Venezia 2012

Venezia 2012

La Mostra del Cinema di Venezia 2012 si lascia alle spalle gli otto anni di gestione di Marco Müller e apre ufficialmente il Barbera-bis: un passaggio del testimone tutt’altro che indolore, e che ha rimpolpato nel corso degli ultimi mesi le polemiche mai sopite tra la kermesse lidense e il ben più giovane Festival del Film di Roma.

Ovvio dunque che l’attesa verso la definizione del programma ufficiale si fosse fatta a dir poco spasmodica, con il consueto contorno di nomi e titoli rimbalzati da un’indiscrezione giornalistica all’altra. Quale sarebbe stata la scelta di Barbera, muoversi verso una seppur parziale restaurazione del triennio che lo vide al comando della Mostra dal 1999 al 2001 oppure tentare una mediazione con l’esperienza mülleriana? L’impressione è che per questa prima edizione, inevitabilmente di rodaggio – dopotutto lo staff di Barbera ha potuto mettersi a lavoro solo all’inizio dell’anno, perdendo dunque importanti mesi di contatti e trattative – si sia optato per una via di mezzo: viene dunque smantellata la sezione Controcampo Italiano, dove negli ultimi anni avevano trovato asilo e ospitalità un gran numero di produzioni nostrane, tanto di finzione quanto documentarie, ma allo stesso tempo si ribadisce un ruolo di primaria importanza per Orizzonti, il fiore all’occhiello della precedente direzione della Mostra del Cinema di Venezia. E ha un bel daffare Barbera a giustificare questa presa di posizione attribuendosi il merito dell’ideazione, un decennio or sono, di una sezione secondaria che fosse in ogni caso competitiva (all’epoca si chiamava Controcorrente, e dopo l’addio di Alberto Barbera fu mantenuta da Mauritz de Hadeln, vinta nel 2002 da Springtime in a Small Town di Tian Zhuangzhuang: la versione 2012 di Orizzonti non può in nessun caso prescindere dal percorso tracciato negli ultimi anni… [continua a leggere]

Info
Il sito della Mostra del Cinema di Venezia 2012.

Articoli correlati

  • In Sala

    Tango libre

    di Una redenzione a passo di danza, nel nuovo film del regista di Una relazione privata Frédéric Fonteyne, Premio della Giuria Orizzonti al Festival di Venezia 2012.
  • Archivio

    Disconnect RecensioneDisconnect

    di A quasi due anni di distanza dalla presentazione veneziana esce in sala il teso e ansiogeno cyber-thriller che segna l’esordio nel cinema di finzione del documentarista candidato all’Oscar Henry-Alex Rubin.
  • Archivio

    Muffa

    di Basri è un uomo solitario, che lavora come guardiano delle ferrovie, controllando ogni giorno a piedi chilometri di binari nel vasto paesaggio dell'Anatolia...
  • AltreVisioni

    Bob Wilson’s Life and Death of Marina Abramovic

    di Un documento filmico che storicizza e ci consegna l'incontro avvenuto sulla scena tra quattro artisti: Bob Wilson, Marina Abramovic, Antony Hegarty e Willem Dafoe.
  • AltreVisioni

    Le tre sorelle RecensioneLe tre sorelle

    di Quadri terrificanti, divertenti e spiazzanti: Le tre sorelle di Wang Bing è un'opera dallo sconvolgente potere immaginifico con cui il cineasta cinese sublima il concetto di cinema documentario.
  • Festival

    Venezia 2012Venezia 2012 – Bilancio

    Kim Ki-duk, pugno chiuso e sguardo raggiante, sfida gli obiettivi delle macchine fotografiche con il Leone d’Oro ben stretto al petto. È questa, in definitiva, l’immagine-simbolo della Mostra del Cinema di Venezia 2012.
  • Venezia 2012

    un giorno speciale recensioneUn giorno speciale

    di Francesca Comencini trae Un giorno speciale dal romanzo Il cielo con un dito di Claudio Bigagli, ma al di là dell'idea di partenza non riesce a scavare in profondità per trarre qualcosa di realmente concreto dai suoi protagonisti.
  • Venezia 2012

    Me Too

    di Me Too di Aleksei Balabanov mescola black comedy e western contemporaneo, fantascienza e misticismo, echi della Russia comunista e segnali evidenti del nuovo che avanza, cercando di mettere in scena le inquietudini e l’instabilità di una nazione e di un popolo.
  • AltreVisioni

    Thy Womb

    di Il nuovo film di Brillante Mendoza, Thy Womb, in concorso al festival di Venezia, non raggiunge gli esiti eccellenti di molto suo cinema precedente ma si avvale comunque della splendida interpretazione di Nora Aunor, icona del cinema filippino.
  • Archivio

    La quinta stagione

    di , Una misteriosa calamità si manifesta, prolungando l'inverno più del lungo. La primavera si rifiuta di arrivare...
  • Archivio

    Gebo e l’ombra

    di L’ennesimo miracolo di un cineasta ultracentenario, che dal muto e dal bianco e nero è giunto fino ai giorni nostri, più prolifico che mai.
  • Archivio

    Bellas mariposas RecensioneBellas mariposas

    di Un viaggio nel profondo cuore della Sardegna contemporanea e un'istantanea sincera e diretta sull’adolescenza, affidata alle cure di un gruppo di giovanissimi attori.
  • Archivio

    Shark-3DShark 3D

    di Una mostruosa onda provocata da uno tsunami si abbatte sulla costa australiana, radendo al suolo la città e inghiottendo il supermercato, il parcheggio e tutto quello che si trova nel mezzo. Nello stabile invaso dall'acqua fa la sua comparsa uno squalo bianco di quattro metri...
  • AltreVisioni

    The Millennial Rapture

    di L'ultimo capolavoro di Kōji Wakamatsu è un testamento visivo di straordinaria potenza cinematografica e politica.
  • Archivio

    Acciaio RecensioneAcciaio

    di Di qua l'acciaieria che lavora ventiquattro ore al giorno e non si ferma mai. Di là, l'isola d'Elba, un paradiso a portata di mano eppure irraggiungibile. In mezzo, né di qua né di là, Anna e Francesca, piccole ma già grandi, un'amicizia potente ed esclusiva quanto l'amore...
  • AltreVisioni

    Blondie RecensioneBlondie

    di Il ritratto domestico disfunzionale disegnato in Blondie racconta nei tradizionali tre atti l’immancabile processo di dissoluzione e disgregazione di un nucleo familiare, tema già ampliamente sviscerato da decenni.
  • Archivio

    To the Wonder RecensioneTo the Wonder

    di Dopo essere stati a Mont Saint-Michel (una volta conosciuta in Francia come “la Meraviglia”) all'apice del loro amore, Marina e Neil tornano in Oklahoma, dove nascono presto dei problemi...
  • Archivio

    La sposa promessa

    di Presentato a Venezia 2012, La sposa promessa racconta il lacerante percorso sentimentale di Shira e Yochay, cui semplicemente il destino ha sottratto la loro occasione di felicità. Espliciti i riferimenti a Jane Austen, scrittrice molto amata dalla regista.
  • AltreVisioni

    Low Tide RecensioneLow Tide

    di Presentata alla Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti, l'opera seconda di Minervini ci porta nella sperduta provincia americana per raccontare una storia di solitudine, incomunicabilità, affetto negato...
  • AltreVisioni

    Outrage Beyond RecensioneOutrage Beyond

    di Kitano opera un ribaltamento completo nella struttura rispetto al precedente film: laddove in Outrage a un’orgia di violenza faceva seguito la ricerca della dialettica, in Outrage Beyond la prima verbosa parte viene smentita da un crescendo finale...
  • AltreVisioni

    Welcome-HomeWelcome Home

    di La parte più interessante di Welcome Home è la riflessione sul rapporto sentimentale e sessuale tra Lila e Benji, coppia in crisi che cerca rifugio nel sesso, anche deprivato di qualsiasi slancio amoroso. Heene giostra un confronto aperto, schietto, tra i due giovani amanti.
  • Archivio

    È stato il figlio

    di La famiglia Ciraulo, che vive in povertà nel quartiere Zen di Palermo, perde la figlia più piccola per un proiettile vacante durante una sparatoria tra mafiosi. Come risarcimento per la perdita, i Ciraulo ottengono svariati milioni dallo Stato...
  • AltreVisioni

    queen-of-montreuilQueen of Montreuil

    di Queen of Montreuil è grazioso e indie nell’animo: il suo pregio, a parte la confezione tecnico-artistica, è di non inabissarsi nella mediocre prevedibilità e ripetitività di certo cinema indipendente degli ultimi anni...
  • Archivio

    La bicicletta verde RecensioneLa bicicletta verde

    di Haifaa Al-Mansour affronta tematiche di spessore con indescrivibile leggerezza, adottando il punto di vista di una bambina, Wadjda, che cresce in un contesto sociale dove si nega alle donne anche il concetto stesso di identità.
  • AltreVisioni

    Penance

    di Penance, la versione cinematografica della mini-serie televisiva di Kiyoshi Kurosawa, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2012.
  • Animazione

    Pinocchio RecensionePinocchio

    di Il falegname Geppetto si costruisce un burattino da un ciocco di legno e gli dà nome Pinocchio. Ma il burattino scappa e nei suoi numerosi incontri rischia di perdere la vita...
  • AltreVisioni

    Betrayal

    di Valzer amoroso registicamente curatissimo - e a tratti anche geniale - ma narrativamente debole e prevedibile: è il nuovo film di Kirill Serebrennikov, Betrayal, presentato in concorso alla 69esima edizione del Festival di Venezia.
  • Archivio

    Qualcosa nell’aria

    di Un coming-of-age scritto in punta di penna, dove se Assayas non si sporca fino in fondo le mani come avvenuto in passato, lasciando che gli eventi si susseguano senza aprire squarci emozionali, è per una precisa scelta estetica.
  • AltreVisioni

    Paradise: Faith

    di Annamaria, tecnico radiologo, è convinta che il Paradiso si trovi in Gesù, e dedica le sue vacanze a opere missionarie, perché l’Austria possa essere ricondotta sulla retta via...
  • Archivio

    Bella addormentata

    di Trasfigurando la realtà – il caso di Eluana Englaro – Marco Bellocchio realizza una fiaba contemporanea con spirito "anarchico pacifista". In concorso a Venezia 69.
  • Archivio

    Gli equilibristi RecensioneGli equilibristi

    di Un film sulla crisi della classe media: Gli equilibristi di Ivano De Matteo affonda il discorso con sicurezza e con un eccellente Valerio Mastandrea come protagonista.
  • Archivio

    Enzo Avitabile Music Life RecensioneEnzo Avitabile Music Life

    di Jonathan Demme approda a Napoli e con uno stile quasi da "guerrilla movie" ci trasporta dentro al multiforme universo musicale di Enzo Avitabile.
  • AltreVisioni

    Kiss of the Damned RecensioneKiss of the Damned

    di Tra vampiri dandy e vittime sacrificali che non si rendono conto fino all'ultimo di quanto il loro destino sia inesorabilmente segnato, Kiss of the Damned è un horror esangue, bolso, nato vecchio.
  • Archivio

    La città ideale

    di Nel suo debutto registico, Luigi Lo Cascio punta a livelli alti battendo strade non scontate e mostrando anche una discreta padronanza registica.
  • Festival

    Venezia 2012Venezia 2012 – Presentazione

    Con la conferenza stampa romana, ospitata come da tradizione dal Westin Excelsior, Venezia 2012 apre ufficialmente il Barbera-bis, un passaggio del testimone tutt'altro che indolore...
  • Festival

    Giornate degli Autori 2012Giornate degli Autori 2012

    Le Giornate degli Autori 2012, alla nona edizione, ribadiscono la loro essenza primaria, quella di cercare nuovi spiragli per il cinema d’autore italiano e internazionale.
  • In Sala

    The Iceman

    di L’ennesima straordinaria interpretazione di Michael Shannon, che nella pellicola diretta da Ariel Vromen, si fa carico di una sceneggiatura a tratti imprecisa, arrivando persino a pilotare la regia e la messa in quadro con la sua presenza fisica.
  • Archivio

    La nave dolce

    di Racconto corale commosso e partecipato, La nave dolce di Daniele Vicari rievoca il drammatico 'sbarco dei ventimila' che fu, vent'anni fa, la prima grande testimonianza di migrazione verso i porti italiani.

Leave a comment