Iron Man 3

Iron Man 3

di

In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.

Tabula rasa

Il nuovo film Marvel Iron Man 3 vede lo sfacciato ma brillante industriale Tony Stark/Iron Man combattere contro un nemico senza limiti. Quando Stark vedrà il suo mondo personale distrutto  per mano del suo nemico, intraprenderà una straziante missione alla ricerca dei responsabili. Si tratterà di un’impresa che metterà a dura prova il suo coraggio in ogni momento. Con le spalle al muro, Stark dovrà sopravvivere senza i dispositivi da lui creati, fidandosi solo del proprio ingegno e istinto per proteggerle persone che ama. Mentre trova tutte le forze per reagire, Stark trova la risposta alla domanda che lo ha sempre segretamente perseguitato: è l’uomo che fa l’armatura o è l’armatura  che fa l’uomo? [sinossi]

Lo avevamo lasciato la scorsa stagione in The Avengers al fianco degli altri membri dello S.H.I.E.L.D., da Hulk a Thor, passando per Capitan America, Occhio di Falco e la Vedova Nera, riuniti dal comandate Nick Fury per sventare una pericolosa minaccia aliena rappresentata dall’asgardiano Loki (Dio dell’inganno nonché fratello del Dio del tuono) e dagli agguerritissimi Chitauri, scesi sulla Terra con il chiaro intento di conquistarla. Per chi non lo avesse ancora capito stiamo parlando di Tony Stark e del suo corazzato alter ego Iron Man, che torna nelle sale dopo la tremenda ed estenuante battaglia affrontata tra i cieli e le strade di New York nel 2012, che lo ha visto protagonista insieme ai Vendicatori di una disperata e sudata vittoria (seppur momentanea) raccolta nel fortunato crossover diretto da Joss Whedon, incentrato sulla prima grande reunion cinematografica di alcuni storici personaggi di casa Marvel. Quei fatti però, nonostante si siano risolti in chiave positiva, lo hanno in realtà segnato profondamente, tanto da fiaccare le resistenze psico-fisiche del celebre miliardario, ora costretto nel terzo capitolo della striscia cinematografica a lui dedicata a confrontarsi, non solo con il nemico di turno, che ha il duplice volto di uno spietato terrorista conosciuto come Mandarino e di uno scienziato pazzo in cerca di vendetta che risponde al nome di Aldrich Killian, ma soprattutto con se stesso, il proprio ruolo, l’identità, le fragilità e le insicurezze umane, oltre che con frequenti attacchi di panico. Una parabola esistenziale che, supereroe oppure no, prima o poi coinvolge tutti (Superman o Batman docet) e adesso è il turno proprio di Tony Stark.

In Iron Man 3, che segna la quinta apparizione sul grande schermo [1] di quello che è senza ombra di dubbio uno dei personaggi di punta dell’universo Marvel Comics [2], va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe. Questa fa da sfondo emozionale a una nuova sfida che arriva dritta diritta dal passato e che spinge Stark a fare gli straordinari per annientare un esercito di soldati potenziati che si auto-rigenerano in stile Terminator, un terrorista vecchio stile che si “diverte” a sferrare attacchi dinamitardi per poi rapire il Presidente degli odiati Stati Uniti e scovare i responsabili che hanno ridotto in fin di vita l’amico di sempre Harold Happy Hogan. Il tutto cercando di tenere insieme i pezzi della propria vita coniugale con l’amata Pepper. Insomma, una bella matassa di sbrogliare per un Iron Man in formato amletico, che quanto a nemici fronteggiati in passato non ha nulla da invidiare ad alcun collega in attività: dai terroristi afgani del primo capitolo alla coppia formata dal letale Whiplas e dall’industriale senza scrupoli Justin Hammer affrontata nel secondo. L’elemento di novità rispetto al passato sta dunque nella mutazione caratteriale subita dal personaggio, che mantiene sì il suo inconfondibile mix di spavalderia e cinismo, ma rivela al pubblico e in primis a se stesso un’inedita fragilità che dà adito a dubbi, angosce e paure.

A raccontare questo doppio conflitto troviamo stavolta Shane Black, chiamato a sostituire dietro la macchina da presa l’artefice dei successi ottenuti dai primi due episodi, ossia l’attore e regista Jon Fraveau che torna per la terza volta consecutiva nel ruolo di Hogan e come produttore esecutivo. Quanto basta insomma per dare la continuità necessaria alla saga. Premesso che l’esordio sullo schermo di Iron Man del 2008 per mano di Fraveau resta, anche dopo aver assistito alla chiusura della trilogia, il pezzo migliore della collezione, l’atto terzo non cede davvero pochissimo sul fronte visivo rispetto ai precedenti, regalando alla platea momenti adrenalinici (l’attacco missilistico sferrato contro la villa di Stark a Malibù) e un epilogo tutti contro tutti che da solo vale il prezzo del biglietto. Da questo punto di vista la scelta di affidarsi alla stereoscopia contribuisce ad alimentare il fattore spettacolare della fruizione, ma anche a far lievitare come al solito il prezzo del biglietto. Il plot, al contrario, non regala grosse sorprese, se non la già citata metamorfosi interiore del protagonista, che di suo non basta a giustificare le due ore e passa di un racconto che sa come intrattenere, ma che a carte scoperte rivela la volontà degli autori di gettare le fondamenta per un futuro prossimo, che siamo sicuri non tarderà ad arrivare. Si ha, infatti, l’impressione che ci si trovi al cospetto di un ulteriore capitolo di transizione verso altro che non è di certo la chiusura del sipario; impressione che diventa certezza una volta entrati in contatto con i minuti conclusivi. Del resto, quale sano di mente metterebbe la parola fine a un brand che assicura palate fumanti di dollari?

Per il resto, il lavoro dietro la macchina da presa di Black, che oltre a dirigere firma lo script a quattro mani con Drew Pearce prendendo ispirazione dai sei albi pubblicati tra il 2005 e il 2006 che vanno a comporre la saga Extremis di Warren Ellis, è di buona fattura e permette al film di passare tranquillamente la soglia della sufficienza. L’eclettica regia del cineasta statunitense offre il suo meglio nelle scene dinamiche, mentre tocca ancora una volta a Robert Downey Jr. (i due hanno già lavorato insieme sul set di Kiss Kiss Bang Bang) fuori e sotto l’armatura di Iron Man ravvivare e rendere ancora più divertenti le situazioni statiche e dialogiche che coinvolgono Stark (da non perdere il duetto nel camion regia con un fan sfegatato, la prima vestizione e alcuni scambi con il piccolo aiutante e con Jarvis, ossia il sistema di intelligenza artificiale che governa la villa di Tony).

NOTE
1. Oltre ai tre capitoli prodotti nel 2008, 2010 e 2013, bisogna ricordare The Avengers e la partecipazione ne L’incredibile Hulk, sequel diretto nel 2008 da Louis Letterier delle avventure dell’irascibile uomo verde.
2. Nato dalle penne di Stan Lee e Larry Lieber e dai disegni della coppia Heck-Kirby, Iron Man fa la sua prima apparizione su carta nel marzo del 1963 nel volume 1 del  numero 39 di Tales of Suspence.
INFO
Il sito ufficiale di Iron Man 3.
  • iron-man-3-2013-shane-black-images.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-iron-hand.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-Iron-Man-3.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-iron-man-3-2.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-ironman3-4.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-Iron-Man-3-new-armor.jpeg
  • iron-man-3-2013-shane-black-iron-man-3-tony-rhodey.jpg
  • iron-man-3-2013-shane-black-iron-man-robert-downey-jr-and-pepper-potts-gwenyth-paltrow-in-iron-man-3.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Guardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    X-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    Captain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Kick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    Wolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • Archivio

    X-Men – Le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • Archivio

    L’uomo d’acciaio

    di Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po' goffi del giovane giornalista Clark Kent...
  • Archivio

    Watchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • In Sala

    The Judge

    di Un classico melodramma familiare dove conflitti edipici, funerali, vecchi rancori e perduti amori sono accompagnati dalle irresistibili, ma incontrollabili faccette di Robert Downey Jr.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Lanterna-VerdeLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Archivio

    Batman-v-Superman-Dawn-of-JusticeBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • In sala

    Captain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • In Sala

    The-Nice-GuysThe Nice Guys

    di Russell Crowe debordante e Ryan Gosling in formato slapstick tengono in piedi The Nice Guys di Shane Black, buddy movie che gioca con gli anni Settanta/Ottanta, con una detection dai contorni noir e una comicità scalcinata.
  • In Sala

    doctor-strangeDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Iron Man

    di Regia anodina ma un protagonista di tutto rispetto caratterizzano la prima sortita sul grande schermo dell'eroe Marvel dall'armatura cromata, e dalle implicazioni etiche non da poco.
  • Archivio

    L’incredibile Hulk

    di Con la regia di Louis Leterrier ed Edward Norton nel ruolo del protagonista, torna il mutante verde della Marvel e questa volta è proprio “incredibile”.
  • In Sala

    Guardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • In sala

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento