Gli zombi arrivano in libreria

Gli zombi arrivano in libreria

Arriva in libreria Zombi – Oltre 900 titoli per non riposare in pace, corposo volume che il critico cinematografico Francesco Lomuscio ha dedicato alla rappresentazione dei morti viventi nel secolo e passa di vita della Settima Arte.

Non è consuetudine della rivista e del lavoro redazionale dedicare particolare spazio alle news relative alle uscite editoriali, preferendo concentrare semmai l’attenzione sugli approfondimenti critici al termine della lettura. Se in occasione di Zombi – Oltre 900 titoli per non riposare in pace ci si presta a un’eccezione, uno scarto alla “regola”, è perché sembra giusto dedicare spazio e attenzione a un progetto mastodontico su cui il curatore Francesco Lomuscio stava lavorando da molti anni. In uscita per la collana Horror Project della casa editrice UniversItalia, il volume si presenta come un dizionario esaustivo del microcosmo cinematografico affascinato dalle storie dei risorgenti, morti che tornano a invadere la Terra con scopi (quasi) mai amichevoli.

Oltre 900 film schedati e recensiti, 213 titoli citati e più di 150 schede tecniche di cortometraggi sono la base di partenza di Lomuscio, indispensabile per ripercorrere l’intera storia del cinema degli zombi decennio per decennio, dai tempi del muto a quelli odierni degli elaboratissimi effetti digitali e delle invasioni televisive di morti viventi. Un viaggio alla scoperta delle origini e del lungo, lento e inesorabile cammino intrapreso nell’ambito della Settima Arte dalla figura orrorifica che, ormai conosciuta come salma resuscitata e affamata di carne umana, nasce, in realtà, attraverso il Voodoo e con connotati completamente diversi, per poi espandersi non soltanto all’interno del genere horror, ma spaziando in filoni totalmente estranei quali la commedia, i prodotti per bambini e, addirittura, il porno.

Un viaggio che l’autore ha concretizzato su carta nel corso di oltre vent’anni di ricerche, letture di materiale cartaceo e visioni di opere audiovisive edite e inedite in Italia, di qualsiasi nazionalità, incluse produzioni orientali, low budget e perfino amatoriali.
Quindi un viaggio che non si limita a includere soltanto l’arcinota saga zombesca di George A. Romero e i suoi famosi precursori e successori, da Ho camminato con uno zombie di Jacques Tourneur a Il ritorno dei morti viventi di Dan O’Bannon e World War Z con Brad Pitt, ma arriva a toccare anche il serial cinematografico Zombies of the Stratosphere, esperimenti televisivi quali Dead Set e Masters of Horror, i resuscitati ciechi spagnoli e, addirittura, sconosciuti elaborati fatti in casa, dal britannico Summer Horror Day al tedesco Natural Born Zombie Killers.
Il titolo sarà in vendita dal prossimo 12 agosto, rintracciabile online (contattando la redazione di Horror Project) e reperibile in alcune librerie specializzate.

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Ho camminato con uno zombi

    di Venticinque anni prima della rivoluzione romeriana, Jacques Tourneur si confronta con il mito haitiano delle persone ridotte in uno stato di non-vita: ne viene fuori Ho camminato con uno zombi, uno dei suoi più lucenti capolavori.
  • In sala

    zombieland - doppio colpo recensioneZombieland – Doppio colpo

    di A dieci anni dal capostipite Benvenuti a Zombieland, Ruben Fleischer dirige il sequel della commedia/horror postapocalittica diventata negli anni un piccolo cult del genere. Zombieland - Doppio colpo, però, non riesce completamente, e la formula denuncia tutta la sua stanchezza. In sala.
  • Cannes 2019

    zombi child recensioneZombi Child

    di Con Zombi Child Bertrand Bonello sembra portare avanti il percorso già intrapreso in Nocturama, legando la messa in scena dell’adolescenza con la morte e la fine della civiltà. Stavolta a occupare il cuore del discorso è il rituale voodoo.
  • Cannes 2019

    I morti non muoiono RecensioneI morti non muoiono

    di Nella sua scanzonata dimensione I morti non muoiono, il film di Jim Jarmusch che apre ufficialmente le danze del Festival di Cannes, vorrebbe essere un'allegoria dell'america trumpiana. Peccato che sia sul piano della parodia che soprattutto su quello politico il suo lavoro risulti sterile.
  • In sala

    pet sematary recensionePet Sematary

    di , Pet Sematary è la versione riveduta e corretta del celebre romanzo di Stephen King, a trent'anni dall'adattamento firmato da Mary Lambert. Peccato che tra naturalismo esasperato e soprannaturale a pochi passi dal ridicolo involontario questo film perda ogni stilla d'interesse.
  • Far East 2019

    the odd family zombie on sale recensioneThe Odd Family: Zombie on Sale

    di The Odd Family: Zombie on Sale di Lee Min-jae gioca con gli schemi dello zombie movie per costruire una commedia sfrenata, che sfonda nel demenziale. Un'operazione che nel complesso può dirsi riuscita.
  • TFF 2018

    la nave maledetta recensioneLa nave maledetta

    di Il terzo capitolo dedicato da Amando de Ossorio ai resuscitati ciechi è anche il più debole dell'intero lotto, a rischio scult in più di un'occasione. Un'operazione d'altri tempi, che mette in scena un orrore senza via di fuga.
  • TFF 2018

    la cavalcata dei resuscitati ciechi recensioneLa cavalcata dei resuscitati ciechi

    di Ci risiamo. La cavalcata dei resuscitati ciechi permette ad Amando de Ossorio di tornare sul luogo del delitto, cercando di raccontare le radici dell'esistenza di questi demoniaci templari. Il risultato è ancora affascinante, nonostante le evidenti reiterazioni.
  • Interviste

    Shinichiro Ueda intervistaZombie contro zombie: intervista a Shinichiro Ueda e ai suoi attori

    Ha rappresentato un caso al Far East 2018, il film cult del festival: One Cut of the Dead esce ora nelle sale italiane, distribuzione Tucker, con il titolo Zombie contro zombie. Abbiamo incontrato il regista Shinichiro Ueda con alcuni degli attori, Hiroshi Ichihara e Harumi Shuhama.
  • Trieste S+F 2018

    La nuit a dévoré le monde RecensioneLa nuit a dévoré le monde

    di Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, La nuit a dévoré le monde (The Night Eats the World) di Dominique Rocher è uno zombie movie dai contorni minimalisti, esistenziali, puntuale nel descrivere tutte le problematiche del "giorno dopo"...
  • DVD

    Due occhi diabolici RecensioneDue occhi diabolici

    di , George A. Romero e Dario Argento alle prese con l'universo narrativo di Edgar Allan Poe. Due occhi diabolici è orrore e beffa, doppio racconto di ossessioni e materializzazioni di stati di coscienza. In dvd per Mustang e CG.
  • Far East 2018

    zombie contro zombie recensioneZombie contro zombie – One Cut of the Dead

    di Zombie contro zombie - One Cut of the Dead, primo lungometraggio diretto da Shinichiro Ueda, parte da un'idea di per sé brillante per dare il via un'operazione affascinante e demenziale solo a uno sguardo superficiale.
  • Blu-ray

    Train to Busan + Seoul Station

    di La Limited Edition targata Midnight Factory/Koch Media & Tucker Film del dittico zombesco realizzato da Yeon Sang-ho: l'adrenalinico live action Train to Busan e il prequel animato dai riflessi romeriani Seoul Station. Tra gli extra making of, B-roll e un booklet.
  • Torino 2017

    Les affamés

    di Les affamés è uno zombie movie rarefatto, dalle ambizioni autoriali, e al contempo abile nel rielaborare le dinamiche spettacolari del genere. Un film sulla rabbia, sulla perdita di controllo, sulla violenza contagiosa e dilagante. Sulle derive ormonali della società contemporanea.
  • Buone feste!

    ...E tu vivrai nel terrore Recensione…E tu vivrai nel terrore! L’aldilà

    di …E tu vivrai nel terrore! L’aldilà, secondo capitolo della “trilogia della morte” di Lucio Fulci, è un delirante viaggio nell’incubo, tra le opere più visionarie del cinema italiano.
  • Roma 2017

    The End? L'inferno fuori RecensioneThe End? L’inferno fuori

    di Esordio nel lungometraggio del regista Daniele Misischia, prima puntata della nuova avventura produttiva dei Manetti Bros., In un giorno la fine rilegge lo zombie movie da un’ottica nostrana.
  • Cult

    Zombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Buone feste!

    Zeder

    di Il meglio della sua filmografia Pupi Avati l'ha dato nella messa in scena del deforme e dell'horror. Prova ne è Zeder, che immerge Lovecraft nella bassa padana...
  • Cannes 2016

    Train to Busan RecensioneTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento