Song’e Napule

Song’e Napule

di ,

Song’e Napule è un film inevitabilmente corale, perché il vero protagonista non è da ricercare tra gli ottimi Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Carlo Buccirosso o Peppe Servillo, ma nelle vie di una città splendida e terribile allo stesso tempo. Un film che trasuda Napoli, mettendola in scena come corpo vivo. Un divertente e riuscito omaggio al poliziottesco firmato dai Manetti Bros.

Napoli canta: la polizia vuole giustizia

Paco Stillo è entrato in polizia solo grazie alla raccomandazione di un assessore, e non è neanche in grado di usare la pistola. Ma ha una dote indispensabile per acciuffare il killer della camorra su cui Cammarota, commissario dai metodi poco ortodossi, sta cercando da anni di mettere le mani: è uno straordinario pianista… [sinossi]

Titoli come Concerto per pistola solista, La mala ordina, Milano trema: la polizia vuole giustizia, La città si ribella, Torino nera, Genova a mano armata; registi del calibro (nove) di Fernando Di Leo, Enzo G. Castellari, Umberto Lenzi, Stelvio Massi; uno star system dominato dai nomi di Maurizio Merli, Luc Merenda, Tomas Milian, Frank Wolff. Metropoli sporche, in cui la violenza regna sovrana e l’ordine e il disordine si fondono l’uno nell’altro, senza alcuna soluzione di continuità. Il poliziottesco, pur potendo godere di una vita produttiva assai più breve rispetto ad altri generi storici del cinema italiano come il giallo, il peplum e l’horror gotico, ha segnato in maniera indelebile un’intera epoca della cinematografia nostrana, descrivendo (in maniera spesso esasperata) il conflitto interno di una nazione lacerata dalla lotta alle mafie e dall’insorgere di movimenti armati come le Brigate Rosse. Un microcosmo che ha saputo regalare pagine intense, spaziando dal noir più cupo e disperato alla commedia fracassona e al limitar del trash nella quale si specializzò Tomas Milian.
Con il positivismo plastificato degli anni Ottanta e la crisi produttiva che investì l’Italia un genere così crepuscolare non poté far altro che cedere il passo e svanire, tranne sporadiche resurrezioni spesso passate nel più totale silenzio critico (un’opera complessa e riuscita come L’odore della notte di Claudio Caligari aspetta ancora la sua totale e compiuta rivalutazione). Segnali incoraggianti arrivano proprio dal 2013: prima l’uscita in sala dell’irrisolto – e per molti versi mediocre – Cha cha cha di Marco Risi, confuso e piatto quanto pretenzioso, quindi la ben più riuscita incursione nel genere dei Manetti Bros., che hanno presentato Song’e Napule nel fuori concorso dell’ottava edizione del Festival di Roma. L’incipit folgorante in cui Carlo Buccirosso giganteggia nel ruolo del questore di Napoli basterebbe da solo a fotografare con estrema precisione il carattere indomito e complesso di una creatura tutt’altro che facile da catalogare. I toni virano decisamente in direzione della commedia – grazie anche a una sceneggiatura dominata da dialoghi ficcanti e che non scadono mai nella faciloneria della battuta predigerita – ma questo non significa che Marco e Antonio Manetti puntino a una parodia del poliziesco. Sotto la pelle pop ed esagerata dei bizzarri protagonisti della vicenda – a partire ovviamente dal cantante neomelodico incarnato nelle fattezze di Giampaolo Morelli – si agitano schegge impazzite di noir hongkonghese, polar, gangster movie d’oltreoceano, perfino i fermi immagine dell’iperreale con cui il cinema italiano sta ultimamente approcciando la camorra.

Song’e Napule è un film inevitabilmente corale, perché il vero protagonista non è da ricercare tra gli ottimi Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Carlo Buccirosso o Peppe Servillo, ma nelle vie di una città splendida e terribile allo stesso tempo. Un film che trasuda Napoli, mettendola in scena come corpo vivo, dal respiro ora placido ora affannoso e dall’indole paciosa ma iraconda. Congegno narrativo davvero ben calibrato – forse si avverte qualche lungaggine nella parte centrale, ma si tratta in ogni caso di dettagli di secondaria importanza che non inficiano in nessun caso la solidità dell’impianto –, l’opera quinta dei Manetti intrattiene anche lo spettatore più esigente con una serie pressoché infinita di cambi di registro, colpi di scena, battute divertenti. I Manetti giocano con un immaginario sfatto e ai limiti del ridicolo come quello dell’universo neomelodico partenopeo senza mai svilirlo, ma accentuandone semmai gli spigoli più grotteschi.

In un’Italia che continua ad affannarsi a recuperare il proprio cinema popolare del passato senza preoccuparsi dell’oggi, in una logica museale che finisce inevitabilmente per svilire anche il dovuto atto di riappropriazione cinefila, Song’e Napule (come già Paura 3D, L’arrivo di Wang, Piano 17 e Zora la vampira) rappresenta un punto di rottura liberatorio, da non lasciarsi sfuggire e da non far cadere subito nell’oblio preventivo, arma di distruzione dell’immaginario troppo spesso in voga nella penisola.

Info
Il trailer ufficiale di Song’e Napule.
La scheda di Song’e Napule sul sito del Festival di Roma.
Song’e Napule sul sito di Microcinema.
  • song-e-napule-08.jpg
  • song-e-napule-07.jpg
  • song-e-napule-06.jpg
  • song-e-napule-05.jpg
  • song-e-napule-04.jpg
  • song-e-napule-03.jpg
  • song-e-napule-02.jpg
  • song-e-napule-01.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2017

    Ammore e malavita RecensioneAmmore e malavita

    di , Ammore e malavita segna il ritorno a Napoli dei Manetti Bros. a quattro anni di distanza da Song’e Napule; ancora una volta l’umore neomelodico si sposa al noir, per un musical che viene presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • Caligari

    L'odore della notte RecensioneL’odore della notte

    di L'opera seconda di Claudio Caligari, un viaggio mesto e disilluso nella Roma "noir" degli anni Settanta e Ottanta. Un eccellente Valerio Mastandrea guida un cast nel quale rifulgono Marco Giallini e Giorgio Tirabassi.
  • Interviste

    I Manetti Bros: sul sentirsi liberi

    Terza parte dell’intervista con i Manetti Bros.: da due loro film poco conosciuti, Torino Boys e Cavie, alla divisione del lavoro fino alla libertà di accettare delle commissioni apparentemente lontanissime, come Rex e un documentario sull'omosessualità in Sicilia.
  • Interviste

    I Manetti Bros.: la musica e il digitale

    Nella seconda parte dell’intervista con i Manetti Bros. abbiamo parlato di musica – elemento essenziale del loro cinema -, del passaggio dal vinile al cd e dell’avvento del digitale.
  • Interviste

    I Manetti Bros: Song’e Napule e il cinema popolare

    Il consenso raccolto al Festival di Roma, una disamina della situazione produttiva italiana e un tentativo di ridefinizione del cinema di genere. Ne abbiamo parlato con i Manetti Bros...
  • Archivio

    Un'immagine del film Roma Criminale (2013) di Gianluca PetrazziRoma Criminale

    di Un nuovo, ma fallimentare tentativo di riportare in auge il poliziesco all'italiana: senza capo né coda, né i rudimenti del mestiere.
  • Festival

    Roma 2013

    Sdoganando l’Auditorium come luogo d’incontro cinematografico (ma non solo), Müller ha potuto amalgamare alcuni titoli di forte interesse per il grande pubblico con l’interesse per un cinema di ricerca, già cifra stilistica della sua direzione all'epoca di Venezia...
  • Archivio

    Paura 3D

    di , Senza mai lasciarsi assuefare dal demone della parodia e dello scherzo, i fratelli Manetti disseminano Paura 3D di un’ironia crudele, perfino ambigua in alcuni momenti, capace di deflagrare quando meno ce lo si aspetta.
  • Archivio

    L'arrivo di Wang RecensioneL’arrivo di Wang

    di , Divertente gioco cinefilo a tratti rischiosamente in bilico sul crinale che divide l'ingegno dalla sterilità, L'arrivo di Wang è un prodotto medio di quelli che in Italia nessuno sembra più interessato a portare a termine.
  • Archivio

    Take Five RecensioneTake Five

    di Dopo Là-bas, la seconda regia di Guido Lombardi è una riscrittura, tutta napoletana, de I soliti ignoti. Pur se alla lunga si sente l'assenza di ritmo, il film fa sperare in un ritorno del cinema di genere.
  • Roma 2013

    La Santa RecensioneLa Santa

    di L'opera seconda di Cosimo Alemà è un thriller che guarda con insistenza al new horror statunitense degli anni Settanta.
  • Festival

    Bif&st 2014

    La sesta edizione del Festival di Bari, dal 5 al 12 aprile 2014. Le nostre recensioni tra i film selezionati nelle varie sezioni, tra recuperi del passato più o meno recente e anteprime…
  • Archivio

    Lo chiamavano Jeeg Robot RecensioneLo chiamavano Jeeg Robot

    di L'esordio di Gabriele Mainetti ha rappresentato l'unica autentica sorpresa della decima edizione della Festa del Cinema di Roma: un film supereroistico che, con (auto)ironia, mostra una possibile via nostrana al genere.
  • In sala

    Natale col boss

    di L'ex cinepanettone targato De Laurentiis cambia definitivamente natura per trasformarsi in film 'carino' e forse non più mainstream: Natale col boss è una commedia poliziesca quasi citazionista che guarda anche a Song'e Napule dei Manetti.
  • Cult

    Dark Waters

    di L'horror cult diretto nel 1993 dal napoletano Mariano Baino è ancora pressoché sconosciuto. Riscoprirlo a oltre venti anni dalla sua realizzazione permette di coglierne l'assoluta unicità, anche nel rispetto dei canoni del genere.
  • In sala

    Troppo napoletano

    di Con Troppo napoletano il regionalismo assurge a fenomeno nazionale. Prodotto da Alessandro Siani, in collaborazione con Cattleya e Rai Cinema e distribuito dalla 01, il secondo film di Gianluca Ansanelli punta a seguire l'esempio di Song'e Napule - copiandone anche non pochi elementi - e in fin dei conti non sfigura nemmeno troppo.
  • Cannes 2016

    Pericle il nero RecensionePericle il nero

    di Noir d'atmosfera e neorealismo fenomenologico all'europea si fondono in Pericle il nero, adattamento del romanzo di Ferrandino improntato al rigore e alla rarefazione. In Un certain regard a Cannes 2016.
  • Roma 2017

    The End? L'inferno fuori RecensioneThe End? L’inferno fuori

    di Esordio nel lungometraggio del regista Daniele Misischia, prima puntata della nuova avventura produttiva dei Manetti Bros., In un giorno la fine rilegge lo zombie movie da un’ottica nostrana.
  • Archivio

    Caccia al tesoro RecensioneCaccia al tesoro

    di I fratelli Vanzina tornano alla carica, cercando nuova linfa in una comicità partenopea finora abbastanza estranea al loro percorso. Il risultato è fiacco, anche per via di una lettura morale a dir poco discutibile, e che appesantisce una trama che dovrebbe essere scoppiettante.
  • DVD

    Come cani arrabbiati RecensioneCome cani arrabbiati

    di Cinema "pariolino", poliziottesco, erotico e qualche ambizione (poco convinta) di riflessione politica. Come cani arrabbiati di Mario Imperoli conserva i suoi maggiori meriti nel freddo approccio al racconto della violenza e dell'atto gratuito. In dvd per Cinekult e CG.
  • DVD

    La polizia chiede aiuto RecensioneLa polizia chiede aiuto

    di Originale ibridazione tra poliziottesco e truculento giallo italiano anni Settanta, La polizia chiede aiuto di Massimo Dallamano cerca anche il dramma dalle tinte sociologiche, ma vale molto di più come puro film di genere. In dvd per Surf Film e CG.
  • In sala

    Un’avventura

    di Sospeso tra il didascalico, il naïf e il trash involontario, Un'avventura di Marco Danieli non riesce a estrarre una storia interessante dalle canzoni di Mogol e Battisti a disposizione.
  • In sala

    Lo spietato

    di Raccontando in modo basicamente coreografico e senza drammaturgia ascesa e caduta di un criminale calabrese a Milano, Renato De Maria in Lo spietato scimmiotta maldestramente lo Scorsese di Quei bravi ragazzi.

1 Commento

  1. Donato 19/05/2014
    Rispondi

    Simpatico film che si basa però su un errore di fondo:in polizia di stato si entra per concorso pubblico e non con raccomandazione dell’assessore.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento