La última película

La última película

di ,

Splendido e anarchico ultimo film della storia del cinema (e primo di quello che verrà). In collaborazione con il critico Mark Peranson, Raya Martin si conferma con La última película come uno dei più grandi cineasti a venire (o a morire?)

La fine del mondo pronosticata dai Maya è vicina e un regista, insieme a una guida locale, decide di esplorare lo Yucatan alla ricerca delle location per quello che sarà il suo ultimo film e l’ultimo film della storia del cinema. S’imbatte in un gruppo di seguaci della new age e mistici Maya e in una giornalista, che ingaggia nel film. Ma il mondo non finisce… [sinossi]

Il panorama del cinema filippino annovera cineasti come Lav Diaz e Brillante Mendoza e vanta una storia e una tradizione che meriterebbe di essere presa maggiormente in considerazione qui da noi. Ma, se questi due cineasti, pur con tutte le rispettive differenze e gli scarti dal canone, si nutrono e si sono nutriti (magari fagocitandola) della storia cinematografica del proprio paese, una figura come quella di Raya Martin – autore di Independencia, presentato nel 2009 a Cannes – eccede questa tradizione e la travalica in maniera stordente e parodica, la segue e allo stesso tempo la de-naturalizza (è il caso per l’appunto di Independencia).
In tal senso, sembra paradigmatico il lavoro fatto da Raya Martin con La última película, presentato nella sezione Onde alla 31esima edizione del Torino Film Festival. Martin si affianca nella regia al critico cinematografico Mark Peranson, direttore della rivista Cinema Scope (il cui ruolo è fondamentale nella promozione del nuovo cinema internazionale, da Miguel Gomes a Albert Serra), che figura anche come produttore. Una co-regia che permette al film di avere un’altissima consapevolezza cinematografica e auto-riflessiva, senza per questo essere meramente cinefila.
Il riferimento di base è quel The Last Movie di Dennis Hopper, film del 1971 che segnava il possibile punto di non ritorno della New Hollywood, la deriva nel non-senso e nell’autodafé che avrebbe potuto distruggere tutto il movimento e che contava la collaborazione di alcune delle figure chiave di quel cinema, da László Kovács alla fotografia a Kris Kristofferson che appariva per la prima volta come attore e figurava nella colonna sonora con la canzone Me and Booby McGee, fino allo stesso Dennis Hopper, regista, produttore e protagonista, che dopo aver aperto nel ’69 la strada al successo commerciale di una nuova generazione di registi con Easy Rider (vedi intervista a Emanuela Martini) provava già a bruciare tutto con questa operazione.
Riprendendo alcune proposizioni megalomani lanciate dallo stesso Hopper nel documentario The American Dreamer, Martin e Peranson mettono in scena le vicissitudini di un regista (Alex Ross Perry) che, affiancato da una guida (Gabino Rodríguez), si reca in Messico – e in particolare nello Yucatan – con l’intenzione di girare l’ultimo film della storia del cinema e del mondo in attesa che si avveri la profezia dei Maya.

Ironico e sarcastico, libero e anarchico, anti-narrativo e stordente, romantico e nichilista, La última película mette in scena la passione totale e totalizzante per il cinema, non più per l’appunto legato a una qualche tradizione cinematografica, ma paese e continente a sé stante, mondo in cui tutto si muove secondo un rapporto dialogico e auto-referenziale con alla base però l’idea fondamentale che il cinema sia l’unico modo per raccontare e scardinare il mondo, per comprenderlo al suo interno e allo stesso tempo per farlo esplodere. Non solo The Last Movie di Dennis Hopper – cui il debito è visibile anche dall’idea del viaggio in Sud America, dall’abbigliamento da cowboy dei due protagonisti, dal ricorrere della figura tecnica e retorica della caduta (Hopper nel suo film finiva per essere uno stuntman, Perry si esibisce in una serie di cadute rovinose all’interno di una chiesa), ma anche il dettato bergmaniano di girare ogni film come se fosse l’ultimo, l’ambizione wellesiana di girare il film definitivo della storia del cinema, lo spirito eversivo e surreale del Bressane anni ’70 e un disperato discorso di amorosi sensi sulla pellicola destinata a sparire (del resto, come notava Olivier Père dal Festival di Toronto è stato questo l’unico film ad essere proiettato in 35mm).
Avanguardia e de-costruzionismo, surrealismo e sperimentazione (la pellicola è stata materialmente invecchiata e “rovinata” dai registi, così come si faceva un tempo), La última película è anche un film spassoso e sardonico, con momenti di cinema purissimo (la ripresa ribaltata nello spiazzale dei templi Maya), con tratti da commedia non-sense (l’arresto inspiegabile e poi non spiegato del regista), che arrivano fino a questionare sul senso stesso dell’operazione (il dialogo meraviglioso di notte, davanti a un fuocherello su cui ardono delle pellicole, tra i due protagonisti che riflettono sul loro insensato essere in scena come attori a fare le veci dei registi senza sapere bene di cosa parli il film in cui hanno recitato). E un finale che riporta alla dimensione allo stesso tempo apocalittica e romantica di ultimo uomo-cinema sulla faccia della Terra: sulle note per l’appunto di Me and Bobby McGee e con un paesaggio completamente virato in rosso, il regista-attore si allontana in barca dalla terra e procede verso direzioni sconosciute.
Un film che entrerà nella storia del cinema che fu e che sarà.

INFO
Il sito di Canana, casa di produzione de La última película: canana.net
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-05.jpg
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-03.jpg
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-02.jpg
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-01.jpg
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-04.jpg
  • la-ultima-pelicula-2013-raya-martin-mark-peranson-06.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2013

    Torino 2013 - BilancioTorino 2013 – Bilancio

    La trentunesima edizione del Torino Film Festival chiude i battenti con le inevitabili polemiche che fanno da corollario a qualsiasi kermesse italiana, e con la conferma del ruolo di primaria importanza svolto dalle sezioni TFFdoc e Onde.
  • Festival

    Torino 2013 – Minuto per minuto

    Approdiamo all'ombra della Mole e arriva il tradizionale momento del minuto per minuto. Tra opere prime, documentari italiani e internazionali, eversioni visive e detonazioni pop, ecco a voi il TFF 2013...
  • Festival

    Torino 2013

    Ormai stanchi di polemiche che tornano in campo, anche quando sembravano sopite, polemiche che ruotano sempre intorno alla competizione tra la triade Venezia-Torino-Roma, finalmente ci si può concentrare sui film, con la 31esima edizione del TFF.
  • Torino 2013

    Torino 2013 – Presentazione

    Giunto alla trentunesima edizione il festival piemontese, che si affida per la prima volta al regista Paolo Virzì, prova a confermare una tradizione nobilmente cinefila.
  • Festival

    Berlinale 2014

    La sessantaquattresima edizione del Festival di Berlino, dal 6 al 16 febbraio 2014. Le nostre recensioni tra i film in concorso, fuori concorso, nelle sezioni Forum, Panorama, Generation…
  • Torino 2015

    Balikbayan #1 – Memories of Overdevelopment Redux III

    di Il monumentale film del filippino Kidlat Tahimik, portato a termine in trentacinque anni, è un viaggio nei viaggi di Ferdinando da Magellano, che diventa scoperta del cinema, delle Filippine, e racconto di un impero che non c'è più. A Torino 2015 in Onde.
  • In sala

    Educação Sentimental

    di Dopo la presentazione a Locarno nell'agosto del 2013, esce in sala in Italia l'ultimo gioiello partorito dalla mente di Júlio Bressane. Un'occasione imperdibile.
  • Far East 2018

    Smaller and Smaller Circles RecensioneSmaller and Smaller Circles

    di Per la prima volta nella sua carriera Raya Martin, tra i nomi centrali del cinema filippino contemporaneo, approda al Far East Film Festival di Udine, e lo fa con il teso Smaller and Smaller Circles, che attraverso l'indagine per scoprire un serial killer di bambini svela il volto macerato dell'arcipelago.
  • Bologna 2018

    The Last Movie RecensioneThe Last Movie

    di Opera maledetta di Dennis Hopper, apice e caduta dello sperimentalismo della New Hollywood, The Last Movie mette in scena i ripetuti capitomboli di uno stuntman, interpretato dallo stesso Hopper, sul set di un western di Samuel Fuller. Uno dei film meta-cinematografici più radicali che siano mai stati fatti. Al Cinema ritrovato 2018.
  • Pingyao 2018

    Hotel Império RecensioneHotel Império

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, Hotel Império racconta in chiave noir la decadenza di Macao, l'ex colonia portoghese, quel coacervo di architetture popolari miste cinesi e lusitane che sta per essere spazzata via da uno skyline postmoderno quanto anonimo.
  • Queer 2019

    Serpentário RecensioneSerpentário

    di Vincitore del concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019, Serpentário è un viaggio in Angola, il paese africano che per il regista Carlos Conceição rappresenta la terra natia, la memoria materna in quel rapporto, non privo di rimorsi storici, che si instaura tra i paesi ex-coloniali e le loro ex-colonie.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento