New World

New World

di

L’opera seconda di Park Hoon-jung, New World, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono.

Il martello, il coltello e la mazza da baseball

Un grosso camion precipita giù per una strada deserta e si scontra con un’auto che sta sopraggiungendo. Quest’unico incidente basta a gettare nel caos i meccanismi interni all’associazione criminale Goldmoon, visto che il potente boss del gruppo era seduto sul sedile posteriore dell’auto. Le gerarchie e i rapporti di forza che prima erano stabili ora sono improvvisamente da rivedere, e sembra probabile che scoppi un conflitto tra l’imprevedibile numero due della banda, Chung, e il più morbido ma decisamente ambizioso numero tre Joong-gu… [sinossi – catalogo Far East 2013]

Dalla quindicesima edizione del Far East Film Festival di Udine emerge con forza l’immagine di un industria cinematografica sudcoreana solida e rinvigorita, capace di ritrovare idee e nuovi talenti come nelle prime stagione della new wave, negli anni a cavallo tra vecchio e nuovo millennio. L’opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore delle pellicole di successo I Saw the Devil (2010) di Kim Jee-woon e The Unjust (2011) di Ryoo Seung-wan, ripropone la ricetta dei migliori film sudcoreani: uno script impeccabile, modellato sulle strutture hollywoodiane ma libero di dar sfogo a realismo e violenza; un elevatissimo livello tecnico-artistico; un cast di attori carismatici e talentuosi come Choi Min-sik (Oldboy, Nameless Gangster) e Hwang Jeong-min (You Are My Sunshine, Happiness). Sulla carta sembrerebbe tutto facile.

Della messa in scena di Park basterebbe ricordare l’affollato, adrenalinico e feroce scontro tra fazioni rivali nel parcheggio sotterraneo. Alla prevedibile esplosione di violenza si aggiunge come memorabile plus valore estetico e narrativo la sequenza dell’ascensore, in un tutti contro uno  all’arma bianca racchiuso in una manciata di metri quadrati. Lame taglienti, sangue, rabbia e paura si mescolano in un crescendo epico e drammatico: la macchina da presa incornicia ed esalta una scena brutale, solo apparentemente sopra le righe. Ancora una volta, il coltello (ancor più di mazze da baseball e martelli) si erge a comune denominatore del cinema gangsteristico sudcoreano. Spettacolari più di qualsiasi arma da fuoco, le armi da taglio permettono di dilatare le sequenze, la violenza, la sofferenza: restano memorabili, ad esempio, il finale di Friend (2001) di Kwak Kyung-taek e l’irruzione improvvisa e drammatica di un coltello nel divertente teen-movie Conduct Zero (2002) di Jo Geun-shik.

Complesso e dal respiro epico, lo script di Park Hoon-jung mette in luce le contraddizioni della lotta senza quartiere tra malavita organizzata e forze dell’ordine. New World è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Park riesce a mettere in scena il sottile confine che separa un infiltrato da un gangster, con tutte le conseguenti implicazioni morali ed esistenziali. I ritratti dei quattro ruoli principali – strepitoso il boss volgare ma sagace Jung Chung, affidato a un Hwang Jeong-min gigioneggiante e teso come una corda di violino – si sovrappongono agli intricati giochi di potere, societari e politici: un quadro lucido nella prima parte, quanto travolgente nella seconda. New World, come il precedente Nameless Gangster (2012) di Yun Jong-bin, ripercorre con efficacia e invidiabili qualità tecniche e artistiche alcuni classici del genere gansteristico, memore della lezione di capisaldi come Il Padrino e Infernal Affairs.

Misurato nei movimenti di macchina, Park opta anche per il fuori campo, senza lesinare spargimenti di sangue ma dando l’impressione di non eccedere nemmeno di una goccia. Ancor più dell’intricata struttura narrativa, di New World colpisce infatti la luccicante patina di realismo, anche nei passaggi più retorici ed enfatici. Le coltellate ci sembrano reali, come la rassegnazione di Kang (Choi Min-sik), la disperazione di Ja-sung (Lee Jung-jae, in un ruolo che vale una carriera) o la folle sfrontatezza di Joong-gu (Park Seong-Woong).

Info
La scheda di New World sul sito del Far East Film Festival.
  • new-world-2013-park-hoon-jung-02.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-03.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-04.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-05.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-06.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-07.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-08.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-09.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-10.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-12.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-13.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-14.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-15.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-16.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-17.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-19.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-20.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-22.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-24.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-26.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-27.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-28.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-29.jpg
  • new-world-2013-park-hoon-jung-30.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Snowpiercer

    di Una nuova era glaciale stermina tutti gli abitanti del pianeta a eccezione dei viaggiatori dello Snowpiercer, un treno ad alta velocità che fa il giro del mondo...
  • Archivio

    The Last Stand – L’ultima sfida

    di Il boss della droga Cortez riesce a fuggire alla custodia dell'FBI, rubando una macchina e dirigendosi verso il confine messicano...
  • AltreVisioni

    The Yellow Sea

    di The Yellow Sea assume ben presto le fattezze di un classico action hitchcockiano, con il protagonista costretto a confrontarsi con un piano criminoso più grande di lui...
  • AltreVisioni

    The Man From Nowhere

    di Le apparenze possono ingannare. Dietro a un riservato proprietario di un banco dei pegni può nascondersi un'inesorabile macchina da guerra addestrata dai servizi segreti...
  • AltreVisioni

    I-Saw-The-DevilI Saw the Devil

    di Kyung-chul è un pericoloso psicopatico che uccide per puro piacere. Ha commesso un'infernale serie di omicidi in modi diabolici che non si possono nemmeno immaginare, uccidendo giovani donne e bambini. La polizia lo insegue da tempo, ma non è ancora riuscita a catturarlo...
  • AltreVisioni

    Castaway on the Moon RecensioneCastaway on the Moon

    di Un uomo, perse tutte le speranze, si butta nel fiume Han: trascinato dalla corrente su un isolotto, diventerà una sorta di novello Robinson Crusoe, nel centro di Seoul...
  • Far East 2016

    The-TigerThe Tiger

    di Ambizioso blockbuster sudcoreano e pellicola d'apertura della diciottesima edizione del Far East 2016, The Tiger di Park Hoon-jung spreca l'intensa performance di Choi Min-sik, poco supportata da una sceneggiatura ripetitiva, retorica, ridondante.
  • AltreVisioni

    Righteous Ties

    di Righteous Ties propone una visione romantica dei gangster, trasformando il malvivente di turno in un novello eroe, spesso dotato di un cuore e un’integrità invidiabili...
  • AltreVisioni

    troubleshooterTroubleshooter

    di Dismessi i panni dello sbirro, Tae-sik è diventato un investigatore privato. Recatosi in un motel per caso si trova di fronte a un brutale assassinio e subito realizza di essere stato incastrato. Inizia la sua fuga tra doppi giochi e false verità...
  • AltreVisioni

    the-unjustThe Unjust

    di Un serial killer sta terrorizzando la cittadinanza e la pressione sulle forse dell'ordine è diventata insostenibile per le autorità. In un vortice di errori procedurali, illegalità e corruzione, il capitano Choi viene incaricato di "risolvere" il caso.
  • Libri

    Il cinema coreano contemporaneo

    Edito dalla O barra O Edizioni di Milano, Il cinema coreano contemporaneo di Lee Hyang-jin ha il grande merito di essere il primo esaustivo saggio sul cinema coreano, dalle traballanti e difficoltose origini fino ai giorni nostri...
  • Cannes 2015

    The Shameless

    di Buone notizie per il cinema sudcoreano da Cannes, sponda Un Certain Regard: The Shameless di Oh Seung-Uk è un interessante noir intriso di passioni morbose, sostenuto da un ottimo cast e da una messa in scena puntuale, mai sopra le righe.
  • Cannes 2016

    The-WailingThe Wailing

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi.
  • Venezia 2016

    Il prigioniero coreano RecensioneIl prigioniero coreano

    di Kim Ki-duk torna al Lido di Venezia con Il prigioniero coreano, dramma dagli echi kafkiani sulle insanabili fratture tra nord e sud Corea, e sul concetto di "libertà". Un'opera non priva di difetti ma dominata da una sincerità disarmante, e da un'amarezza priva di confini.
  • Cannes 2018

    The Spy Gone North RecensioneThe Spy Gone North

    di Presentato fuori concorso a Cannes, The Spy Gone North è una solidissima spy story, innervata di Storia e politica. Teso e incisivo, ci riporta a Seoul e Pyongyang, dal 1993 al 1997, ripercorrendo uno dei momenti chiave della storia coreana.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento