Padak

Padak

di

La linea tracciata da film come The King of Pigs e Padak, con tutti i loro limiti tecnici, è una valida alternativa alle dinamiche mainstream dell’animazione in computer grafica, assoggettata a qualsiasi latitudine agli schemi narrativi ed estetici degli Studios a stelle e strisce.

Filetti di sgombro fresco, freschissimo

Da pesciolino libero nell’oceano, uno sgombro si ritrova preso in una rete da pesca e portato nell’acquario di un ristorante di pesce crudo. Appena arrivato nell’acquario, tenta in qualsiasi maniera di scappare e cerca con accanimento una via di fuga. Anche lo scettico e pessimista vecchio halibut proviene dall’oceano, a differenza degli altri pesci dell’acquario che sono stati allevati nei vivai. Come superstite più anziano dell’acquario, l’halibut comanda sugli altri pesci grazie alla sua esperienza nel sopravvivere. Per lui la protesta dello sgombro e il suo desiderio di fuggire dall’acquario rappresentano una minaccia al proprio potere… [sinossi]

Tra le possibili declinazioni dell’animazione in computer grafica, inizia a destare un certo interesse la scelta low budget di alcune produzioni sudcoreane. Dopo l’inquietante The King of Pigs di Yeon Sang-ho, violento dramma di ambientazione scolastica che non cercava di nascondere i pochi soldi a disposizione, l’attenzione si sposta sul cupo Padak, una sorta di realistico e cinico contraltare all’avventuroso, ipercolorato e spensierato Alla ricerca di Nemo di Andrew Stanton e Lee Unkrich. L’esordiente Lee Dae-hee, già autore di due cortometraggi (The Paper Boy e We are the Punx) e fondatore dello studio d’animazione E-Dehi, sembra voler rovesciare in un’ottica assolutamente negativa ogni aspetto del successo della Pixar: l’acquario (di un ristorante) come prigione/limbo che porta direttamente all’inferno, tonalità grigie, violenza e una serie di atrocità, in primis umane.

Questa proiezione negativa di Alla ricerca di Nemo pone le proprie basi estetiche su un character design spigoloso, sui tratti marcati, sulla scarsa fluidità dei personaggi umani, sulle tonalità spente. Lugubre e spoglio è il porto, come il ristorante, l’acquario. Listata a lutto è la colonna sonora, come i testi delle parentesi musicali. Padak è un lungometraggio che gronda dolore, quasi un prequel morale del cortometraggio Fisheye di Josko Marusic (1980). Pur non raggiungendo le vette artistiche e la perfetta sintesi del capolavoro della Zagreb Film, la pellicola sudcoreana mostra più di un’intuizione registica e narrativa. Funzionano le soggettive dei pesci, veicolo per una rapida immedesimazione, e convince l’estremo realismo, il mostrare senza veli la mattanza del pescato. Ed è persino divertente l’ironica frecciata al film della Pixar, con la strage nell’acquario dei pesci pagliaccio – dipinti, tra l’altro, come pesci snob e razzisti.

La linea tracciata da film come The King of Pigs e Padak, con tutti i loro limiti tecnici, è una valida alternativa alle dinamiche mainstream dell’animazione in computer grafica, assoggettata a qualsiasi latitudine agli schemi narrativi ed estetici degli Studios a stelle e strisce. Il lungometraggio di Lee Dae-hee è un esempio produttivamente e artisticamente coraggioso di animazione indipendente, oggetto raro in questi anni. Anche per questo motivo si possono perdonare alcune lungaggini e il finale un po’ stiracchiato: diventa infatti un po’ prevedibile e ridondante il ricorso alle parentesi musicali, anche se il primo sogno/flashback, con lo sgombro tratteggiato in uno stilizzatissimo 2D, è uno spiazzante e tragico film nel film, surreale e orrorifico.
Lee ricorre a una computer grafica basilare per mettere in scena un racconto disturbante, privo di speranza, ma anche a colori pastello e semplici linee per abbozzare alcune ambientazioni oniriche. Non ci sono gag, spassosi tormentoni o simpatiche mascotte in Padak. Gli uomini fanno a pezzi i pesci, mangiandoli quando sono ancora vivi. E pesce mangia pesce, anche se ha i tratti di Nemo. Nessuna commedia, nessuna favola, nessuna avventura. Solo morte e disperazione.

Info
La pagina di Padak sul sito del Kofic.
Padak al Future Film Festival.
  • padak-2012-lee-dae-hee-01.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-02.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-03.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-04.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-05.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-06.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-07.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-08.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-09.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-10.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-11.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-12.jpg
  • padak-2012-lee-dae-hee-13.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Future Film Festival 2013

    La quindicesima edizione della kermesse bolognese, dal 12 al 17 aprile nelle sale della Cineteca, tra animazione, fantascienza e cinema horror.
  • Animazione

    Alla ricerca di Nemo 3D

    di , Il lungo e avventuroso viaggio del pesce pagliaccio Marlin, un padre eccessivamente protettivo, e di suo figlio Nemo. I due si separano nella Grande Barriera Corallina quando Nemo viene inaspettatamente strappato alla propria amata casa...
  • Animazione

    The King of Pigs

    di Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d'affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe...
  • Animazione

    Fisheye RecensioneFisheye

    di Quando ci si addentra nell'infinito e variopinto universo dell'animazione, si scoprono confini inesplorati, lontani anni luce dalle rassicuranti animazioni in computer grafica che dominano i box office...
  • Animazione

    Il grande orso

    di Sofia e Jonathan decidono di recarsi dal nonno che vive nel bosco. Dietro al suo cortile, da molti anni, è cresciuta una grande foresta in cui non vive più nessuno...
  • Festival

    Future Film Festival 2013 – Bilancio

    Lo stato di salute del cinema d'animazione, dal visionario Consuming Spirits di Chris Sullivan all'ennesima conferma del talento di Mamoru Hosoda.
  • Festival

    Future Film Festival 2013 – Presentazione

    La kermesse bolognese, dal 12 al 17 aprile: The Life of Budori Gusuko, Wolf Children, Crulic, Rainbow Fireflies, La casa, Le streghe di Salem...
  • Animazione

    The Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Animazione

    Green Days – Dinosaur and I

    di , La giovane I-rang cade apposta durante l'unica gara a cui si sentiva di partecipare, per paura di perdere la corsa contro la rivale Min-jeong. Abbandonatasi all'ozio, da allora la ragazza non osa partecipare ad altre competizioni...
  • Libri

    Il cinema coreano contemporaneo

    Edito dalla O barra O Edizioni di Milano, Il cinema coreano contemporaneo di Lee Hyang-jin ha il grande merito di essere il primo esaustivo saggio sul cinema coreano, dalle traballanti e difficoltose origini fino ai giorni nostri...
  • Future 2016

    Ghost-MessengerGhost Messenger

    di Presentato al Future Film Festival 2016, Ghost Messenger di Bong Hue Gu è un lungometraggio che pesca a piene mani tra la produzione nipponica e che mostra tutti i limiti narrativi della sua derivazione da due precedenti OAV. Più che apprezzabile, nonostante gli evidenti debiti estetici, la qualità grafica.
  • Trieste S+F 2016

    seoul-stationSeoul Station

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d'animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake.
  • Berlinale 2017

    Have a Nice Day

    di In concorso alla Berlinale 2017 e opera seconda di Liu Jian, Have a Nice Day filtra attraverso l'estetica della Pop Art l'instabilità e la crisi culturale e ideologica della Cina contemporanea. Animazione indipendente, budget risicato, humor nero.
  • Animazione

    Leafie RecensioneLeafie – La storia di un amore

    di Pur consapevoli che i capolavori dell’animazione sono da ricercare altrove, non si può non fare il tifo per Leafie, con la speranza che non venga massacrato al botteghino da uscite dall’impatto mediatico più devastante, ma assai meno coraggiose e coinvolgenti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento