Cannes 2013

Cannes 2013

Dal 15 al 26 maggio, sulla Croisette, il Festival di Cannes 2013: Polanski, Soderbergh, Sorrentino, Jarmusch, Farhadi, Miike, Kore-eda, Kechiche, Refn, Luhrmann…

Rieccoci ai blocchi di partenza, travolti dal turbinio delle immagini, sovrastati dalla mole del Palais du Cinema, inevitabilmente affascinati da una kermesse che sembra sospesa nel tempo e nello spazio. La Croisette è un luogo altro, almeno per una dozzina di giorni. È una dimensione parallela, splendente, aliena alla crisi, alla grigia quotidianità, alle polemiche provinciali del cinema italiano e dei festival del Bel Paese.
A Roma si polemizza anche per un refolo di vento, si contestano film senza averli visti, ci si accanisce sulla differenza tra festa e festival. A Venezia ci si diverte con battute sui film cinesi, si promettono nuove sale e ci si ritrova con colate di cemento, imbarazzanti tappabuchi. A Torino si susseguono gli autogol, rischiando di mandare all’aria anni e anni di pregevole lavoro. Ecco, Cannes ci rapisce e ci porta via. Cannes 2013 è una tregua, un po’ come Berlino o Rotterdam. Oasi felici. Cinema, cinema e ancora cinema, mentre il resto è contorno.

Lo schermo e il buio della sala, nonostante un mastodontico carrozzone, restano il centro gravitazionale di Cannes. Il glamour si genera dalla pellicola, per poi invadere la Croisette, le pagine dei giornali, i servizi delle televisioni. La folla si accalca in cerca di uno scatto, di un ricordo, ma l’essenza del festival è ancora la Settima Arte, il miracolo delle immagini in movimento: Cannes 2013 è Polanski (La Vénus à la fourrure), è Soderbergh (Behind the Candelabra), è Sorrentino (La grande bellezza), è Jarmusch (Only Lovers Left Alive). Ma è anche Farhadi (Le Passé), Miike (Shield Of Straw), Haroun (Grigris), Diaz (Norte, The End Of History) e Kore-eda (Like Father, Like Son). Cannes è ovviamente il trionfo del cinema transalpino, da Ozon (Jeune & Jolie) a Desplechin (Jimmy P. – Psychotherapy Of A Plains Indian), a Kechiche (La vie d’Adèle)… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale di Cannes 2013.

Articoli correlati

  • Archivio

    all is lost,tutto è perduto,2013,j.c. chandorAll Is Lost – Tutto è perduto

    di Un'avventura intensa, realistica, senza sbavature narrative o parentesi melodrammatiche: solo una barca, il mare infuriato e Redford.
  • Archivio

    Dietro i candelabri (Behind the Candelabra, 2013) di Steven SoderberghDietro i candelabri

    di Prodotto dalla HBO e presentato a Cannes, il biopic di Soderbergh su Liberace esce finalmente nelle sale italiane. Notevoli Douglas e Damon.
  • In Sala

    Solo gli amanti sopravvivono

    di Dopo l'accoglienza piuttosto fredda al Festival di Cannes e la presentazione al Torino Film Festival esce in sala l'ultimo gioiello partorito dal genio creativo di Jim Jarmusch. Una riflessione sull'amore, sull'immortalità e sull'arte. Imperdibile.
  • In Sala

    A proposito di Davis

    di , I fratelli Ethan e Joel Coen impartiscono l’ennesima lezione di cinema con un (quasi) biopic vivace e coinvolgente, scritto con la consueta sagacia. Finalmente nelle sale.
  • AltreVisioni

    L’image manquante

    di Rithy Panh racconta lo stermino della propria famiglia da parte degli uomini di Pol Pot, e per farlo si affida a personaggi in plastilina. Vincitore di Un certain regard al Festival di Cannes, e presentato nella sezione TFFdoc.
  • AltreVisioni

    Ugly

    di Rahul e Shalini, i genitori di Kali, 10 anni, sono divorziati. Un sabato, giorno che Kali deve passare con suo padre, la piccola scompare… Il teso thriller di Anurag Kashyap.
  • AltreVisioni

    Le démantèlement

    di Sébastien Pilote disegna una parabola amara, una marcia funebre anticipata. La vita e la fattoria di Gaby svaniscono mattone dopo mattone...
  • Archivio

    Un'immagine tratta da Il passato (2013) di Asghar FarhadiIl passato

    di Dopo quattro anni di separazione, Ahmad arriva a Parigi da Téhéran, per chiudere la pratica di divorzio da Marie...
  • Archivio

    La vita di Adele

    di A quindici anni, Adèle non ha dubbi: una ragazza deve uscire con dei ragazzi. La sua vita prende una strada inaspettata il giorno in cui incontra Emma, una giovane donna con i capelli blu, che le fa scoprire il desiderio...
  • Archivio

    Lo sconosciuto del lago

    di La riva di un lago in estate è il punto d'incontro della comunità gay in cerca di sesso occasionale. Tra questi c'è il giovane Franck...
  • Animazione

    The Congress

    di Robin Wright riceve dalla Miramount la proposta di essere scannerizzata: la sua controparte digitale potrà essere liberamente utilizzata nei film...
  • AltreVIsioni

    On the Job

    di A Manila due detenuti, Tatang e Daniel, beneficiano segretamente di uscite occasionali dal carcere deliberate da politici corrotti che li assumono come assassini...
  • Festival

    Festival di Cannes 2013 – Bilancio

    Calato il sipario sulla sessantaseiesima edizione, proviamo a fare i conti con quello che resta e resterà del carrozzone della Croisette...
  • Festival

    I premi di Cannes 2013

    Ultimo atto della sessantaseiesima edizione del Festival, con la Palma d'oro a La vie d'Adèle di Abdellatif Kechiche e il Grand Prix a Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen...
  • Festival

    Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2013

    L'Albo d'Oro del Festival di Cannes, da "Union Pacific" di Cecil B. DeMille a "La vita di Adele" di Abdellatif Kechiche.
  • Archivio

    Venere in pelliccia

    di Solo in un teatro parigino, Thomas si lamenta della pietosa performance dei candidati. Nessuna ha l'espressività richiesta per il ruolo principale e il regista si prepara ad andarsene quando irrompe Vanda, vera e propria tempesta di energia...
  • Archivio

    c'era una volta a new york,the immigrant,2013,james grayC’era una volta a New York

    di C'era una volta a New York compone un ulteriore tassello della poetica umanista di James Gray. Un affresco livido della Grande Mela d'inizio Novecento, con Joaquin Phoenix e Marion Cotillard.
  • Archivio

    Nebraska

    di Presentato al Festival di Cannes, Nebraska è una pellicola rassicurante, docile, prevedibile, scritta per assecondare ogni nostra aspettativa spettatoriale. Insomma, i limiti più che i difetti del cinema di Payne.
  • Archivio

    Solo Dio perdona

    di Bangkok. Julian e il fratello Billy gestiscono un club di boxe, usato come copertura per il traffico di droga. Quando il fratello viene assassinato, la madre Crystal costringe Julian a vendicarlo...
  • Archivio

    Salvo

    di , Il film d'esordio di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza è ricco di spunti tutt'altro che banali, ma incapace di incanalarli in un discorso narrativo ed estetico coerente e maturo.
  • AltreVisioni

    Grigris

    di Pur affrontando una tematica classica del suo cinema Mahamat-Saleh Haroun, invece di lavorare di sottrazione come suo solito, esaspera e enfatizza troppo il percorso drammatico del suo ballerino zoppo.
  • AltreVisioni

    As I Lay Dying

    di Nelle sequenze di As I Lay Dying si riesce ad avvertire il fremito che agita le acque del cinema di Terrence Malick e, per rimanere nell’alveo dell’indipendenza contemporanea, di Kelly Reichardt.
  • Cannes 2013

    Blind Detective

    di Blind Detective sarà anche un divertissement, ma Johnnie To lo gestisce con la consueta classe, firmando una screwball comedy alla quale è arduo resistere.
  • Cannes 2013

    Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • Archivio

    Un castello in Italia

    di Un melodramma borghese familiare per la terza regia di Valeria Bruni Tedeschi. In concorso al Festival di Cannes 2013.
  • AltreVisioni

    Michael Kohlhaas

    di Un regista forse sopravvalutato, attori di richiamo, patina intellettuale e autoriale: un titolo che probabilmente non meritava di essere selezionato nel concorso principale del Festival di Cannes.
  • Cannes 2013

    Monsoon Shootout

    di Prodotto da Anurag Kashyap e diretto da Amit Kumar, Monsoon Shootout è un thriller forse eccessivamente prevedibile ma interessante...
  • In sala

    Jimmy P.

    di All'indomani della fine della Seconda Guerra Mondiale, Jimmy Picard, un indiano Piedenero che ha combattuto in Francia, è ammesso all'ospedale militare di Topeka, in Kansas, specializzato nelle malattie del cervello...
  • Cannes 2013

    Borgman

    di Borgman di Alex van Warmerdam, nonostante le sue pretese anti-borghesi, è un film piatto, vuoto e prevedibile. In concorso al Festival di Cannes 2013.
  • Archivio

    Miele

    di L'esordio alla regia di Valeria Golino, ellittico, mai pedante o didascalico, essenziale nei dialoghi e calibratissimo nella scelta delle inquadrature.
  • Archivio

    Bling Ring

    di Preso come rappresentazione di un vuoto pneumatico, The Bling Ring appare pericolosamente filologico. Godibile ma davvero impalpabile, il film della Coppola porta alle estreme conseguenze l'incipit di Somewhere...
  • Archivio

    Father and Son

    di Ryota, architetto ossessionato dal successo, forma con la giovane sposa e il figlio una famiglia ideale. L'idillio si spezza quando l'ospedale in cui il bambino è nato rende loro noto che due neonati sono stati scambiati alla nascita...
  • Archivio

    Giovane e bella

    di Con Giovane e bella François Ozon mette a punto un'altra delle sue macchine oliate, apparentemente perfette, impeccabili. Ma, nella maggior parte dei casi, vuote...
  • Archivio

    Il tocco del peccato – A Touch of Sin

    di Il ritorno alla regia di Jia Zhangke, in un grande affresco umano sulla Cina contemporanea, in cui vita e morte si intrecciano in modo inestricabile.
  • Cannes 2013

    Heli

    di Con Heli il regista messicano Amat Escalante trascina lo spettatore nell'ingranaggio di violenza in cui è intrappolata la sua nazione. In concorso a Cannes 2013.
  • Archivio

    Il grande Gatsby

    di L'aspirante scrittore Nick Carraway lascia il Midwest e arriva a New York nella primavera del 1922, un’epoca in cui regna la dubbia moralità, la musica jazz e la delinquenza...
  • Festival

    Festival di Cannes 2013 – Presentazione

    Rieccoci ai blocchi di partenza, sovrastati dalla mole del Palais, affascinati da una kermesse che sembra sospesa nel tempo e nello spazio...
  • Festival

    Cannes 2013 – Tutto il Festival minuto per minuto

    Aggiornamenti, prime impressioni, folgorazioni, delusioni e news dalla sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes.
  • In sala

    La grande bellezza

    di Con La grande bellezza Paolo Sorrentino porta a termine un'operazione ambiziosa e nel complesso riuscita: quella di alzare un inno a Roma, alle sue miserie quotidiane e al vuoto dell'umanità.
  • Festival

    La selezione ufficiale del Festival di Cannes 2013

    Concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, proiezioni speciali: dall'apertura con The Great Gatsby alla chiusura con Zulu di Salle.
  • Festival

    Cannes, Steven Spielberg presidente di giuria

    Il successore di Nanni Moretti come presidente di giuria del Festival di Cannes sarà nientemeno che Steven Spielberg...
  • Cannes 2014

    Svelata la selezione di Cannes 2014

    Un concorso di prestigio ma abitato quasi esclusivamente da nomi noti, da Assayas a Zvyagintsev. In Un certain regard c'è invece spazio per Lisandro Alonso, Mathieu Amalric e Jessica Hausner...
  • Festival

    Festival di Cannes 2017 – Presentazione

    Al via Cannes 2017: dal 17 al 28 maggio, da Les Fantômes d'Ismaël di Desplechin fino alla Palma d'oro. Due settimane di cinema, di mercato, di prospettive. Cannes 70 è l'edizione di Netflix, di Twin Peaks, del piccolo (grande) schermo, del cinema del e nel futuro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento