Il castello nel cielo

Il castello nel cielo

di

La spettacolarità de Il castello nel cielo è esaltata dalle sequenze aeree, passione mai sopita del regista giapponese, che riesce a creare una sorta di tecnologia aviatoria, bizzarra ma credibile, in stile ottocentesco.

Un regista tra le nuvole

Sheeta, misteriosa ragazzina in possesso di una magica pietra azzurra, è inseguita da una sgangherata banda di pirati dell’aria e da un torvo agente governativo. Grazie all’aiuto di Pazu, giovane e coraggioso minatore gallese, riuscirà a svelare il mistero della pietra, a scoprire le proprie origini e a ritrovare la leggendaria Laputa, l’isola che fluttua nel cielo… [sinossi]

Il tempo a volte aggiusta le cose, almeno in (piccola) parte. L’uscita nelle sale italiane del miyazakiano Il castello nel cielo (1986), oltre a sottolineare il prezioso lavoro della Lucky Red, colma un vuoto, un ritardo che è soprattutto culturale e solo secondariamente distributivo. Negli anni in cui la Disney – si veda, come punto più basso, il disastroso Taron e la pentola magica – annaspava artisticamente e tecnicamente, in Giappone si produceva da tempo animazione di elevatissimo livello, per qualità e contenuti: piccoli e grandi capolavori che venivano sistematicamente ignorati dal Bel Paese. E nulla è cambiato: Otomo, Takahata, Oshii e via discorrendo. Ma il discorso si potrebbe tranquillamente spostare su tanta animazione europea, asiatica e americana mai arrivata nelle nostre sale. Per non parlare di tutte quelle pellicole – animazione o live action, commerciali o autoriali – che restano sistematicamente fuori dai nostri confini nazionali o che passano come meteore (l’ultimo Sokurov, tanto per fare un esempio facile facile). Ecco, Il castello nel cielo colma un vuoto, dopo quasi tre decenni. Si potrebbe, guardando il bicchiere mezzo pieno, essere quasi contenti.

Segnalando la consueta cura della Lucky Red nell’adattamento e nel doppiaggio, vi riproponiamo una recensione scritta in occasione dell’edizione 2004 del Future Film Festival. Gli anni passano, ma i capolavori di Miyazaki mantengono una freschezza quasi miracolosa. E la distribuzione è finalmente arrivata.Dopo lunghi e insensati anni di vuoto critico e distributivo, le opere del grande cineasta nipponico Hayao Miyazaki hanno conquistato una buona visibilità e il suo nome non ha più un suono esotico. Le fortune festivaliere de La città incantata (Orso d’oro a Berlino ed Oscar come miglior film d’animazione) hanno aperto la strada alle pellicole precedenti, almeno per una distribuzione home video (sempre meglio di niente). Dopo la travagliata edizione in vhs e dvd di Kiki’s Delivery Service (Mayo no Takkyubin, 1989) è arrivato Laputa, il castello nel cielo (Tenku no Shiro Laputa, 1986), seconda uscita della collana Studio Ghibli Collection, proiettata su grande schermo al Future Film Festival 2004.
Miyazaki, avido consumatore di letteratura fantascientifica, fantasy e d’avventura, recupera il convincente character design di Conan e Lana della serie televisiva Conan, il ragazzo del futuro (Mirai Shonen Conan, 1978) e immerge i due giovani protagonisti (ora Pazu e Sheeta) in un’atmosfera Belle Epoque in stile Jules Verne, con evidenti riferimenti all’isola volante Laputa descritta da Jonathan Swift nel secondo capitolo de I viaggi di Gulliver e alle fortezze volanti dotate di armi distruttive descritte nel Mahabharata.
Dal punto di vista tecnico, è inevitabile sottolineare la qualità dell’animazione, datata 1986 e ancora oggi inarrivabile per la maggior parte delle produzioni europee, americane e persino giapponesi. Il morbido e pulito character design, la ricchezza dei fondali e la fluidità dei movimenti hanno sempre caratterizzato le opere dello Studio Ghibli e hanno permesso a Miyazaki, che supervisiona ogni fase produttiva e spesso interviene di suo pugno, di liberare la sua fantasia.

Tra le tante sequenze memorabili, alcune hanno fatto scuola e sono state fonte d’ispirazione e di citazione: Hideaki Anno ha riproposto le atmosfere dei titoli di testa per due dei suoi maggiori successi, Il mistero della pietra azzurra (Fushigi no umi no Nadia, 1991) e Le ali di Honneamise (Honneamise no tsubasa, 1987), e John Lasseter, tycoon della Pixar, ha omaggiato Miyazaki in A Bug’s Life (1998). La sequenza in cui Flik salva la Principessa Dott, attaccandosi al dorso di un insetto volante, è una chiara citazione del drammatico salvataggio di Sheeta con i flaptor. Il castello nel cielo è probabilmente il film che meglio rappresenta e riassume l’opera di Miyazaki, pur non possedendo lo spessore politico di pellicole come Princess Mononoke (Mononoke Hime, 1997) o Nausicaä della Valle del vento (Kaze no Tani no Nausicaä, 1984). Il regista di Akebono riesce a far convivere le sue due anime cinematografiche: il gusto per l’azione, il ritmo elevato e la commedia – il suo primo lungometraggio, Il castello di Cagliostro (Lupin Sansei: Cagliostro no Shiro, 1979), è un esempio lampante – e la voglia di esprimere, attraverso sequenze che si tingono di poesia, le sue riflessioni sul mondo, sull’uomo, sulla natura. Laputa è un film che diverte e intrattiene e, allo stesso tempo e senza perdere colpi, offre spunti di riflessione e commuove.

Oltre a dirigere con estrema sapienza le scene d’azione, come il già citato salvataggio coi flapptor o l’inseguimento sui binari morti, Miyazaki sfrutta a meraviglia il potenziale comico della banda di pirati di Mama Dola, dimostrando che il cinema d’animazione non è costretto a ricorrere a buffi animaletti canterini per strappare una risata. La spettacolarità di Laputa è esaltata inoltre dalle sequenze aeree, passione mai sopita del regista giapponese, che riesce a creare una sorta di tecnologia aviatoria, bizzarra ma credibile, in stile ottocentesco. Ma è proprio Laputa, l’isola fluttuante, che eleva il film verso vette altissime: Miyazaki disegna l’isola “attorno” a un grande e maestoso albero che, travalicando le dimensioni del possibile, diventa metafora della natura che si riappropria dei propri spazi e monito alla cieca e stolta corsa agli armamenti. La sequenza del primo incontro tra i due giovani protagonisti e l’ultimo robot guardiano dell’isola è pura poesia, sottolineata dalle ispirate e leggiadre note di Joe Hisaishi – autore di tutte le colonne sonore dei film di Miyazaki, ad eccezione de Il castello di Cagliostro, e fidato compositore di un altro geniaccio del Sol Levante, Takeshi Kitano.

Info
Il castello nel cielo su nausicaa.net
Il castello nel cielo sul sito della Lucky Red.
Il trailer de Il castello nel cielo.
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-01.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-03.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-04.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-05.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-06.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-07.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-08.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-09.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-10.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-11.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-12.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-13.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-14.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-15.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-16.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-17.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-18.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-19.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-20.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-21.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-22.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-23.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-24.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-25.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-26.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-27.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-28.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-29.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-31.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-32.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-34.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-35.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-36.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-37.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-38.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-39.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-40.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-41.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-42.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-43.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-44.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-45.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-46.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-47.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-48.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-49.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-50.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-51.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-52.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-53.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-54.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-55.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-56.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-57.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-58.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-59.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-60.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-61.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-62.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-63.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-64.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-65.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-66.jpg
  • il-castello-nel-cielo-laputa-1986-hayao-miyazaki-67.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Nausicaa-della-Valle-del-ventoNausicaä della Valle del vento

    di Arriva finalmente nelle sale il secondo lungometraggio scritto e diretto da Miyazaki, opera seminale dello Studio Ghibli. Archetipo degli eco-faniasy, Nausicaä mantiene intatta la potenza grafica, cromatica e immaginifica. Una pellicola, per caratteristiche tecniche e produttive, probabilmente irripetibile.
  • Animazione

    La città incantata

    di Torna al cinema una delle opere più celebri di Hayao Miyazaki, già vincitrice dell'Orso d'Oro alla Berlinale e dell'Oscar per il miglior film di animazione.
  • Animazione

    Principessa Mononoke

    di Uno dei massimi capolavori di Hayao Miyazaki raggiunge le sale italiane grazie alla Lucky Red. Un evento imperdibile per tutti gli amanti del "dio degli anime"!
  • Rassegne

    Alla Casa del Cinema rassegna su Hayao MiyazakiAlla Casa del Cinema una rassegna su Hayao Miyazaki

    Sei film per iniziare bene il 2014. Dal primo al 6 gennaio la Casa del Cinema di Roma propone la rassegna pomeridiana "In vacanza con i cartoni di Hayao Miyazaki": Totoro, Ponyo, Laputa...
  • Venezia 2013

    Si alza il vento

    di Giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Nelle sale per quattro giorni dal 13 settembre.
  • Blu-ray

    Il castello di Cagliostro Blu-rayIl castello di Cagliostro

    di Lupin e il fedele Jigen hanno rintracciato la fonte delle banconote false che stanno mettendo in ginocchio l'economia mondiale: il piccolo paese di Cagliostro, governato dall'omonimo conte...
  • Animazione

    La collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia di una vecchia casa in legno della scuola, il Quartier Latin, scrigno delle memorie di alcune generazioni, Umi e Shun si innamorano...
  • Animazione

    Il mio vicino Totoro RecensioneIl mio vicino Totoro

    di Esempio difficilmente replicabile di "film per tutti", Il mio vicino Totoro conferma l'abilità narrativa di Miyazaki, da sempre attento al contenuto e alla fruibilità delle sue opere, dalle più complesse alle più immediate.
  • Animazione

    Ponyo sulla scogliera RecensionePonyo sulla scogliera

    di Plasmando un intreccio che riecheggia Hans Christian Andersen, Miyazaki sposa il punto di vista dei sui piccoli protagonisti, raccontandoci una storia di poetica, inarrivabile, semplicità.
  • Animazione

    Il castello di Cagliostro RecensioneIl castello di Cagliostro

    di Il castello di Cagliostro è un pirotecnico divertissement, un giocattolo spassoso, un meccanismo ludico di certosina precisione.
  • Animazione

    Porco Rosso RecensionePorco Rosso

    di Le mirabolanti avventure aeree di Porco Rosso, abilissimo aviatore trasformato in maiale: i pirotecnici scontri con la banda Mamma Aiuto, la rivalità con Donald Curtis e l’amore per la bella Gina…
  • Animazione

    Kiki consegne a domicilio

    di La piccola e graziosa streghetta Kiki, compiuti tredici anni, deve passare un intero anno lontano dalla sua famiglia in una città sconosciuta...
  • DVD

    legend-of-the-millennium-dragonLegend of the Millennium Dragon

    di In linea con il fantasy ecologista di matrice miyazakiana e debitore della grandeur otomiana, Legend of the Millennium Dragon semplifica alcune tematiche, rivolgendosi con efficacia a un pubblico di adolescenti...
  • Animazione

    Akira RecensioneAkira

    di Neo-Tokyo, 2019. Nella città devastata regna il caos: bande di motociclisti, gruppi di terroristi e ribelli, sette religiose in attesa della seconda venuta del leggendario Akira…
  • Animazione

    Steamboy

    di Ray, ultimo geniale inventore di una famiglia di scienziati, riceve dal nonno paterno una misteriosa sfera metallica che si rivelerà un’inesauribile e potentissima fonte di energia...
  • Intervista

    Intervista a Bruno Bozzetto

    Abbiamo intervistato Bruno Bozzetto, principale cantore del cinema d'animazione italiano, grazie a opere capitali come West and Soda e Allegro non troppo.
  • Animazione

    I racconti di Terramare

    di Dopo l’improvvisa apparizione nei cieli di Eartsea di alcuni draghi, carestie e pestilenze cominciano ad affliggere gli esseri umani: il mondo sta perdendo il suo equilibrio...
  • Animazione

    La storia della principessa splendente RecensioneLa storia della principessa splendente

    di Con La storia della principessa splendente, dichiarato omaggio all'arte di Frédéric Back, si conclude la straordinaria avventura artistica di Isao Takahata. Un ultimo struggente capolavoro. Nelle sale per (soli) tre giorni.
  • Animazione

    Arrietty RecensioneArrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

    di Una famiglia alta poco più di dieci centimetri vive sotto le assi del pavimento "prendendo in prestito" dalle case oggetti di uso comune...
  • DVD

    La collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia del Quartier Latin, sede dei club scolastici, Umi e Shunya si innamorano...
  • Animazione

    Il castello errante di Howl RecensioneIl castello errante di Howl

    di La diciottenne Sophie, dopo un casuale incontro con il bello e temuto mago di Howl, viene trasformata in una rugosa vecchietta dalla Strega delle Lande Desolate...
  • DVD

    Il castello errante di Howl

    di La Lucky Red ha riservato più di un’attenzione all'uscita dell’ultima opera miyazakiana, Il castello errante di Howl. Il risultato, oltre all'edizione a disco singolo, è la Limited Edition...
  • Documentario

    Il regno dei sogni e della follia RecensioneIl regno dei sogni e della follia

    di Mami Sunada riesce a muoversi in punta di piedi, a pedinare garbatamente Miyazaki, a fondersi con lo Studio Ghibli. Il regno dei sogni e della follia anticipa la fine e la racconta, e riesce a essere una testimonianza importante per sondare e studiare il microcosmo ghibliano.
  • Animazione

    Up-Pixar-2009Up

    di , Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno...
  • Animazione

    La tomba delle lucciole RecensioneLa tomba delle lucciole

    di Arriva nelle sale La tomba delle lucciole di Isao Takahata, capolavoro straziante realizzato nel 1988 dallo Studio Ghibli. In perfetto equilibrio tra realismo e lirismo, con un'onestà quasi spietata, Takahata mette in scena il destino privo di speranza di due fratellini inghiottiti dallo spaventoso scenario della Seconda guerra mondiale.
  • Animazione

    La-ricompensa-del-gattoLa ricompensa del gatto

    di Arriva nelle sale per due giorni La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita, singolare spin-off de I sospiri del mio cuore ed ennesimo ripescaggio della Lucky Red tra gli inediti dello Studio Ghibli. Un'operina graziosa, spumeggiante, indubbiamente minore.
  • Archivio

    Godzilla Resurgence RecensioneGodzilla Resurgence

    di , Il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un'opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all'immaginario di Anno.
  • Future 2018

    La grande avventura del piccolo principe Valiant RecensioneLa grande avventura del piccolo principe Valiant

    di Riproposto in occasione dell'omaggio Ricordi struggenti - Il cinema di Isao Takahata del Future 2018, La grande avventura del piccolo principe Valiant è una delle pellicole spartiacque della storia degli anime, opera seminale di quello che sarà due decenni dopo lo Studio Ghibli.
  • In sala

    macchine mortali recensioneMacchine mortali

    di Peter Jackson sceneggia e produce l'adattamento cinematografico di Macchine mortali, romanzo sci-fi in odor di steampunk di Philip Reeve. Purtroppo a dirigerlo non è il regista neozelandese ma il suo fedele sodale Christian Rivers, all'esordio dietro la macchina da presa.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento