Un castello in Italia

Un castello in Italia

di

Presentato al Festival di Cannes 2013, Un castello in Italia è un film fuori contesto. (Fuori) Concorso. Solo a tratti divertente, sopravvive grazie al talento e alle performance degli interpreti: dalla regista/protagonista a Louis Garrel, ovviamente bravo a vestire per l’ennesima volta gli stessi panni, fino a Filippo Timi, il personaggio potenzialmente più interessante. Il resto è una commediola sentimentale vista mille volte, fastidiosamente prevedibile, legata mani e piedi alla leggerezza fattasi inconsistenza del cinema (italo)transalpino dei salotti buoni.

Anche i ricchi piangono

La quarantenne Louise incontra il giovane e svogliato attore Nathan: sensi e sogni assopiti rifioriscono. Louise, la madre e il fratello malato, eredi nullafacenti di una famiglia di ricchi industriali italiani in declino, devono occuparsi del loro castello italiano, di quadri preziosi e di altre proprietà che forse dovranno vendere. Decadenza e malattia, amore e speranza… [sinossi]

Messico, 1979: Verónica Castro è la star della telenovela Los ricos también lloran. Italia, 1982: Telereporter inizia a trasmettere la versione italiana, la celeberrima Anche i ricchi piangono. Cannes, 2013: lunedì 20 maggio viene presentato in concorso, in una proiezione con pubblico e critica, Un castello in Italia di Valeria Bruni Tedeschi. Spogliando il lungometraggio della patina transalpina e del glamour di Garrel e della Bruni Tedeschi, resta poco o nulla, giusto il retrogusto amaro di un cinema visceralmente borghese, viziato, ombelicale, sospinto verso l’alto da logiche assai distanti dalla Settima Arte.

Un castello in Italia è un film fuori contesto. (Fuori) Concorso. Solo a tratti divertente, sopravvive grazie al talento e alle performance degli interpreti: dalla regista/sceneggiatrice/attrice, come sempre elegante e bella, a Louis Garrel, ovviamente bravo a vestire per l’ennesima volta gli stessi panni, fino a Filippo Timi, il personaggio potenzialmente più interessante. Il resto è una commediola sentimentale vista mille volte, fastidiosamente prevedibile, legata mani e piedi alla leggerezza fattasi inconsistenza del cinema transalpino dei salotti buoni. È cinema dell’intellighenzia. Cinema che calzerebbe a pennello in una rassegna organizzata dal PD.
Qualcosa funziona, a partire dalla diligente regia. Valeria Bruni Tedeschi gira con uno stile pulito, privo di fronzoli e belletti, come nei precedenti È più facile per un cammello… (2003) e Actrices (2007). Una messa in scena al servizio degli attori, vero centro gravitazionale del cinema della regista italiana. Ma in fin dei conti è un gioco facile, una partita giocata in casa: tra le mani ha Garrel e Timi, come nei lungometraggi precedenti aveva Mathieu Amalric, Valeria Golino, Chiara Mastroianni, Lambert Wilson, Emmanuelle Devos e via discorrendo.

Le risate o i sorrisi strappati sono figli di una comicità derivativa, figlia degenere di Moretti & Co., di una supposta incomunicabilità tra diverse sensibilità, se così vogliamo chiamarle. E allora si dovrebbe ridere della sequenza con le suore campane, donnine antiquate, ignoranti e fuori dal tempo. Oppure ci si dovrebbe divertire con le ciniche osservazioni della servitù ingrata o con i tracolli isterici di Louise alle prese con la quotidianità. Meglio, molto meglio, quando il racconto si focalizza esclusivamente sulle vicende amorose di Louise e Nathan, sui timori, sull’altalena di emozioni.
Del destino della ricca famiglia italo-francese, un tempo proprietaria di una fiorente industria e ora alle prese con la vendita del loro castello, ci interessa ben poco. Come delle rivendicazioni di Ludovic, viveur dai giorni contati; dei legami morbosi; degli alberi morenti e (de)cadenti; degli andirivieni della madre; dei dubbi professionali di Nathan, attore annoiato, e di tutto quel che segue. Sono solo lacrime fasulle.

Smaccatamente autoreferenziale e al tempo stesso impalpabile, Un castello in Italia sembra intrappolare la poetica di Valeria Bruni Tedeschi in un tunnel senza uscita, nonostante Čechov e Il giardino dei ciliegi. Come per Sofia Coppola, a Cannes con The Bling Ring, la necessità di cambiare rotta appare impellente.

Info
Il sito della distribuzione italia di Un castello in Italia.
Il trailer di Un castello in Italia.
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-01.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-02.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-03.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-05.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-06.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-04.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-07.jpg
  • un-castello-in-italia-2013-valeria-bruni-tedeschi-08.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Festival di Cannes 2013 – Bilancio

    Calato il sipario sulla sessantaseiesima edizione, proviamo a fare i conti con quello che resta e resterà del carrozzone della Croisette...
  • Festival

    I premi di Cannes 2013I premi di Cannes 2013

    Ultimo atto della sessantaseiesima edizione del Festival, con la Palma d'oro a La vie d'Adèle di Abdellatif Kechiche e il Grand Prix a Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen...
  • Archivio

    Bling Ring

    di Preso come rappresentazione di un vuoto pneumatico, The Bling Ring appare pericolosamente filologico. Godibile ma davvero impalpabile, il film della Coppola porta alle estreme conseguenze l'incipit di Somewhere...
  • Festival

    Cannes 2013Cannes 2013

    La Croisette è un luogo altro, almeno per una dozzina di giorni. È una dimensione parallela, splendente, aliena alla crisi, alla grigia quotidianità, alle polemiche provinciali...
  • Roma 2013

    Come il vento RecensioneCome il vento

    di Non convince il film di Marco Simon Puccioni, biopic dedicato ad Armida Miserere molto sbilanciato sul versante melodrammatico e poco su quello del cinema civile.
  • Locarno 2016

    Une jeune fille de 90 ans

    di , Presentato fuori concorso al Festival del Film Locarno, Une jeune fille de 90 ans è un documentario ambientato nel reparto geriatrico di un ospedale. Un film che coraggiosamente mette in scena la bellezza della senilità, la danza, l’amore e la malattia.
  • Venezia 2018

    I villeggianti RecensioneI villeggianti

    di Valeria Bruni Tedeschi, con I villeggianti, presentato fuori concorso a Venezia 75, aggiunge un nuovo capitolo a quella che lei definisce un'autobiografia immaginaria, raccontando storie inconcluse, solitudini, amori di un gruppo di persone che trascorre l'estate in una grande e lussuosa villa in Costa Azzurra.
  • Locarno 2019

    magari recensioneMagari

    di Presentato come film d'apertura in Piazza Grande al 72esimo Locarno Film Festival, Magari è l'esordio al lungometraggio di Ginevra Elkann, un'opera di nostalgia e memorie famigliari, da un punto di vista infantile, di dinamiche di squadra tra fratelli sballottati tra genitori separati.
  • Cannes 2022

    Les amandiers RecensioneLes Amandiers

    di In concorso a Cannes 75, Les Amandiers è il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi, una rievocazione del periodo in cui l'attrice-regista frequentava la scuola di teatro Amandiers. Un saggio di recitazione pieno di gioia e vitalità, ma che pian piano va a chiudersi in un dramma i cui toni appaiono eccessivi e forzosi.

1 Commento

  1. M Graziella 28/07/2014
    Rispondi

    :

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento