Uscite in sala 5 dicembre 2013

Uscite in sala 5 dicembre 2013

Si avvicina il Natale, ma le uscite in sala sembrano risentirne ancora in piccola parte. In questo inizio dicembre approdano nelle sale del Belpaese, solo per rimanere sui titoli più interessanti, tre autori conclamati del cinema a stelle e strisce come Woody Allen, Steven Soderbergh e Spike Lee, e tre giovani italiani, di cui uno trapiantato da alcuni anni in Texas (Roberto Minervini). Difficile, in un universo magmatico come quello delle uscite in sala, decifrare quali potranno essere le risposte del pubblico. Intanto, eccovi una breve panoramica su ciò che potrete trovare nei cinema a partire da oggi…

 

BLUE JASMINE
di Woody Allen

Woody Allen abbandona almeno per questa occasione la tenuta vacanziera da globetrotter e torna ad atmosfere più umbratili, sommesse e trattenute. Pur senza che si raggiungano le vette poetiche del cineasta newyorchese, ne viene fuori il suo miglior film da alcuni anni a questa parte, grazie anche alla splendida interpretazione di un’intensa Cate Blanchett.

Di fronte al fallimento di tutta la sua vita, compreso il suo matrimonio con un ricco uomo d’affari Hal, Jasmine una donna elegante e mondana newyorchese, decide di trasferirsi nel modesto appartamento della sorella Ginger a San Francisco, per cercare di dare un nuovo senso alla propria vita… [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]http://www.youtube.com/watch?v=LWP229mB0Xk[/youtube]

 

DIETRO I CANDELABRI
di Steven Soderbergh

Chi è stato Liberace, al di fuori della sua pittoresca presenza scenica? Ecco uno degli interrogativi che si (e ci) pone l’ultima fatica di Steven Soderbergh, presentata a maggio in concorso al festival di Cannes. Soderbergh si dimostra un vero e proprio maestro della messa in scena, uno dei registi più liberi, consapevoli e poliedrici della Hollwyood contemporanea. In questa occasione gli dà una mano anche il superbo Michael Douglas, impegnato in uno dei suoi ruoli più convincenti e già – secondo alcuni – in odore di Oscar.

Dopo Elvis, Elton John e Madonna, c’è stato Liberace: pianista virtuoso, artista esuberante, animale da palcoscenico e televisivo. Fuori e dentro le scene, Liberaci coltivò l’eccesso e amò la dismisura. Un giorno d’estate del 1977, il giovane e bello Scott Thorson penetrò nella sua loggia e, nonostante la differenza d’età e di estrazione sociale, i due uomini avviarono una relazione segreta che durò cinque anni. [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]http://www.youtube.com/watch?v=Uatterifl3A[/youtube]

 

STOP THE POUNDING HEART
di Roberto Minervini

C’è un giovane regista italiano, in Texas, che riporta in auge il nome di Terrence Malick pur dirigendo documentari… Era ora che anche le distribuzioni nostrane si accorgessero del talento sopraffino di Roberto Minervini, che con Stop the Pounding Heart raggiunge con ogni probabilità l’apice della propria poetica espressiva. Un viaggio in un microcosmo familiare dolce e aspro al medesimo tempo, che ragiona sull’amore, sul dubbio e sull’adolescenza con uno sguardo mai prono al reale eppure rispettoso, sincero. Si respira aria di grande cinema, in Stop the Pounding Heart e (come dovrebbe essere d’abitudine) ci si dimentica ben presto quale sia il grado di “verità” che Minervini sta somministrando ai propri spettatori. Se vi volete del bene, correte in sala. Film della settimana, senza troppi dubbi…

Sara è un’adolescente nata in una famiglia di allevatori di capre texani. I suoi genitori hanno educato personalmente i loro dodici figli, seguendo in maniera rigorosa i precetti delle Bibbia. Come le sue sorelle, Sara è stata cresciuta per essere una donna devota, asservita agli uomini ma con l’obbligo morale di conservare intatta fino al matrimonio la purezza fisica e spirituale. Ma quando Sara incontra Colby, giovane dilettante del rodeo, entra in crisi, mettendo in dubbio l’unico modello di vita che abbia mai conosciuto… [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]http://www.youtube.com/watch?v=A_cLKtx_g7Y[/youtube]

 

OLDBOY
di Spike Lee

C’era davvero bisogno di un remake del capolavoro di Park Chan-wook? No, ovviamente, ma a Hollywood e dintorni questi sono discorsi che lasciano davvero il tempo che trovano. Ecco dunque Spike Lee alle prese con un progetto che Spielberg accantonò senza troppi tentennamenti: Oldboy si riduce a essere un’opera vagamente anodina, superflua, gradevole ma mai davvero appassionante. Per chi si sa accontentare, insomma.

Joe Doucett, un normale dirigente pubblicitario, viene improvvisamente rapito e tenuto prigioniero per vent’anni completamente isolato dal mondo. Dopo essere stato improvvisamente liberato, decide di indagare per trovare la persona che l’ha tenuto segregato per tutto quel tempo, e scopre che la sua vita è circondata da cospirazioni e tormenti. [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]https://www.youtube.com/watch?v=cvEBV8NdEcY[/youtube]

 

IL SUD È NIENTE
di Fabio Mollo

Rabbioso e allo stesso tempo carico di speranza, il film di Fabio Mollo trova la propria cifra distintiva nella compenetrazione fra un approccio generale realistico e improvvise suggestioni magiche e oniriche, in un viaggio taciturno in una Reggio Calabria dalle mille anime, con le strade assolate e poco frequentate, le sagre estive con le luci al neon e gli autoscontro, i cantieri abbandonati. Didascalico ma sincero, in grado di materializzare sullo schermo il dolore che racconta.

Costantemente oggetto di angherie da parte dei compagni di classe per via del suo aspetto androgino, Grazia vorrebbe semplicemente isolarsi e tentare di colmare in solitudine il vuoto dell’assenza del fratello, scomparso in circostanze misteriose: a pochi giorni dalla maturità la ragazza si divide fra solitarie corse in motorino e il negozio di pesce di famiglia dove aiuta il padre, Cristiano, un uomo taciturno e sempre più inquieto. [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]http://www.youtube.com/watch?v=5dGYh_31GQU[/youtube]

 

ROMA CRIMINALE
di Gianluca Petrazzi

La domanda in fondo è sempre la stessa: in quanti vedranno il film di Gianluca Petrazzi al cinema? In quanti sono consapevoli della sua uscita nelle sale? Al di là del valore intrinseco dell’opera, non particolarmente rimarchevole, il problema rimane quello di una distribuzione folle, che getta alla mercé di un pubblico distratto tutto quello che ha sottomano, senza strategie di alcun tipo. Continuiamo così, facciamoci del male…

Marco Lanzi, vice questore aggiunto in un commissariato della periferia romana, perde il padre, commissario, ucciso davanti ai suoi occhi quando era ancora bambino. Conosciuto per il suo carattere impulsivo e poco razionale, decide da quel giorno di seguire le sue orme e fare del suo lavoro una ragione di vita, al fianco di Gargiulo, ex collega del padre e amico di sempre. Vince Marrazzo, detto “er Toretto”, sconta trent’anni per crimini vari e viene identificato in tutti questi anni come il mandante dell’omicidio del commissario Lanzi. Il suo rilascio smuove in Marco la rabbia repressa di chi ancora sente quel dolore più vivo che mai… [sinossi] [youtube width=”670″ height=”371″]http://www.youtube.com/watch?v=zf3qAPj-m_0[/youtube]

Prima di salutarvi e di augurarvi buona visione, è giusto notare come tra le uscite in sala di questo giovedì sia possibile rintracciare anche i vari (e da un punto di vista critico non pervenuti) Battle of the Year – La vittoria è in ballo di Benson Lee (Warner Bros), Rolling Stones Day – Hyde Park Live di Paul Dugdale (Nexo Digital) e Italy Amore Mio di Ettore Pasculli (UCI Cinemas). Se vi capitasse di incorciarli sulla vostra strada, fateci sapere cosa ne pensate. E ora, come ampiamente anticipato, buona visione!

Articoli correlati

  • Notizie

    uscite in sala,philomena,frozen,walter mittyUscite in sala 19 dicembre 2013

    Natale si avvicina a passi da gigante, e le uscite dei film in sala iniziano a risentirne. Insieme a uno dei titoli più amati (dal pubblico) all'ultima Mostra di Venezia, ecco dunque apparire un prodotto Disney e i sempre famigerati - ma meno di prima - cinepanettoni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento