The King of Pigs

The King of Pigs

di

Il tratto sporco e marcato del character design e i fondali poveri di The King of Pigs acuiscono lo squallore della vicenda, specchio tragico degli eccessi di violenza e competitività della società sudcoreana.

Non è un paese per deboli

Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d’affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe, detti i “cani”, che regnavano con violenza sui più deboli, i “maiali”. Solo l’enigmatico Chul riusciva a opporsi alle vessazioni e umiliazioni, ribellandosi ai “cani” a forza di pugni. Chul era la speranza dei “maiali”, la speranza di Kyung-min e Jong-suk… [sinossi]

Migliora a vista d’occhio lo stato di salute dell’industria sudcoreana d’animazione. Scemato l’entusiasmo dei primi anni del secondo millennio, quando venivano realizzati in pompa magna gli ambiziosi My Beautiful Girl, Mari (Mari iyagi, 2002) di Lee Seong-kang e Wonderful Days (Id., 2003), abbiamo assistito negli ultimi mesi a una significativa ripresa dell’animazione prodotta in Corea del Sud. Dopo Green Days – Dinosaur and I (Sojunghan Nare Kkum, 2011) di Ahn Jae-hoon e Han Hye-jin-I, più compiuto e di livello tecnico e artistico più raffinato, passato anche al Future Film Festival di Bologna, è il turno del cupo e violento The King of Pigs (Dwae-ji-ui wang, 2011), pellicola d’esordio di Yeon Sang-ho, presentata alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes [1].

Dal punto di vista squisitamente tecnico, il film scritto e diretto da Yeon non può contare su un’animazione particolarmente definita: i fondali in computer grafica sono appena abbozzati, squadrati, privi di dettagli. Gli ambienti, gli oggetti, la città e la scuola hanno colori netti, senza sfumature. Una limite di budget che ha costretto i realizzatori a una scelta estetica che, in fin dei conti, non tradisce gli intenti narrativi ma che enfatizza la brutalità e lo squallore del contesto sociale e umano [2]. Discorso simile per la fluidità delle animazioni, evidentemente limitata ma che ben si adatta alle scelte del character design. A rimanere impresse sono infatti le linee marcate utilizzate per caratterizzare i personaggi, non troppo distanti – anche se meno caricaturali e più realistici – dall’animazione acida e basilare della serie televisiva statunitense Beavis and Butt-head. Un character design che funziona soprattutto nei primi piani, nelle sequenze più violente e drammatiche, nelle visioni deformate dei protagonisti. Assai efficaci, ad esempio, i volti degli studenti trasformati in cani (i carnefici) e maiali (le vittime) o il primo piano iniziale della ragazza strangolata.

L’aspetto più interessante di The King of Pigs, dal punto di vista narrativo, è la cupa disperazione, il ritratto scevro di qualsiasi afflato romantico e nostalgico degli anni della scuola. Il tratto sporco e marcato del character design e i fondali poveri acuiscono lo squallore della vicenda, specchio tragico degli eccessi di violenza e competitività della società sudcoreana. E ancora una volta, tra pellicole drammatiche o commedie con qualche pennellata di sangue, la scuola coreana diventa una tragica cartina tornasole. Odio, disprezzo e violenza percorrono corridoi e aule, minando le personalità dei ragazzi, segnando le loro esistenze. Come un cerchio che si chiude, il film di Yeon Sang-ho, già autore di tre cortometraggi [3], non lascia alcuna speranza a personaggi e spettatori: tutti sono cani o maiali, anche da adulti. Pur con tutti i limiti tecnici e artistici e nonostante una certa prevedibilità narrativa, The King of Pigs ha il grande merito di non lasciare indifferenti, di mettere a disagio, di colpire ripetutamente. Un po’ come faceva il misterioso Shônen Bat della serie di culto Paranoia Agent (Môsô dairinin, 2004) di Satoshi Kon.

Note
1. Segnaliamo anche Leafie – La storia di un amore (Madangeul Naon Amtak, 2011), approdato un po’ a sorpresa nelle sale del Bel Paese. La nuova onda dell’animazione coreana può contare su un buon numero di titoli.
2. La produzione è indipendente e il film è stato realizzato con un budget di soli 150 mila dollari.
3. D-Day (2000), The Hell (2003) e Love Is Protein (2006). Yeon ha curato anche il montaggio di The King of Pigs.
Info
The King of Pigs sul sito della Quinzaine des Réalisateurs.
Il trailer sottotitolato di The King of Pigs.
The King of Pigs sul sito del KOFIC.
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-01.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-02.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-03.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-04.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-05.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-06.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-07.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-08.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-09.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-10.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-11.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-12.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-13.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-14.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-15.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-16.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-17.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-18.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-19.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-20.jpg
  • the-king-of-pigs-2011-yeon-sang-ho-21.jpg

Articoli correlati

  • Trieste S+F 2016

    seoul-stationSeoul Station

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d'animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake.
  • Cannes 2016

    Train to Busan RecensioneTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Animazione

    The Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Animazione

    Padak RecensionePadak

    di Uno sgombro è preso in una rete da pesca e portato nell'acquario di un ristorante di pesce crudo. Appena arrivato nell'acquario, tenta in qualsiasi maniera di scappare...
  • Festival

    Cannes 2012:Cannes 2012

    Finita la 65a edizione, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno. La Palma d'oro a Haneke era scritta nelle stelle...
  • Animazione

    Green Days – Dinosaur and I

    di , La giovane I-rang cade apposta durante l'unica gara a cui si sentiva di partecipare, per paura di perdere la corsa contro la rivale Min-jeong. Abbandonatasi all'ozio, da allora la ragazza non osa partecipare ad altre competizioni...
  • Animazione

    Life Is Cool

    di Il-kwon, di ritorno in Corea dagli Stati Uniti, viene accolto all'aeroporto da due amici: Tae-young, insegnante di doposcuola frustrato per la sua situazione professionale, e Sung-hoon, che lavora come interprete per un giocatore di pallacanestro afroamericano che gioca nel campionato coreano...
  • Serie

    Paranoia Agent [2]

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Serie

    Paranoia Agent

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Animazione

    Il grande orso

    di Sofia e Jonathan decidono di recarsi dal nonno che vive nel bosco. Dietro al suo cortile, da molti anni, è cresciuta una grande foresta in cui non vive più nessuno...
  • Libri

    Il cinema coreano contemporaneo

    Edito dalla O barra O Edizioni di Milano, Il cinema coreano contemporaneo di Lee Hyang-jin ha il grande merito di essere il primo esaustivo saggio sul cinema coreano, dalle traballanti e difficoltose origini fino ai giorni nostri...
  • Cannes 2015

    MadonnaMadonna

    di Infanticidi, stupri, soprusi, infarti, altri infanticidi: Madonna, opera terza della regista sudcoreana Shin Su-won, mette tanta carne al fuoco, ma dopo la proiezione ci resta davvero poco. Giusto Seo Young-hee, che è sempre un piacere poter ammirare, e il volto nuovo Kwon So-hyun.
  • Future 2016

    Ghost-MessengerGhost Messenger

    di Presentato al Future Film Festival 2016, Ghost Messenger di Bong Hue Gu è un lungometraggio che pesca a piene mani tra la produzione nipponica e che mostra tutti i limiti narrativi della sua derivazione da due precedenti OAV. Più che apprezzabile, nonostante gli evidenti debiti estetici, la qualità grafica.
  • Berlinale 2017

    Have a Nice Day

    di In concorso alla Berlinale 2017 e opera seconda di Liu Jian, Have a Nice Day filtra attraverso l'estetica della Pop Art l'instabilità e la crisi culturale e ideologica della Cina contemporanea. Animazione indipendente, budget risicato, humor nero.
  • Blu-ray

    Train to Busan + Seoul Station

    di La Limited Edition targata Midnight Factory/Koch Media & Tucker Film del dittico zombesco realizzato da Yeon Sang-ho: l'adrenalinico live action Train to Busan e il prequel animato dai riflessi romeriani Seoul Station. Tra gli extra making of, B-roll e un booklet.
  • Animazione

    Leafie RecensioneLeafie – La storia di un amore

    di Pur consapevoli che i capolavori dell’animazione sono da ricercare altrove, non si può non fare il tifo per Leafie, con la speranza che non venga massacrato al botteghino da uscite dall’impatto mediatico più devastante, ma assai meno coraggiose e coinvolgenti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento