Mundo invisível

Variazioni sul tema dell’invisibilità nel mondo contemporaneo raccontate attraverso lo sguardo di registi di diverse nazionalità. È Mundo Invisível, presentato al Festival di Roma 2012.

Lo sguardo negato

Variazioni sul tema dell’invisibilità nel mondo contemporaneo raccontate attraverso lo sguardo di registi di diverse nazionalità. La vita nei sotterranei del centro di una grande città, un gatto nero nel cimitero, indigeni nei parchi civici, la tecnologia e l’incessante trambusto della metropoli, l’arte della recitazione, la spiritualità delle favelas, un cameriere in un hotel di lusso: un elogio della follia tra la vita e la morte, un tributo allo spettatore cinematografico, una sfida delle visioni residuali, un genocidio nascosto… [sinossi]

Progetto concepito dal recentemente scomparso Leon Cakoff e Renata de Almeida, Mundo Invisível, fuori concorso nella sezione CinemaXXI al 7° Festival Internazionale del film di Roma, offre undici variazioni sul tema dell’invisibilità nel mondo contemporaneo, firmate da alcuni dei nomi più affermati tra registi brasiliani e internazionali. Come ogni lavoro composto a più mani, il rischio di trovarsi di fronte a un prodotto poco omogeneo si fa concreto, specialmente se gli autori sono lasciati liberi di muoversi in totale autonomia di interpretazione. Una simile libertà espressiva, affidata del resto a interpreti di tutto rispetto, avrebbe potuto anche tradursi in un valore aggiunto. Ma la mancanza di un progetto unitario si sente, e nonostante i numerosi spunti, lo spettatore lascia la sala senza che il film abbia lasciato un segno indelebile su un tema che invece si presterebbe a una riflessione più profonda. Tra i difetti principali rientra l’esito dei singoli episodi non sempre all’altezza delle aspettative. Spesso si ha la sensazione di essere di fronte a brevi saggi, a bozzetti, appunti anche molto interessanti che tuttavia non si dimostrano adeguati a imprimere quella forza che l’opera richiederebbe. La stessa riflessione sull’invisibilità, interpretata in diverse accezioni, non appare sempre del tutto coerente. Attraverso cortometraggi di durata variabile tra i tre e i quindici minuti, si alternano, tra il documentario e la fiction, le storie di cui di seguito diamo un breve accenno.

Il primo episodio, Cielo Inferiore (voto: 8), ultima prova di regia del compianto Theo Angelopulos, inaugura la pellicola sotto i migliori auspici. Quello che è con tutta probabilità il frammento più riuscito, apre uno squarcio sugli invisibili della terra mostrandoci, con tocco leggero e accostamenti visionari, il brulicare frenetico della città di San Paolo, dove le vite passano veloci senza che ci sia il tempo per prestare attenzione ai diseredati. Il fulcro della scena è l’interno di una stazione della metropolitana, dove un predicatore dà voce al suo sermone, ignorato da tutti.
Guy Maddin, regista canadese, dirige con mano un po’ frettolosa il secondo episodio Gatto colorato (voto: 5). Il cimitero della Consolação, a San Paolo, ospita, nel giorno di Ognissanti, un flusso straordinario di gente che si aggira tra le sepolture. Il bianco e nero si alterna alle brevi inquadrature a colori, riservate al micio che vive tra quelle mura. Un gioco di contrasti cromatici richiama la vita e la morte, l’assenza e la presenza, ma siamo dalle parti del divertissement mentre ci sarebbe stato bisogno di qualcosa in più.
Il terzo episodio, Tekoha (voto: 7), diretto da Marco Bechis, ci riporta alla dimensione sociale introdotta dall’episodio di Angelopoulos, affrontando, con buona dose di ironia, il tema specifico dell’invisibilità degli indigeni in Brasile. Un piccolo gruppo di índios Guarani-Kaiowá visita il Parco di Trianon, un vero e proprio pezzetto di foresta in piena Avenida Paulista, nel centro di San Paolo. All’uscita provocheranno la curiosità dei passanti, sorpresi della loro stessa esistenza.

Dal visibile all’invisibile (voto: 6) è il quarto episodio – anche questo ambientato a San Paolo – firmato dall’immortale Manoel de Oliveira. Due amici che si incontrano per strada, nel cuore della metropoli, vorrebbero conversare ma vengono continuamente interrotti dallo squillare dei loro cellulari. Per poter comunicare tra loro decidono quindi di chiamarsi al telefono per parlare finalmente indisturbati, in mezzo al frastuono delle macchine e al pulsare della città. Contraddistinta dallo humor, la storia, seppur nata da un’idea assai graziosa, si collega al tema dell’invisibilità in maniera un po’ forzata.
Si allontana invece completamente dalle tematiche sociali, L’essere trasparente (voto: 6) di Laís Bodanzky. Il suo mini-documentario, mescolando interviste e performance, indaga sul concetto di “attore invisibile” enunciato dallo scrittore giapponese Yoshi Oida, secondo il quale un attore riesce a fare una grande interpretazione quando lo spettatore non lo vede in scena. Un tema così affascinante avrebbe probabilmente bisogno di essere esposto con un respiro più ampio. In questa forma risulta invece troppo lungo nel contesto in cui è inserito e troppo corto per un’indagine compiuta e autonoma.

Tra le prove più riuscite rientra invece Favola – Pasolini a Heliópolis (voto: 7.5) per la regia di Gian Vittorio Baldi, il quale osa una messa in scena che si muove costantemente sul filo del rasoio, con il rischio di scadere più volte nel kitsch o nella farsa. Risulta invece convincente, quantunque ardito, il suo esperimento narrativo che richiama alla memoria il bel graphic novel di Davide Toffolo “Pasolini”. L’autore sceglie di rappresentare, con sorprendente pertinenza linguistica, una sorta di sogno/ricordo in cui rievoca la figura di Pier Paolo Pasolini, che nel 1948 voleva girare assieme a Baldi la vita dell’apostolo San Paolo nella periferia di una grande città, scegliendo infine l’attuale capitale brasiliana come punto d’incontro tra “potenza e spiritualità”.

Decisamente meno ispirati invece Avventure dell’uomo invisibile (voto: 5) firmato da Maria de Medeiros e Kreuko (voto: 4) di Beto Brant e Cisco Vásquez. Il primo dedicato a un cameriere d’albergo, per definizione costretto a non vedere né a sentire e a non essere visto a sua volta (con le dovute eccezioni/perversioni). Uscito dall’albergo e dismessi gli abiti da lavoro, capita finalmente l’incontro con una donna cieca, la prima persona ad accorgersi della sua esistenza e quindi, a suo modo, la prima in grado di vederlo. Diciamo che Chaplin, in Luci della città, aveva fatto meglio… Il secondo è un elogio alla pazzia, tra la vita e la morte, attraverso una messa in scena teatrale del Riccardo III di Shakespeare in chiave onirico-espressionista. L’invisibilità della follia? Chissà.
Convincente Tributo al pubblico del cinema (voto: 7) del regista polacco Jerzy Stuhr, che sovvertendo l’ordine tra spettatore e film ci restituisce le immagini del pubblico mentre assiste alla proiezione del suo film Il tempo di domani alla Mostra del cinema di San Paolo nel 2004. Così facendo, mentre ci viene negata la visione della pellicola, lo spettatore, solitamente invisibile, diventa l’oggetto della nostra analisi. Interessante, piacevole, anche se di spessore leggermente inferiore rispetto agli episodi più riusciti.
Wim Wenders costruisce un documentario di impianto classico su un argomento poco noto. Vedere o non vedere (voto: 6) illustra il pioneristico programma del Dipartimento di Oftalmologia della Santa Casa di San Paolo, che insegna ai bambini con gravissimo deficit visivo a utilizzare fin da piccoli la visione residuale. Ciò consente loro di frequentare le scuole normali anziché quelle per ciechi. Una differenza non di poco conto, come quella tra il giorno e la notte, come tra il vedere e il non vedere.
Interessante anche l’ultimo capitolo, Yerevan – Il visibile (voto: 7.5), che rivede il tema dell’invisibilità in chiave storica. Come promesso alla madre, un uomo torna in Armenia, sua terra d’origine, alla ricerca di notizie sul nonno scomparso durante il massacro del 1915. Non si conosce con esattezza il numero di vittime provocato dal genocidio degli armeni, anche se la stima più diffusa si assesta sui 1.500.000 morti in una strage che a tutt’oggi non viene riconosciuta dal governo turco. Più invisibile di così…
Info
La società di produzione di Mundo Invisível.
  • mundo-invisível-2012-01.jpg
  • mundo-invisível-2012-02.jpg
  • mundo-invisível-2012-03.jpg
  • mundo-invisível-2012-05.jpg
  • mundo-invisível-2012-06.jpg
  • mundo-invisível-2012-07.jpg
  • mundo-invisível-2012-08.jpg
  • mundo-invisível-2012-09.jpg
  • mundo-invisível-2012-10.jpg
  • mundo-invisível-2012-11.jpg
  • mundo-invisível-2012-12.jpg
  • mundo-invisível-2012-13.jpg
  • mundo-invisível-2012-14.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Pina

    di Wim Wenders indaga il mondo di Pina Bausch, acclamata coreografa e ballerina, morta per cancro nel luglio del 2009. Tre balletti creati tra il 1978 e il 2006 ripresi in stereoscopia dal regista tedesco.
  • Cannes 2014

    The Captive RecensioneThe Captive

    di Atom Egoyan porta in concorso a Cannes 2014 un thriller psicologico vecchio stile, con uno script elaborato ma qualche vistosa debolezza.
  • Archivio

    Il Sale della Terra RecensioneIl Sale della Terra

    di , Wenders continua il suo itinerario da tuttologo dell'audiovisivo e stavolta si imbatte nel fotografo Sebastião Salgado di cui racconta la storia condividendo la regia con il figlio di Salgado, Juliano Ribeiro.
  • Archivio

    Gebo e l’ombra

    di L’ennesimo miracolo di un cineasta ultracentenario, che dal muto e dal bianco e nero è giunto fino ai giorni nostri, più prolifico che mai.
  • Archivio

    Lo strano caso di Angelica

    di L’ennesima lezione di cinema del maestro portoghese Manoel de Oliveira, ormai ultra-centenario eppure ancora costantemente in grado di ri-scrivere le meccaniche del suo cinema.
  • Archivio

    Singolarità di una ragazza bionda

    di L’ennesimo splendido titolo di una carriera unica al mondo, quella di un autore capace in vecchiaia di non appiattirsi mai ma anzi, al contrario, di continuare a sorprendere e a sorprendersi di fronte alla macchina-cinema
  • AltreVisioni

    Centro histórico RecensioneCentro histórico

    di , , , Con la firma di quattro grandi registi (Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Víctor Erice e Manoel de Oliveira) si delinea in Centro histórico un ritratto multiforme dell'uomo e del suo rapporto con lo scorrere del tempo, con le sue rivoluzioni, le sue conquiste, le sue piccole e grandi battaglie quotidiane.
  • Archivio

    Ritorno alla vita RecensioneRitorno alla vita

    di A sette anni di distanza dal disastroso Palermo Shooting e a quasi dieci dall'inerte Non bussare alla mia porta, Wenders ci prova di nuovo: Ritorno alla vita vede protagonista un inebetito James Franco nei panni di un aspirante scrittore che provoca involontariamente la morte di un bambino...
  • Cannes 2015

    Visita ou Memórias e Confissões

    di Film testamento di Manoel de Oliveira, girato nel 1981 e mostrato solo dopo la sua morte, Visita ou Memórias e Confissões è un capolavoro che ripercorre il passato e prefigura il futuro per un'operazione assoluta che non ha eguali nella storia del cinema.
  • Interviste

    Intervista a Renato Berta

    "La luce non sta lì solo per impressionare la pellicola o il sensore di una macchina digitale. La luce, in una maniera o nell’altra, deve narrare." In occasione della 29esima edizione del Cinema Ritrovato, abbiamo intervistato Renato Berta, direttore della fotografia per - tra gli altri - de Oliveira, Straub e Huillet, Godard, Resnais e Martone.
  • Archivio

    RememberRemember

    di Egoyan torna a raccontare di un genocidio, quello degli ebrei dopo quello degli armeni in Ararat. Ma i meccanismi spettatoriali di un perfetto thriller finiscono per prendere il sopravvento... Presentato in concorso a Venezia.
  • Archivio

    Chloe recensioneChloe – Tra seduzione e inganno

    di Catherine e David sono a prima vista la coppia perfetta. Felicemente sposati, con un figlio adolescente di talento, sembrano vivere una vita idilliaca. Ma quando David perde un volo e la sua festa di compleanno a sorpresa, i lunghi sospetti di Catherine cominciano a salire alla superficie.
  • In sala

    Nel corso del tempo

    di A quarant'anni di distanza torna in sala, in versione restaurata in 4K, Nel corso del tempo, ultimo capitolo della 'trilogia della strada' di Wim Wenders.
  • Venezia 2016

    Les beaux jours d’Aranjuez

    di Altra ennesima caduta del cinema wendersiano: Les beaux jours d'Aranjuez filosofeggia in maniera spicciola su amore, sesso e natura, con i personaggi rifugiatisi in un eremo fuori dal mondo e dal tempo, sorta di non-luogo in cui il cinema d'autore si trasforma in parodia.
  • Archivio

    La canzone più triste del mondo RecensioneLa canzone più triste del mondo

    di Tra squarci espressionisti, filologiche riprese degli agit-prop della scuola sovietica e incursioni traboccanti di pathos nel realismo francese La canzone più triste del mondo di Guy Maddin compone un sublime e articolato canto in onore del cinema che fu.
  • Intervista a Marco Bechis

  • Roma 2012 – Bilancio

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento