Blind Detective

Blind Detective

di

Blind Detective sarà anche un divertissement, ma Johnnie To lo gestisce con la consueta classe, firmando una screwball comedy alla quale è arduo resistere.

L’amore è cieco

Lui era un detective particolarmente abile, costretto ad abbandonare la professione dopo essere divenuto cieco nel corso di un’operazione investigativa. Dopo questa disgrazia, si guadagna da vivere risolvendo i casi su cui la polizia non riesce a vederci chiaro. Lei è una giovane detective molto promettente, angosciata da un sentimento di colpevolezza da quando la sua amica d’infanzia è scomparsa senza lasciare traccia. La ragazza, impressionata dalla brillantezza con cui lui ha risolto un caso, decide di chiedergli aiuto per ritrovare la sua amica… [sinossi]

Per la maggior parte degli spettatori, o per lo meno per la maggior parte degli spettatori che non ne ignorano completamente l’esistenza, nominare Johnnie To equivale a parlare di noir e polizieschi sporchi, privi di pietà, dominati da un’eleganza infinita: dopotutto titoli come The Mission, PTU, Exiled e Vendicami sono lì a testimoniare questa verità inoppugnabile. Ma coloro che hanno avuto modo di approfondire la conoscenza di quello che può essere considerato senza timore di smentita il più importante cineasta hongkonghese degli ultimi anni, magari durante le giornate del Far East Film Festival di Udine, sanno che al di là del proprio genere di riferimento, To si è spesso lasciato prendere la mano da divertissement di vario tipo: commedie sentimentali, film ai limiti del demenziale, perfino intensi melodrammi. Dopotutto lo spaesamento di buona parte del mondo critico occidentale di fronte a questo aspetto meno noto della filmografia di To lo si era già potuto avvertire nel 2011, quando venne presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Life Without Principle, complesso dramma corale che rifletteva apertamente sulla crisi economica mondiale e sull’impatto che essa stava avendo sulla vita quotidiana degli abitanti della città-stato.
Per quanto da un punto di vista strettamente narrativo Blind Detective possa essere scambiato per il più classico dei prodotti action di Johnnie To, e il titolo faccia correre la mente indietro nel tempo fino al 2007 e a Mad Detective, l’ultima fatica del regista di Hong Kong rientra alla perfezione nel discorso appena intrapreso sulle produzioni “altre”.

Si tratta infatti di una rom-com travestita da poliziesco, con tanto di intrigo giallo esagerato ed esasperato fino alle estreme conseguenze: un’operazione palesemente divertita, attraverso la quale To si diverte a ridicolizzare alcuni punti fermi non solo del genere nel suo complesso, ma proprio del suo personale approccio estetico. Girato tra il “porto profumato” (questa la traduzione letterale di Hong Kong), Macao e la città di Zhuhai nel Guangdong, Blind Detective è costruito in tutto e per tutto in funzione del suo protagonista, un eccellente Andy Lau che veste i panni di Chong See-tun, il detective che, una volta persa la vista, si trova a collaborare con la polizia nei casi in cui la deduzione deve prendere il posto sull’uso della forza.
Basterebbe la prima sequenza, in cui Chong si trova a pedinare un uomo sospettato di aver usato dell’acido contro una lunga serie di vittime, per scrollarsi di dosso qualsivoglia dubbio sul mood nel quale intende muoversi il film: per non perdere le piste di quest’uomo grassoccio e sudato, Chong si affida al suo naso, riconoscendolo per l’odore delle sue ascelle. Un dettaglio che dovrebbe rendere palese, anche agli occhi dei più disattenti, la linea-guida del film.

Una volta accettato l’intento ludico di Blind Detective è possibile godere in tutto e per tutto della classe registica di Johnnie To, che affastella una sequenza spassosa dietro l’altra, mantenendo un ritmo da capogiro e giocando con lo spettatore attraverso una serie di colpi di scena talmente ripetuta e insistita da superare a pie’ pari l’idea stessa di credibilità. Tra triangoli amorosi, donne morte, scheletri nascosti in casa di recidivi pazzoidi e scuole di danza, la cinquntacinquesima incursione dietro la macchina da presa di To lavora sull’eccesso senza preoccuparsi mai della verosimiglianza, ma costringendo lo spettatore a un tour de force comico che non può non essere apprezzato. Se Andy Lau, come già scritto, appare in una forma eccellente, lo stesso si può affermare per l’ottima Sammi Cheng, già all’ottava collaborazione con To: i due formano una coppia perfettamente equilibrata, in cui ogni elemento espressivo trova la sua giusta collocazione.
Opera dedita solo all’arte dell’intrattenimento puro, Blind Detective non rientrerà mai tra i capolavori di Johnnie To, e probabilmente in molti ne dimenticheranno l’esistenza negli anni a venire, ma ha il pregio di non smarrire mai per strada ritmo e stile. E a un prodotto popolare non si dovrebbe mai chiedere molto più di questo.

Info
Il trailer di Blind Detective
  • blind-detective-2013-01.jpg
  • blind-detective-2013-02.jpg
  • blind-detective-2013-03.jpg
  • blind-detective-2013-04.jpg
  • blind-detective-2013-05.jpg
  • blind-detective-2013-06.jpg
  • blind-detective-2013-07.jpg
  • blind-detective-2013-08.jpg
  • blind-detective-2013-09.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Festival di Cannes 2013 – Bilancio

    Calato il sipario sulla sessantaseiesima edizione, proviamo a fare i conti con quello che resta e resterà del carrozzone della Croisette...
  • Festival

    I premi di Cannes 2013I premi di Cannes 2013

    Ultimo atto della sessantaseiesima edizione del Festival, con la Palma d'oro a La vie d'Adèle di Abdellatif Kechiche e il Grand Prix a Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen...
  • Festival

    Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2013

    L'Albo d'Oro del Festival di Cannes, da "Union Pacific" di Cecil B. DeMille a "La vita di Adele" di Abdellatif Kechiche.
  • Festival

    Cannes 2013Cannes 2013

    La Croisette è un luogo altro, almeno per una dozzina di giorni. È una dimensione parallela, splendente, aliena alla crisi, alla grigia quotidianità, alle polemiche provinciali...
  • Festival

    Festival di Cannes 2013Festival di Cannes 2013 – Presentazione

    Rieccoci ai blocchi di partenza, sovrastati dalla mole del Palais, affascinati da una kermesse che sembra sospesa nel tempo e nello spazio...
  • Festival

    Cannes 2013Cannes 2013 – Tutto il Festival minuto per minuto

    Aggiornamenti, prime impressioni, folgorazioni, delusioni e news dalla sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes.
  • FEFF 2014

    Boundless

    di Presentato alla 16esima edizione del Far East, il documentario dedicato a Johnnie To e alla sua carriera cinematografica finisce per diventare un saggio sulle incolmabili distanze tra Hong Kong e la Cina continentale.
  • AltreVisioni

    Romancing in Thin Air

    di Il lato più commerciale di Johnnie To ha campo libero in Romancing in Thin Air, commedia romantica graziosa ma a tratti convenzionale. Presentata al Far East Film Festival 2012.
  • AltreVisioni

    Don’t Go Breaking My Heart

    di , Johnnie To e Wai Ka-fai firmano una commedia romantica ambientata nell’Hong Kong della crisi economica, più concentrata ad intessere un'elegia del capitalismo che alle dinamiche amorose. Al Far East 2011.
  • DVD

    Exiled

    di In dvd per la Ripley's Home Video Exiled, tra i risultati più splendenti del maestro hongkonghese dell'action Johnnie To. Un'occasione da non perdere per (ri)scoprire un regista fondamentale degli ultimi venti anni.
  • AltreVisioni

    Drug War

    di Ming, cinico trafficante di droga, si schianta in auto contro un negozio dopo l’esplosione del suo laboratorio dove si fabbrica eroina. Si salva la vita, ma ha la moglie e il cognato bloccati dentro la fabbrica. Lei, funzionario di polizia intelligente e attento, prova a rintracciare gli altri criminali offrendo a Ming l'opportunità di ridurre la pena detentiva...
  • Roma 2015

    Office 3D

    di Con Office 3D, Johnnie To si cimenta per la prima volta, in modo diretto, col musical: il risultato, nei limiti di un prodotto destinato al mercato mainland, è apprezzabile e visivamente sontuoso. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • DVD

    Vendicami

    di In home video l'avvincente film di Johnnie To, con un sublime Johnny Hallyday. L'ennesima conferma dell'estro del regista hongkonghese.
  • Far East 2018

    Throw Down RecensioneThrow Down

    di Throw Down, presentato nel restauro digitale come film di chiusura del Far East di Udine, è una delle opere più elegiache di Johnnie To. Un omaggio ad Akira Kurosawa che diventa anche nostalgico sguardo sulla perdita di memoria di Hong Kong, sull'onore e sul rispetto dell'altro. Struggente.
  • DVD

    a hero never dies recensioneA Hero Never Dies

    di A Hero Never Dies è uno dei capolavori di Johnnie To, nonché uno dei film fondativi per il cinema hongkonghese dopo la riannessione alla Cina del 1997. Ora esce in una meritoria edizione home video grazie alla sinergia tra CG Entertainment e Tucker Film.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento