Goool!

Ispirato a un racconto di Roberto Fontanarrosa, Goool! si arresta alla suggestione iniziale. Sul piano tecnico, zoppica vistosamente la fluidità delle animazioni, mentre la cura dei fondali sembra smarrirsi sequenza dopo sequenza. Persino il tentativo di dare un senso all’utilizzo del 3D ha il fiato corto. Non giova il confronto coi titoli di punta dell’industria hollywoodiana, ma bisogna prendere atto dello sforzo produttivo e del tentativo di competere a livello internazionale. Presentato al Festival di Roma 2013.

Fuorigioco

Amadeo, ragazzo timido ma talentuoso, vede i giocatori del calcio balilla animarsi magicamente per aiutarlo a salvare il suo villaggio e riconquistare l’amore d’infanzia. Con i prodigiosi calciatori in miniatura, Amadeo dovrà affrontare un terribile rivale, un odioso e spocchioso campione di calcio, in una partita dagli esiti imprevedibili… [sinossi]

È abbastanza efficace e divertente la prima sequenza di Goool!, lungometraggio d’animazione in computer grafica e 3D, prodotto con capitali argentini e spagnoli, e affidato alla regia dell’acclamato Juan José Campanella (Il segreto dei suoi occhi). Ma è proprio l’incipit a suonare come una condanna, a svelare già dai primissimi minuti le intenzioni produttive e commerciali della pellicola. Nella citazione di 2001: Odissea nello spazio, con gli scimmioni che scoprono l’utilizzo calcistico di un teschio (con tanto di ralenti, rotazione e immancabile rimando musicale), si individua celermente e per l’ennesima volta la reiterazione dello schema dei blockbuster animati statunitensi [1]. Goool!, come tanti altri cloni europei, è una copia sbiadita dei successi in batteria della DreamWorks, della Blue Sky, della Illumination Entertainment. L’obiettivo e le modalità narrative sono sempre le stesse: trama esile, spesso superficiale, condita da gag più o meno riuscite, qualche spunto didascalico e citazioni spendibili col pubblico adulto. Il tutto rigorosamente in 3D. Un inutile 3D.

Alla clonazione narrativa corrisponde un character design standardizzato, con la scorciatoia del deformed caricaturale che viene accentuato per i personaggi negativi e/o per le spalle comiche. Sul piano tecnico, zoppica vistosamente la fluidità delle animazioni, coi movimenti articolari ingessati, mentre la cura dei fondali sembra smarrirsi sequenza dopo sequenza. Persino il tentativo di dare un senso all’utilizzo del 3D ha il fiato corto. Non giova il confronto con i titoli di punta dell’industria hollywoodiana, ma bisogna prendere atto dello sforzo produttivo e del tentativo di competere a livello internazionale [2]. La scelta del calcio dovrebbe facilitare la scalata al box office.

Ispirato al racconto Memorias de un wing derecho dello scrittore argentino Roberto Fontanarrosa, Goool! sembra arrestarsi alla suggestione iniziale, riproponendo il tema dei giocattoli e degli oggetti inanimati che prendono vita (Toy Story, Gnomeo & Giulietta…) e abbellendolo con un po’ di facile morale sportiva e con una improbabile storiella d’amore. Senza fare tanta strada, siamo assai distanti da interessanti lungometraggi d’animazione argentini come Mercano, el marciano (2002) di Juan Antin e Lautaro Núñez de Arco o l’epico Martín Fierro (2007) di Liliana Romero e Norman Ruiz, due pellicole che non hanno avuto lo stesso sostegno distributivo del film di Campanella. Ma anche in questo senso, nulla di nuovo sotto il sole.

Note
1.
A chiudere il cerchio, prima della partita decisiva, sarà la citazione di Apocalypse Now.
2. Le stesse premesse di Gladiatori di Roma di Iginio Staffi, rivelatosi però un totale disastro.
Info
Il sito ufficiale di Goool!
La pagina facebook di Goool!
Goool! su Twitter.
  • metegol-2013-01.jpg
  • metegol-2013-02.jpg
  • metegol-2013-03.jpg
  • metegol-2013-04.jpg
  • metegol-2013-05.jpg
  • metegol-2013-06.jpg
  • metegol-2013-07.jpg
  • metegol-2013-08.jpg
  • metegol-2013-09-juan-jose-campanella.jpg
  • metegol-2013-10-poster.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Roma 2013

    Sdoganando l’Auditorium come luogo d’incontro cinematografico (ma non solo), Müller ha potuto amalgamare alcuni titoli di forte interesse per il grande pubblico con l’interesse per un cinema di ricerca, già cifra stilistica della sua direzione all'epoca di Venezia...
  • Roma 2013

    Roma 2013 – Minuto per minuto

    Tornano i festival e, come d'abitudine, torna anche il minuto per minuto. Per dieci giorni l'Auditorium Parco della Musica si trasforma nell'epicentro della vita cinematografica capitolina...
  • Archivio

    Il segreto dei suoi occhi RecensioneIl segreto dei suoi occhi

    di Meritato Oscar come miglior film straniero, l'argentino Il segreto dei suoi occhi di Juan José Campanella è un noir capace di parlare di intimità individuale e di memoria collettiva.
  • Animazione

    Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill

    di , Ma maman est en Amérique cerca costantemente un linguaggio comprensibile e diretto per illustrare i rapporti interpersonali, concentrandosi con chiarezza e sincerità sulle dinamiche tra alunni e maestre, tra genitori e figli, tra bambini più grandi e più piccoli...
  • Animazione

    Epic – Il mondo segreto

    di Mary Katherine, un'adolescente che ha perso la madre e che deve ricucire il rapporto con l'eccentrico padre, scopre casualmente un mondo fantastico nel bosco...
  • Animazione

    La scuola più pazza del mondo

    di Nella scuola elementare St. Claire arrivano in visita tre simpatiche bambine: la peste Mako, la vanitosa Miko e la secchiona Mutsuko...
  • Festival

    Future Film Festival 2014 – Bilancio

    La sedicesima edizione della kermesse bolognese, tra Stati Uniti, Francia e Giappone (e Corea del Sud). Conferme, sorprese e speranze del cinema d'animazione...
  • Festival

    Future Film Festival 2014

    Il Future Film Festival 2014: Hayao Miyazaki, Katsuhiro Ōtomo, Bill Plympton, Don Hertzfeldt, Alain Ughetto, Luiz Bolognesi, Yeon Sang-ho, Guido Manuli, Carlos Saldanha...
  • Animazione

    Dragon Trainer 2 RecensioneDragon Trainer 2

    di Dean DeBlois firma un sequel tecnicamente ineccepibile, ma sostanzialmente superfluo, narrativamente soffocato dalla sovrastruttura spettacolare.
  • Animazione

    Gnomeo-e-GiuliettaGnomeo & Giulietta

    di Sull'onda dello straripante successo dell'animazione in CG, Gnomeo & Giulietta ricicla senza particolare ispirazione, insegue a tutti i costi i gusti del grande pubblico, cerca l'effetto grafico e la gag divertente ma dimentica totalmente la centralità della narrazione.
  • Animazione

    gayaGaya

    di , Il livello tecnico di Gaya è a suo modo promettente e apre spiragli di speranza. Il lungometraggio di Krawinkel e Tappe è significativo per quello che potrebbe essere il futuro dell'animazione in computer grafica europea.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento