Paradise: Faith

Paradise: Faith

di

Nella messa in scena geometrica di Seidl si colgono a volte delle crepe, spesso impercettibili, a volte più evidenti. In questo secondo capitolo della trilogia, Paradise: Faith, è il cambio di stile, di messa in scena, con camera a mano, della lunga sequenza con la ragazza russa.

Croce e delizia

In Paradise: Faith Ulrich Seidl si chiede che cosa significa portare la croce. La protagonista Annamaria, tecnico radiologo, è convinta che il Paradiso si trovi in Gesù, e dedica le sue vacanze a opere missionarie, perché l’Austria possa essere ricondotta sulla retta via. Durante il suo pellegrinaggio quotidiano attraverso Vienna, la donna va di casa in casa, portando con sé una statua di trenta centimetri raffigurante la Madonna. Un giorno, dopo anni di assenza, il marito di Annamaria ritorna: è un musulmano egiziano relegato su una sedia a rotelle; a quel punto, gli inni di lode si uniscono ai litigi. Paradise: Faith racconta la via crucis di un matrimonio e il desiderio di amore, ed è il secondo episodio della Trilogia Paradise di Ulrich Seidl. Paradies: Love, la prima parte, è incentrata invece su Teresa, la sorella di Annamaria, che trova il paradiso in Kenya, in un amore più terreno… [sinossi]

Impietoso. Crudele. Pornografico. Blasfemo. E molto altro ancora. Il cinema di Ulrich Seidl si conferma ostico, per molti indigeribile, respingente. Il regista austriaco tortura il proprio pubblico, spesso impreparato e inconsapevole: quadri fissi, quadri squallidi, quadri interminabili, come Nabil che si trascina lungo i corridoi della casa. Paradise: Faith (Paradise: Glaube) è l’ennesimo pugno nello stomaco – ai benpensanti, all’Austria, al cinema commerciale, a ogni potenziale spettatore – di una filmografia rigorosa, quasi priva di sbavature.

Ecco, le sbavature. Nella messa in scena geometrica di Seidl si colgono a volte delle crepe, spesso impercettibili, a volte più evidenti. In questo secondo capitolo della trilogia – Paradise: Love, Paradise: Faith e Paradise: Hope – è il cambio di stile, di messa in scena, con camera a mano, della lunga sequenza con la ragazza russa: un “tradimento” della staticità della macchina da presa, per seguire i movimenti inconsulti della ragazza e di Anna Maria, missionaria un po’ troppo adorante del corpo di Cristo. La sequenza è interminabile, eccessivamente lunga persino per Seidl, a prima vista fuori posto: ma ancora una volta, nella faticosa lunghezza della scena, nel grottesco corpo a corpo, si riconosce il cinema provocatorio del regista austriaco, la programmatica volontà di stremare lo spettatore, di gettargli addosso gli errori/orrori della società, della vita. La sofferenza, quindi, non solo mostrata ma anche percepita, vissuta. Altro che il 3D.

Il corpo. Seidl mette in scena il degrado morale, enfatizzato dal disfacimento del fisico, dalle forme imperfette, debordanti e poco attraenti dei corpi. Un’altra mancata concessione, un’altra privazione per lo spettatore. Non c’è voyeurismo, non c’è pornografia, anche quando appare palesemente davanti ai nostri occhi. La scena dell’orgia notturna nel parco pubblico, guardata con raccapriccio e al tempo stesso “sbirciata” da Anna Maria, potrebbe essere frettolosamente definita pornografia, ma nei membri e nelle penetrazioni viene a mancare qualsiasi forma di desiderio. In maniera ancor più netta rispetto al precedente Paradise: Love, il sesso è un atto deprivato del proprio significato, dell’essenza. Per non parlare dell’amore.

Partendo dal documentario Jesus, du weisst (2003), Seidl indaga l’abisso del fanatismo religioso e della frustrazione sessuale, intrecciando senza remore i due tabù: Anna Maria e la Madonna pellegrina, oltre agli onnipresenti e inquietanti crocifissi, sono i simboli di uno smarrimento, di una cupa infelicità. Il corpo diventa un peso per l’anima, una prigione, carne da martoriare per espiare i propri peccati. E i desideri repressi, tenuti a bada con frusta e cilicio, non potranno che emergere con forza: l’orgia, il ritorno del marito musulmano e paraplegico Nabil, il crocifisso e il corpo di Cristo.

La stanza delle penitenze di Anna Maria, squallida e claustrofobica, è il centro del suo universo, il luogo oscuro della sua anima e della sua solitudine, come la camera d’albergo in Kenya della sorella Teresa in Paradise: Love. E come sarà, probabilmente, il campo per la perdita del peso di Paradise: Hope.

Info
Paradise: Faith, il sito ufficiale.
Il trailer di Paradise: Faith.
La scheda di Paradise: Faith sul sito della Mostra del Cinema.
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-11.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-10.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-09.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-08.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-07.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-06.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-05.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-04.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-03.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-02.jpg
  • Paradise-Faith-2012-Ulrich-Seidl-01.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2014

    In the Basement

    di Quadri fissi che scrutano e inchiodano un tenore mancato dal grilletto facile, una masochista attivista, una coppietta sado-maso, un nazi-beone... è il cinema come sempre interessante/disturbante di Ulrich Seidl, fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • AltreVisioni

    Paradise: Hope RecensioneParadise: Hope

    di Paradise: Hope conclude una trilogia indubbiamente singolare, nei temi e anche nella tempistica produttiva, attraversando simbolicamente i tre più importanti festival europei (Venezia, Cannes e adesso Berlino).
  • AltreVisioni

    Paradise: Love

    di Cinico, volgare, crudele, respingente, noioso, gratuito e tutto quel che segue. Paradise: Love di Ulrich Seidl è un pugno nello stomaco, per molti insopportabile.
  • In Sala

    Kreuzweg – Le stazioni della fede

    di La grottesca e dolorosa vicenda di un’adolescente cresciuta seguendo i dettami del cattolicesimo tradizionalista. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Rassegne

    Sotto le stelle dell'Austria 2016Sotto le stelle dell’Austria 2016

    Dal 28 giugno al 13 luglio si tiene a Roma la quarta edizione di Sotto le stelle dell'Austria, rassegna dedicata al cinema austriaco contemporaneo. In programma, tra gli altri, Catching Haider di Nathalie Borgers e Chucks di Sabine Hiebler e Gerhard Ertl.
  • Archivio

    Safari RecensioneSafari

    di Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2016, Safari di Ulrich Seidl è una impietosa immersione nel grottesco microcosmo dei cacciatori vacanzieri europei in Africa. Uno stordente mosaico (dis)umano.
  • Blu-ray

    Bagdad Café RecensioneBagdad Café

    di Dolce (e spesso dolciastro) apologo surreale sull'incontro fra culture diverse ed emarginati, Bagdad Café di Percy Adlon lancia messaggi positivi e celebra la riscoperta del piacere, restando forse troppo innamorato della propria veste formale. In dvd e blu-ray per CG Entertainment.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento