Noi credevamo

Noi credevamo

di

Noi credevamo, il capolavoro di Mario Martone, arriva in dvd con 01 Distribution in un’edizione speciale, da non lasciarsi sfuggire. Un’opera fondamentale, che riscrive il cinema italiano degli ultimi due decenni e ribadisce la centralità dell’arte come principale elemento di riflessione e cronaca su ciò che la circonda; perché “eravamo tanti, eravamo insieme, il carcere non bastava. Noi la lotta dovevamo cominciarla quando ne uscimmo. Noi, dolce parola, noi credevamo…”.

Tre ragazzi del sud Italia, in seguito alla feroce repressione borbonica dei moti che nel 1828 vedono coinvolte le loro famiglie, maturano la decisione di affiliarsi alla Giovine Italia di Giuseppe Mazzini. Attraverso quattro episodi che corrispondono ad altrettante pagine oscure del processo risorgimentale per l’unità d’Italia, le vite di Domenico, Angelo e Salvatore verranno segnate tragicamente dalla loro missione di cospiratori e rivoluzionari, sospese come saranno tra rigore morale e pulsioni omicide, spirito di sacrificio e paura, carcere e clandestinità, slanci ideali e disillusioni politiche. Sullo sfondo, la storia più sconosciuta della nascita del paese, dei conflitti implacabili tra i “padri della patria”, dell’insanabile frattura tra nord e sud, delle radici contorte su cui sì è sviluppata l’Italia in cui viviamo… [sinossi]
Odi la gloria dell’ardimento
il tuo colore mette spavento
Venezia e Roma poi nella fossa
cadremo assieme camicia rossa
Venezia e Roma poi nella fossa
cadremo assieme camicia rossa.
[Cantata nel film]

Davvero ammirevole il lavoro portato avanti dalla 01 Distribution per promuovere Noi credevamo di Mario Martone: dopo la classica uscita per l’home video, avvenuta alcuni mesi or sono, è ora la volta di una splendida edizione in dvd, con la versione integrale del film e un cd contenente la colonna sonora, eseguita dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI diretta da Roberto Abbado. Il modo migliore per dare la doverosa visibilità a una delle più importanti opere cinematografiche portate a termine in Italia negli ultimi due decenni: un film che ha il coraggio di rielaborare un racconto storico sul Risorgimento italiano senza perdere mai di vista la riflessione sulla contemporaneità.

Nell’interessante commento audio di Martone e Alberto Barbera, rintracciabile tra i pochi ma essenziali contenuti speciali del dvd, il regista campano ammette di aver trasformato l’incipit, dopo averlo scritto, in un omaggio a una sequenza analoga di 1860 di Alessandro Blasetti, uno dei pochi film “risorgimentali” del cinema italiano (Martone cita anche Il Gattopardo di Luchino Visconti, Bronte di Florestano Vancini e il misconosciuto La pattuglia perduta – Vecchio regno, in cui Piero Nelli mescolava al racconto storico le pratiche del cinema neorealista, con un approccio alla materia non poi così dissimile da quello che anima Noi credevamo).

Un’affermazione che rende abbastanza esplicito uno dei tratti essenziali del film, quello di porsi come vera e propria ricostruzione del materiale storico, attraverso un percorso di riscoperta della memoria della nazione che mette insieme fatti acclarati, ingegni, arti, speculazioni filosofiche. Noi credevamo non è “solo” l’ambiziosa messa in scena di un movimento decennale che portò, con fatica e piegando il capo di fronte a un numero non indifferente di compromessi, alla nascita dell’Italia unita, ma anche e soprattutto l’indagine accorata, disillusa ma mai doma, dell’Italia di oggi, “gretta, superba, assassina” per dirla con le parole usate da Domenico/Luigi Lo Cascio nel monologo finale. È così che viene a mescolarsi la storia di centocinquanta anni addietro con quella attuale, come il fatto che alcune location fossero state rintracciate grazie all’aiuto e all’intervento di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica (in provincia di Salerno) ucciso dalla camorra in condizioni mai completamente chiarite appena pochi giorni prima della presentazione di Noi credevamo alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove era presente in concorso. L’Italia di ieri e di oggi si guardano dunque attraverso lo specchio, riconoscendosi e al contempo disconoscendosi, nel difficile tentativo di comprendersi fino in fondo.

Un’opera fondamentale, che riscrive il cinema italiano degli ultimi due decenni e ribadisce la centralità dell’arte come principale elemento di riflessione e cronaca su ciò che la circonda, un punto fermo andato smarrito con troppa facilità da qualche tempo a questa parte all’interno della Settima Arte nostrana. Anche per questo il consiglio è quello di non perdere l’occasione di ascoltare gli aneddoti e gli spunti che nascono spontanei nel dialogo tra Martone e Barbera, vero e proprio nodo cruciale degli extra del dvd, quasi un film a parte. Contenuti speciali che contengono anche una breve sequenza eliminata dal montaggio finale del film, nella quale si assiste all’attesa da parte di Giuseppe Mazzini dell’arrivo di Salvatore, passata suonando la chitarra, il trailer del film e La meditazione, breve cortometraggio di teatro/danza che Martone ha tratto da Hayez e messo in scena sfruttando la suggestiva coreografia di Raffaella Giordano.

Il consiglio è dunque quello di non lasciarsi sfuggire dalle mani un capolavoro del cinema contemporaneo italiano, struggente resoconto di ciò che fu ed è, ma anche e soprattutto di ciò che sarebbe potuto essere, forse. Perché, come insegna il monologo finale “eravamo tanti, eravamo insieme, il carcere non bastava. Noi la lotta dovevamo cominciarla quando ne uscimmo. Noi, dolce parola, noi credevamo…”.

Info
Il trailer ufficiale di Noi credevamo.
La scheda di Noi credevamo sul sito della 01.
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-06.jpg
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-05.jpg
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-04.jpg
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-03.jpg
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-02.jpg
  • noi-credevamo-2010-mario-martone-dvd-01.jpg

Articoli correlati

  • Bellaria 2016

    Intervista a Jacopo Quadri

    Intervistare Jacopo Quadri a proposito del suo lavoro come montatore significa fare un viaggio in quasi un trentennio di cinema italiano. Lo abbiamo incontrato all'ultima edizione del Bellaria Film Festival, dove è stato presidente di giuria e ha ricevuto il Premio Casa Rossa alla carriera.
  • Venezia 2015

    Intervista ad Antonio Capuano

    Vincitore con Vito e gli altri della Settimana della Critica del 1991, Antonio Capuano è tornato quest'anno per celebrare il trentennale della sezione con un nuovo film, Bagnoli Jungle. Ironico ed eccentrico, carnale e tenero il suo cinema non si smentisce mai, denso di cultura, alta e bassa, di realtà e sentimento. Di questo ed altro abbiamo parlato con il regista partenopeo.
  • Interviste

    Intervista a Renato Berta

    "La luce non sta lì solo per impressionare la pellicola o il sensore di una macchina digitale. La luce, in una maniera o nell’altra, deve narrare." In occasione della 29esima edizione del Cinema Ritrovato, abbiamo intervistato Renato Berta, direttore della fotografia per - tra gli altri - de Oliveira, Straub e Huillet, Godard, Resnais e Martone.
  • Interviste

    massimo-gaudiosoIntervista a Massimo Gaudioso

    Il racconto dei racconti di Garrone, il prossimo esordio in solitaria come regista, l’exploit quasi vent’anni fa con Il caricatore, la sceneggiatura del nuovo film di Verdone, lo stato delle cose nella commedia italiana. Di questo e di altro ancora abbiamo parlato con lo sceneggiatore e regista Massimo Gaudioso.
  • Libri

    La luce necessaria – Conversazione con Luca Bigazzi

    Il libro-intervista a Luca Bigazzi, edito da Artdigiland e scritto da Alberto Spadafora, permette di approfondire la figura del maggior direttore della fotografia italiano degli ultimi trent'anni.
  • Archivio

    Il giovane favoloso RecensioneIl giovane favoloso

    di Presentato in concorso a Venezia 71, Il giovane favoloso racconta il percorso esistenziale di Giacomo Leopardi, con qualche lampo, ma in modo sostanzialmente scolastico. Siamo lontani dall'eversività di Noi credevamo.
  • In sala

    Il permesso – 48 ore fuori

    di Claudio Amendola, alla seconda regia dopo La mossa del pinguino, firma un noir canonico ma non privo di una propria sincerità, anche se troppo debitore di esempi recenti come Suburra. Insieme a lui nel cast anche Luca Argentero, Valentina Bellè e Giacomo Ferrara.
  • Torino 2017

    Essi bruciano ancora RecensioneEssi bruciano ancora

    di , Con Essi bruciano ancora Felice D’Agostino e Arturo Lavorato ripartono dalla Calabria per cercare di narrare la storia di una sottomissione culturale e politica che viene oggi celebrata come Unità d'Italia. Un lavoro affascinante e stratificato, ma non privo di contraddizioni. In Onde al Torino Film Festival.
  • Roma 2018

    San Michele aveva un gallo RecensioneSan Michele aveva un gallo

    di , Presentato in versione restaurata alla Festa del Cinema di Roma, San Michele aveva un gallo dei fratelli Taviani si dimostra sempre più attuale nella descrizione di una sinistra rivoluzionaria circondata dai fantasmi del proprio ego, dell'estremismo come malattia infantile del comunismo, dell'eterna sconfitta dell'ideale.
  • In sala

    Selfie RecensioneSelfie

    di Dopo Le cose belle, co-diretto con Giovanni Piperno, Agostino Ferrente torna in solitaria a Napoli per dare voce ai giovani abitanti della città partenopea. E, stavolta, con gesto radicale, gli dà anche "l'immagine", consegnando ai suoi due protagonisti lo strumento per riprendersi, un telefonino.
  • Venezia 2019

    Il sindaco del rione Sanità

    di Mario Martone, dopo averlo già portato in scena in teatro, adatta per il grande schermo Il sindaco del rione Sanità, una delle pièce fondamentali nell'opera di Eduardo De Filippo. Nel farlo sceglie una interpretazione non sempre convincente del teatro filmato, quasi a suggerire l'impotenza della Settima Arte di fronte al proscenio.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento