World War Z

World War Z

di

World War Z non è poi tanto diverso dalla popolare serie televisiva The Walking Dead, che sperpera con le sottotrame interpersonali l’affascinante ambientazione post-apocalittica. Mancano la cattiveria, l’insaziabile fame di carne umana dei morti che camminano, il sangue, le viscere, l’orrore, la tragedia dietro ogni angolo.

Verrà la morte e avrà i nostri occhi

In un giorno come tanti altri, Gerry Lane e la sua famiglia si trovano in auto bloccati nel traffico metropolitano. Lane, un ex-impiegato delle Nazioni Unite, ha la sensazione che non si tratti del classico ingorgo. Il cielo da lì a poco si riempie di elicotteri della polizia, e gli agenti in motocicletta sfrecciano all’impazzata da tutte le parti: la città è in preda al caos. Ovunque per le strade, orde di persone si avventano ferocemente tra di loro, contagiandosi con un morso di un virus letale che trasforma gli esseri umani in creature irriconoscibili e feroci. I vicini di casa si rivoltano tra di loro, le persone innocue diventano improvvisamente nemici pericolosi. Le origini del virus sono sconosciute, mentre il numero delle persone infette cresce di giorno in giorno, raggiungendo rapidamente i livelli di una pandemia globale… [sinossi]
La chiamano in molti modi: la Crisi, gli Anni bui,
la Peste ambulante, ma anche con nomi più trendy,
come guerra mondiale degli Zombi o prima guerra degli Zombi.
A me personalmente non piace quest’ultima etichetta,
perché presuppone una seconda guerra degli Zombi.
da Max Brooks, World War Z. La guerra mondiale degli Zombi,
Cooper editore, Roma 2007.

Non si può mettere in discussione l’efficacia spettacolare di World War Z, diretto con mano sicura da Marc Forster [1]. Ci sono invidiabili scene di massa che intrecciano action, caos e dettagli orrorifici (l’incipit, l’assedio di Gerusalemme); sequenze giocate sul filo della tensione, tra interni claustrofobici consueti (il palazzo di Philadelphia, il centro di ricerca) e meno prevedibili (l’aereo); un Brad Pitt mattatore, ben supportato dal resto del multietnico cast; scenari apocalittici sparsi per il globo e via discorrendo. Insomma, una grossa produzione, un blockbuster dal budget mastodontico.

In fin dei conti, il film parte bene, con l’elegante split screen diagonale dei titoli di testa e il montaggio incalzante che introduce la devastante pandemia. Un ritmo narrativo elevato, chiaro e lineare, come nella macrosequenza della fuga da Philadelphia, prima in macchina, poi a piedi, quindi in camper. Forster mette in scena un caos organizzato, tra dettagli e totali, pianificando la rappresentazione di una inevitabile anarchia: è la resa delle forze dell’ordine (significativo il siparietto del poliziotto nel supermercato), delle città, degli Stati, del genere umano. La Terra è in fiamme, messa in ginocchio da se stessa, dagli effetti della sovrappopolazione, dai continui attacchi a una Natura stremata e indispettita, dalle condizioni estreme del Terzo Mondo e tutto quel che segue.

World War Z prende per mano lo spettatore e lo porta in giro per il pianeta: in macchina, in aereo, in nave, in elicottero, negli Stati Uniti, in Corea del Sud, in Galles, a Gerusalemme… Incollati a Brad Pitt, protagonista e produttore, veniamo trascinati in una detection più thriller che horror, declinata per il grande pubblico, per e sulle famiglie. Al centro di questo costoso zombie movie c’è infatti la famiglia, tallone d’Achille di tanto cinema hollywoodiano: Gerry Lane/Pitt è prima di tutto un padre, un Ulisse contemporaneo deciso a riabbracciare una Penelope fin troppo passiva. Ed è proprio questo il grande limite del film, questo suo essere “per tutti”, magari inquietante ma mai spaventoso, spettacolare ma blandamente orrorifico, mai splatter, semmai sentimentale.

La produzione, Forster e il manipolo di sceneggiatori hanno scelto di normalizzare il romanzo e le suggestioni di Max Brooks – World War Z. La guerra mondiale degli zombi (2006) ma anche e soprattutto l’imprescindibile Manuale per sopravvivere agli zombi (2003). E così il racconto diventa lineare, con buona pace della costruzione a flashback e del lavoro sulla documentazione, mentre il discorso politico è all’acqua di rose, lontano anni luce dalle scudisciate romeriane. Gli zombi corrono e saltano, restano spesso a stomaco vuoto e si distinguono giusto per la sequenza del muro di Gerusalemme. Spettacolare, ancora una volta, ma nelle nostre orecchie risuonano due colpi: uno al cerchio e uno alla botte.

World War Z non è poi tanto diverso dalla popolare serie televisiva The Walking Dead, che sperpera con le sottotrame interpersonali l’affascinante ambientazione post-apocalittica. Mancano la cattiveria, l’insaziabile fame di carne umana dei morti che camminano, il sangue, le viscere, l’orrore, la tragedia dietro ogni angolo. L’apocalisse è ben orchestrata ma troppo asettica, non si sporca le mani e nemmeno la bocca.

Note
1.
Della filmografia di Forster, ricordiamo almeno Monster’s Ball – L’ombra della vita (2001), Neverland – Un sogno per la vita (2004), Stay – Nel labirinto della mente (2005), Vero come la finzione (2006) e Quantum of Solace (2008).
Info
Il sito ufficiale di World War Z.
World War Z su facebook.
Il trailer italiano di World War Z.
  • world-war-z-2013-marc-forster-41.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-01.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-02.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-03.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-04.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-05.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-06.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-07.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-08.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-09.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-10.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-11.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-12.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-13.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-14.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-15.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-16.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-17.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-18.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-19.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-20.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-21.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-22.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-23.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-24.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-25.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-26.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-27.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-28.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-29.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-30.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-31.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-32.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-33.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-34.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-35.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-36.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-37.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-39.jpg
  • world-war-z-2013-marc-forster-40.jpg

Articoli correlati

  • Interviste

    Shinichiro Ueda intervistaZombie contro zombie: intervista a Shinichiro Ueda e ai suoi attori

    Ha rappresentato un caso al Far East 2018, il film cult del festival: One Cut of the Dead esce ora nelle sale italiane, distribuzione Tucker, con il titolo Zombie contro zombie. Abbiamo incontrato il regista Shinichiro Ueda con alcuni degli attori, Hiroshi Ichihara e Harumi Shuhama.
  • Trieste S+F 2018

    La nuit a dévoré le monde RecensioneLa nuit a dévoré le monde

    di Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, La nuit a dévoré le monde (The Night Eats the World) di Dominique Rocher è uno zombie movie dai contorni minimalisti, esistenziali, puntuale nel descrivere tutte le problematiche del "giorno dopo"...
  • Roma 2018

    go home -a casa loro recensioneGo Home – A casa loro

    di Go Home - A casa loro di Luna Gualano approda alla Festa di Roma, nel programma Panorama Italia di Alice nella città, segnalandosi come un caso sia per la produzione completamente indipendente sia per la tematica. Peccato che a mancare sia l'elemento cinematografico...
  • Blu-ray

    Dead Snow Collection RecensioneDead Snow Collection

    di Sotto l’etichetta specializzata Midnight Factory, vengono pubblicati in un cofanetto Blu-Ray i due episodi della saga nazi-zombie creata da Tommy Wirkola, Dead Snow e Dead vs Red. Un esempio di splatter divertito e citazionista prodotto nel Nord Europa.
  • Far East 2018

    zombie contro zombie recensioneZombie contro zombie – One Cut of the Dead

    di Zombie contro zombie - One Cut of the Dead, primo lungometraggio diretto da Shinichiro Ueda, parte da un'idea di per sé brillante per dare il via un'operazione affascinante e demenziale solo a uno sguardo superficiale.
  • Blu-ray

    Train to Busan + Seoul Station

    di La Limited Edition targata Midnight Factory/Koch Media & Tucker Film del dittico zombesco realizzato da Yeon Sang-ho: l'adrenalinico live action Train to Busan e il prequel animato dai riflessi romeriani Seoul Station. Tra gli extra making of, B-roll e un booklet.
  • Torino 2017

    Les affamés

    di Les affamés è uno zombie movie rarefatto, dalle ambizioni autoriali, e al contempo abile nel rielaborare le dinamiche spettacolari del genere. Un film sulla rabbia, sulla perdita di controllo, sulla violenza contagiosa e dilagante. Sulle derive ormonali della società contemporanea.
  • AltreVisioni

    Almost Dead

    di Almost Dead permette a Giorgio Bruno di partecipare al revival dello zombi-movie, rivisto però dal giovane regista italiano con uno sguardo nostalgico, più prossimo ai ritmi romeriani che alla rilettura di buona parte degli autori contemporanei.
  • Cult

    Zombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Trieste S+F 2016

    seoul-stationSeoul Station

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d'animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake.
  • Cannes 2016

    Train to Busan RecensioneTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Trieste S+F 2015

    Wyrmwood

    di Low budget divertito e citazionista, Wyrmwood rappresenta l'esordio dei fratelli australiani Roache-Turner, che contaminano il filone dei morti viventi con l'estetica action dei vari Mad Max. Presentato al Trieste Science+Fiction 2015.
  • Archivio

    Sopravvissuto - The Martian RecensioneSopravvissuto – The Martian

    di Muovendosi tra materie scientifiche e umanistiche, Ridley Scott con Sopravvissuto - The Martian ci propone la sua nuova versione del mito della frontiera, rielaborando gli abituali codici della fantascienza con solido mestiere e qualche guizzo di originalità.
  • Archivio

    PPZ – Pride and Prejudice and Zombies

    di La provocazione, furba ma feconda, che caratterizzava l'omonimo romanzo di Seth Grahame-Smith, perde in PPZ - Pride and Prejudice and Zombies gran parte della sua ragion d'essere, risultandone in un film esile e scombinato.
  • Archivio

    La città verrà distrutta all'alba RecensioneLa città verrà distrutta all’alba

    di Gli abitanti di Ogden Marsh, una cittadina dell'Iowa, restano colpiti da un morbo che provoca morte o follia dopo che un aereo precipitato ha liberato nelle falde acquifere un'arma biologica. Lo sceriffo Dutton indaga sulla situazione...
  • Archivio

    Deepwater RecensioneDeepwater – Inferno sull’oceano

    di Peter Berg porta sullo schermo la vera vicenda della Deepwater Horizon, piattaforma petrolifera che andò a fuoco nel 2010, e la tratta come se stesse girando un war-movie. Interessante e scomposto, ma da non sottovalutare.
  • Far East 2019

    the odd family zombie on sale recensioneThe Odd Family: Zombie on Sale

    di The Odd Family: Zombie on Sale di Lee Min-jae gioca con gli schemi dello zombie movie per costruire una commedia sfrenata, che sfonda nel demenziale. Un'operazione che nel complesso può dirsi riuscita.
  • Venezia 2019

    Mosul RecensioneMosul

    di Prodotto dai fratelli Russo e diretto con grande sicurezza dallo sceneggiatore Matthew Michael Carnahan, qui alla sua prima regia, Mosul è un film di guerra avvincente e commovente. Fuori concorso a Venezia 76.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento