Cannes 2012

Cannes 2012

Dal 16 al 27 maggio, sulla Croisette, il Festival di Cannes 2012: Haneke, Mungiu, Carax, Garrone, Loznitsa, Reygadas, Anderson, Cronenber, Dominik, Dolan, Miike, Seidl, Resnais, Wakamatsu, Bertolucci…

E anche la sessantacinquesima edizione del Festival di Cannes è andata. E noi siamo sopravvissuti. La vita festivaliera è una dimensione altra rispetto alla vita reale: è una questione di ritmo, di intensità, di stanchezza e di adrenalina. E di visione d’insieme, giusta o sbagliata che sia.
Finita Cannes 2012, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno. Proviamo a partire dai premi: la Palma d’oro a Amour di Michael Haneke era scritta nelle stelle, chiara a (quasi) tutti dopo la prima proiezione. L’unico ostacolo, al limite, poteva essere Moretti, non esattamente un fan del cinema del regista austriaco. Forse altre scelte sarebbero state più coraggiose, meno scontate, come Beyond the Hills di Cristian Mungiu, comunque premiato per la sceneggiatura e la miglior interpretazione femminile (Cosmina Stratan e Cristina Flutur). Questioni di lana caprina, in fin dei conti.

Lontanissimi dalla Palma d’oro e tornati a casa a mani vuote, invece, In the Fog di Sergei Loznitsa e Holy Motors di Leos Carax, pellicole accolte con un certo entusiasmo dalla stampa. Premi invece per Reality di Matteo Garrone e The Angels’ Share di Ken Loach. Loznitsa/Carax/Garrone/Loach: la conferma di un autore rigoroso, il ritorno di un visionario, il mezzo passo falso di una della poche stelle italiane, la stanchezza di un vecchio combattente. Tra qualche mese, tra qualche anno, sarà indubbiamente interessante capire cosa resterà di The Angels’ Share e cosa si dirà (adesso, proprio in queste ore, molti stanno saltando sul carro del vincitore) del film di Garrone, ricco di suggestioni ma complessivamente sotto le attese. Invece, sperando che Carax non sparisca nuovamente, siamo abbastanza sicuri dei futuri successi di Loznitsa… [continua a leggere]

INFO
La selezione ufficiale di Cannes 2012.

Articoli correlati

  • Archivio

    Infanzia clandestina

    di Benjamin Ávila prova a fare i conti con una pagina dolorosa della sua vita e del proprio paese: la dittatura di Videla.
  • Altrevisioni

    Broken

    di Rufus Norris, all'esordio nel lungometraggio, descrive un microcosmo di periferia inglese, riuscendo a sviscerarne sia l’aspetto barbarico che l’insopprimibile vitalità.
  • AltreVisioni

    Final Cut: Hölgyeim és uraim

    di L’amore nelle sue diverse sfaccettature è il cuore nevralgico del sublime, personalissimo lavoro di György Pálfi. Amore tra uomo e donna, come anche amore incondizionato per il cinema.
  • AtreVisioni

    Student

    di Il regista kazako Darežan Omirbaev mette in scena Delitto e castigo di Dostoevskij con una ricerca di essenzialità e un lavoro di geometrie figli della grande lezione del cinema sovietico.
  • Animazione

    La bottega dei suicidi

    di Immaginate una città in cui la vita è diventata così triste che la gente non ha più voglia di vivere. Eppure in questo mondo sinistro c’è un inatteso raggio di speranza...
  • Archivio

    Buon anno Sarajevo

    di Con Buon anno Sarajevo la regista Aida Begic racconta la difficile vita per una coppia di orfani di guerra nella Bosnia contemporanea.
  • Archivio

    No – I giorni dell’arcobaleno

    di Larraín integra i materiali di archivio in modo naturale al girato ex-novo, senza che appaiano come corpi estranei, e si permette una riflessione, acuta e mai banale, sul valore politico non solo di ciò che si filma, ma anche di come lo si filma.
  • AltreVisioni

    The We and the I

    di Gondry stipa una scolaresca di liceali del Bronx in un autobus e realizza con The We and the I un film sull'esperienza umana di questi giovani adulti capace allo stesso tempo di divertire e straziare per la sua profonda sincerità.
  • Animazione

    Ernest & Celestine

    di , , Nel mondo degli orsi non è ammessa l'amicizia coi topi. Ma Ernest, un grosso orso emarginato, clown e musicista, stringe amicizia con Célestine...
  • Animazione

    The King of Pigs

    di Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d'affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe...
  • Festival

    Festival di Cannes 2012 – Bilancio

    Conclusa l'edizione 2012, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno.
  • AltreVisioni

    7 Days in Havana

    di , , , , , , Un’insolita istantanea de L’Avana contemporanea, ritratta da 7 registi molto diversi tra loro. Presentata a Un certain regard a Cannes 2012.
  • AltreVisioni

    Le-grand-soirLe grand soir

    di , I Bonzini gestiscono il ristorante La Pataterie, all'interno di una zona commerciale. Il figlio più grande, Not, è il più vecchio punk d'Europa. Il fratello, Jean-Pierre, lavora come venditore in un negozio di letti e materassi. Quando Jean-Pierre viene licenziato, i due fratelli si ritrovano. Le Grand Soir è la storia di una famiglia che decide di fare la rivoluzione a suo modo...
  • AltreVisioni

    11/25 The Day Mishima Chose His Own Fate

    di La vita e la morte di Yukio Mishima, intellettuale di punta del Giappone del secondo dopoguerra, raccontate da Kōji Wakamatsu, al suo penultimo film.
  • AltreVisioni

    The Taste of Money

    di Young-jak è al servizio di una potente famiglia coreana, un vero e proprio centro di potere politico ed economico...
  • Archivio

    Anime nella nebbia

    di URSS, 1942. Fronte occidentale. La regione è occupata dell'esercito tedesco e i partigiani locali stanno cercando di resistere in tutti i modi...
  • AltreVisioni

    For Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • AltreVisioni

    The Paperboy

    di La messa in scena leziosa e superficiale di The Paperboy conferma i dubbi sulle qualità registiche di Lee Daniels, già emersi dai primi film. In concorso a Cannes 2012.
  • Archivio

    Io e te

    di Io e te segna il ritorno alla regia di Bernardo Bertolucci a quasi dieci anni di distanza da The Dreamers; una storia di rapporti familiari, fratelli e sorelle che imparano gradualmente a conoscersi, e forse ad amarsi. Fuori concorso a Cannes 2012.
  • Archivio

    On the Road

    di Nelle mani di Walter Salles il capolavoro letterario di Jack Kerouac, On the Road, diventa un inutile resoconto di sesso e droga.
  • Archivio

    Holy Motors

    di Dopo tredici anni torna con Holy Motors l'immaginifico universo di Leos Carax. Un viaggio surreale con protagonista il fedele Denis Lavant.
  • AltreVisioni

    Vous n’avez encore rien vu

    di Il drammaturgo Antoine, prossimo alla morte, convoca nella sua casa alcuni suoi amici, tutti attori...
  • Archivio

    Post Tenebras Lux

    di Reygadas vola probabilmente troppo alto, tra presenze soprannaturali e inconsuete scelte di messa in scena, e finisce per portare il racconto su un piano eccessivamente criptico, sterile.
  • Archivio

    Cogan – Killing Them Softly

    di Per stanare e punire due ladruncoli che hanno rapinato una bisca clandestina, la mafia assolda l'esperto killer Jackie Cogan, ma il compito si rivelerà più difficile del previsto...
  • Archivio

    La parte degli angeli

    di Processato per aver picchiato a sangue un altro ragazzo, Robbie evita per un soffio la galera ed è condannato a trecento ore di lavoro socialmente utile...
  • AltreVisioni

    Antiviral

    di Syd March lavora per una clinica che rivende sieri di virus, estratti dalle malattie che hanno colpito personaggi famosi e destinati a fan morbosi e ossessionati dalle celebrità...
  • Archivio

    Il sospetto

    di Nonostante l'ottima interpretazione di Mads Mikkelsen, Il sospetto non riesce a evitare le trappole del cinema di Thomas Vinterberg, furbo e ricattatorio.
  • Cannes 2012

    Amour

    di Viaggio al termine di una notte che non ha fine, Amour di Michael Haneke mostra la disgregazione umana in grado di andare al di là di qualsiasi autodifesa della logica.
  • Archivio

    Qualcuno da amare

    di Il film giapponese di Abbas Kiarostami non passerà alla storia, ma ha qualcosa di interessante da dire sui rapporti interpersonali nell'oriente occidentalizzato e sul rinnovamento della sophisticated comedy contemporanea.
  • Cannes 2012

    Dracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • AltreVisioni

    Mekong Hotel

    di Il cinema di Apichatpong Weerasethakul è ancora abitato da fantasmi, anche al Mekong Hotel, di fronte all'avanzare impetuoso del fiume. A Cannes 2011.
  • Animazione

    Madagascar 3 – Ricercati in Europa

    di , , Alex il leone, Marty la zebra, Melman la giraffa e Gloria l'ippopotamo stanno ancora cercando di tornare nella loro amata Grande Mela...
  • Archivio

    Reality

    di Il post-Gomorra di Matteo Garrone è Reality, grottesco e doloroso racconto morale sull'Italia contemporanea. Presentato in concorso e premiato col Gran Prix a Cannes 2012.
  • Archivio

    Mud

    di Sospeso tra azione e introspezione Mud di Jeff Nichols finisce per prendere un ritmo eccessivamente convulso, ma si avvale di un'ottima regia e di un cast eccellente.
  • AltreVisioni

    Paradise: Love

    di Cinico, volgare, crudele, respingente, noioso, gratuito e tutto quel che segue. Paradise: Love di Ulrich Seidl è un pugno nello stomaco, per molti insopportabile.
  • Cannes 2012

    Un sapore di ruggine e ossa

    di Tratto da una raccolta di racconti del canadese Craig Davidson, Un sapore di ruggine e ossa conferma le doti di Jacques Audiard, pur senza raggiungere le vette dei film precedenti.
  • Cannes 2012

    Oltre le colline

    di Con Oltre le colline Cristian Mungiu, tra i principali cantori del nuovo cinema rumeno, firma una requisitoria contro l'ortodossia religiosa.
  • Archivio

    Lawless

    di Un crime movie venato di suggestioni western, ma non particolarmente brillante né originale. Con un cast all star. In concorso a Cannes 2012.
  • AltreVisioni

    After the Battle

    di Dopo aver fatto parte del gruppo armato che ha sferrato violenti attacchi ai manifestanti in Piazza Tahrir, Mahmoud è rimasto senza lavoro ed è umiliato e ostracizzato dalla sua comunità...
  • Festival

    Cannes 2012 – Tutto il Festival minuto per minuto

    Aggiornamenti, prime impressioni, folgorazioni, delusioni e news dalla sessantacinquesima edizione del Festival di Cannes.
  • Festival

    Festival di Cannes 2012 – Presentazione

    Lontani per una dozzina di giorni dalle polemiche romane e nazionali sui vari festival, grandi e piccoli, nascenti e morenti, potremo focalizzare l'attenzione sul grande schermo, sul cinema dei maestri e dei nuovi talenti, sullo spettacolo e sull'arte.
  • Archivio

    In Another Country

    di Tre donne, tutte chiamate Anne, visitano una dopo l'altra una piccola stazione balneare di Mohang e dormono nello stesso piccolo hotel sulla costa. Incontreranno, tra l'altro, sempre le stesse persone, tra le quali un bagnino che continua a camminare avanti e indietro...
  • In Sala

    Laurence Anyways

    di È un atto d’amore verso l’amore stesso l’opera terza del giovanissimo Xavier Dolan, già assurto meritatamente agli onori delle cronache cinematografiche con l’esordio J’ai tué ma mére.
  • Archivio

    Re della terra selvaggia

    di L'esordio al lungometraggio di Benh Zeitlin, presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes, gronda creatività e vitalità, talento visivo e tecnico, capacità di scrittura.
  • Archivio

    Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore

    di Una storia d'amore tenera e bizzarra diretta con cristallina classe registica da Wes Anderson con un cast strepitoso.
  • Archivio

    Killer in viaggio

    di Ben Wheatley si permette il lusso di andare sopra le righe dal primo all'ultimo minuto, finendo però per inciampare in un sovraccarico caricaturale che stanca in fretta, togliendo spessore e lucidità all'intero film.
  • Cannes 2014

    Svelata la selezione di Cannes 2014

    Un concorso di prestigio ma abitato quasi esclusivamente da nomi noti, da Assayas a Zvyagintsev. In Un certain regard c'è invece spazio per Lisandro Alonso, Mathieu Amalric e Jessica Hausner...
  • Festival

    Festival di Cannes 2017 – Presentazione

    Al via Cannes 2017: dal 17 al 28 maggio, da Les Fantômes d'Ismaël di Desplechin fino alla Palma d'oro. Due settimane di cinema, di mercato, di prospettive. Cannes 70 è l'edizione di Netflix, di Twin Peaks, del piccolo (grande) schermo, del cinema del e nel futuro.
  • Mystery

    di
  • Roman Polanski: A Film Memoir

    di

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento