Lo squalo

Lo squalo

di

Primo film di grande successo diretto da Steven Spielberg, a distanza di quasi quarant’anni Lo squalo dimostra ancora tutta la propria potenza espressiva e la propria stratificazione, narrativa e di senso.

Quando ad Amity, una piccola località sulla costa atlantica, un enorme squalo bianco fa strage di bagnanti, il capo della polizia, un giovane biologo marino e un cacciatore di squali decidono di affrontare il terribile animale per annientarlo… [sinossi]

Un falò sulla spiaggia. Un gruppo di giovani beve, fuma, suona la chitarra: una ragazza invita un ragazzo a fare un bagno con lei nella baia, un bagno notturno. Lui è ubriaco, inciampa più volte nel tentativo di togliersi i calzoni, le chiede di aspettarlo ma la ragazza si è già tuffata in acqua, e si lascia trascinare dalle onde calme. Improvvisamente la macchina da presa si immerge in una soggettiva subacquea incalzata dalla musica ansiogena di John Williams. Lui sta sopraggiungendo verso la sua ignara preda. Lo squalo.

Prende il via con un incipit maiuscolo, destinato a segnare la storia del cinema dell’orrore – perlomeno quello zoofilo/zoofobo – Jaws, il film che lanciò il nome del giovane Steven Spielberg nell’empireo della “nuova” Hollywood, prima che la sua stella deflagrasse definitivamente due anni dopo con il superbo Incontri ravvicinati del terzo tipo. Aveva meno di trent’anni, Spielberg, e un curriculum registico che metteva insieme una manciata di episodi di telefilm, tre film per la televisione (di cui almeno uno, l’incubo meccanico Duel, destinato a entrare nella storia del cinema) e l’esordio Sugarland Express, road-movie in fuga forse meno originale in fase di scrittura ma denso e coinvolgente.
Lo squalo rappresentava una sfida per il regista, una macchina industriale ben più complessa e stratificata rispetto a quelle che era stato solito maneggiare fino a quel momento. Partendo da un romanzo di Peter Benchley, anche al lavoro in fase di sceneggiatura insieme a Carl Gottlieb (il primo rimarrà invischiato nella scrittura di “cose di mare”, il secondo esordirà anche alla regia con il dimenticabile Il cavernicolo, protagonista uno spaesato Ringo Starr post-Beatles), Spielberg non si accontenta di dirigere un thriller di ambientazione marina, magari anche entusiasmante sotto il profilo della suspense, ma dirige il suo interesse altrove. Nascosto nelle pieghe di una macchina cinematografica a dir poco perfetta, in cui anche il singolo singulto in scena è calibrato fino allo sfinimento, Jaws è in realtà il punto di (ri)partenza del grande romanzo della lotta dell’uomo contro la natura. Brody, Quint e Hooper – il borghese metropolitano, il vecchio lupo di mare proletario, e il biologo miliardario, radical chic ante litteram – sono, uni e trini, degli Achab post-modern alla disperata caccia della loro Moby Dick: per questo l’esemplare di squalo bianco che infesta le acque di Amity Island deve essere così enorme, indistruttibile e inesorabile. Non (solo) per una mera questione narrativa, ma perché la presenza di questo famelico carcarodonte racchiude al proprio interno il timore per l’ignoto, l’insondabile e a suo modo l’immateriale – lo squalo ghermisce le sue prede senza che esse siano in grado di accorgersi in anticipo del suo arrivo: con Lo squalo Spielberg torna a ragionare sulla guerra tra Uomo e Bestia, cardine su cui si reggeva Duel, ma lo fa allargando decisamente il campo d’azione. Le forze in gioco ora sono molteplici, e sarebbe sciocco puntare l’occhio solo sulla fin troppo ovvia dicotomia umano/bestiale: c’è, per la prima volta in maniera compiuta nel cinema del regista nativo di Cincinnati, il rapporto familiare, c’è, ed è ancora più rilevante, l’uomo normale in situazioni straordinarie di truffautiana (e hitchockiana) memoria.
Suddiviso in maniera lineare in due segmenti precisi e tra loro antitetici, il primo sulla terraferma (con lo squalo a caccia di bagnanti) e il secondo in mare aperto (con i tre uomini alla caccia del predatore), Lo squalo è un esempio di cinema espanso, purissimo, e si contraddistingue anche a distanza di quasi quarant’anni dalla sua uscita nelle sale come una delle messe in scena più riuscite di Spielberg: nella lunga sequenza della lotta in mare con la Bestia – che diventa via via sempre più grande, immensa, mastodontica, fino ad attaccare a morsi la stessa imbarcazione – il cineasta statunitense riesce a costruire un saliscendi emotivo sorprendente e spiazzante, trascinando lo spettatore dal pianto al riso fino all’urlo di terrore, senza alcuna soluzione di continuità. Il cameratismo, altro tratto peculiare dell’approccio di Spielberg alla materia cinematografica (lui, sempre così attento alle psicologie infantili, costruttore di stanze dei giochi visive e immaginifiche) trova la sua sublimazione nei tre protagonisti e nei loro ricordi di gioia e sofferenza in mare: il racconto di Quint dell’affondamento della USS Indianapolis e della carneficina cui andarono incontro i superstiti per l’arrivo a frotte di squali fa ghiacciare il sangue nelle vene, subito prima che la frase “ma che importa? Avevamo consegnato la bomba” ne contraddica in parte il senso con un sardonico ghigno anarcoide.
Anche per tutta la lunga serie di motivi sopra enunciati, appare impossibile lasciarsi sfuggire l’occasione di godere dello splendore de Lo squalo nella compattezza del blu ray. La Universal ha licenziato una versione del film – disponibile anche in Digital Copy – da leccarsi i baffi, permettendo tra l’altro allo spettatore di scegliere, oltre alla colonna audio originale e alle altre lingue, anche i due doppiaggi italiani, quello relativo all’uscita in sala del 1975 (con Quint affidato alle cure del grande Renato Mori) e quello, francamente meno convincente, approntato per l’edizione in dvd del 2004.
Ricchissimi i contenuti speciali di questo blu ray, che mette insieme tra gli altri alcuni documentari – in particolare vale la pena citare il lungo Making of di due ore nel quale viene intervistato gran parte del cast e della troupe – le immancabili scene tagliate, un interessante lavoro sullo storyboard e un esaustivo dietro le quinte, che svela molti dei segreti celati nei meandri meno illuminati di un’operazione commerciale che, pur partendo da basi rischiose, permise a Spielberg di farsi la fama di regista da box office, ruolo che ha ricoperto più volte nel corso della sua lunga e gloriosa carriera.
La macchina delle meraviglie del cinema di Spielberg nasce in qualche modo qui, sulle coste insanguinate di Amity. Ora la Universal le restituisce al pubblico, in un’edizione scintillante, dal video e dall’audio impeccabili. Non fatevi sfuggire l’occasione.
Info
Il trailer originale de Lo squalo.
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-01.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-02.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-03.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-04.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-05.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-06.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-07.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-08.jpg
  • lo-squalo-jaws-1975-steven-spielberg-09.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Lincoln

    di In una nazione divisa, Lincoln osserva una linea di condotta che mira a porre fine alla guerra, unire il paese e abolire la schiavitù. Le scelte che compirà in questo momento critico cambieranno il destino delle generazioni future...
  • Festival

    Pesaro 2015

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2015, la prima diretta da Pedro Armocida, dimostra la volontà di volersi confrontare con il contemporaneo (e il possibile futuro) partendo da ciò che è già stato; tra Pasolini e “lunghezze d'onda” di vario tipo, gli esordienti italiani degli ultimi cinque anni e un panorama internazionale proposto alla piazza.
  • Cult

    Poltergeist – Demoniache presenze

    di In occasione dell'uscita nelle sale italiane del remake, torniamo con la mente al Poltergeist del 1982 di Tobe Hooper, scritto e prodotto da Steven Spielberg. Uno spaccato orrorifico dell'America reaganiana.
  • Archivio

    The Bay

    di Barry Levinson firma un mockumentary teso, ironico e sadico, rinverdendo un curriculum che finora non l'aveva mai visto avvicinarsi al genere.
  • Animazione

    Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno

    di Il giovane reporter Tintin e il suo fedele cane Milou scoprono il modellino di una nave che nasconde un segreto esplosivo...
  • Archivio

    Shark-3DShark 3D

    di Una mostruosa onda provocata da uno tsunami si abbatte sulla costa australiana, radendo al suolo la città e inghiottendo il supermercato, il parcheggio e tutto quello che si trova nel mezzo. Nello stabile invaso dall'acqua fa la sua comparsa uno squalo bianco di quattro metri...
  • Festival

    Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • Interviste

    Emanuela Martini, tra Torino e la New Hollywood

    Abbiamo incontrato Emanuela Martini, da quest'anno direttore del Festival di Torino. Con lei abbiamo parlato di come è cambiato il suo lavoro al festival, delle scelte di programmazione e, ovviamente, della retrospettiva sulla New Hollywood.
  • Venezia 2017

    Incontri ravvicinati del terzo tipo

    di Il primo incontro tra il cinema di Steven Spielberg e gli esseri provenienti da un altro pianeta. Un classico intramontabile, in cui giganteggia un eccellente Richard Dreyfuss. Alla Mostra di Venezia 2017 nella sezione dedicata ai restauri in digitale.
  • Cult

    Jurassic Park

    di Steven Spielberg apre i cancelli del Jurassic Park, l'unico giardino zoologico del mondo in grado di ospitare veri dinosauri. Fin troppo veri...
  • Archivio

    The Impossible

    di Maria Bennett e il marito Henry, con i tre figli Lucas, Thomas e Simon, decidono di trascorrere le vacanze di Natale in un paradisiaco resort in Thailandia. Il loro soggiorno idilliaco viene però sconvolto dallo tsunami che si abbatte sul villaggio...
  • Cult

    War Horse

    di War Horse, oltre a rappresentare una delle visioni più struggenti della Prima Guerra Mondiale, iscrive in maniera definitiva e incontrovertibile Steven Spielberg all'albo dei grandi registi classici di Hollywood.
  • In sala

    Il ponte delle spie

    di Steven Spielberg, appoggiandosi a una sceneggiatura dei fratelli Coen, racconta un momento della Guerra Fredda, aggiungendo un nuovo tassello al rapporto tra il suo cinema e la Storia.
  • Blu-ray

    L’orca assassina

    di Dino De Laurentiis e il suo clone de Lo squalo. Tentativo disperato, risultati fallimentari. L'avventura e la suspense a stelle e strisce riletti come un lacrima-movie italiano anni Settanta. In blu-ray per CG e Pulp Video.
  • In sala

    L’Universale

    di Venuto da apprezzabili esperienze nel documentario, Federico Micali esordisce nel cinema di fiction con L'Universale, rievocazione di una storica sala cinematografica di Firenze luogo di goliardia e cultura popolare. Debolezze narrative e facili nostalgie per uno sguardo acritico sul nostro passato più o meno recente.
  • Archivio

    10 Cloverfield Lane

    di Thriller angoscioso e claustrofobico che flirta con la fantascienza post-apocalittica, il film diretto da Dan Trachtenberg (e prodotto da J.J. Abrams) tradisce l'affascinante crescendo con un finale raffazzonato e semplicistico. Incompiuto ma interessante.
  • In sala

    Il GGG – Il grande gigante gentile

    di Steven Spielberg adatta per il grande schermo il celebre romanzo di Roald Dahl, racchiudendo in un film per l'infanzia tutta la sua poetica, il suo immaginario e la sua umanità. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    Paradise Beach – Dentro l’incubo

    di La lotta tra umano e natura bestiale vista con gli occhi di una surfista braccata da un famelico squalo bianco. A dirigere Jaume Collet-Serra, per un thriller svogliato e ai limiti del demenziale.
  • AltreVisioni

    Beneath

    di Con Beneath Larry Fessenden torna dietro la macchina da presa per colpire il bersaglio con un horror mostruoso, dissacrante e iconoclasta.
  • Archivio

    Piranha 3D

    di Piranha 3D, vale a dire Alexandre Aja che gioca con il film con predatori mostruosi e lo trasforma in una sarabanda ludica e infernale.
  • Locarno 2016

    Intervista a Roger Corman

    Al Festival del Film di Locarno abbiamo incontrato Roger Corman, invitato come “Guest of Honor Filmmakers Academy”. Un'occasione per parlare con il re dei b-movie della sua esperienza di regista e produttore off-Hollywood.
  • Roma 2016

    Prova a prendermi

    di Prova a prendermi è l'omaggio di Steven Spielberg alla commedia "umanista" che partecipò all'epoca d'oro del cinema classico. Con l'eccellente duetto/duello tra Tom Hanks e Leonardo Di Caprio. Alla Festa di Roma 2016.
  • Torino 2016

    A.I. – Intelligenza Artificiale

    di Al Torino Film Festival, nella retrospettiva Cose che verranno, viene ospitato anche A.I., una delle creature meno comprese dell'intera carriera di Steven Spielberg.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento