Computer Chess

Computer Chess

di

Ambientato all’inizio degli anni ’80, Computer Chess di Andrew Bujalski – figura poco nota da noi, ma esponente cruciale del nuovo cinema americano di stanza ad Austin – è una riflessione divertita e filosofica sulla commistione uomo-scienza con al centro il gioco degli scacchi.

Quando i pc conquistarono il mondo

Anni Ottanta. Un gruppo di programmatori di computer si riunisce per un torneo annuale in cui dei programmi si sfidano tra di loro nel gioco degli scacchi. Nell’albergo in cui si tiene la convention si muove un’umanità composta da timidi nerd in conflitto o in alleanza tra loro. [sinossi]

Come notava giustamente Emanuela Martini, vice-direttore del Torino Film Festival nell’intervista che ci ha rilasciato sulla New Hollywood, il cinema americano più vivo e vitale di oggi non arriva da noi, tanto che in Italia risulta praticamente sconosciuto il genere mumblecore, nato all’inizio del 2000 intorno ai film e alle iniziative cinematografiche di Richard Linklater ad Austin e al festival South by Southwest (che si tiene ogni anno a marzo, sempre nella cittadina texana). Caratteristiche di questo cinema, in modo molto schematico, sono il basso budget, la verbosità a volte ossessiva, un certo sguardo verso il cinema francese ma anche verso Dogma ’95, un tono sempre venato d’ironia e di sarcasmo, anti-epico e un gusto per l’understatement. Merito dell’edizione del festival di Torino di quest’anno è stato di dare una – sia pur piccola e non organica – panoramica di questo movimento, da Drinking Buddies di Joe Swanberg, a Frances Ha di Noah Baumbach (per quanto abbia in sé delle caratteristiche, ovviamente, molto newyorchesi), a Prince Avalanche di David Gordon Green, a V/H/S 2 (la declinazione mumble-gore e horror del genere, in cui rientra anche un film come You’re Next, stranamente e fortunatamente uscito in sala qualche mese fa) e Computer Chess, diretto da quell’Andrew Bujalski che è considerato il fondatore del genere con Funny Ha Ha del 2002 (consigliamo, per saperne di più, la lettura del numero di maggio 2013 dei Cahiers du Cinéma, in cui tutta l’ultima parte è dedicata a un approfondimento sul tema).

Fatte le dovute premesse, eccoci finalmente a Computer Chess, un esempio straordinario di cinema filosofico e d’intrattenimento, in cui al centro vi è il tema della competizione e l’incrocio tra l’uomo e il computer, ritratto proprio nel momento in cui – all’inizio degli anni ’80 – stava cominciando quella rivoluzione elettronica che ha finito per rendere indispensabile per ciascuno di noi l’utilizzo dei pc. Dato questo assunto, Bujalski lo connota nel versante della sfida e del gioco, laddove i computer si devono misurare tra di loro per un torneo di scacchi, il gioco più antico e più scientifico che l’uomo abbia mai inventato. Quasi interamente ambientato in un hotel dalle strane contraddizioni (una notte vi sarà una visionaria invasione di gatti), Computer Chess riflette in maniera calcolata e stordente (come in un gioco di scatole cinesi) sul concetto binario, che è per l’appunto alla base del funzionamento dei computer: il bianco e il nero in cui è girato il film, il bianco e il nero degli scacchi, i nerd schiavi dei pc e la setta mistica che invece professa un ritorno all’interezza dell’esperienza, fino a ipotizzare un mondo “scacchizzato” (il sogno dell’unica ragazza ammessa al torneo che immagina i personaggi come pedoni di una scacchiera) e/o computerizzato (la donna con un chip nella testa). L’ossessione del controllo è il quid della riflessione di Bujalski, che va di pari passo con quella tutta umana e razionalista di prevedere le mosse dell’altro (e dello sfidante a scacchi), e con l’utopia espressa, attraverso l’invenzione del computer tout court, di trasferire il mondo e la sua imprevedibilità nel ristretto e confortevole campo di codici numerici.

E, con una sublime operazione iperrealista, Bujalski mette se stesso e il cinema all’interno di questa dinamica di adorazione della tecnica e aderenza verso di essa. Lo fa girando con una videocamera d’epoca – dunque analogica – e usando come didascalie la stessa grafica grossolana dei pc di quegli anni. L’ideale utopico della macchina che si sostituisca all’uomo, la macchina come organismo perfetto e la tecnica come rifugio dall’indicibile (e dal divino, come suggerisce la setta che si appropria della sala convention dove si tiene il torneo), diventa perciò anche utopia della perfetta macchina-cinema che Bujalski costruisce per noi. Ma, con sottile spirito sardonico, il cineasta ci mostra – all’interno del meccanismo perfettamente architettato – come la falla del sistema sia allo stesso tempo inevitabile quanto disorientante ed eversiva. Va letta in tal senso la gag che diventa fil rouge di uno dei programmi del pc, che suggerisce mosse sulla scacchiera completamente illogiche, facendo perdere la bussola e il senno ai suoi programmatori. Così come, su un piano meta-cinematografico, vanno interpretati tutti i deragliamenti che da un certo punto in poi Bujalski innesta nella messinscena e nella narrazione: l’apparizione imprevista del colore (che diventa un inserto da home movie), il loop in cui rimane incastrato uno dei personaggi in cerca di soldi in casa della madre e che ogni volta che passa per il salone rigira la clessidra sopra il caminetto e infine l’apparizione sconcertante, apparentemente amichevole ma profondamente demoniaca, dei gatti per i corridoi dell’albergo.In questa interpretazione binaria del mondo (e del cinema) è però proprio la dinamica basilare tra senso e non senso a scardinare le certezze, aprendo alle vertrigini dell’interpretazione e dell’esegesi.

Uno dei film indispensabili di questa 31esima edizione del Festival di Torino, insieme a La última película di Raya Martin e Mark Peranson e a A Spell To Ward Off the Darkness di Ben Rivers e Ben Russell.

P.S. È possibile scaricare a pagamento Computer Chess sul sito del film.

  • computer-chess-2013-andrew-bujalski-05.jpg
  • computer-chess-2013-andrew-bujalski-02.jpg
  • computer-chess-2013-andrew-bujalski-04.jpg
  • computer-chess-2013-andrew-bujalski-03.jpg
  • computer-chess-2013-andrew-bujalski.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2013

    Torino 2013 - BilancioTorino 2013 – Bilancio

    La trentunesima edizione del Torino Film Festival chiude i battenti con le inevitabili polemiche che fanno da corollario a qualsiasi kermesse italiana, e con la conferma del ruolo di primaria importanza svolto dalle sezioni TFFdoc e Onde.
  • Festival

    Torino 2013 – Minuto per minuto

    Approdiamo all'ombra della Mole e arriva il tradizionale momento del minuto per minuto. Tra opere prime, documentari italiani e internazionali, eversioni visive e detonazioni pop, ecco a voi il TFF 2013...
  • Festival

    Torino 2013

    Ormai stanchi di polemiche che tornano in campo, anche quando sembravano sopite, polemiche che ruotano sempre intorno alla competizione tra la triade Venezia-Torino-Roma, finalmente ci si può concentrare sui film, con la 31esima edizione del TFF.
  • Torino 2013

    Torino 2013 – Presentazione

    Giunto alla trentunesima edizione il festival piemontese, che si affida per la prima volta al regista Paolo Virzì, prova a confermare una tradizione nobilmente cinefila.
  • Roma 2016

    Richard Linklater – Dream is Destiny

    di , Un documentario su Richard Linklater che affronta l'intera carriera del regista statunitense, dagli esordi con Slacker fino a Tutti vogliono qualcosa. Didattico e televisivo, nonostante l'affascinante polifonia di voci.
  • Cannes 2019

    The Climb RecensioneThe Climb

    di Esordio alla regia per l'attore italo-americano Michael Angelo Covino, The Climb è un buddy movie sotto forma di commedia che si riappropria dell'understatement tipico dell'indie. Molto piacevole e a tratti molto divertente, anche se in fin dei conti troppo esile. In concorso in Un certain regard a Cannes.
  • TFF 2019

    Le choc du future RecensioneLe choc du futur

    di Esordio alla regia del musicista Marc Collin, Le choc du futur tenta di raccontare la nascita della musica elettronica alla fine degli anni '70. Ma il risultato è privo di drammaticità e di tensione per un film totalmente amorfo. In concorso al Torino Film Festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento