È morto Nagisa Ōshima

È morto Nagisa Ōshima

È morto Nagisa Ōshima. Si è spento a 80 anni il grande cineasta giapponese. No, non bastava l’inattesa, drammatica e beffarda scomparsa di Kōji Wakamatsu. Il cinema nipponico piange oggi un altro grande maestro: Ōshima, già minato nel fisico da molti anni, ci lascia. Un po’ più soli e un po’ più tristi.

Non possiamo inquadrare in poche righe una delle più possenti filmografie della storia del cinema e allora ci rifugiamo nei ricordi, nelle immagini. La retrospettiva del TFF 2009, col volume monografico curato da Stefano Francia di Celle, con l’introduzione di Sokurov, il confronto tra il maestro russo e il gigante giapponese, gli scritti dello stesso Nagisa Ōshima e quella copertina, magnifica, con gli occhi di Eiko Matsuda, il suo sguardo indimenticabile. Era Ecco l’impero dei sensi (1976), prodotto da Wakamatsu. Tutto torna. Un altro sguardo ci ferisce: il giovane samurai Sozaburo Kano, l’affascinante Ryūhei Matsuda, con gli occhi taglienti come una katana. Era l’ultimo capolavoro: Tabù – Gohatto (1999). E poi l’impossibile Band of Ninja/Cronache della imprese dei ninja (1967), con le tavole che prendono vita e i samurai di carta e inchiostro che diventano eroi trascinanti, esaltanti…

Vogliamo (dobbiamo) rivederli tutti, da Racconto crudele della giovinezza (1960) a Diario di un ladro di Shinjuko (1969), da Notte e nebbia del Giappone (1960) a La cerimonia (1971). Il cinema politico, visceralmente onesto e anticonformista di Nagisa Ōshima è un’eredità preziosa.

 

Filmografia indicativa

Tabù – Gohatto (1999)
Il cinema giapponese ha 100 anni (1995)
Kyoto, il posto di mia madre (1991)
Max amore mio (1986)
Furyo (1983)
L’impero della passione (1978)
Ecco l’impero dei sensi (1976)
Sorellina d’estate (1972)
La cerimonia (1971)
Storia segreta del dopoguerra: dopo la guerra di Tokyo (1970)
Il bambino (1969)
Diario di un ladro di Shinjuko (1969)
Il ritorno degli ubriachi (1968)
L’impiccagione (1968)
Suicidio forzato a due (1967)
Sulle canzoni sconce giapponesi (1967)
Cronache della imprese dei ninja (1967)
Il demone in pieno giorno (1966)
Il godimento (1965)
Il monumento della giovinezza (1964)
Notte e nebbia del Giappone (1960)
Il cimitero del sole (1960)
Racconto crudele della giovinezza (1960)
Il quartiere dell’amore e della speranza (1959)

INFO
La retrospettiva del TFF 2009 dedicata a Nagisa Ōshima.
  • nagisa-oshima-011.jpg
  • nagisa-oshima-02.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-01.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-02.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-03.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-04.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-05.jpg
  • nagisa-oshima-ai-no-korida-06.jpg
  • nagisa-oshima-band-of-ninja-01.jpg
  • nagisa-oshima-band-of-ninja-02.jpg
  • nagisa-oshima-cruel-story-of-youth-01.jpg
  • nagisa-oshima-cruel-story-of-youth-02.jpg
  • nagisa-oshima-diary-of-a-shinjuku-thief-01.jpg
  • nagisa-oshima-furyo-02.jpg
  • nagisa-oshima-furyo-01.jpg
  • nagisa-oshima-furyo-03.jpg
  • nagisa-oshima-a-secret-post-tokyo-war-story-01.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2014

    Racconto crudele della giovinezza

    di L'opera seconda di Nagisa Ōshima, fondamentale momento di passaggio del cinema giapponese, torna a nuova vita sulla Croisette, restaurato in digitale nella sezione Cannes Classics.
  • Buone feste!

    Throw Away Your Books, Rally in the Streets

    di Il capolavoro visionario di Shūji Terayama, regista, poeta, saggista, drammaturgo e boxer che ha impresso un marchio indelebile sull'avanguardia giapponese.
  • Saggi

    Seijun Suzuki, o del cinema eretico

    Lo scorso 13 febbraio è morto in un ospedale di Tokyo Seijun Suzuki; regista eretico tra gli eretici del cinema giapponese, ha legato il suo nome ad alcuni film di culto, da Pistol Opera a Elogio della lotta, oltre al capolavoro La farfalla sul mirino.
  • Cannes 2017

    Ecco l’impero dei sensi

    di Il film più controverso (e celebre) dell'intera carriera di Ōshima, che scandalizzò l'occidente con la sua riflessione sull'eros, la politica dei corpi e sui corpi; in Italia, per esempio, uscì a dir poco massacrato rispetto al metraggio originale. Cannes lo ospita tra i molti 'classici' restaurati, ma a distanza di quarant'anni appare ancora un oggetto rivoluzionario.
  • Il cinema di Kōji Wakamatsu

  • È morto Kōji Wakamatsu

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento