È morto Eddie Romero

È morto Eddie Romero

Si è spento a Manila uno dei padri del cinema filippino moderno, Eddie Romero, noto soprattutto per i suoi horror degli anni Sessanta e Settanta.

Avrebbe compiuto 89 anni il prossimo 7 luglio, Eddie Romero, il cineasta filippino morto oggi a Manila. In quasi settant’anni di carriera Romero ha attraversato la storia politica, sociale e culturale delle Filippine, muovendosi all’interno delle dinamiche del cinema popolare senza però per questo lasciare in secondo piano ambizioni più personali.
Dopo aver diretto nel 1947 il dramma Ang kamay ng Diyos, per il quale potè contare sulla classe attoriale di divi di Manila come Gerardo de León (destinato a passare presto in pianta stabile dietro la macchina da presa), Carmen Rosales e Leopoldo Salcedo, Romero consolidò la sua posizione di regista di punta della produzione filippina durante la “golden age” degli anni Cinquanta, insieme al già citato de León, César Gallardo, Lamberto Avellana, Gregorio Fernández e Cirio Santiago.

Ma, nonostante la sua lunga carriera lo abbia visto passare dal dramma al fantasy, dal musical al film storico, dall’action al war-movie, il nome di Eddie Romero è indubbiamente legato alla sua proficua e affascinante produzione horror: titoli come Mad Doctor of Blood Island, Brides of Blood, Beast of the Yellow Night e Beast of Blood rappresentano alcune delle più iconoclaste (e in parte anche naif) incursioni nell’orrore che il cinema dell’epoca possa vantare.
Al di là di ciò, Romero deve essere ricordato anche per una ricerca minuziosa e continua delle tradizioni culturali e della storia delle Filippine: film come As We Were (Ganito kami noon… Paano kayo ngayon il titolo originale in tagalog), Aguila e Banta ng kahapon, mettono l’accento sull’aspetto più “impegnato” del cinema di Romero. Negli ultimi venti anni Romero aveva rallentato il suo rapporto con la macchina da presa, salvo le due sporadiche apparizioni sul finire degli anni Zero con i drammi Faces of Love e Teach Me to Love (il primo interpretato dalla star Crhistopher de Leon): ma il suo stile, tratteggiato attraverso un minimalismo sempre denso di significato, studiato fin nei minimi particolari, è rimasto sempre lo stesso. Con la sua morte il cinema filippino perde uno degli ultimi registi dell’età dell’oro, una voce che, nonostante tutti i compromessi produttivi con l’industria, era riuscita sempre a mantenersi libera.

Filmografia
Teach Me to Love (2008)
Faces of Love (2007)
Noli me tangere (1992, TV movie)
Inferno in Vietnam (1991)
Whiteforce (1988)
King and Emperor (1987)
Gli strani desideri (1982)
Kamakalawa (1981)
Palaban (1980)
Aguila (1980)
Banta ng kahapon (1977)
Sinong kapiling? Sinong kasiping? (1977)
Sudden Death (1977)
As We Were (1976)
Tre magnifiche canaglie (1974)
Beyond Atlantis (1973)
The Woman Hunt (1973)
Donne in catene (1973)
Il crepuscolo della scienza (1972)
Beast of Blood – La bestia di sangue (1971)
Beast of the Yellow Night (1971)
Brides of Blood – Terrore sull’isola dell’amore (1968)
Mad Doctor of Blood Island (1968)
Manila, Open City (1968)
Wanted: Johnny L (1966)
The Passionate Strangers (1966)
L’armata delle belve (1965)
Moro Witch Doctor (1964)
Ora X: commandos invisibili (1964)
Ikaw Ako Ngayon Bukas (1963)
La sfida dei marines (1963)
Lost Battalion (1962)
Espionage: Far East (1961)
Pitong gabi sa Paris (1960)
Man on the Run (1958)
Cavalleria commandos (1958)
Torpe (1955)
Golpe de gulat (1954)
May bakas ang lumipas (1954)
Eskandalosa (1954)
Takas! (1954)
El indio (1953)
Buhay alamang (1952)
Sabas, ang barbaro (1952)
Ang prinsesa at ang Pulubi (1950)
Abogada (1949)
Apoy sa langit (1949)
Always kay ganda mo (1949)
Selosa (1948)
Ang kamay ng Diyos (1947)

Info
Il trailer di Beast of Blood, uno dei maggiori successi di Eddie Romero.

Articoli correlati

  • Venezia 2016

    The Woman Who Left

    di Per la prima volta in concorso a Venezia e vincitore del Leone d'Oro, Lav Diaz firma l'ennesimo gioiello splendente della sua filmografia, mettendo in scena un revenge movie doloroso e sottoproletario.
  • Torino 2015

    Balikbayan #1 – Memories of Overdevelopment Redux III

    di Il monumentale film del filippino Kidlat Tahimik, portato a termine in trentacinque anni, è un viaggio nei viaggi di Ferdinando da Magellano, che diventa scoperta del cinema, delle Filippine, e racconto di un impero che non c'è più. A Torino 2015 in Onde.
  • Cannes 2015

    Taklub

    di Precarietà assoluta del vivere e messa in discussione della fede. Brillante Mendoza dirige con efficacia ma senza lampi un nuovo dolente capitolo dedicato alla travagliata esistenza del popolo filippino: Taklub, in concorso in Un certain regard alla 68esima edizione del Festival di Cannes.
  • AltreVisioni

    Thy Womb

    di Il nuovo film di Brillante Mendoza, Thy Womb, in concorso al festival di Venezia, non raggiunge gli esiti eccellenti di molto suo cinema precedente ma si avvale comunque della splendida interpretazione di Nora Aunor, icona del cinema filippino.
  • Archivio

    Captive

    di Una missionaria francese nelle Filippine viene rapita insieme ad altri dodici stranieri da un gruppo di terroristi...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento