Il corvo

Il corvo è il ritratto del male che genera il male: un giallo che si tinge si nero, un’indagine dal ritmo sorprendentemente agile, una pellicola che trova nelle ombre e nelle deformazioni grottesche brandelli di dolorosa e sconcertante verità.

Il corvo è un personaggio misterioso che sconvolge la vita di una cittadina spedendo una lunga serie di lettere anonime in cui rivela i segreti di ognuno. Il più colpito sembra essere il dottor Germain, ginecologo dal passato oscuro che grazie a intuito e intelligenza riuscirà a non lasciarsi influenzare dalla crescente atmosfera di isteria… [sinossi]

Nelle sequenze iniziali de Le corbeau (Il corvo, 1943) di Henri-Georges Clouzot tra i tetti delle case, il campanile della chiesa, il paesaggio alberato, le facce della gente comune e l’allegro contrappunto musicale si annida un morbo, un male oscuro: la petite ville è consumata da invidie e malignità, inganni e segreti. Dai suoni che si fanno lancinanti e dalle tinte noir emerge ben presto uno scenario morboso, corrotto. Non ci sono anime candide in questo film, nemmeno tra i bambini.
Il corvo venne prodotto coi capitali tedeschi della Continental Films, casa di produzione attiva in Francia durante l’occupazione e Clouzot fu ingiustamente accusato di collaborazionismo e guardato sempre con diffidenza dopo questo ritratto impietoso della provincia francese. Nonostante il notevole successo di pubblico, il film fu attaccato da destra, da sinistra e dalla Chiesa, e Clouzot pagò le sue “colpe” con un esilio dal set; tornò dietro la macchina da presa solo nel 1947 [1].

Il cineasta francese intreccia il torbido affresco con un giallo appassionante, teso, e con una storia d’amore irrazionale e irrealizzabile. Un film quasi ipnotico, che trascina lo spettatore in una crescente follia collettiva, trasformando il sogno della piccola provincia in un incubo palpabile: memorabile, in questo senso, la sequenza del funerale e della fuga disperata dell’infermiera, imprigionata tra strade labirintiche, degne dei tempi belli dell’espressionismo tedesco, e inseguita dal vocio crescente della gente. Dal grido della bestia.
Il film di Clouzot è spietato e tagliente. È un chiaro atto d’accusa che squarcia senza indugi il velo di ipocrisia che cela le meschinità della gente, del popolo, dei francesi, di una provincia solo apparentemente gioiosa e immacolata. Lancinante il sottotesto, con l’inevitabile rimando all’occupazione tedesca, alla delazione, al governo fascista di Vichy. Facile capire perché il film non sia stato accolto benevolmente e perché il suo autore sia troppo spesso dimenticato o lasciato in disparte. Clouzot mette in bella vista i panni sporchi, senza possibilità di appello, in un momento storico travagliato che trabocca inquietudini, sensi di colpa e frettolosi colpi di spugna. Il corvo è il ritratto del male che genera il male, delle piccole colpe che giorno dopo giorno prendono forma, sfociando nell’orrore: un giallo che si tinge si nero, un’indagine dal ritmo sorprendentemente agile, una pellicola che trova nelle ombre e nelle deformazioni grottesche brandelli di dolorosa e sconcertante verità.

L’edizione dvd de Il corvo, targata Teodora/Flamingo Video e distribuita dalla CG Home Video, è come sempre impreziosita dall’intervento critico di Vieri Razzini, vero e proprio plus valore dei titoli della collana Il piacere del cinema. Sedici minuti e trenta di contestualizzazione storica e critica, di appunti, osservazioni e curiosità: il contributo di Razzini è al tempo stesso un invito alla visione e un approfondimento, un piccolo saggio di storia del cinema, chiaro e puntuale. Un luogo critico raro, indispensabile. Tra i contenuti speciali troviamo anche una galleria fotografica, con immagini dal film e locandine dell’epoca, e il trailer originale.
Un film da scoprire o riscoprire in tutta fretta, in una buona edizione video e audio – italiano e francese in 2.0, con sottotitoli in italiano. Il piacere del cinema, senza dubbio.

Note
1. Tra i film successivi di Clouzot ricordiamo Legittima difesa (1947), Manon (1949),Vite vendute (1953), I diabolici (1955), il documentario Mistero Picasso (1956) e La verità (1960).
Info
Il trailer de Il corvo.
Il corvo sul sito della CG.
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-01.jpg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-02.jpg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-03.jpg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-04.jpeg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-05.jpg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-06.jpg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-07.jpeg
  • Il-corvo-le-corbeau-1943-Henri-Georges-Clouzot-08.jpeg

Articoli correlati

  • Clouzot

    Vite vendute

    di Insieme a Il corvo e I diabolici il titolo più celebre e celebrato di Henri-Georges Clouzot, quello in cui lo spirito anarcoide e disilluso si mostra più forte, e lo sguardo sull'umanità si fa più spietato e privo di compromessi.
  • Mistero Clouzot

    Il mistero Picasso

    di Ne Il mistero Picasso l'atto creativo diventa cinema, nascendo e creandosi di fronte agli occhi del pubblico; nell'avvicinarsi a uno dei monumentali pittori del Ventesimo Secolo, Henri-Georges Clouzot mette in quadro e in scena il gesto artistico.
  • Mistero Clouzot

    Le spie

    di Film sottovalutato, Le spie di Henri-Georges Clouzot è in realtà un’opera che gioca intelligentemente coi generi e la percezione dello spettatore, rappresentando, a suo modo, una perfetta fotografia del periodo in cui fu realizzato.
  • Mistero Clouzot

    La verità

    di Continua il nostro omaggio a Henri-Georges Clouzot con La verità: una prorompente Brigitte Bardot, che incarna una donna processata per l’omicidio dell’amante, è il fulcro del penultimo film del cineasta francese.
  • Mistero Clouzot

    I diabolici

    di Lo sguardo e la messinscena. Il cinema e l'inganno del vedere. A più di sessant'anni dalla sua realizzazione I diabolici di Henri-Georges Clouzot si riconferma un'opera di straordinaria modernità. Stasera al Palazzo delle Esposizioni di Roma.
  • Bologna 2016

    Legittima difesa

    di Presentato in Piazza Maggiore alla trentesima edizione del Cinema Ritrovato, Legittima difesa è un polar classico del cinema francese.
  • Bergamo 2015

    L’assassino abita al 21

    di Primo lungometraggio di Henri-Georges Clouzot, L’assassino abita al 21 è un polar che utilizza gli stilemi della detection classica, alla Agatha Christie, virata però in chiave ironica. Presentato nella retrospettiva Il polar – Nascita e formazione di un genere del Bergamo Film Meeting.
  • Bergamo 2015

    Gli assassini vanno all’inferno

    di Un film di Robert Hossein, sull'evasione da un carcere, che si conclude con una lunga parte edenica dove si scatenano dinamiche primordiali. Gli assassini vanno all'inferno, presentato al Bergamo Film Meeting nella retrospettiva sul polar.
  • Torino 2015

    Coup de chaud

    di Selezionato in concorso al Torino Film Festival 2015, Coup de chaud resta imbrigliato in una struttura rigida e geometrica, tratteggiando un'operetta morale drammatica, forzata, troppo sbrigativa nel finale e nel delineare le piccolezze e le meschinità della vita di provincia.
  • Mistero Clouzot

    Manon

    di Espressione cristallina del sadismo di Henri-Georges Clouzot, Manon è un film che mostra l'impossibilità dell'amor fou.
  • Bergman 100

    Il porto delle nebbie

    di Mettendo in gioco conflitti mitici e archetipici, Il porto delle nebbie di Marcel Carné esula dalle strette definizioni di "realismo poetico" verso una riflessione sulla fragilità dell'essere umano e sulla tormentosa inconsistenza del vivere.
  • In sala

    Un piccolo favore RecensioneUn piccolo favore

    di Evidentemente derivativo rispetto a L'amore bugiardo di Fincher, Un piccolo favore di Paul Feig gioca comunque in maniera credibile sul filo del thriller al femminile, finendo però in ultimo per perdersi nella parodia auto-compiaciuta.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento