Future Film Festival 2014

Future Film Festival 2014

Il Future Film Festival 2014: Hayao Miyazaki, Katsuhiro Ōtomo, Bill Plympton, Don Hertzfeldt, Alain Ughetto, Luiz Bolognesi, Yeon Sang-ho, Guido Manuli, Carlos Saldanha… A Bologna, dall’1 al 6 aprile, la sedicesima edizione.

Archiviato il Future Film Festival 2014, giunto non senza difficoltà alla sedicesima edizione, proviamo a tracciare una sorta di bilancio di quello che abbiamo visto tra concorso e fuori concorso. Partiamo dalle scelte della giuria: Platinum Grand Prize a Cheatin’ di Bill Plympton e menzioni per Tante Hilda! di Jacques-Rémy Girerd e Short Peace di Katsuhiro Ōtomo, Shuhei Morita, Hiroaki Ando e Hajime Katoki. Tre premi e tre film che sottolineano l’importanza capitale dell’industria animata statunitense, francese e giapponese. Tre cinematografie che viaggiano artisticamente ed economicamente a gonfie vele e che dal Bel Paese osserviamo con ammirazione e parecchia malinconia.

Avremmo assegnato il Grand Prize a Jasmine di Alain Ughetto, altra produzione francese, ma non sarebbe cambiata la prospettiva del nostro discorso. Gli Stati Uniti continuano a sfornare blockbuster (al Future c’era Rio 2 e il regista Carlos Saldanha) ma anche opere indipendenti e sorprendenti, come It’s such a beautiful day di Don Hertzfeldt – nel 2013 era stato il turno di Consuming Spirits di Chris Sullivan, altro gioiello da recuperare il prima possibile – e il solito inimitabile Plympton. La Francia sta diventando una miniera d’oro, con la sua produzione di qualità, spesso autoriale, capace di sfuggire alla dominante computer grafica e ai meccanismi narrativi triti e ritriti dei campioni del box office: Tante Hilda! di Girerd, Aya de Yopougon di Marguerite Abouet, Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill di Marc Boréal e Thibaut Chatel. Animazione tradizionale, ricca di spunti, narrativamente piacevole anche quando è espressamente indirizzata a un pubblico in tenera età. E poi Jasmine, con la plastilina che ci racconta una storia personale e politica, tra rimpianti e confessioni, con l’arte che prende forma davanti ai nostri occhi. Un’animazione di cuore e di idee… [continua a leggere]

INFO
Il programma del Future Film Festival 2014.
I film in concorso al Future Film Festival 2014.

Articoli correlati

  • Animazione

    Rio 2 – Missione Amazzonia

    di Tornano sul grande schermo le avventure di Blu e Gioiel: stavolta i due macao blu viaggeranno nel cuore dell'Amazzonia...
  • Festival

    Future Film Festival 2014 – Bilancio

    La sedicesima edizione della kermesse bolognese, tra Stati Uniti, Francia e Giappone (e Corea del Sud). Conferme, sorprese e speranze del cinema d'animazione...
  • Animazione

    The Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Animazione

    McDull – The Pork of Music

    di Torna il simpatico maialino hongkonghese, alle prese con la musica e l'asilo da salvare. Presentato fuori concorso al Future Film Festival di Bologna.
  • Animazione

    Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill

    di , Ma maman est en Amérique cerca costantemente un linguaggio comprensibile e diretto per illustrare i rapporti interpersonali, concentrandosi con chiarezza e sincerità sulle dinamiche tra alunni e maestre, tra genitori e figli, tra bambini più grandi e più piccoli...
  • Animazione

    Goool! RecensioneGoool!

    di Ispirato a un racconto di Fontanarrosa, Goool! si arresta alla suggestione iniziale. Sul piano tecnico, zoppica vistosamente la fluidità delle animazioni e la cura dei fondali sembra smarrirsi sequenza dopo sequenza. Persino il tentativo di dare un senso all'utilizzo del 3D ha il fiato corto.
  • Venezia 2013

    Si alza il vento

    di Giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Nelle sale per quattro giorni dal 13 settembre.
  • Animazione

    Jasmine

    di Attraverso la plastilina Alain Ughetto ripercorre la sua storia d'amore con Jasmine, plasmando e dando corpo ai ricordi, alle speranze e ai rimpianti. Una dolorosa storia personale e politica.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento