Non dare la colpa al cinema. I film non fanno nascere nuovi pazzi, li fanno solo diventare più creativi.

    da Scream (1996) di Wes Craven.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento